Blog
Un blog creato da pasquale.zolla il 17/04/2012

pasqualezolla

Il blog di Pasquale Zolla

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

Il giorno della pace per tutta l'umanitÓ

Post n°131 pubblicato il 28 Marzo 2015 da pasquale.zolla

La domenica delle palme

Con la domenica delle palme ha inizio la settimana santa che è detta anche domenica della passione del Signore (De Passione Domini).

La chiesa ricorda il trionfale ingresso di Gesù a Gerusalemme in sella ad un asino, osannato dalla folla che lo salutava agitando rami di palma, mentre altri stendevano a terra i mantelli o tagliavano rami dagli alberi intorno che agitavano festosamente per rendergli onore.

Nel vangelo di Giovanni (12,12-15) si narra che la popolazione abbia usato solo rami di palma, che sono simbolo di trionfo, acclamazione e regalità.

I rami d’ulivo, di cui nei vangeli non si parla, sono stati introdotti nella tradizione popolare a causa della scarsità di piante di palma in diversi paesi occidentali, come in Italia.

Si hanno notizie della benedizione della palme a partire dal VII secolo in concomitanza con la crescente importanza data alla processione, che è testimoniata per la prima volta a Gerusalemme dalla fine del IV secolo.

La domenica della palme, in occidente, era riservata a cerimonie pre-battesimali, in quanto il battesimo veniva impartito il giorno di Pasqua.

Benedizione e processione delle palme entrarono in uso nel secolo VII/VIII in Gallia, dove Teodulfo d’Orlèans  compose l’inno: “Gloria, laus et honor”, e poi a Roma verso la fine dell’XI secolo.

Oggi i fedeli portano a casa i rametti di palma e d’ulivo benedetti per conservali come simbolo di pace e scambiandoli con parenti e persone amiche.

A Lucera, come in altre regioni del sud, si usa un rametto d’ulivo benedetto, intinto nell’acqua benedetta durante la veglia pasquale, per benedire la tavola imbandita nel giorno di Pasqua.

 

 

‘A dumèneke d’i palme

Ȯgge éje pe tutte jurnate de pace.

A fèste i kambane sònnene

è i krjature, annanz’è cchjìse,

semmuvèjene i kacchjetille

de vulive vèrz’u cile, kume

facìje u pòpele d’i ‘Bbréje

dind’u trjumbale ngrèsse tuje

a Jerusalèmme. Palòmme janghe

vèrz’u cile s’agavezèjene  

rengurrènnese nd’a l’arje festóse.

‘A dumèneke d’i palme éje

jurnate de fèste. A Tè, Kriste,

ka sì venute nd’u nòme d’u Seggnòre,

sìje lude è gròrje. A Tè, ka sì

venute a purtà serenetà

dind’i kure è llustre p’allustrekà

ki ne nvéde; pace a ndò nge ne stà

è a nuje medèsme p’a ‘rrjalà

a l’avete sènza destenzjune

de jenìje è dde releggiune,

aveze grazzjune de lude è gròrje.

A Tè, ka te sì appresendate

kum’a nu rè kujéte, assettate

sóp’a nu ciucciarille pe ce dà

u sèmbje de kume arrapì u kóre

ò’ ammòre, a’ serenetà, a’ lustre

d’u spirde, tutt’u ammòre mìje

te vògghje kandà: «A tè, Kriste, rè

è  Ssarvatóre, ka sì venute

dind’u nòme d’u Seggnòre, gròrje

è llude nd’u cchjù avete d’i cile!»

 

La domenica delle palme

Oggi è per tutti giorno di pace.

A festa suonano le campane

e i bimbi, sul sagrato delle chiese,

ondeggiano i ramoscelli

di ulivo verso il cielo, come

fece il popolo ebraico

nel tuo trionfale ingresso

a Gerusalemme. Colombe bianche

si alzano verso il cielo

rincorrendosi nell’aria festosa.

La domenica delle palme è

giorno di festa. A Te, Cristo,

che sei venuto nel nome del Signore,

sia lode e gloria. A Te, che sei

venuto a portare serenità

nei cuori e luce per illuminare

chi non vede; pace dove non ce n’è

e a noi stessi per regalarla

agli altri senza distinzione

di razza e di religione,

alzo preghiere di lode e gloria.

A Te, che ti sei presentato

come un re mite, seduto

su di un asinello per darci

l’esempio di come aprire il cuore

all’amore, alla serenità, alla luce

dello spirito, tutto il mio amore

voglio cantari: «A Te, Cristo, re

 e Salvatore, che sei venuto

nel nome del Signore, gloria

e lode nel più alto dei cieli!»


 

 
 
 

21 Marzo: la primavera inizia con l'invito ad impegnarci a lottare contro tutte le nafie

Post n°130 pubblicato il 20 Marzo 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime di mafie

Il 21 Marzo è giorno dedicato alla Memoria delle vittime di mafie, oltre 900 tra magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell’ordine, sacerdoti, imprenditori, esponenti politici ed amministratori, morti per mano delle mafie solo perché hanno fatto il loro dovere.

Si celebra nel giorno dell’inizio della primavera perché si vuole rappresentare la speranza e la rinascita di una società dove all’illegalità e alle mafie siano contrapposte legalità e giustizia e per ricordare agli onesti cittadini un impegno che non deve essere lo spot di una giornata, ma che va realizzato giorno dopo giorno collaborando con tutti coloro che si impegnano in tal senso.

Diceva Giovanni Falcone: «Se vogliamo combattere efficacemente la mafia, non dobbiamo trasformarla in un mostro né pensare che sia una piovra o un cancro. Dobbiamo riconoscere che ci rassomiglia!»

È, il dire di Falcone, un invito a vivere nel quotidiano e nella normalità i principi che ispirano la nostra vita; a far germogliare e attivare quei semi di cittadinanza presenti nell’animo dei cittadini onesti, a partire dal riconfermare e riflettere sulla bellezza del mettersi in gioco e del decidere da che parte stare nelle piccole e grandi cose.

Di fronte alla sacralità della vita e dell’essere umano non bisogna ritenere un delitto di mafia “tragica fatalità”, ma un assassinio, un crimine contro l’umanità e per combatterlo non bisogna rinchiudersi nel silenzio, ma parlare perché le mafie s’infiltrano dappertutto: nelle istituzioni come nei mercati finanziari, distruggendo così ciò che con fatica le persone oneste hanno creato.

Chi sa, parli! Solo così verrano smantellate le cappe di piombo che stringono in una morsa mortale interi paesi, negozianti e gente addeta a mantenere integre le Istituzioni nel rispetto della Legge!


‘A veretà ‘a justizzje lustrekéje

U munne mbenite a nuje ce manne

maravegghjuse messagge d’Ammóre

nda òggnè òr’è mmumènde d’u jurne:

i raje d’u sóle ci’arrekòdene

kè ’a lustre è ‘a fórze d’u krjate

ce arrjalene kelure è llustre;

‘a nòtte messagge manne k’arrivene

pemmizze de l’ucchje d’u cil’è u kambà

nustre messagge ce manne nda òggnè

mumènde, nda òggnè semmuvuminde

ka facim’è premmètt’ò kóre d’i sènde

è dd’i kambà. Tuttekuist’u Patatèrne

ce have arrjalate pe ce lebberà

d’a pavure è ‘vetà delure, cigghje

è mmòrte è ppe ce dì ka u mèrete

d’u kambà nge stace dind’a kuandetà

d’i jurne, ma dind’a ‘usanze ka se fà.

Pettande facime d’u kambà nustre

‘na kannéle peccenènne ka skangèlle

u skurde è sse kungretezzéje kume

respunzzabbeletà, legaletà, sinze

de justizzj’è kkúre de ki ‘vvecine stà.

Bbannime ‘a vjulènze ka, fórze, póde

arresórve nu prubbléme, ma chjande

i semènde pe tandavete. Avezame

òggnè petròne de chjumme ka se mètte

tra nuje è kki atturn’a nuje stace

è u vére da lustr’a’ justizzje farrà!

 

La verità illumina la giustizia

L’universo infinito ci invia

meravigliosi messaggi d’Amore

in ogni momento del giorno:

i raggi del sole ci ricordano

che la luce e la forza del creato

ci donano colore e brillantezza;

la notte messaggi invia che ci giungono

attraverso le stelle e la vita

nostra ci invia messaggi in ogni

momento, in ogni movimento

che facciamo e permette al cuore di sentirli

e di viverli. Tutto ciò Iddio

ci ha dato per liberarci

dalla paura ed evitare dolori, sofferenze

e morte e per dirci che il merito

della vita non sta nella quantità

dei giorni, ma nell’uso che se ne fa.

Pertanto facciamo della nostra vita

una piccola candela che debelli

l’oscurità e si concretizzi come

responsabilità, legalità, senso

di giustizia e cura di chi ci è vicino.

Bandiamo la violenza che, forse, può

risolvere un problema, ma pianta

semi per tanti altri. Alziamo

ogni cappa di piombo che si frappone

tra noi e il nostro prossimo

e la verità da luce alla giustizia farà!

       

 
 
 

Esistono ancora i papÓ che giocano con i figli?

Post n°129 pubblicato il 18 Marzo 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

San Giuseppe e la festa del Papà

La festa del papà nasce nei primi decenni del XX secolo.

La prima volta documentata sembra sia il 5 luglio 1908 a Fairmont in West Virginia, in una chiesa metodista locale.

La signora Sonora Smart Dodd, ispirata dal sermone ascoltato in chiesa durante la festa della mamma del 1909, organizzò per la prima volta quella del papà il 19 giugno 1910 a Spokane (Washington), perché in tale mese cadeva il compleanno del padre.

Nei paesi che seguono la tradizione statunitense la festa si tiene la terza domenica di giugno, mentre in molti paesi cattolici viene festeggiata il giorno di San Giuseppe, padre putativo di Gesù, in quanto archetipo del padre e del marito devoto.

In Russia è celebrata come la festa dei difensori della patria e in Thailandia coincide con il compleanno del sovrano Rama IX, venerato come padre della nazione.

In alcune aree viene festeggiata come festa di fine inverno, con riti propiziatori come bruciare gli incolti sui campi da lavorare o accendendo nelle piazze dei grandi falò.

Il dolce tipico è la zeppola che, secondo una leggenda, nasce dopo la fuga in Egitto con Maria e Gesù, perché San Giuseppe per mantenere la famiglia in quella terra dovette vendere frittelle.

Sarà vero? O non è un’invenzione dovuta ai napoletani?

Per me l’unica cosa vera è che si devono aspettare le ricorrenze per ricordarsi di amare le donne, le mamme, i papà, i nonni.

Vorrei tanto che non fossero feste e giorni della memoria a ricordarcelo, ma una società dove i sentimenti si rinnovano ogni giorno!


Kare Papà, pure da ngile stamme ‘vvecine

Grazzje Papà, pe m’avè vulute bbéne;

pe m’avè nzengate a kammenà

è a me rjavezà dòppe òggnè kadute;

pe me avè nzengate ka n’òme ghéje

pòvre si ammòre ne ndéne è ghéje

pèrze sckitte si prengipje ne ndéne;

pe me avè nzengate a ghèsse jendile

è ‘dukate pure ke kuille ka nn’u sònne;

a avè respitte de l’avete ma sòpattutte

de mè medèsme. Pe m’avè dat’u sèmbje

pure kuann’ére tutte ghìje p’u seguì.

Pe m’avè nzegate u cil’è u krjate

a amà è mmò ka cchjù ne nge staje,

nu mutive tènghe de cchjù pe Te dì:

grazzje Papà, manummale ka ce sì state!

Nn’u sacce si kakkèvune purtarrà

pure sti paróle mìje allassópe,

ghìje m’aguréje pròbbete de sì.

U spére tande pekkè vògghje ka Tu

saje ka Te pènze è kka me manghe.

Grazzje Papà! Pure d’a ngile sèmbe

avvecine a mè kundìnue a me stà!

 

Caro Papà, anche dal cielo stai al mio fianco

Grazie Papà, per avermi voluto bene;

per avermi insegnato a camminare

e a rialzarmi dopo ogni caduta;

per avermi insegnato che un uomo è

povero se non ha amore ed è

perso solo se non ha principi;

per avermi insegnato ad essere gentile

ed educato anche con quelli che non lo sono;

ad avere rispetto degli altri ma soprattutto

di me stesso. Per avermi dato l’esempio

pur se  ero troppo orgoglioso per eseguirlo.

Per avermi insegnato il cielo e il creato

ad amare e adesso che non ci sei più,

un motivo in più ho per dirTi:

grazie Papà, meno male che ci sei stato!

Non so se qualcuno porterà

anche queste mie parole lassù,

io mi auguro prprio di sì.

Lo spero tanto perché voglio che Tu

sappia che ti penso e che mi manchi.

Grazie Papà! Anche dal cielo sempre

a fianco a me continua a stare!

 



 

 
 
 

La donna: il fiore pi¨ bello da Dio creato

Post n°128 pubblicato il 07 Marzo 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

8 Marzo: Festa della donna

L’origine della festa della donna è ammantata da mistero perché molte sono le date a cui la si fa risalire.

Alcuni la fanno risalire all’incendio avvenuto nel 1911 a New York in una fabbrica dove morirono 146 donne; le femministe francesi, negli anni cinquanta, la fecero derivare dalla commemorazione del cinquantesimo anniversario di uno sciopero di lavoratrici tessili, brutalmente represso a New York, l’otto marzo 1857.

C’è anche chi ricorda la rivolta pacifista delle operaie di Pietrogrado, l’otto marzo 1917 o il bollettino del Pci del 1949 che celebra le donne di New York che scesero in piazza per avere i diritti politici, l’otto marzo 1848; altri l’incendio di Boston del 1898.

Insomma a forza di ipotesi ed equivoci, credo che nessuno, oggi, possa affermare con certezza la nascita di questa festa che rimarrà avvolta da mistero, proprio come è la donna.

L’importante è, comunque, che questa festa ci sia, perché sulla faccia della terra non c’è persona che lavori più di una donna, che si spendi per gli altri e, dopo il lavoro, si dimentica di quanto vale.

Eppure non passa giorno che non si senta di donne maltrattate, vilipese, insultate, calpestate.

Qualsiasi cosa faccia la donna la deve fare due volte meglio degli uomini per essere apprezzata la metà. Ma per lei anche questo non le sembra difficile né faticoso, perché si  sa donare sempre e comunque con amore.


‘A fèmmene: u prime fjòre da Ddìje krjate

Ddìje l’òme have krjate apprime

d’a fèmmene pekkè da sèmbe face

‘na kòpje d’u kapelavure fenale.

Mbatte d’ò kustate de l’òme asscì

‘a facìje, nnò d’è pite pe ghèsse

kalpestate; nnò d’a kape pe ghèsse

cchjùmmègghje, ma d’ò fjanghe pe ghèsse

ùuàle ò’ òme; da sòtt’ò vrazze

pe ghèsse prutètte; ‘vvecin’ò kòre

pe ghèsse amate. Si nenn’avèsse

fatte‘a fèmmene, Ddìje n’avarrìje

fatte manghe u fjóre, pekkè u prime

fjóre ‘a fèmmene éje state. Mò

justamènde ditte véne ka mandéne

‘a metà d’u cile, pure si se dice

ka ki dice fèmmene dice danne.

Pure kuiste alluvér’éje, pekkè

i fèmmene danne ‘a vite,

‘a speranne, u kuragg’è ttuttekuande

sé medèsme k’ammòre, sènza ninde

ngaggne maje addummannà!

 

La donna: il primo fiore da Dio creato

Dio ha creato l’uomo prima

della donna perché sempre fa

una bozza del capolavoro finale.

Infatti dal costato dell’uomo uscire

la fece, non dai piedi per essere

calpestata; non dalla testa per essere

superiore, ma dal fianco per essere

uguale all’uomo; da sotto il braccio

per essere protetta; vicina al cuore

per essere amata. Se non avesse

fatto la donna, Dio non avrebbe

fatto neppure il fiore, perché il primo

fiore è stato la donna. Ora

giustamente viene detta che sostiene

la metà del cielo, anche se si dice

che chi dice donna dice danno.

Anche questo è vero, perché

le donne danno la vita,

la speranza, il coraggio e tutte

se stesse con amore, senza nulla

mai chiedere in cambio!

 


 
 
 

Marzo: sarÓ pazzerello?

Post n°127 pubblicato il 01 Marzo 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

Marzo 2015: primavera o ancora inverno?

Il mese di Marzo quest’anno comincia di domenica; un mese che si prospetta ancora sotto le sembianze invernali perché, anche se non conosciamo cosa ci riservi dal punto di vista meteorologico, si presenta con irruzione d’aria fredda per la prima decade.

Dal punto di vista astronomico c’è la congiunzione planetaria che culminerà la sera del 4 quando Venere e Urano saranno uno accanto all’altro.

Uno tra gli eventi più attesi sarà senz’altro l’eclissi solare di giorno 20, quando la luna coprirà il disco solare su tutto il territorio Europeo, proprio nel giorno dell’equinozio di primavera. Giorno che darà inizio ufficialmente alla stagione primaverile!

Nella notte fra sabato 28 e domenica 29 tornerà l’ora legale e per una notte dormiremo di meno, ma il sole, da detta domenica, tramonterà più tardi e le giornate saranno più lunghe.

Il mese di marzo ricorda anche la festa della donna(8) e la Giornata della Memoria e dell’Impegno per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafie (21).

Una giornata, quindi, che non solo ricorda l’inizio della primavera, ma che è anche simbolo della speranza che si rinnova ed è occasione di incontro con i familiari delle vittime che hanno trovato la forza di risorgere dal loro dramma, trasformando il dolore in uno strumento concreto, non violento, di impegno e di azione di pace, creando il presupposto per una ricerca di giustizia vera e profonda.


Marze

Nd’a l’arje ‘na prjèzze ce stace

ka scènne sóp’a l’areve

sènza vestite, sóp’è kòppe

a nute è ssópe è kambe

sènz’èreve. Tutt’ assemègghje

murte è ttutte rekambarrà.

Sòtt’i frònne sèkke l’èreve

vèrde nasciarrà, sóp’è kacchje

leggnuse cigghje, frònn’è ffjure

nasciarranne. K’u vendecille

suje k’assemègghje a alje

de prime matine s’appresènde

kum’a nu maskulòne k’i kapille

ngravugghjate, ‘na rerute

mujenòse, ‘a lóte sóp’è skarpe

è ‘na resatèlle nd’a vóce.

Ma chjane chjane kum’ò cchjù

manzùuéte è kkujéte

ajene se kagne, purtanne

jurne chjìne de lustre k’a póke

a póke se pèrdene dind’a

fàuùluse chjare de lune.

Marzo

Nell’aria una gioia c’è

che scende sugli alberi

spogli, sui colli

nudi e sui campi

privi di erba. Tutto pare

morto e tutto rivivrà.

Sotto le foglie secche l’erba

verde nascerà, sui rami

brulli germogli, foglie e fiori

nasceranno. Con il venticello

suo che pare sbadiglio

di primo mattino si presenta

come un maschiaccio con i capelli

arruffati, un sorriso

malizioso, il fango sulle scarpe

e una risatina nella voce.

Ma piano piano come il più

mansueto e mite

degli agnelli si muta, portando

giorni luminosi che a poco

a poco si perdono in fiabeschi chiari di luna.


 


 

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

zoloft500cile54ladymaria45signora_sklerotica_2karen_71pasquale.zollarossella1900.rpsicologiaforenseantropoeticoMarquisDeLaPhoenixvallidmlumil_0cassetta2linovena
 

CHI PUĎ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom