Pensieri in Cucina

"Nella ricetta c'è tutto ....tranne l'essenziale" - (G.Marchesi)

 
 

ON LINE

 

ISTRUZIONI PER L'USO

Fate CLICK sulle foto per ingrandirle !!

 

ULTIME VISITE AL BLOG

spinelli51navyengineervolpelorettaDIAMANTE.ARCOBALENOflaviagarrosossosharkEle88iptarcentopostaladykawasakiluisasalomitigrottaTobagarospo.74gloria751malgeri.fabriziociro1000
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

Grazie!
Inviato da: Recettes d'agneau
il 03/09/2013 alle 11:14
 
Grazzie!
Inviato da: Blog tendresse
il 31/07/2013 alle 09:25
 
Grazie Giorgia!! Mi impegneró a farlo, promesso!!
Inviato da: lucio.colizzi
il 10/03/2013 alle 15:01
 
Ciao Lucio! è da un pó che t seguo su ABC e volevo farti...
Inviato da: Giorgia
il 08/03/2013 alle 18:28
 
Ottimo abbinamento Ciccio!!! Ciao e grazie per aver...
Inviato da: lucio.colizzi
il 01/08/2012 alle 09:17
 
 

SECONDI 1

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo blog fa parte del gruppo i migliori blog! (ricette di cucina)

 

 

« Zuppa di farro ai tre gustiInsalata di riso, pollo,... »

Tiella di patate, carciofi e salsiccia alla ricotta “schianta”

Post n°25 pubblicato il 19 Febbraio 2009 da lucio.colizzi
 

La ricotta “schianta” o “scante” o “usquante” o ricotta forte, o come cavolo la volete chiamare è forse uno dei derivati del latte più tipici del Salento. So che viene prodotta anche in alcuni pesi della Basilicata, ma noi non lo diciamo….

Ha un sapore forte, appunto, e deriva dal processo di acidificazione della ricotta di pecora. Una golosità per pochi, ve l’assicuro.

Per fare questo piatto, avete pertanto bisogno di questa ricotta, che praticamente si presenta come una massa spalmabile, dal profumo intenso e dal sapore che risveglierebbe Alessandro Magno.

Se proprio non volete fare a meno di rifare questo piatto, potete comprare la ricotta forte tramite internet, e conservarla in frigo. Si mantiene tranquillamente per mesi.

 Vi servono anche dei carciofi, e già che ci stiamo se riuscite a procurarvi i carciofelli di Brindisi, diciamo che avrete sposato appieno la territorialità del piatto che, seppur inventato di sana pianta da sottoscritto, sa proprio di Puglia, o meglio di Salento…il Grande Salento!

 Vabbò è facile facile, tanto che vi racconto come è nato:

-         mia moglie: che si mangia stasera?

-         Io: mbo! Che c’è in frigo?

-         Mia moglie: vediamo umn…niente giusto sti quattro carciofi che hai portato da Brindisi ieri.

-         Io: che per caso c’è della salsiccia in congelatore ?

-         Mia Moglie: si c’è quella speciale che ci ha dato Simone (è il nostro macellaio di fiducia)

-         Io: mi scappa qualcosa da fare in forno…..se c’è della ricotta schianta (io la chiamo così) avrei un’ideuzza…..vediamo un po’ andiamo in cucina

 Un piatto nato così non può che essere semplice!!

 Praticamente in una coppa con tanta acqua ci metto dei limoni tagliati a metà ed in bicchiere di aceto. Pulisco i carciofi (mettendoli nell’acqua acidulata per non farli annerire), li taglio in due ed elimino la barbetta centrale, dopo di che li taglio a julienne e li salto in padella con olio extra e due spicchi d’aglio leggermente schiacciati per 15 minuti bagnando con del brodo vegetale se si dovessero asciugare troppo.

In una seconda padella salto la salsiccia, sempre con un cucchiaio di olio extra, tagliata a tocchetti dopo aver eliminato il budellino. Sfumo alla fine con mezzo bicchiere di vino bianco.

Infine unisco i carciofi e la salsiccia continuando a saltare il tutto sul fuoco per far amalgamare i sapori giusto due minuti.

 In una coppa stempero con un cucchiaio di brodo vegetale 300 grammi di ricotta di pecora con due belle cucchiaiate di ricotta schianta. Amalgamo bene la ricotta ottenuta con i carciofi e salsiccia ed un paio di uova. Aggiungo una mulinellata di pepe nero. Ho ottenuto così il ripieno per la mia tiella.

 Ungo con un cucchiaio di olio il fondo di una terrina di terracotta, e fodero la base con fette sottilissime di patata. Verso poi il ripieno e copro con un secondo strato di fette di patate.

Aggiungo un filo d’olio sulla superficie e spolvero con pecorino, parmigiano e pane grattugiato.

 Via in forno a 180 gradi per venti minuti piu altri 5 minuti al massimo con il solo grill accesso.

 Miiiiii il profumo è arrivato anche per strada…..

Alla prossima

 

 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: lucio.colizzi
Data di creazione: 27/12/2008
 

FOTOGRAFIA GASTRONOMICA

Il mio piatto dal titolo "Il Porcino di Mare" ha vinto il concorso nazionale fotografia gastronomica "anche l'occhio" 2007.

Il Porcino di Mare

 






 





 

 





 





 





 
 




 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30