Community
 
pasquale.zo...
Sito
Foto
   
 
Blog
Un blog creato da pasquale.zolla il 17/04/2012

pasqualezolla

Il blog di Pasquale Zolla

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

La Pasqua del Signore sia la Pasqua dell'Italia e degli Italiani

Post n°100 pubblicato il 19 Aprile 2014 da pasquale.zolla

Pasqua: Il trionfo della vita

La Pasqua è la festa più importante della cristianità e racchiude tutto il mistero e il fascino pasquale dalla croce alla vita.

La settimana santa ci fa ripercorrere le ultime tappe della vita di Gesù sulla terra: l’istituzione dell’Eucarestia nel giorno del giovedì santo; la Via Crucis con la processione e la morte del Figlio di Dio nel giorno del venerdì santo e il ritorno alla vita, la Resurrezione, nel giorno della domenica di Pasqua.

Gesù si immola per liberare gli uomini dal peccato originale, per riscattarli e salvarli, mentre con la Resurrezione ci mostra il risveglio nella vera vita alla fine del nostro tempo, quando ognuno di noi affiderà nelle mani del Padre la propria anima.

La parola Pasqua significa passaggio (aramaico: Pasha); un passaggio che da sempre ha accompagnato il progresso e la vita dell’intera umanità nel corso della sua esistenza terrena e si è vestita di diversi simboli e significati.

Nei culti pagani, ad esempio, e nelle tradizioni popolari e dei contadini il passaggio era riferito alla natura: dall’inverno alla primavera con, in alcuni casi, l’accensione di falò nei campi per indicare il passaggio dal buio alla luce; per gli ebrei, invece, è il passaggio dalla schiavitù dell’Egitto alla liberazione grazie alla nuova alleanza tra Dio e il suo popolo prediletto, mentre per i cristiani, come già detto, è il passaggio dalla morte di croce alla vita eterna.

Anche i simboli pasquali sono intrisi di detti significati!

La luce è quella portata non solo dal Salvatore, ma anche dalla nuova stagione; l’agnello rappresenta il Cristo morto in croce che vince la morte; le uova, la rinascita di tutte le cose create perché associate al grande mistero della vita.

Secondo antiche culture la stessa nascita dell’universo sarebbe legata al concetto di uovo cosmico. A tal proposito si legga la leggenda di Ofione che viene avvolta, mentre danza, da un serpente che la mette incinta e partorisce un grande uovo che darà inizio al mondo!

Lo stesso scambio delle uova ha avuto origine fin dai tempi dell’antico Egitto, in Persia, in Cina e nella Grecia dei grandi filosofi in occasione dell’equinozio di primavera perché aveva il gesto simbolico della fecondità e della generazione.

Durante il Medioevo, in occasione della Pasqua, i nobili le regalavano ai loro servi in segno di riconoscenza.

Anche la colomba, consumata ai giorni nostri come dolce alla fine del pranzo pasquale, è simbolo di pace e di salvezza.

La Bibbia ce la presenta con un ramoscello di ulivo nel becco per rappresentarci lo Spirito Santo che si riconcilia con l’uomo, mentre nel periodo pasquale rappresenta il sacrificio del Cristo che ha come esito finale la riconciliazione fra Dio e l’uomo.

Al di là di tutto, comunque, la nostra Pasqua sia la gioia di credere e testimoniare la nostra fede in Gesù che è venuto ad abitare in mezzo a noi e che ci ha amato sino alla morte di croce.

Pertanto facciamo della nostra vita il centro propulsore capace di amare, di incontrare il mondo e la vita con rispetto e amore, per amare tutti e tutto.

Buona Pasqua a tutti!


 

Paskuele:   d’a kròce a’ renasscete 
Da ‘na fólle festande akkugghjute,
da luvére rrè Gesù attrasìje
a Jerusalèmme: glurefekate
è bbeneditte nda òggnè passe suje
è pparóle. Ma dind’u kóre suje
ggià akkanusscéve u vulére
d’u Patre: è ppròbbete a llà Ghisse
destemunjaje k’a vit’a sscèlta suje.
‘Na sscèlte ka dòppe póke jurne
u kunnucìje a ghèsse rennegate
d’è stèsse desscipule suje, a ghèsse
processate sènza kólp’è sevezzjate
ke ‘na vjulènze ka ùuàle nn’hav’avute.
È ttutte succiudìje sótt’a l’ucchje
d’a Mamma suje. Nu celizzje ka Ghisse
kanusscéve, k’have cerkate d’allundanà
nd’a l’urte d’i vulive: «Patre, si vuje
da mè allundane stu kalece…»
ma ka dòppe agave accettate,
respettanne è avvrazzann’a kròce
ka u Patre éve misse sóp’a strata suje:
«Tuttavìje ne nzìje fatte u mìje,
ma u vulére tuje!» Ggesù
kanusscéve kuille ka i spettave:
ma sscegghjìje kuèlla kròce, sscegghjìje
d’amarle. ‘A veretà éje ka kuèlle
nenn’ére ‘a fine è kkuèlla sscèlte
d’avvrazzà ‘a kròce suj’u rennìje
libbere. Libbere d’accettà kuilli
nzulte, libbere de fjatà ‘a fatighe
dòppe òggnè skrujatate, libbere
d’amà òggnè singul’òme ka u éve
kunnannate a kuèlla fine. Pe ppò
akkugghjìrl’a vrazze apèrte ‘na vóte
a’ vite turnate. Nzeguime ke kuragge
stu sèmbje, nd’u sscègghje pe libbere
cce sendì; putime a ‘kkussì kunne ce rènne
d’i suffrènze ka u Seggnòre ci’addummanne
de ‘ccettà è dde purtà ke prjèzze; tennime
‘na mane ò’ tatucce ka male stace,
sustenime k’i grazzjune i krestjane
k’avvecine ce stanne è i ffedame
a Mmarìje ka prùuàje, ke celizzje
de mamme, avvecin’ò figghje stà
pure nd’I mumènne defficel’assaje
Ka u Seggnòre a’ vite turnate éve
‘a grazzje ce arrjaléje de sendì
dinde de nuj’a vite nda Ghisse turnate.

Pasqua: dalla croce alla resurrezione

Accolto da una folla festante,

Gesù entrò da vero re

a Gerusalemme: osannato

e benedetto in ogni suo passo

e parola. Eppure nel suo cuore

già conosceva la volontà

del Padre: e proprio lì Lui

testimoniò con la vita la sua scelta.

Una scelta che dopo pochi giorni

lo condusse ad essere rinnegato

dai suoi stessi discepoli, ad essere

processato senza colpa e seviziato

con una violenza che non ha avuto eguali.

E tutto avvenne sotto gli occhi

di sua Madre. Un dolore che Lu

conosceva, che ha cercato di allontanare

nell’orto degli ulivi: «Padre, se vuoi

allontana da me questo calice …»

ma che poi ha accettato,

rispettando e abbracciando la croce

che il Padre aveva posto sulla sua strada:

«Tuttavia non sia fatta la mia,

ma la tua volontà!» Gesù

conosceva ciò che l’aspettava:

ma scelse quella croce, scelse

di amarla. La verità è che quella

non era la fine e quella scelta

di abbracciare la sua croce lo rese

libero. Libero di accettare quegli

insulti, libero di respirare la fatica

dopo ogni frustata, libero

di amare ogni singolo uomo che l’aveva

condannato a quella fine. Per poi

accoglierlo a braccia aperte una volta

risorto. Seguiamo con coraggio

questo esempio, nello scegliere per liberi

sentirci; possiamo così renderci conto

delle sofferenze che il Signore ci chiede

di accettare e portare con gioia; tendiamo

una mano al fratello che soffre,

sosteniamo con la preghiera le persone

che ci sono vicine e affidiamole

a Maria che provò, con dolore

di madre, a stare accanto al figlio

anche nei momenti più difficili.

Che il Signore risorto

ci conceda la grazia di sentire

dentro di noi la sua resurrezione.


 

 
 
 

La settimana Santa: il trionfo dell'Amore attraverso il sacrificio della vita

Post n°99 pubblicato il 12 Aprile 2014 da pasquale.zolla

La Domenica delle Palme

Con la Domenica delle Palme inizia la solenne celebrazione della Settimana Santa, nella quale vengono ricordati e celebrati gli ultimi giorni della vita terrena di Gesù, con i tormenti interiori, le sofferenze fisiche, i processi ingiusti, la salita al Calvario, la crocifissione, morte e sepoltura e infine la sua Risurrezione.

I Vangeli narrano che Gesù, giunto con i discepoli a Betfage, vicino Gerusalemme, era la sera del sabato, mandò due di loro nel villaggio a prelevare un’asina con un puledro e condurli da lui.

Il Vangelo di Matteo (21, 1-11) dice che questo avvenne perché si adempisse ciò che era stato annunziato dal profeta Zaccaria (9, 9): «Dite alla figlia di Sion; Ecco il tuo re viene a te mite, seduto su un’asina, con un puledro figlio di bestia da soma».

I discepoli fecero quanto richiesto e condotti i due animali, la mattina dopo li coprirono con dei mantelli e Gesù vi si pose a sedere avviandosi a Gerusalemme.

Qui la folla numerosissima, radunata dalle voci dell’arrivo del Messia, stese a terra i mantelli, mentre altri tagliavano rami dagli alberi di ulivo e di palma, abbondanti nella regione, e agitandoli festosamente rendevano onore a Gesù esclamando: «Osanna al figlio di Davide! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Osanna nell’alto dei cieli!»

A questa festa che metteva in grande agitazione la città, partecipavano, come in tutte le manifestazioni di gioia di questo mondo, i tanti fanciulli che correvano avanti al piccolo corteo agitando i rami e rispondendo, a quanti domandavano: «Chi è costui?». «Questi è il profeta Gesù da Nazareth di Galilea».

In ricordo di questo, la liturgia della Domenica delle Palme, si svolge iniziando da un luogo al di fuori della chiesa dove il sacerdote benedice i rami di ulivo o di palma portati dai fedeli.


Si hanno notizie della benedizione delle palme a partire del VII secolo in concomitanza con la crescente importanza data alla processione. Questa è testimoniata a Gerusalemme dalla fine del IV secolo e quasi subito fu introdotta nella liturgia della Siria e dell'Egitto.


Dumèneke d’i palme

Kuanne tra de nuje sì vvenute,

kume nd’i kunde a ndò ‘a ‘mmóre

strambalate sumegghjanze kréje,

arrekunussciute ne nd’avime,

pure pekkè sóp’a kuillu ciucce

n’òme kume a nnuje parive.

Ke palme è kkacchje de vulive

akkugghjute t’avime, ma nn’avime

kapite ‘a ‘mmóre ka purtate

t’éve tra nuje è kkum’a nnuje

t’ive fatte. Pe skuvrì u bbéne

ka ce purtave, ngròce t’avime

misse. Mò, Seggnóre, nzinghece

‘a vére sufferènze, pekkè

krjate ne nzime state p’i péne

ma pe ghèsse de prjèzze chjìne.

Mbunnece nd’a l’alme ‘a fórza

tuje pe rènne méne pesande

u pise nustre pe jì òdelà

ke pacènz’è ammóre, a ‘kkussì

ka nd’i kure nustre u règgne

d’u Patre tuje pòzza reséde.

 

 

Domenica delle palme

Quando tra noi sei venuto,

come nei racconti in cui l’amore

strane somiglianze crea,

non ti abbiamo riconosciuto,

anche perché su quell’asino

sembravi un uomo come noi.

Con palme e rami di ulivo

ti abbiamo accolto, ma non abbiamo

capito l’amore che portato

ti aveva tra noi e come noi

ti eri fatto. Per scoprire il bene

che ci portavi, sulla croce ti abbiamo

messo. Ora, Signore, insegnaci

la vera sofferenza, perché

non siamo stati creati per i dolori

ma per essere felici.

Infondici nell’anima la forza

tua per rendere meno pesante

il nostro peso per andare oltre

con pazienza e amore, così

che nei nostri cuori il regno

del Padre tuo vi possa risiedere.

 

 



 
 
 

Un augurio ai Papa' del mondo

Post n°98 pubblicato il 18 Marzo 2014 da pasquale.zolla

La festa del Papà

La festa del Papà è una ricorrenza civile diffusa in tutto il mondo. Nacque nei primi anni del XX secolo, più precisamente il 5 luglio 1908, nel West Virginia presso la chiesa metodista di Fairmont.

Un anno dopo la signora Smart Dodd trasse ispirazione dalla festa della mamma per organizzare il 19 giugno 1910 la prima festa del Papà in forma ufficiale a Spokame – Washington.

La data non venne scelta a caso, ma fatta coincidere con la data di nascita di suo padre. Da quell’anno la festa si diffuse in tutto il mondo, anche se la sua celebrazione varia da nazione a nazione. Molti paesi, infatti, ancora oggi la celebrano la terza domenica di giugno, mentre nei paesi di tradizione cattolica è stat fatta coincidere con il 19 marzo, festa di San Giuseppe, il padre putativo di Gesù.

In Italia la festa del Papà è spesso accompagnata da tradizioni e usanze locali, come bruciando l’incolto nei campi, per proclamare la fine dell’inverno, o accendendo dei falò nelle piazze.

A tutti i Papà del mondo un augurio di cuore perché i loro insegnamenti non si perdano nel dimenticatoio di un passato che tanto può ancora darci oggi!

Patre

Ninde maje de tè me skurdarragghje.

‘A mana tuje ka me strenggéve fórte

nnò pe mme mandenè ma pe putè dà

libbere sfuke a’ kurjusetà mìje.

K’i mane tuje ‘n’arje me jettave

nnò pe mme nzengà a vvulà, ma pe mme

lùuà ‘a pavure de jì pe ndèrre.

K’u uarde tuje tuste me furmenave

nnò pe llevóre ma pe mme nzengà

a kumbbatte. Me facive assapurà

‘a ‘cite d’a skumbbitte nnò pe mme

aùmeljà ma pe mme nzengà a nne me

mètte da parte. Bbrave me decive

kuanne nen m’u meretave, pekkè

‘a fórzze d’i vettórje se kùstrùuissce

sóp’a feduce è mme decive pure

nenn’éje ninde kuanne pe ndèrre jéve,

pekkè lunghe u jì i ngiambbeke hanna

ghèsse da slanze mméce ka da mbbicce.

 Spisse, mò ka patre sònghe pure ghìje,

 a rrét’a  penzzire vake sóp’è spònne

d’i rekurde ka me ngavedèjene

de muzzjune kambbate, ammucciate,

misse a ‘rréte a’ lustre d’u ‘rgògghje,

de nu mìje kressciute k’a ‘móre

d’u vulimmece bbéne sènza manghe

nu mbbedeminde. Mò sacce ka dind’u cile

de bbrellòkke chjìne u bbrellòkke

cchjù bbèlle sì tu, Papà, pekkè u munne

me arrjalave kuanne me uardave

zumbbà a pite akkòcchje dinde

i lavarune è tuttekuande mbbusse

me strenggive ke ‘na dóce rerute

ka kum’a sóle kavete pe mmè ghéve.

Grazzje pe tutte kuille ka m’haje nzengate,

Patre mìje, pekkè kume préte meljare

nd’u kambbà mìje  sònne stat’è ssarranne!

Padre

Non dimenticherò mai nulla di te.

La tua mano che forte mi stringeva

non per trattenermi ma per poter dare

libero sfogo alla mia curiosità.

Con le tue mani in aria mi lanciavi

non per insegnarmi a volare, ma per

togliermi la paura di cadere.

Con il tuo sguardo severo mi fulminavi

non per odio ma per insegnarmi

a combattere. Mi facevi assaggiare

l’amaro della sconfitta non per

umiliarmi ma per insegnarmi a non

desistere. Mi dicevi bravo anche

quando non lo meritavo, perché

la forza delle vittorie si costruisce

sulla fiducia e mi dicevi anche

non è niente quando cadevo,

perché lungo il cammino gli inciampi devono

essere da slancio e non da ostacolo.

Spesso, adesso che sono padre anch’io,

 rincorro pensieri sulle sponde

dei ricordi che mi scaldano

di emozioni vissute, nascoste,

celate dietro al lume dell’orgoglio,

di un mio cresciuto col sapore

del vogliamoci bene, senza alcun

condizionamento. Ora so che nel

cielo stellato la stella

più bella sei tu, Papà, perché il mondo

mi donavi quando mi vedevi

saltare a piedi uniti nelle

pozzanghere e tutto inzuppato

al cuore mi stringevi con un dolce sorriso

che come sole caldo per me era.

Grazie per tutto quello che mi hai insegnato,

Padre mio, perché come pietre miliari

nella mia vita sono state e resteranno!



 

 
 
 

Papa Francesco un anno dopo l'elezione

Post n°97 pubblicato il 12 Marzo 2014 da pasquale.zolla

Bergoglio: l’umile Papa venuto dalla fine del mondo  

Come Gesù non ti sei messo al balcone a guardare la vita, ma ti sei messo nella vita

È passato un anno da quando Jorge Mario Bergoglio, argentino gesuita di origini italiane, vescovo dei più poveri e perseguitati, è salito sul trono pietrino. Era il 13 marzo 2013 e in dodici mesi ha saputo conquistare gli uomini di tutto il mondo con le sue parole semplici e con i suoi gesti imprevedibili e umani che hanno dato all’umanità intera la speranza per un futuro d’amore e di pace solo se tutti lo vogliamo, perché ci ha fatto capire chi siamo, ovvero che tutti siamo gli altri.

Le udienze del mercoledì e l’Angelus della domenica in Piazza San Pietro, gremita all’inverosimile da gente proveniente da ogni parte dei cinque continenti, sono il termometro dell’amore degli uomini verso Papa Francesco.

Il tripudio festante della folla, che alla fine e all’inizio del suo parlare o del suo andare con la Papamobile a salutarli, si eleva al ciello come un inno di ringraziamento al Signore per averci mandato un uomo che da subito si è messo a disposizione degli umili e dei diseredati; un Papa che senza mezzi termini prende il nome del santo più poverello, Francesco, che si è spogliato persino dei suoi vestiti più intimi per vivere in povertà accanto a chi viveva di stenti.

E le sue parole ci hanno mostrato la via da seguire, quella di Gesù, perché non si possono servire due padroni: Dio e la ricchezza!

“In un cuore posseduto dalla ricchezza non c’è posto per la fede. Se qualcuno accumula soltanto per sé, cosa gli succederà quando sarà chiamato da Dio?... Noi portiamo al cielo soltanto quello che abbiamo condiviso con gli altri!”

È un invito all’intera umanità a mettersi a disposizione di tutti e che chi più ha, più dia!

Non si possono rivestire cariche per fare il bello e il cattivo tempo sfruttando l’umanità! L’unica via da battere, a tutti i livelli, è quella della fraternità e dell’onestà perché solo così a nessuno mancherà il pane, l’acqua, il vestito, la casa, il lavoro e la salute.

Un anno!... Solo un anno!... E Francesco si è assiso in questo mondo come rappresentante di quel Gesù crocifisso come un ladrone sulla croce per indicarci che la strada da seguire è quella del Figlio di Dio.

E lo ha fatto con le parole e con il suo stesso modo di vivere, mostrando sempre attenzione alle persone più umili e bisognose e vivendo come loro. Per dimostrare che anche nelle difficoltà della vita di tutti i giorni si può essere felici col niente.

Nella sua preghiera delle cinque dita, di cui appresso, c’è tutto la filosofia dell’amore di Papa Francesco che, attraverso le dita della mano ci addita la strada giusta da seguire e la preghiera giornaliera da rivolgere al Padre.

Pollice – Il pollice è il più vicino a te. Comincia quindi a pregare per chi ti è più vicino. Sono le persone più facili da ricordare. Pregare per i nostri cari è un “dolce obbligo”.

Indice – Il dito successivo è l’indice. Prega per coloro che insegnano, educano e curano. Questa categoria comprende maestri, professori, medici e sacerdoti. Hanno bisogno di sostegno e saggezza per indicare agli altri la giusta direzione. Ricordali sempre nelle tue preghiere.

Medio – Il dito successivo è il più alto. Ci ricorda le autorità. Prega per le persone che costruiscono il destino del nostro Paese e guidano l’opinione pubblica. Hanno bisogno della guida di Dio.

Anulare – Il quarto dito è l’anulare. Lascerà molti sorpresi, ma è questo il dito più debole, come può confermare qualsiasi insaegnante di pianoforte. Ci ricorda di pregare per i più deboli, per chi ha molti problemi, per i malati. Hanno bisogno di preghiere giorno e notte: le preghiere per loro non saranno mai troppe. L’anulare, poi, ci invita a pregare anche per le coppie sposate.

Mignolo – Per ultimo arriva il nostro mignolo, il più piccolo di tutti, come piccoli dobbiamo sentirci noi di fronte a Dio e al prossimo. Come dice la Bibbia: “gli ultimi saranno i primi”. Il tuo mignolo ti ricorda di pregare per te stesso. Quando avrai pregato per tutti gli altri, potrai capire meglio quali sono le tue necessità guardandole dalla giusta prospettiva.

Che il Signore ti dia lunga vita, Papa Francesco! Aggiungere parole sarebbe un obrobrio!


 

‘A vére prjèzze

Arrevate kuase d’a fine d’u munne,

kuanne d’a fenèstre de chjazza Sambbitre

parle, ke paróle sèmbblece è ssèmbbje

facele da tuttekuande kapì te faje

è a vvóte ‘a senzzazzjòne agghje

ka pròbbete a mmè t’arrevulggìje,

ka dritte dritte ò’ kóre mìje vaje.

Nge stace jurne ka ne mme maravegghjìje

k’i prése de pusezzjune è kk’i jèste tuje

mbbrevedibbel’è umane k’avvecine

a mmè te fanne sènde. Tu pe mmè sì

addevendate speranze p’u munne

ndére pekkè  kapì ce haje fatte

ka tutte l’avete sèmbbe nuje sime

è kka nd’i deffekurtà d’u kambbà

de tutte i jurne u kuragge avè

avarrimme de jì a ‘rréte a’ strate

d’a ‘mmóre de Ddìje p’a prjèzze trùuà

k’a rekkèzze maje dace, pure pekkè

kuanne a l’atu munne chjamate sime

u sudarje i sakke nenne ndéne.

La vera felicità

Giunto quasi dalla fine del mondo,

quando dalla finestra in Piazza S. Pietro

parli, con parole semplici ed esempi

facili da tutti ti fai capire

e a volte ho la sensazione

che proprio a me ti rivolgi,

che parli dritto al mio cuore.

Non c’è giorno che non mi stupisci

con le tue prese di posizione e i tuoi gesti

imprevedibili e umani che vicino

a me ti fanno sentire. Tu per me sei

diventato speranza per il mondo

intero perché ci hai fatto capire

che gli altri siamo sempre noi

e che nelle difficoltà della vita

di tutti i giorni il coraggio avere

dobbiamo di percorrere la strada

dell’amore di Dio per trovare la felicità

che la richezza mai dà, anche perché

quando nell’aldilà saremo chiamati

il sudario tasche non ne ha.


.


 

 
 
 

Otto marzo: Una festa tutta per te, Donna

Post n°96 pubblicato il 07 Marzo 2014 da pasquale.zolla

Otto marzo: Donne è tutto vostro

Ma la scena è la solita: Violenza e degrado continuano a deturparle. Sembra di vederle avvolte da un mondo di parole, proprio come avviene nel campo politico

La festa della donna che si celebra annualmente l’otto marzo serve solo a ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne e non le discriminazioni e le violenze di cui sono fatte oggetto continuamente in molte parti del mondo, compreso l’Italia.

Ogni anno si discute, si prospettano interventi anche legislativi per arginare il fenomeno di stupri e morte ammazzate che quasi giornalmente fanno da corollario alle tante insulse parole, per poi finire il giorno dopo nel dimenticatoio. Proprio come tutte le cose, soprattutto in Italia, quando vengono promesse dai politici. Chissa perché, finiscono sempre a carte quarantotto perché sono solo semplici parole che gli antichi latini hanno ben saputo fotografare: Verba volant!

L’iniziativa  fu presa per la prima volta nel febbraio del 1909 negli Stati Uniti su iniziativ del Partito Socialista americano.

L’anno seguente l’iniziativa venne raccolta da Clara Zetkin a Copenaghen durante la Conferenza Internazionale delle donne socialiste.

Durante la seconda Conferenza delle donne comuniste a Mosca (1921) viene confermata come unica data per le celebrazioni l’8 marzo in ricordo della manifestazione contro lo zarismo delle donne di San Pietroburgo nel 1917.

In alcuni Paesi si fa, invece, riferimento all’episodio in cui alcune operaie americane, chiuse in fabbrica dal padrone perché non partecipassero ad uno sciopero, persero la vita a causa di un incendio nel 1857.

In Italia e in altri Paesi si è fatto spesso riferimento a un rogo in una fabbrica di camicie del 1911 a New York, nel quale persero la vita 134 donne.

Per la festa delle donne nel 1946 venne scelta la mimosa come suo simbolo dalle organizzatrici delle celebrazioni romane che cercavano un fiore che fosse di stagione e che costasse poco, e lo trovarono appunto nella mimosa.

C’è chi afferma che la scelta fu quasi obbligata perché nei pressi della fabbrica bruciata nel 1908 cresceva proprio un albero di mimosa.

In realtà la mimosa è una delle poche piante che fiorisce all’inizio di marzo ed ha il vantaggio di essere poco costosa.

 

Fèmmene: tra tutt’i fjure ‘a cchjù bbèlle sì

Ȯtte de marze! Auàrde fóre

d’a fenèstr’è l’areve d’a memóse

ammeréje fjurute nda mille

sùle pecceninne sblennènnde

kum’a l’ucchje d’i fèmmene ka

arrjalèjene pace nd’u kambbà

de l’ummene. Fèmmene, ddelekate

pètele uduruse de m’minze

ka prufumèjene cile è ttèrre,

jènghene l’ucchje de mbbenite

è i kure d’ammóre. Nasscite

fjure è tra i tande site

i cchjù bbèlle. Mamme ka maje

ngannene, mugghjére k’akkudisscene

è rreverèjene, nu bbéne ka

a’ ‘kkurrènzze sanne addevendà

ammóre. D’è kattevèrje jate

tutulate è dd’ò munn’èsse stemate;

kure sènza pavure ka uffrite

perdune, alme mullèsske ka

arrjalate certèzze. Tanda ‘ùrje

ke tutt’u kóre è ssjìte sèmbbe

de bbunumóre pekkè site

è arrumanarrite dóce puvesìje

sóp’a stu munne da Ddìje vulute.

 

Donna: tra tutti i fiori la più bella sei

Otto marzo! Guardo fuori

dalla finestra e l’albero della mimosa

ammiro fiorita in mille

minuscoli soli sfavillanti

come gli occhi delle donne che

regalano pace nella vita

degli uomini. Donne, delicati

petali profumati d’immenso

che profumano cielo e terra,

riempiono gli occhi di infinito

e i cuori d’amore. Nascete

fiori e tra i tanti siete

i più belli. Mamme che mai

ingannano, mogli che accudiscono

e riveriscono, un bene che

all’occorrenza sanno diventare

amore. Dalle brutture andate

tutelate e dal mondo essere stimate;

cuori impavidi che offrite

perdono, anime fragili che

regalate certezze. Tanti auguri

con tutto il cuore e siate sempre

di buonumore perché siete

e rimarrete dolce poesia

su questo mondo volute da Dio.

 

 

 

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pasquale.zollaDJ_Ponhziraniero9perlao69fiorbelliniNordEst.10carolachenismatteogiobbegaetano561psicologiaforensesolemar_72norman.stansfieldMarquisDeLaPhoenixcile54ordinarymind
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom