Blog
Un blog creato da pasquale.zolla il 17/04/2012

pasqualezolla

Il blog di Pasquale Zolla

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

Rita: La Santa di ciò che è impossibile avere

Post n°140 pubblicato il 20 Maggio 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

Rita: la Santa della Rosa e della Spina

Santa Rita è una delle Sante più amate dalla gente che la sente molto vicina per la normalità della sua esistenza quotidiana e come sposa e come madre e come vedova e come suora agostiniana.

Giovanissima venne data in sposa ad un uomo collerico col quale ebbe due figli.

Il marito venne assassinato e, dopo qualche tempo, anche i figli seguirono il padre nella tomba.

Lei, però, non si abbandonò al dolore e al desiderio di vendetta, anzi perdonò gli assassini del marito e fece riappacificare la famiglia del consorte con gli assassini.

Entrò in convento e visse gli ultimi quarantanni di vita in contemplazione, penitenza e preghiera.

Quindici anni prima di morire, ricevette la “spina” della piaga del Signore che si stampò sulla sua fronte e che le procurò terribili dolori e sofferenze.

Avvenne il venerdì santo del 1432, dopo aver sentito un predicatore rievocare le sofferenze della morte di Gesù. Rimase a pregare davanti al crocefisso e chiese a Gesù di condividere almeno in parte le sue sofferenze.

Una delle spine della corona di Gesù finì sulla sua fronte e vi rimase fino alla sua morte.

Qualche mese prima della sua morte, in un nevoso giorno invernale, una parente le fece visita e nel congedarsi chiese alla Santa se desiderava qualcosa. Rita le rispose che avrebbe voluto una rosa dal suo orto.

Tornata a Roccaporena, la parente si recò nell’orto e grande fu la sua meraviglia nel vedere una bellissima rosa sbocciata. La colse e la portò a Rita.

Così Santa Rita divenne la Santa della Spina e della Rosa.

Prima di chiudere gli occhi per sempre, ebbe la visione di Gesù e di Maria che la invitavano in Paradiso.

Una consorella vide la sua anima salire al cielo, accompagnata dagli angeli, mentre le campane della chiesa si misero a suonare da sole e dalla sua camera si vide risplendere una luce luminosa, come se il sole vi fosse lì entrato.

Era il 22 maggio 1447!

Rita venne beatificata 180 anni dopo la sua morte e proclamata Santa a 453 anni dalla sua dipartita.

 

Sandarite: ‘a Patròne d’i kòse mbussibble

Kuanne ‘a nòtte asscènne Markòfje

è i bbrellòkke d’u cile, rrjale

d’u Seggnòre, urjendamind’è kkuragge

ce danne. Nd’i krise d’u kambà nu siggne

d’ammòre ka ce póde dà kuragge

è ffòrze sònne i Sande, appure

lóre dune d’u Seggnòre, siggne chjare

d’ammòre suje virze tutte nuje.

Rite, bbrellòkke d’u cile de prima

grannèzze, Patròne d’i kòse mbussibble,

ci’addummane de fà u bbéne pekkè

tuttekuande sime figghje de Ddìje

è cce ‘mmite a ‘ddevendà kum’a préte

nd’a féde è pperzeverande nd’a karetà

pe krèssce kum’a tatucce nd’u kambà

suciale ke chjéna respunzabbletà krestjane.

A Tè, Sandarite, k’haje patute

i kunzeguènze d’u òdje è haje

addemustrate kè ‘a manzuètutene

è u perdune sònne u sale d’a vére

justizzje, addummanne de ndreccède

prisse Ddìje affenghè tuttekuande

l’ummene ambarene a kambà

aùnute nd’u stèsse pagghjare, ke Kriste

uneke Pastóre, dind’a ‘unetà

d’u Patre, d’u Figghje è dd’u Spirde Sande.

 

Santa Rita: Patrona delle cose impossibili

Quando giunge la notte la luna

e le stelle, doni

del Signore, orientamento e coraggio

ci danno. Nelle crisi della vita un segno

d’amore che ci può dare coraggio

e forza sono i Santi, anche

loro dono del Signore, segni visibili

del suo amore verso tutti noi.

Rita, stella di prima

grandezza, Patrona delle cose impossibili,

ci chiede di fare il bene perché

tutti siamo figli di Dio

e ci invita a diventare saldi

nella fede e perseveranti nella carità

per crescere come fratelli nella vita

sociale con piena responsabilità cristiana.

A Te, santa Rita, che hai sofferto

le conseguenze dell’odio e hai

dimostrato che l’indulgenza

e il perodno sono il sale della vera

giustizia, chiedo di intercedere

presso Dio affinché tutti

gli uomini imparino a vivere

uniti nello stesso ovile, con Cristo

unico Pastore, nell’unità

del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

 


 


 


 

 
 
 

Maggio: mese mariano

Post n°139 pubblicato il 14 Maggio 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

Tornare a recitare qualche preghiera a Maria farebbe bene a tutti

Il mese di maggio è dedicato a Colei che, piena di bontà, ci protegge, ci ottiene dal suo divino Figliolo ogni sorta di perdono e ci trasforma in persone buone e desiderose di servire Dio e il prossimo.

Nel mondo intero vengono organizzate processioni con statue della Madonna, rosari, veglie di preghiera, consacrazioni e meditazioni.

Sono momenti che rimangono impressi nelle nostre menti e che ci stimolano a praticare la virtù e a essere migliori, proprio come è avvenuto per i tre pastorelli, a Cova da Iria, dove Maria apparve per la prima volta il 13 maggio 1917 per indicare loro e all’umanità tutta una vera aurora di tempi nuovi, di giorni sereni che la sua misericordia divina aveva preparato per tutti.

Ancora oggi echeggia il suo messaggio che chiedeva (e chiede) la conversione personale, il senso di responsabilità collettiva, la pratica della riparazione, la necessità della preghiera e la devozione al suo Cuore Immacolato.

In questo mese a Maria dedicato eleviamo la nostra mente e il nostro cuore a Lei attraverso la preghiera che non debba essere formata solo da tiritere imparate, ma anche con invocazioni mormorate soavemente, senza muovere le labbra, e Lei volgerà senz’altro il suo sguardo e il suo orecchio verso di noi per farci ottenere dal suo divino Figliolo la grazia di una vita serena  e riportare i nostri passi sulle orme del Cristo.

In questo mese a te dedicato, o Maria, va la mia preghiera!


Grazzjòn’a Vèrggene Marìje

Ȯ Marìja Vèrggene, ò’ kòre tuje

matèrne vènghe chjìne de fegghjale

feduce, i mbermetà mustranne

de l’alma mìje, i ngòsc’è i suffrènze

d’u kambà mìje. Passe sóp’a ggnune

de ghèsse nu uarde de kumbassjòne

è mmitte a lóre arremèdje

k’u tenerume d’i mane tuje,

m’mude ka pòzze akkussì seruì Tè

è agamarte ke tutte u kòre

è kke tuttekuand’u èssere mìje.

I delure mìje allevjìje

è ppurte st’alma mìje a’ lustre

è a’ kujéte, a ndò pòzze kandà

pe sèmbe ‘a meserekòrdja tuje.

È a ‘kkussì sìje!


Preghiera alla Vergine Maria

O Vergine Maria, al tuo cuore

materno accorro pieno di filiale

fiducia, mostrando le infermità

dell’anima mia, le afflizioni e le sofferenze

della mia vita. Passa sopra ognuna

di esse uno sguardo di compassione

e poni ad esse rimedio

con la tenerezza delle tue mani,

in modo che possa così servirti

ed amarti con tutto il cuore

e con tutto il mio essere.

Le mie pene allevia

e porta questa mia anima alla luce

e alla pace, dove possa cantare

in eterno la tua misericordia.

E così sia!



 

 
 
 

La Mamma: il bene più prezioso al mondo

Post n°138 pubblicato il 09 Maggio 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

Festa della Mamma: Un giorno assai importante

Le origini della Festa della Mamma sono da ricercarsi senz’altro nella prima metà degli anni cinquanta quando, in occasione di una manifestazione fieristica, il sindaco di Bordighera, Raul Zaccari, decise di dedicare una giornata di omaggi floreali alla mamma.

In seguito don Otello Migliosi, parroco di un paesino umbro, decise di dare a questa festa un significato più profondo e religioso, ponendo le mamme sotto la protezione di Maria, la madre di Gesù, che veniva ricordata l’8 maggio.

La festa della Mamma divenne ricorrenza civile ufficiale con la presentazione di un disegno di Legge nel 1958, per porre la figura della mamma al centro della famiglia e valorizzare la sua figura.

Oggi si festeggia la seconda domenica di maggio, ma in altri Stati si festeggia a marzo, in coincidenza della primavera (21); in Thailandia il 12 agosto, giorno di nascita della regina Sirikit Kitiyakara.

Oggi la Festa della Mamma rappresenta più che altro un’importante occasione commerciale.

Negli Stati Uniti questa ricorrenza è per volume d’affari la seconda dell’anno, dopo le festività natalizie. Ma è altrettanto vero che rappresenta un’occasione per poter dedicare un pensiero speciale alla propria mamma, mostrandole affetto e gratitudine.

Non è necessario spendere chissà cosa, basta un piccolo pensiero, anche un fiore per farle sentire tutto il nostro affetto.

A voi tutte, madri del mondo, un augurio di pace, gioia e serenità per l’Amore e la gentilezza che all’intera umanità dispensate.


Mamme

Mamme! ‘A paróle cchjù bbèlle éje

sópò musse d’u jènere umane.

Mamme! Cigghje d’ammòre, de perdune,

de kumbrenzjòne è dde  meserekòrdje.

Ȯggnèkkòse de tè parle pekkè éje

da tè ka pruén’a luvére releggiòne

d’u munne: l’Ammòre ka nen skòrde

nessciune; pane maravegghjuse

ka Ddìje devedéj’è mmulteplekéje

m’mude ka ggnune have ‘a parta suje.

A vuje tuttekuande mamme d’u munne

ka nunustande i prubbléme tenite

sèmbe ‘na rerute p’i figghje, i vrazze

arrapite p’i ‘kkògghje è  ddà lóre

kunzigghje è pparóle de kumbòrte,

i ‘ùrje mìje vògghje fà, pekkè ghèssse

mamme ‘a kòse cchjù bbèll’ò munn’éje!

Madre

Madre! È la parola più bella

sulle labbra del genere umano.

Madre! Sorgente d’amore, di perdono,

di comprensione e di misericordia.

Tutto in natura di te parla perché è

da te che proviene la vera religione

del mondo: l’Amore che non dimentica

nessuno; pane meraviglioso

che Dio divide e moltiplica

in modo che ognuno abbia la sua parte.

A voi tutte madri del mondo

che nonostante i problemi avete

sempre un sorriso per i figli, le braccia aperte per accoglierli e dar loro

consigli e parole di conforto,

voglio fare i miei auguri, perché essere

madre è la cosa più bella al mondo!


 

 


 

 
 
 

In occasione della supplica alla Madonna di Pompei

Post n°137 pubblicato il 06 Maggio 2015 da pasquale.zolla

La festa della Madonna del Rosario di Pompei

La devozione alla Madonna del Rosario nasce nel XIII secolo con la fondazione dell’ordine dei domenicani, che furono coloro che diffusero la pratica del Rosario.

Infatti San Domenico, nelle immagini, viene sempre raffigurato con la Vergine che gli dona il Santo Rosario.

La pratica del Rosario ebbe un nuovo impulso nella seconda metà del cinquecento per opera di Pio V che attribuì la vittoria della flotta cristiana contro i Turchi a Lepanto grazie all’intercessione della Vergine del Rosario.

Nella seconda metà dell’ottocento il beato Bartolo Longo edificò nella vallata di Pompei una Chiesa dedicata alla Madonna del Rosario, per elevare non solo culturalmente e spiritualmente la gente colà dimorante, ma offrire anche un riscatto civile e morale a chi viveva in grande miseria.

Ciò che era per pochi col tempo ebbe dimensione universale, perché non solo i cristiani ma tutta l’umanità hanno bisogno della misericordia di Dio, invocata tramite Maria, madre di misericordia, come viene ricordato nella supplica che l’otto maggio viene rivolta alla Regina del Santo Rosario: «Pietà vi prenda, o Madre buona, pietà di noi, delle anime nostre, delle nostre famiglie, dei nostri parenti, dei nostri amici, dei nostri fratelli estinti, e soprattutto dei nostri nemici. Misericordia per tutti, o Madre di Misericordia.»


Grazzjòne a’ Vèrgene d’u Sande Resarje

Ȯ Reggine d’u Sande Resarje

arrjalece ‘a matèrna tuje

prutezzjòne, ka vite jeneréje

è prjèzze dace a ki dind’a tè

kumbide. Ȯ Mamme ka è pite

sì state d’a Kròce, a ndò u Figghje

tuje i cigghje d’a passjòne have

nzuffrètte, purtece k’a mana tuje

nd’a kundemblazzjòne d’i mestére

de Ggesù pekkè nzeguènne u jì

Suje pure nuje akkapace

addevendà putime de kambà

ke ‘na chjéne despunebbeletà

i ‘vinde d’a ‘sestènza nòstre.

Ajutece a ci’arrapì a’ lustre

devìne pe ce kumburmà sèmbe

de cchjù ò’ Figghje tuj’è kkundemblà,

nu jurne, pe sèmbe ‘a faccia Suje  

nd’u Règgne d’a kujéte mbenite!

 

Preghiera alla Vergine del Santo Rosario

O Regina del Santo Rosario

donaci la tua materna

protezione, che genera vita

e dona pace a chi in Te

confida. O Madre che ai piedi

sei stata della Croce, dove il Figlio

tuo i dolori della passione ha

sofferto, guidaci

nella contemplazione dei misteri

di Gesù perché seguendo il cammino

Suo anche noi capaci

possiamo diventare di vivere

con piena disponibilità

gli eventi della nostra esistenza.

Aiutaci ad aprirci alla luce

divina per conformarci sempre

più al Figlio tuo e contemplare,

un giorno, in eterno il Suo volto

nel Regno della pace infinita!

 



 

 
 
 

1° Maggio: Festa dei disoccupati, casaintegrati e precari

Post n°136 pubblicato il 30 Aprile 2015 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

1° Maggio: Festa dei lavoratori senza lavoro

Il 1° maggio nacque come momento di lotta dei lavoratori per raggiungere obiettivi di miglioramento della propria condizione di vita.

«Otto ore di lavoro, otto di svago e otto per dormire», fu il motto coniato in Australia nel 1855 e condiviso da quasi tutti i movimenti sindacali del primo novecento.

Dal congresso dell’Associazione internazionale dei lavoratori riunito a Ginevra nel settembre del 1866, venne fuori la proposta concreta: «Otto ore come limite legale dell’attività lavorativa.»

Lo Stato dell’Illinois nel 1866 approvò una legge che introduceva la giornata lavorativa di otto ore e l’entrata in vigore avvenne il 1° Maggio del 1867, con una grande manifestazione a Chicago.

Il 1° Maggio divenne festa per tutti il 20 luglio 1889, durante il congresso della Seconda internazionale a Parigi.

Era una scelta simbolica in quando tre anni prima (1 maggio 1886) a Chicago una grande manifestazione operaia venne repressa nel sangue.

Il ricordo di quei morti divenne simbolo di lotta per le otto ore e veniva fatta rivivere nella giornata ad essi dedicata.

In Italia nel 1898 ci furono i “Moti del Pane” che terminarono tragicamente a Milano.

Ma il 1° Maggio, nei primi del novecento, si caratterizzò anche per la rivendicazione del suffraggio universale e per la protesta contro l’impresa libica e contro la partecipazione dell’Italia alla guerra mondiale.

Il 1° Maggio 1919 i metallurgici e altre categorie di lavoratori festeggiarono il conseguimento dell’obiettivo originario della ricorrenza: le otto ore di lavoro.

Durante il fascismo la festa del lavoro venne spostata al 21 aprile, giorno del cosidetto Natale di Roma, ma all’indomani della Liberazione, il 1° Maggio 1945, i lavoratori si ritrovarono nelle piazze in un clima di entusiasmo.

Due anni dopo il 1° Maggio venne funestato dalla strage di Portella della Ginestra, dove gli uomini del bandito Giuliano fecero fuoco contro i lavoratori che assistevano al comizio.

Dopo la spaccatura del sindacato, i lavoratori tornarono uniti in piazza a celebrare il 1° Maggio nel 1970 e continua ancora oggi, anche se la Festa del Lavoro viene celebrata senza lavoro!

 

‘A fatighe ògge u passate de kraje éje

L’òme nenn’éje pòvre kuanne ndéne

ninde, ma kuanne ne nfatighe pekkè

‘a fatighe ‘a nòj’u vizzj’è u bbesuggne

allundanéje. Cirte ‘a fatighe

nen pjace kuase kuase a nessciune,

appèrò éje sckitte nd’a fatighe

ka l’òme ‘a pussebbeletà téne

de se trùuà. Kòmbete éje de ki

gùuèrne ‘a fatighe trùuà, sckitte

akkussì ògge u passate se krjarrà

d’u kraje pekkè ‘a fatighe éje

u mizze cchjùmmègghje pe fà passà

u kambà. ‘A luvére lebbertà

d’òggnè òme èsiste ne mbóde

sènza sekurèzze èkunòmeke

è ndepennènze. ‘A ggènde k’a lópe

è ssènza fatighe paste addevendéje

p’i dettature. Pettande gògge

‘a grazzjòne k’avarrèmme agavezà

éje: «Ddìje mìje damme ‘a fatighe,

fenakkè u kambà mìje n’nze kunglude,

è u kambà, fenakkè ‘a fatiga mìje

nen nzìje a tèrmene purtate!»

Il Lavoro oggi è il passato di domani

L’uomo non è povero quando non ha

nulla, ma quando non lavora perché

il lavoro la noia il vizio e il bisogno

allontana. Certo il lavoro

non piace quasi a nessuno,

però è solo nel lavoro

che l’uomo ha la possibilità

di trovare se stesso. È compito di chi

governa trovare il lavoro, solo

così oggi si creerà il passato

di domani perché il lavoro è

il mezzo migliore per far passare

la vita. La vera libertà

individuale non può esistere

senza sicurezza economica

e indipendenza. La gente affamata

e senza lavoro diventa pasta

per le dittature. Pertanto oggi

la preghiera che dovremmo innalzare

è: «Dio mio dammi il lavoro,

finché la mia vita non si conclude,

e la vita, finché il mio lavoro

non sia finito!»



 

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

arte1245fugattoficcanasosalvatore.gislumil_0sybilla_cantropoeticopasquale.zollaIrrequietaDyulyusdesireeandersontiffany2021ritamilitovivi.a.napsicologiaforensemappe_riflesse
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom