Blog
Un blog creato da pasquale.zolla il 17/04/2012

pasqualezolla

Il blog di Pasquale Zolla

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

Marzo: sarà pazzerello?

Post n°127 pubblicato il 01 Marzo 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

Marzo 2015: primavera o ancora inverno?

Il mese di Marzo quest’anno comincia di domenica; un mese che si prospetta ancora sotto le sembianze invernali perché, anche se non conosciamo cosa ci riservi dal punto di vista meteorologico, si presenta con irruzione d’aria fredda per la prima decade.

Dal punto di vista astronomico c’è la congiunzione planetaria che culminerà la sera del 4 quando Venere e Urano saranno uno accanto all’altro.

Uno tra gli eventi più attesi sarà senz’altro l’eclissi solare di giorno 20, quando la luna coprirà il disco solare su tutto il territorio Europeo, proprio nel giorno dell’equinozio di primavera. Giorno che darà inizio ufficialmente alla stagione primaverile!

Nella notte fra sabato 28 e domenica 29 tornerà l’ora legale e per una notte dormiremo di meno, ma il sole, da detta domenica, tramonterà più tardi e le giornate saranno più lunghe.

Il mese di marzo ricorda anche la festa della donna(8) e la Giornata della Memoria e dell’Impegno per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafie (21).

Una giornata, quindi, che non solo ricorda l’inizio della primavera, ma che è anche simbolo della speranza che si rinnova ed è occasione di incontro con i familiari delle vittime che hanno trovato la forza di risorgere dal loro dramma, trasformando il dolore in uno strumento concreto, non violento, di impegno e di azione di pace, creando il presupposto per una ricerca di giustizia vera e profonda.


Marze

Nd’a l’arje ‘na prjèzze ce stace

ka scènne sóp’a l’areve

sènza vestite, sóp’è kòppe

a nute è ssópe è kambe

sènz’èreve. Tutt’ assemègghje

murte è ttutte rekambarrà.

Sòtt’i frònne sèkke l’èreve

vèrde nasciarrà, sóp’è kacchje

leggnuse cigghje, frònn’è ffjure

nasciarranne. K’u vendecille

suje k’assemègghje a alje

de prime matine s’appresènde

kum’a nu maskulòne k’i kapille

ngravugghjate, ‘na rerute

mujenòse, ‘a lóte sóp’è skarpe

è ‘na resatèlle nd’a vóce.

Ma chjane chjane kum’ò cchjù

manzùuéte è kkujéte

ajene se kagne, purtanne

jurne chjìne de lustre k’a póke

a póke se pèrdene dind’a

fàuùluse chjare de lune.

Marzo

Nell’aria una gioia c’è

che scende sugli alberi

spogli, sui colli

nudi e sui campi

privi di erba. Tutto pare

morto e tutto rivivrà.

Sotto le foglie secche l’erba

verde nascerà, sui rami

brulli germogli, foglie e fiori

nasceranno. Con il venticello

suo che pare sbadiglio

di primo mattino si presenta

come un maschiaccio con i capelli

arruffati, un sorriso

malizioso, il fango sulle scarpe

e una risatina nella voce.

Ma piano piano come il più

mansueto e mite

degli agnelli si muta, portando

giorni luminosi che a poco

a poco si perdono in fiabeschi chiari di luna.


 


 

 
 
 

Anche di buona sanità si deve parlare

Post n°126 pubblicato il 23 Febbraio 2015 da pasquale.zolla

La buona Sanità non sempre viene messa in risalto

Da un po’ di tempo a questa parte non c’è giorno che non si parli che di “Mala Sanità” dovuta, a mio avviso, più alle strutture ospedaliere “chiuse” o con riduzione di posti letto e di personale piuttosto che al personale medico e paramedico in genere.

Purtroppo i politici pensano più a salvaguardare i loro diritti e privilegi che quelli della salute dei cittadini, chiudendo nosocomi per risparmiare sulla pelle dei cittadini.

Comunque voglio esprimere un mio personale ringraziamento di cuore a tutti quei medici, infermeri e personale ausiliario che negli ospedali lavorano sodo per non far sentire il nosocomio un “ghetto” ove gli ammalati non sono considerati un peso, ma esseri umani da curare e da sostenere anche con un semplice sorriso o una parola che snaturi le loro apprensioni.

Il 14 febbraio 2015, giorno di San Valentino nonché degli innamorati, era programmato il mio ricovero in quel di San Giovanni Rotondo, nel reparto di Cardiologia vascolare.

Serenamente, di spirito e di corpo, ho potuto apprezzare, mentre venivo accompagnato in auto da un mio genero, i campi di grano germogliato coperti da una leggera brina e ciò mi ha rasserenato ancor di più l’animo perché la bellezza della natura dona sempre serenità e tranquillità a chiunque la sappia guardare ed interiorizzare.

Serenità e tranquillità che sono rimaste accanto a me anche quando sono giunto alla Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo ove sono stato accolto dal personale medico ed infermieristico sempre con gentilezza, cortesia, sorrisi e interviste che non erano invasive, ma poste con delicatezza, come se fosse una chiacchierata tra buoni amici.

Insomma mi hanno fatto sentire a casa mia. Mi mancava solo un computer per dialogare con qualcuno in lontananza, ma il personale ausiliario non me ne ha fatto sentire la mancanza.

In sala operatoria due giovani assistenti dell’equipe del prof. Giovanni Paroni, con sorrisi splendidi, mi hanno invitato a respirare attraverso una mascherina per addormentarmi.

Le mie ultime parole famose? “Ma io non mi addormento…”

Dopo un paio di ore mi sono svegliato con quei graziosi sorrisi che mi dicevano: “Signor Pasquale, come va?”

Le ho guardato un po’ imbambolato, ma è bastato il loro dolce sorriso a farmi sentire parte integrante di una grande famiglia che fa di tutto per far sentire i propri figli “Amati e protetti” contro ogni male.

Nel reparto non solo gli infermieri, ma anche il personale ausiliario si è fatto in quattro per non farmi considerare solo un ammalato da curare, ma di essere una “persona” bisognosa sì di cure, ma anche e soprattutto di conforto morale.

San Valentino non è un Santo da festeggiare solo il 14 febbraio, perché l’Amore e la Divina Provvidenza vanno festeggiati in tutti i giorni dell’anno solare!

Pertanto un grazie di cuore non solo all’equipe del prof. Paroni, ma a tutto il personale della Cardiologia Vascolare della Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo.

Grazie di tutto! Pasquale Zolla


 


‘Na rerute kum’a sóle nda ‘nu jurne chjìne de nuvel’éje

I perzòne cchjù kare sònne

kuille ka vedè te fanne

‘a lustre pure nd’i mumènde

cchjù skurde è ka te lèvene

rerute d’è macèrje tuje,

rennènne kundaggiòs’a salute

mméce k’a malatìje. Tuttekuiste

nd’u perzunale sanetarje

è nnenzule d’a Kardjuluggìje

Vaskulare de Sangiùuànne

Retunne agghje trùuàte, grazzje

pure ò’ tenerume, a’ jendelèzze,

a’ kurtesìje ka ne nzònne

maje sprekate. Tra l’avete

nen kòstene kuase ninde

tra i pjacére è rènnene

assaje. Ka dì, pò, d’a rerute

pemmizze d’a kuale sapèvene

mannà lundane u virne d’a facce

d’i pazjènne, addevendanne

kum’a kurve ka tutte raddrezzéje

è ‘a kumunanze d’u delóre

allevjéje.  Nenzule kure,

ma pure kóre u mòtte lóre éje.

Nu grazzje de kóre mò vògghje fà

a tuttevuje d’a Kardjuluggìje

Vaskulare d’a Kase Sullive

d’a Suffrènze pe tuttekuille

ka facite p’a suffrènde umanètà!

 

Un sorriso è come sole in un giorno nuvoloso

Le persone più preziose sono

quelle che ti fanno vedere

la luce anche nei momenti

più bui e che estraggono

sorrisi dalle tue macerie,

rendendo conraggiosa la salute

invece che la mattia. Tutto ciò

nel personale sanitario

e non solo della Cardiologia

Vascolare di San Giovanni

Rotondo ho trovato, grazie

anche alla tenerezza, alla gentilezza,

alla cortesia che non sono

mai sprecate. Tra l’altro

sono le più economiche

dei piaceri e fruttano

molto. Che dire, poi, del sorriso

con quale sapevano

scacciare l’inverno dal volto

dei pazienti, divenendo

come curva che raddrizza

e la comunanza del dolore

allevia. Non solo cure,

ma anche cuore è il loro motto.

Un grazie di cuore adesso voglio fare

a tutti voi della Cardiologia

Vascolare della Casa Sollievo

della Sofferenza per ciò

che fate per l’umanità sofferente! 

 

 
 
 

San Valentino: puntuale come Sanremo Festival arriva

Post n°125 pubblicato il 12 Febbraio 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

14 febbraio: festa dell’Amore

Puntuale come il Festival di Sanremo arriva San Valentino, il giorno della festa degli innamorati.

Il Santo che porta doni, abbracci e baci e che fa battere il cuore a tutti gli esseri umani, non solo accoppiati ma anche single.

Perché l’Amore o è o non è, ed appartiene a tutti ed è condivisione di ciò che gli individui portano nel loro cuore.

Amore che cela, nel suo intimo, misteri e segreti che vengono rivelati solo nei tempi che ritiene più opportuni e nei modi più conformi ai sentimenti e alle emozioni che ognuno prova nel viverlo, o semplicemente nel sognarlo, in ogni respiro.

Ed è in nome di questo Amore che voglio augurare a tutti voi che amate un San Valentino coi “fiocchi!”, non di neve naturalmente. E lo faccio con una poesia sull’Amore.


‘A ‘mmòre ‘a chjave de tutte éje

‘A mmòre ‘a chjave de tutte éje:

kumbine ne ndéne, aganze supréje

si medèsme è ppure vace òdelà.

‘A ‘nerggìje éje ka te vòtte a ffà,

a kaggnà u munne p’u putè rènne

cchjù juste. Éje ‘a vulundà ka smòve

u jì de l’òme vèrze ki cchjù ‘bbesuggne

have pe ‘rrjalà lóre mullukkèlle

de prjèzze. Éje ‘a stèlla pulare

ka kunnuce nd’u jì d’u venì, appure

è ssópattutte kuanne u gògge pare

‘a speranze nzuffukà. ‘A mmòre éje

nu vjagge bèll’assaje diggne de ghèsse

kambate: tutte skòrde, tutte perdunéje,

tutte dace sènza resèrbe. Éje

kum’a raje de sóle k’attraverzéje

‘a lastre rare sènze k’a ‘ppannéje.

Si pròbbete nen nz’arrjèssce a u trùuà

nd’u pròbbete kóre u s’adda cerkà!


L’amore è la chiave di tutto

L’amore è la chiave di tutto:

non ha confini, anzi supera

se stesso e va oltre.

È l’energia che ti spinge ad agire,

a cambiare il mondo per poterlo rendere

più giusto. È la volontà che muove

il cammino dell’uomo vero i più bisognosi

per regalare loro briciole

di felicità. È la stella polare

che guida nel cammino del futuro, anche

e soprattutto quando il presente sembra

soffocare la speranza. L’amore è

un viaggio meraviglioso degno di essere

vissuto: tuttodimentica, tutto perdona,

tutto dà senza riserva. È

come raggio di sole che attraversa

il cristallo senza appannarlo.

Se proprio non si riesce a trovarlo

nel proprio cuore bisogna cercarlo!


 


 
 
 

Anche se poca, la neve porta gioia nei cuori anche di chi vive in miseria

Post n°124 pubblicato il 09 Febbraio 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

Neve di febbraio ingrassa la campagna

Gioie e dolori la neve porta; gioia per i bimbi e anche per gli adulti a cui porta i dolci ricordi d’infanzia ormai cancellati, proprio come avviene con le orme di passi sulla neve che, alla prossima nevicata, saranno scomparsi; dolore per quelle popolazioni ove le nevicate si abbattono scaricando metri del loro bianco candore e, quindi, creando disagi a non finire.

Però la neve è necessaria perché i semi sotto di lei sognano proprio come avviene nel nostro cuore che sognamo la primavera.

Un antico detto diceva: sott’acqua fame, sotto la neve il pane! Ed è proprio così: apporta, tanti troppi disagi (che l’uomo prevede ma mai si appresta a prevenire!), ma poi alla bella stagione si vedranno i frutti che saranno piuttosto copiosi.

E d’altronde: ci si lamenta della vecchiaia che arriva all’improvviso come neve? Una mattina ti risvegli e ti accorgi che tutto è bianco!

Ti lamenterai dei dolori, ma non della giovinezza sfiorita!

Guardiamo l’immensa tovaglia bianca e impariamo ad ascoltare l’immenso silenzio che ci dona e ci fa riscoprire l’intimo della nostra anima. E se proprio non ci riusciamo e la riteniamo monotona, alziamo lo sguardo verso l’alto e potremmo trovare il nero dei corvi che a stormi si spostano.


U sulènzje d’a néve

Mèndre asscènne assemègghje rredà

ò’ kόre mìje nu sciussce de prjèzze

mbandile ka i anne lùuàte

i hanne sènza manghe ‘na pjètà.

I fjukke suje janghe è lleggire

kum’a puvesìje sònne ka kade

d’ò musse d’u cile, d’è  mane de Ddìje.

Kum’a mmesale citte òggnèkkόse

de janghe vèste è u mune pare

nùue  kum’a èure appéne fatte;

kum’a ‘na paggena janghe gròssa gròsse

a ndò putè skrive i rekurde ka,

kum’a mbrònde de pite, a’ pròsseme

nevekate skumbarisscene. Tutte

chjane assaje vace, ligge éje,

pulite, frèmme, mmakulate. Manghe

nu rremòre! U granne sulènzje suje

me face sènde u kavete mìje

respire, u vattete d’u kόre

è nu strussce me face fà ngèrke

de nu luke a ndò cchjù nge vake: l’alme!

 

Il silenzio della neve

Mentre scende sembra ridare

al mio cuore un alito di gioia

infantile che gli anni strappato

impietosamente gli hanno.

I fiocchi suoi bianchi e leggeri

sono come poesia che cade

dalle labbra del cielo, dalle mani di Dio.

Come tovaglia silenziosa tutto

di bianco veste e il mondo sembra

nuovo di zecca;

come una gigantesca pagina bianca

su cui poter scrivere i ricordi che,

come impronte di passi, alla prossima

nevicata scompariranno. Tutto

rallenta, è leggero,

pulito, fermo, immacolato. Nessun

rumore! Il suo grande silenzio

mi fa avvertire il mio caldo

respiro, il battito del cuore

e mi fa fare un viaggio alla ricerca

di un luogo dove più non vado: l’anima!


 
 
 

Perché in politica l'onestà non paga mai?

Post n°123 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da pasquale.zolla

L’onestà è una cosa troppo seria per lasciarla in mano ai politici

E pensare che in altri tempi la si insegnava con favole che iniziavano sempre con: c’era una volta…

Quando ero piccolo mia madre mi raccontava delle favole che finivano sempre con un insegnamento morale e cominciavano sempre con: C’era una volta!

Oggi quei serali racconti invernali sono scomparsi dalla faccia della terra perché il progresso ci ha portato a pensare solo a come avere successo, con l’unico sogno di salire sul cavallo della politica perché attraverso di essa si ottine tutto: denaro, onori e posti per i familiari.

Infratti una volta che si è dentro, ti permette di campare per tutta la vita e, se hai una buona parlantina, sapendo che il parlare non costa nulla, puoi promettere di costruire ponti anche dove non ci sono fiumi. Tanto le parole sono come fuochi d’artificio di giorno, anche se fanno rumore nessuno li vede.

E poi sei certo di stare sempre lì, per anni, un po’ in Parlamento, un po’ nei consigli di amministrazione, un po’ come dirigente nelle municipalizzate o nelle segreterie dei partiti. Ci si diventa come i polli, con l’eccezione, che ci si ingrassa, ma non si depongono le uova.

Per i politici tutto è lecito con i soldi sborsati dagli onesti cittadini che pagano le tasse: ristrutturazioni di appartamenti, lauree per i figli, viaggi, investimenti, persino detrazioni per comprare la nutella.

S’innalzano a paladini del popolo promettendo di rappresentare interessi, interpretare ideali, colmare il divario tra sogno e realtà, ma alla fine restano sempre e solo dei ciarlatani anche in tempi di grave crisi, come quella che stiamo attraversando, in cui noi cittadini tiriamo la cinghia, mentre loro continuano a tirare la corda facendo sempre quello che avrebbero dovuto fare nelle precedenti crisi.

E così continuiamo ad essere governati da gente che non ha né titolo né scienza e né virtù: ma da dilettanti con stipendi da professionisti.

Oggi si dovrebbe rovesciare l’antico detto rivolto a Cesare di dargli ciò che gli spettava, bensì farlo divenire: togliere a Cesare tutto ciò che non gli appartiene.

Bisogna tornare all’antico C’era una volta con il finale morale sull’onestà che, anche se è una pratica che ammette sacrifici, è la più importante centralità nei rapporti sociali e costituisce il vero valore dello stato di diritto.

È necessario, pertanto, non svendere la propria personalità né lasciarla in mano a politici e amministratori non educati ai temi etici, né mascherarla con l’ipocrisia andando in chiesa e facendo la comunione o battendosi il petto.

L’onestà è vivere nel rispetto della vita propria e di quella degli altri, dalla giustizia uguale per tutti e lontana dalle logiche di convivenza.

A volte è meglio essere nudi che indossare abiti trasparenti perché la storia è scritta dagli onesti, non di certo dai disonesti che, invece, la fermano!

L’onestà è una qualità molto discreta che viene esibita solo con l’essere se stessi!

 


 


Annanzetutte ‘a unestà

N’òme unèste u timbe akkrèssce

d’u pròbbete kambà è nne nface

mugghje d’i paróle suje pekkè

sape ka éje ‘a uneka kòse,

nu pikkule luke, dind’a ndò éje

addavaramènde libbere. ‘A unestà

ne nganòssce staggiune nè timbe

nè vóle ghèsse kunglamate, sennò

móre de fridde. Pettande si vuje

ghèsse kredute, sìje unèste;

si vuje ghèsse unèste, sìje

sengére; si vuje ghèsse sengére,

sìje sòpattutte tè mèdèsme.

 

 

L’onestà innanzitutto

Un uomo onesto aumenta il tempo

della propria vita e non fa

fango delle sue parole perché

sa che è l’unica cosa,

un piccolo spazio, all’interno del quale è

veramente libero. L’onestà

non conosce stagioni né tempo

ne vuole essere lodata, altrimenti

muore di freddo. Pertanto se vuoi

essere creduto, sii onesto;

se vuoi essere onesto, sii

sincero; se vuoi essere sincero,

sii soprattutto te stesso.

 

 

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ANGELOANONIMODJ_Ponhzisurfinia60Kimi.777pasquale.zollagioiaamoreDonna81tmoschettiere62Verainvisibilelacky.procinoMarquisDeLaPhoenixQUELSETTIMONICKghionnamarcoenrico505antropoetico
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom