Creato da Una_x_caso il 28/04/2008

IL CASO...CASO NN E'

pensieri confusi di un'adolescente troppo cresciuta

 

 

PRETI PEDOFILI....????

Post n°124 pubblicato il 07 Aprile 2010 da Una_x_caso
 

Leggo testualmente dall'ANSA:
"Le mancanze e gli errori di sacerdoti sono usate come armi contro la Chiesa"
e mi chiedo: cosa si aspettavano?
Gli applausi?
Parole di conforto?
Gesti di solidarietà?
Ma come possono pensare di aver comprensione dopo aver insabbiato, coperto e permesso a questi bastardi di agire indisturbati per anni rovinando la vita a degli esseri indifesi come i bambini?
I bambini... se ci penso mi prudono le mani!!!
I bambini hanno il diritto di crescere protetti dagli adulti, siano essi familiari, insegnanti, allenatori, conoscenti, amici, e invece?
Quante volte proprio da coloro che avrebbero il compito di educarli e sorvegliarli perchè non accada loro nulla di male si ritrovano ad essere aggrediti, violati, uccisi nell'anima?
Rabbrividiamo quando ad usare violenza è un genitore, scuotiamo la testa increduli quando si tratta di un insegnante, di un educatore, un istruttore, un vicino di casa, un amico di famiglia o un parente e, spesso, tutto ciò accade in un ambiente dove il degrado la fa da padrone... ma quando a compiere simili atti è un sacerdote? Un uomo di Dio?
Ecco, io non riesco ad essere indulgente e i motivi sono innumerevoli!
Un sacerdote che ha fatto la scelta di dedicare la sua vita alla preghiera, all'amore verso il prossimo come può infierire poi sui fanciulli che sono i prediletti da Dio per la loro purezza?
Come può predicare, sgridare chi è nel peccato e consumare il più grande peccato che possa esitere al mondo?
Sì, per me è il peccato più grave questo, specie per i sacerdoti!
Intanto perchè viene perpetrato ai danni dei bambini, esseri innocenti e puri incapaci di difendersi, poi perchè è un atto impuro, c'è l'aggravante della violenza fisica e psicologica (che considero un omicidio perchè chi viene abusato specie in tenera età muore dentro, per sempre...), senza considerare che vengono meno al voto di castità!
Si facessero un'amante consenziente avrebbero tutta la mia comprensione, se anche avessero rapporti omosessuali nulla di grave, anche quelli sarebbero accettabili, significherebbe che probabilmente la loro "scelta vocazionale" sarebbe stata dettata dalla paura di ammettere a se stessi e agli altri di avere un'identità sessuale per loro inaccettabile che non avrebbero poi saputo tenere a freno... ma sarebbero soltanto fatti loro, problematiche condivisibili, comprensibili...
Ma i bambini no!
A pensarci a mente fredda vengono i brividi: il luogo dove un genitore dovrebbe sentire più al sicuro il proprio figlio trasformato nel luogo più orrendo!
Non c'è pietà, nè per chi ha abusato, nè per chi ha permesso che gli abusi avvenissero per anni grazie alla copertura di superiori compiacenti, ed è giusto che sia così!
Gli uomini di Chiesa gridano allo scandalo per gli omosessuali, per le coppie separate o conviventi, per la mancanza di moralità che si registra in questi ultimi anni e adesso vorrebbe "comprensione" dai non addetti ai lavori?
Troppo comodo!
Avrebbero dovuto esser loro a gridare allo scandalo in questi casi per primi, avrebbero dovuto scomunicare e gettare fuori dalla Chiesa queste mele marce e occcuparsi del recupero psico/fisico degli abusati anzichè promuoverli a incarichi superiori spostandoli di sede e permettendo che gli abusi continuassero altrove, che altri bambini venissero rovinati per sempre da bestie perverse come i preti pedofili...
Chi di spada ferisce di spada perisce... sarebbe ora che accadesse...
Quanto alla Chiesa... se prdica ipocrisia raccolga ciò che ha seminato... e non mi vengano a dire " sono uomini, non sono infallibili" perchè non sono uomini comuni, dovrebbero essere d'esempio, ne hanno la piena responsabilità!

"LASCIATE CHE I FANCIULLI VENGANO A ME..."
(qualcuno avrà male interpretato!!!!)

 
 
 

BUONA RINASCITA!

Post n°123 pubblicato il 03 Aprile 2010 da Una_x_caso

In questo tempo di primavera e di Pasqua auguro a tutti quanti una buona rinascita: possiate tutti far morire dentro di voi quanto vi opprime, vi angustia, vi tormenta perché il nuovo possa emergere.

Talvolta siamo noi, ancorandoci al passato, che non ci permettiamo di rinascere a nuova vita; tante volte ritornare indietro, seppur con i ricordi, é il limite per proiettarci verso il nuovo che, essendo inesplorato, ci spaventa; tante volte la sicurezza di un passato che conosciamo ci impedisce di vivere un presente meraviglioso.

Possiate tutti quanti rinascere a nuova vita!

Ringrazio tutti coloro che mi hanno inviato messaggi ai quali nn ho risposto: me ne scuso e mi spiace ma non ho molto tempo da dedicare a questo spazio, non più adesso...

Un abbraccio a tutti quanti

 
 
 

VERITA': UNA O TANTE?

Post n°122 pubblicato il 28 Gennaio 2010 da Una_x_caso
 
Foto di Una_x_caso

Da Wikipedia leggo testualmente:
"Col termine verità si indicano una varietà di significati, che esprimono un senso di accordo con la realtà, e sono in genere collegati col concetto di onestà, buona fede e sincerità. Non c'è una definizione univoca su cui la maggior parte dei filosofi di professione e gli studiosi concordino, e varie teorie e punti di vista della verità continuano ad essere discussi.

I principali argomenti di dibattito riguardano la definizione e l'identificazione della verità, e la questione se la verità sia qualcosa di soggettivo, relativo, oggettivo, o assoluto."

IL MIO PENSIERO:
Ritengo che qualsiasi teoria o convinzione condivisa dalla maggior parte degli esseri umani viene considerata come VERITA' ASSOLUTA UNIVERSALMENTE RICONOSCIUTA (vedi leggi morali).
Ma effettivamente è così?
La verità è una sola o sono tante le verità quanti sono gli esseri umani provvisti di pensiero?
Le teorie in cui credo, supportate e appoggiate da studiosi, possono darmi la convinzione di aver trovato la strada della verità e posso farmi promotrice del mio pensiero per cercare di aprire gli occhi a chi, secondo me, ha imboccato una strada sbagliata... ma dall'essere convinta di qualcosa al considerarla "verità", secondo me, ce ne vuole!
Quella potrebbe essere la "mia verità" e anche la verità di altri che la pensano come me ma non è detto che sia la verità del genere umano!
Lo scibile non appartiene a un gruppo di eletti e in qualsiasi altra parte del mondo un altro essere umano può essere fermamente convinto di aver raggiunto la verità per aver condotto altrettanti studi, aver fatto analisi e aver letto migliaia di libri che gli hanno confermato la "sua verità"!
E allora, dove sta la "verità"? (mmmmm.... che bisticcio di parole!)
La conclusione a cui sono pervenuta è quella possibilista: considero le cose in cui credo solo come una "possibile verità" e voglio aprirmi alla conoscenza sentendo altre campane, ascoltando altre versioni senza rifiutarmi a priori di poter accettare che abbiano anch'esse un fondo di verità.
Una persona con cui stasera  ho ampiamente dibattuto sull'argomento ritiene che la mia sia una scelta"di comodo" per non prendere una posizione da difendere a spada tratta... io ritengo sia rispetto per il pensiero altrui che posso non condividere, al quale posso ribattere più o meno in modo acceso ma senza mai perdere di vista una cosa essenziale: nessuno di noi è depositario della verità!

IL VOSTRO PENSIERO?
Passo la mano...

 
 
 

27 GENNAIO: GIORNATA DELLA MEMORIA

Post n°121 pubblicato il 27 Gennaio 2010 da Una_x_caso
 
Foto di Una_x_caso

Non possiamo permetterci il lusso di lasciar cadere nell'oblìo la tremenda esperienza di milioni di ebrei, la loro sofferenza, il loro sacrificio...

L'insana follia di menti contorte, come quelle dei nazisti, che di umano dimostrarono ben poco...

Come si può, dinanzi allo sguardo dolce di un bambino, non provar dentro solo la normalissima voglia di proteggerlo?

Le mani dei nazisti si sollevavano invece a picchiarli, affamarli, assetarli, a far su loro esperimenti, a sottoporli a lavori pesanti privandoli del loro naturale diritto di essere educati, coccolati, amati dai genitori...

Tatuati perchè avessero un numero al posto di una identità ancora in fieri...

Che tristezza...

E il dolore è e deve rimanere vivo, il ricordo non deve mai affievolirsi perchè certi orrori non abbiano più a ripetersi...

 
 
 

OMOSESSUALITA': CONDIZIONE IRREVERSIBILE O NO?

Post n°120 pubblicato il 18 Gennaio 2010 da Una_x_caso
Foto di Una_x_caso

Ho sempre pensato e creduto che la natura, nell'affidare a ciascuno di noi un'identità sessuale, si sia sbizzarita a scegliere per noi quella maschile o quella femminile, non tenendo conto se essa fosse realmente in linea con il corpo che ci ritrovavamo, quindi poteva accadere che un essere fisicamente uomo potesse ritrovarsi  indiscriminatamente portatore di un'identità sessuale maschile (e quindi eterosessuale) o femminile (e quindi omosessuale) e che un essere fisicamente donna potesse ritrovarsi nella condizione di essere portatrice dell'identità sessuale femminile (eterosessuale) o maschile (e quindi omosessuale).

Quindi, secondo il mio pensiero, era solo la casualità a determinare l'orientamento sessuale di ciascuno di noi e mai mi ha sfiorato l'idea che essere omosessuale equivalesse ad essere pervertito sessualmente, per me quella condizione risultava irreversibile e naturale...

Qualcuno, andando indietro nei ricordi, faceva notare che un tempo non c'era il gran numero di omosessuali che esistono oggi ma, secondo me, questo non poteva essere assolutamente un parametro cui far riferimento in virtù del fatto che il pesante giudizio, il clima di intolleranza e l'accanimento contro questi individui fossero ottimi deterrenti per vivere una vita contro natura e decidere di dare un'immagine di sè conforme a ciò che veniva imposto dalla società... in poche parole "la società non mi accetta, non me la sento di oppormi e di lottare contro tutto e tutti, preferisco vivere da eterosessuale, almeno agli occhi di tutti..."; se poi, di nascosto, questi potevano esprimere se stessi secondo la loro naturale inclinazione, tanto di guadagnato!

Purtroppo la diversità incute terrore, chi non è come noi ci spaventa molto spesso e preferiamo non averci a che fare: lo straniero, l'omosessuale, il diversamente abile (e non handicappato) ci crea imbarazzo perché non siamo abituati, dall'educazione ricevuta, a rapportarci in maniera serena con loro... e i fatti di cronaca degli ultimi giorni non fanno che avvalorare questa tesi...

E quindi, anzichè tendere ad esplorare mondi diversi cercando di cogliere la ricchezza che esseri diversi da noi possono offrirci, si tende a denigrare, a valutare il diverso guardandolo come uno svantaggio e non come una risorsa in più!

Ma qualche tempo fa una persona molto in gamba nel campo educativo, a proposito dell'argomento ha tirato fuori una teoria che fa completamente a pugni con il mio pensiero, sostenendo che l'omosessualità è frutto di condizionamenti esterni che possono intervenire nella nostra psiche addirittura nel ventre materno e che quindi é una condizione reversibilissima se l'individuo in questione si sottoponesse ad una sorta di lavoro di analisi interiore che lo portasse a scavarsi dentro e a ricercare i motivi intrinseci della "scelta" di una sessualità non conforme al suo essere fisico.

Mi chiedo  questo punto: gli omosessuali fanno una gran fatica in prima istanza per accettare la propria identità "sbagliata" e, successivamente, per farsi accettare dagli altri, a partire dai familiari... perchè dovrebbero impiegare le loro energie in questo modo e non diversamente per "recuperare" l'idntità vera che li porrebbe in una situazione di omologazione e di tranquillità perenne?

Perchè non si sente parlare di terapie psicologiche o neuropsichiatriche valide in tal senso?

Perchè i genitori devono faticare ad accettare questi figli "diversi" quando sarebbe molto più semplice per loro indirizzarli a ritrovarsi evitando chiacchiere, commenti ed umiliazioni inutili?

Io non sono per nulla convinta ma mi piacerebbe tanto conoscere il parere altrui su questa questione tanto delicata...

E mando un bacione ai miei amici gay che sono semplicemente stupendi perchè hanno una sensibilità fuori dall'ordinario che li rende "diversi" perchè veramente "SPECIALI"

 

 

 

 
 
 
Successivi »
 

RELAX...TAKE IT EASYYYYYYYYY

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ginorosspinoesposito58vittimarianom.cristina61intheoriavaleriatorresinobell2358adoroleautoluana.randazzoroberta.agrariomonsterdgl8Cleo412psicologiaforenseimmacolata.circoscarabocchietta_t
 

ULTIMI COMMENTI

Mii le panelle, una delle cose più buone al...
Inviato da: mickeyhogan
il 07/09/2011 alle 04:29
 
Ciao bella, scusa se rispondo solo adesso ma non mi collego...
Inviato da: Una_x_caso
il 25/08/2010 alle 17:37
 
buongiorno e buon inizio di settimana! Roberta.
Inviato da: kao0
il 19/07/2010 alle 07:35
 
ciao buon fine settimana!
Inviato da: kao0
il 09/07/2010 alle 17:47
 
è uno schifo, spero davvero che questa volta li puniscano...
Inviato da: kao0
il 29/06/2010 alle 17:39
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

LADROCINIO AUTORIZZATO!

QUESTO CAGNOLINO L'HO RUBATO A conrad_2007

 

CASSATA SICILIANA: VE FACCIO MORIREEEEEEEE!!!!

 

SFINCI IN SERIE:

SFINCI DI SAN GIUSEPPE

SFINCI DI PATATE

SFINCI DI RISO

 

CANNOLIIIIIIIIIIIIIII

 

CASSATELLE DI RICOTTA (ALIAS RAVIOLI)

 

FRUTTA MARTORANA

Dolcetti di marzapane

 

DAL DOLCE AL SALATO: SFINCIONEEEEEEEEEEEE

 

PANELLE E CAZZILLI (ALIAS CROCCHE')

 

PANE CA MEUSA!!!

 

ARANCINI

 

VIA CON LA ROSTICCERIA:

Rollò con wurstel o salumi

Calzone al forno

Pizzette

Arancini al burro e prosciutto

Calzoni al prosciutto fritti

Crostini (prosciutto o funghi o salmone, ecc.)

Pezzi assortiti con spinaci,

prosciutto, salumi, salse