Creato da patty1_mah il 02/10/2007

Sottouncielodistelle

Ai confini dell’infinito, dove cielo e terra si prendono per mano

 

Messaggi di Ottobre 2017

.

Post n°11001 pubblicato il 31 Ottobre 2017 da patty1_mah

Fa attenzione a ciò che tolleri troppe volte, rimanendo in silenzio e pensando che stai soltanto comprendendo chi è diverso da te. La tolleranza ci mette poco a diventare umiliazione.
Serena Santorelli


Non sei tu che mi hai perso....è stata la tua voglia di non vivermi...a farmi allontanare da te.....

(Roberto Boda )


"Sentire di non essere mai compresi veramente: anche questo è solitudine."

Giovanni Soriano

 
 
 

.

Post n°11000 pubblicato il 31 Ottobre 2017 da patty1_mah

Tu non sei gli anni che hai, ma sei i tuoi sogni....ricordalo sempre...

.l'età è solo un numero.

 
 
 

.

Post n°10999 pubblicato il 30 Ottobre 2017 da patty1_mah

 
 
 

.

Post n°10998 pubblicato il 30 Ottobre 2017 da patty1_mah

Quando tu guarderai il cielo, la notte, visto che io abiterò in una di esse, visto che io riderò in una di esse, allora sarà per te come se tutte le stelle ridessero.
Tu avrai, tu solo, delle stelle che sanno ridere!"
E rise ancora.
"E quando ti sarai consolato (ci si consola sempre), sarai contento di avermi conosciuto.
Sarai sempre il mio amico.
Avrai voglia di ridere con me.
E aprirai a volte la finestra, così, per il piacere...
E i tuoi amici saranno stupiti di vederti ridere guardando il cielo.
Allora tu dirai: "Sì, le stelle mi fanno sempre ridere!" e ti crederanno pazzo.
"T'avrò fatto un brutto scherzo..."
E rise ancora.
"Sarà come se t'avessi dato, invece delle stelle, mucchi di sonagli che sanno ridere...

(Il piccolo principe - Antoine de Saint-Exupéry)

 
 
 

.

Post n°10997 pubblicato il 30 Ottobre 2017 da patty1_mah

E allora lei rise, era la prima volta che la vedevo ridere, e tu lo sai bene, Andersson, com'è Jun quando ride, non è che uno può star lì e far finta di niente, se c'è Jun che gli ride lì davanti è chiaro che uno finisce per pensare se io non bacio questa donna impazzirò.
E io pensai: se non bacio questa ragazza impazzirò.

(Alessandro Baricco)

Il buio e l'attesa hanno lo stesso colore.
La ragazza, che un giorno sarà seduta nell'oscurità come in una poltrona, ne avrà avuto a sufficienza dell'uno e dell'altra per averne paura.
Avrà imparato fin troppo bene e a sue spese che la vista a volte non è un fatto esclusivamente fisico ma mentale.

(Giorgio Faletti - Niente di vero tranne gli occhi)



 
 
 

.

Post n°10996 pubblicato il 30 Ottobre 2017 da patty1_mah

Ho imparato...
Che ignorare i fatti non cambia i fatti.
Ho imparato...
Che quando vuoi vendicarti di qualcuno lasci solo che quel qualcuno continui a farti del male.
Ho imparato...
Che l'amore, non il tempo guarisce le ferite.
Ho imparato...
Che il modo più facile per crescere come persona è circondarmi di persone più intelligenti di me.
Ho imparato...
Che quando serbi rancore e amarezza la felicità va da un'altra parte.
Ho imparato...
Che un sorriso è un modo economico per migliorare il tuo aspetto.
Ho imparato...
Che quando tuo figlio appena nato tiene il tuo dito nel suo piccolo pugno ti ha agganciato per la vita.
Ho imparato...
Che tutti vogliono vivere in cima alla montagna ma tutta la felicità e la crescita avvengono mentre la scali.
Ho imparato...
Che è meglio dare consigli solo in due circostanze: quando sono richiesti e quando ne dipende la vita.
Ho imparato...
Che la miglior aula del mondo è ai piedi di una persona anziana.
Ho imparato...
Che quando sei innamorato, si vede.
Ho imparato...
Che appena una persona mi dice, "mi hai reso felice! ", ti rende felice.
Ho imparato...
Che essere gentili è più importante dell'aver ragione.
Ho imparato...
Che non bisognerebbe mai dire no ad un dono fatto da un bambino.
Ho imparato...
Che posso sempre pregare per qualcuno, quando non ho la forza di aiutarlo in qualche altro modo.
Ho imparato...
Che non importa quanto la vita richieda che tu sia serio... Ognuno ha bisogno di un amico con cui divertirsi.
Ho imparato...
Che talvolta tutto ciò di cui uno ha bisogno è una mano da tenere ed un cuore da capire.
Ho imparato...
Che la vita è come un rotolo di carta igienica... Più ti avvicini alla fine, più velocemente va via.
Ho imparato...
Che dovremmo essere contenti per il fatto che Dio non ci dà tutto quel che gli chiediamo.
Ho imparato...
Che i soldi non possono acquistare la classe.
Ho imparato...
Che sono i piccoli avvenimenti giornalieri a fare la vita così spettacolare.
Ho imparato...
Che sotto il duro guscio di ognuno c'è qualcuno che vuole essere apprezzato e amato.
Ho imparato...
Che il signore non ha fatto tutto in un giorno solo. Cosa mi fa pensare che io potrei?
Ho imparato...
Che ogni persona che incontri merita d'essere salutata con un sorriso.
Ho imparato...
Che non c'è niente di più dolce che dormire coi tuoi bambini e sentire il loro respiro sulle tue guance.
Ho imparato...
Che nessuno è perfetto, fino a quando non te ne innamori.
Ho imparato...
Che la vita è dura, ma io sono più duro.
Ho imparato...
Che le opportunità non si perdono mai, qualcuno sfrutterà quelle che hai perso tu. Che desidererei aver detto una volta in più a mio padre che lo amavo, prima che se ne andasse.
Ho imparato...
Che ognuno dovrebbe rendere le proprie parole soffici e tenere, perché domani potrebbe doverle mangiare.
Ho imparato...
Che non posso scegliere come sentirmi, ma posso scegliere cosa fare con queste sensazioni.

Lavora come se non avessi bisogno dei soldi
ama come se nessuno ti avesse mai fatto soffrire
balla come se nessuno ti stesse guardando
canta come se nessuno ti stesse sentendo.

(Paulo Coelho)

 
 
 

.

Post n°10995 pubblicato il 30 Ottobre 2017 da patty1_mah

Non ti do nessuna colpa,tu sei così.

Sono io che ho sbagliato.
Ho pensato che con me avresti potuto imparare ad amare.
Invece non ne sei capace perchè pensi solo ai tuoi gesti,ti concentri su quello che fai,su quello a cui rinunci.
Tu le rinunce degli altri nemmeno le vedi.
Credi che sia facile stare con te?
Sappi che starti accanto è faticoso.
Non sai quanti pensieri,quanti attese,quante delusioni,quante lacrime,quanti pianti.
Tutti in silenzio.
Tu hai schiacciato tutte le mie emozioni.
Sei così preso da te stesso che nemmeno ti accorgi di tutto quello che una persona sopporta per stare con te.

Fabio Bonetti


 
 
 

.

Post n°10994 pubblicato il 30 Ottobre 2017 da patty1_mah

Le coglione come me, di solito, tacciono.
Tacciono quando sono felici, perché hanno paura di disturbare le tristezza altrui.
Tacciono quando sono tristi, perché hanno paura di rovinare un bel momento agli altri.
582015_499223393425810_487950439_n.jpgLe coglione come me tacciono soprattutto quando si incazzano, quando trovano che qualcosa non sia giusto, quando si sentono schiacciate, attaccate o non comprese.
Le coglione come me arrivano ad un certo punto in cui si guardano allo specchio e si dicono:
“da oggi si cambia, da oggi non si tiene più tutto dentro”.
E lo fanno, lo fanno sul serio.
Dicono che sono felici e gli viene risposto:
“Beata te, io ho una vita di merda.”
Dicono che sono tristi e gli viene risposto:
“Dai, via… ti passerà. Ne possiamo parlare dopo?”
Si ribellano, provano ad esprime la propria opinione, a difendersi e cosa si sentono dire?
“Oddio, stai calma! Stavo scherzando…che pesantezza!”
O peggio:
“Certo che sei una stronza eh!”
Le coglione come me non reggono a sentirsi cattive, nemmeno per un minuto.
Le coglione come me sono fatte per sfogarsi contro i muri, per abbracciare chi piange, per ridere quando qualcuno ride.
Le coglione come me, (cercherò di non bestemmiare), si sentono in colpa per qualsiasi sentimento stiano provando.
Cogliona. Cogliona.
COGLIONA.


 
 
 

.

Post n°10993 pubblicato il 29 Ottobre 2017 da patty1_mah

E’ inutile continuare a ripetere che ci si salva da soli.
Non è vero.
Non credeteci, è la solita balla che vi dicono solo per farvi sembrare più forti.
Non ci si salva da soli.
Non si dorme da soli.
Non ci si abbraccia da soli.
C’è bisogno di qualcuno che ci salvi, che ci scaldi tra le lenzuola, che ci abbracci.
Sempre.

- Tumblr

 
 
 

.

Post n°10992 pubblicato il 29 Ottobre 2017 da patty1_mah

 
 
 

.

Post n°10991 pubblicato il 29 Ottobre 2017 da patty1_mah

Forse attendo invano, ma spero in un “mi manchi” che mi accarezzi l’anima.

Gustave Flaubert

 
 
 

.

Post n°10990 pubblicato il 29 Ottobre 2017 da patty1_mah

Mi sono sentita come se avessi perso tutto, e volevo morire. Per te ho ricominciato a vivere, a dipingere, ad essere felice, a mangiare meglio per essere forte così che tu potessi trovarmi bella, un po’ nel modo in cui ero prima, ma adesso sono di nuovo così triste che non voglio fare niente, non voglio vedere nessuno e ancora una volta sono in uno stato di solitudine che non c’è modo di descrivere.

Frida Kahlo

 
 
 

.

Post n°10989 pubblicato il 28 Ottobre 2017 da patty1_mah

Forse non è giusto, ma a volte ciò che succede in un solo giorno, può cambiare un'intera vita.

K. Hosseini


Scelgo le persone per come mi fanno sentire
e non per quello che mi possono offrire.

Cit

 
 
 

.

Post n°10988 pubblicato il 28 Ottobre 2017 da patty1_mah

PENSIERO CHE DEDICO A TE

Lo dedico a te che stai leggendo.
a te che hai mille e piu' pensieri...
a te che (come me ) hai voglia di una parola dolce e di qualche attenzione...
lo dedico a te che sembri felice anche quando dentro non lo sei
e avresti voglia di piangere ma non lo fai per paura di disturbare...
a te che mi vuoi bene...
a te che sei speciale e forse non ti viene detto molto spesso o quasi mai...
lo dico proprio a te : "
io ci tengo a te e ti staro' sempre vicino.
.(WEB)


 
 
 

questo è un grande uomo

Post n°10987 pubblicato il 27 Ottobre 2017 da patty1_mah

Magiko7
3 ore fa
Magiko7
  AGGIUNGI   SBLOCCA
solo le teste da vecchia sfigata mettono gli altri in IU e quindi che vieni a fare in chat?
ma tanto coi fessi è inutile parlare.
Ti auguro la rogna la peste la candida e la diarrea.
babbiona
sei scema

 
 
 

.

Post n°10986 pubblicato il 27 Ottobre 2017 da patty1_mah

Di occhi belli ne è pieno il mondo ma di occhi che ti guardano con sincerità e amore ce ne sono pochi.

 Bob Marley

L'immagine può contenere: cane e spazio all'aperto

 
 
 

.

Post n°10985 pubblicato il 26 Ottobre 2017 da patty1_mah

dal web
COSA NON HA PREZZO?
NON HA PREZZO!
Poteva essere una mattina come un’altra...
Un uomo scende nella stazione della metro di New York. Indossa jeans, camicia e berretto. Si siede vicino all’ingresso. Prende il violino dalla custodia e comincia a suonare con entusiasmo per la folla in transito nell’ora di punta mattutina.
Per i 45 minuti durante i quali suonò, fu praticamente ignorato dai passanti.
Nessuno lo sapeva, ma il musicista era Joshua Bell, uno dei più grandi violinisti del mondo, che eseguiva brani di musica sacra, con uno strumento rarissimo, uno Stradivari del 1713, stimato più di 3 milioni di dollari.
Qualche giorno prima, Bell aveva suonato nella Symphony Hall di Boston, dove i migliori posti costavano la bazzecola di mille dollari.
L’esperienza nella metro, registrata in un video, mostra uomini e donne che camminano veloci, bicchiere di caffè in mano, cellulare all’orecchio, INDIFFERENTI AL SUONO DEL VIOLINO.
L’iniziativa, realizzata dal giornale The Washington Post, era di lanciare un dibattito sul valore, contesto e arte.
La conclusione è che siamo abituati a dare valore alle cose, quando sono in un preciso contesto.
Bell, nella metro, era un’opera d’arte seza cornice. Un lavoro di lusso senza etichetta di marca.
Questo è un esempio di quelle tante situazioni che accadono nelle nostre vite, che sono uniche, singolari e alle quali non diamo importanza, perché non vediamo l’etichetta del prezzo.
Dopo tutto, che cosa ha valore per noi, independentemente dai marchi, prezzi e marche? È il mercato che decide ciò che possiamo avere, sentire, vestire o essere?
Sarà che i nostri sentimenti e il nostro apprezzamento della bellezza sono manipolate dal mercato, dai media e dalle istituzioni che detengono il potere finanziario? Sarà che valorizziamo solo quello che ha l’etichetta con il prezzo?
Una società di carte di credito sta investendo, da qualche tempo, in una propaganda dove, dopo aver mostrato vari articoli, con i suoi rispettivi prezzi, presenta una scena affettuosa, di allegria e informa: NON HA PREZZO!
È questo che dobbiamo imparare a valorizzare. Una cosa che non ha prezzo, perché non si compra.
Non si compra l’amicizia, l’amore, l’affetto. Non si compra la dedizione, gli abbracci e i baci. Non si compra il raggio di sole, nemmeno le gocce di pioggia.
La canzone del vento che passa sibilando nel tronco cavo di un albero è gratis. Il bambino che corre, spontaneo, al nostro incontro e si appende al nostro collo, non ha prezzo.
L’abbraccio, intorno al nostro collo non è in vendita in alcuna gioielleria. E il calore che trasmette dura quanto durerà la nostra memoria. L’aria che respiriamo, la brezza che scompiglia i nostri capelli, il verde degli alberi e il colore dei fiori ci sono stati donati gratuitamente. Pensiamoci e approfittiamo di più di tutto quello che è alla nostra portatata, senza prezzo, senza brevetto registrato, senza etichetta di marca. Godiamoci i momenti di tenerezza che gli amori ci offrono, intensamente, comprendendo che la manifestazione d’affetto è sempre unica, straordinaria, speciale.
Stiamo più attenti a quello che ci circonda, e siamo grati per quello che ci viene offerto, e sentiamoci felici, fin da oggi, mentre il giorno ci sorride e il sole sparge la luce nel nostro cuore innamorato della vita.

 
 
 

.

Post n°10984 pubblicato il 26 Ottobre 2017 da patty1_mah

Tu fai vedere al tuo sogno che veramente ci tieni ad incontrarlo,senza pretendere che lui faccia tutta la strada da solo per arrivare fino a te,poi le cose accadono. I sogni hanno bisogno di sapere che siamo coraggiosi.

"Un posto nel mondo".....Fabio Volo

 
 
 

.

Post n°10983 pubblicato il 25 Ottobre 2017 da patty1_mah

È bene distinguere gli amici dagli opportunisti.
Perché io con gli amici potrei andarci ad esempio a fare shopping, a cena, e parlerei loro delle mie cose, dei miei problemi delle mie faccende d'amore, di tutto quel cavolo che mi va.
Gli opportunisti invece li porterei in cima ad una montagna, alta, altissima e mentre mi guardano negli occhi, perché non bisogna mai essere vili, con un calcio nel petto li butterei giù e guarderei mentre rotolano verso il baratro che si meritano, verso la fine che hanno cercato con le loro mani.
Perché la dovete smettere di trattare le persone quando vi servono, la dovete smettere di essere amici quando vi conviene, la dovete finire di voltare le spalle e andarvene quando la situazione non vi è più favorevole, la dovete finire di fare schifo.
Vomito...


 
 
 

dal Film - "La verità è che non gli piaci abbastanza"

Post n°10982 pubblicato il 25 Ottobre 2017 da patty1_mah

Tu non sei l'eccezione. Tu sei la regola.
E la regola dice che se un uomo non ti chiama, è perché non vuole chiamarti.
Se ti tratta come se non gliene fregasse un cazzo, è perché non gliene frega un cazzo.
Se ti tradisce, è perché non gli piaci abbastanza".
Non esistono uomini spaventati, confusi, disillusi.
Non esistono uomini tragicamente segnati dalle passate esperienze, bisognosi d'aiuto, bisognosi di tempo.
Gli uomini si dividono in due categorie soltanto: Quelli che...ti vogliono. E Quelli che non ti vogliono.
Tutto il resto è una scusa.
E Tu, Tu Donna, di mestiere fai l'avvocato, la commessa, la cameriera, l'insegnante, la casalinga, la commercialista, la modella, la ragioniera, l'attrice, la studentessa. Non la crocerossina. Quindi. Aspetta che sia lui a chiederti di uscire. Perché va bene la parità dei sessi, le quote rosa, e l'eguaglianza dei diritti. Ma i tempi non sono poi così cambiati. Gli uomini restano pur sempre dei cavernicoli, sia pure incravattati, e come tali adorano il sapore della conquista.
Tieniti lontana dagli uomini sposati. Non lasceranno la moglie per te. Meno che mai lasceranno i figli per te. E non credere alla storia dell'amica della sorella di tua cugina, appena convolata a nozze con quello divorziato.
Tu non sei l'eccezione. Tu sei la regola.
Al bando quelli che ti costringono ad aspettare ore accanto ad un telefono che non suona. Non hanno perso il tuo numero. Non hanno investito un cane. Non hanno appena scoperto di avere un tumore alla prostata. Probabilmente sono al telefono con un'altra. Oppure sono gay. Fanculo quelli che non declinano i verbi al futuro. Non sono analfabeti. Semplicemente non vogliono impegnarsi. Perché non gli piaci abbastanza.
Li riconosci facilmente. Girano con un cartello appeso al collo, e la scritta: "Ci stiamo frequentando". Quando la senti, scappa. Non consumare le tue belle scarpe nuove (e neppure quelle vecchie) per correre dietro un uomo che non ti vuole. Usale, piuttosto, per prenderlo a calci in culo. Impara l'arte dell'essere donna. Impara l'arte di ottenere dagli uomini quello che desideri, non sbattendo i piedini, ma facendogli credere che siano stati loro a decidere. Impara a scegliere, invece che essere scelta.


 
 
 

infantile?Si lo sono

 

 
GRAZIE A DIO SONO FIORENTINA

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 60
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

patty1_mahun_uomo_della_follaacquaeventoolgy120Elemento.Scostantedonadam68pinuccia.gfsteve74bluvololowmlr777anna_co_bsx3kenoiasenzateamorino11chiarasanyforestales1958
 

ULTIMI COMMENTI

Che tesoro....grazie
Inviato da: patty1_mah
il 17/10/2017 alle 15:22
 
che schianto ,unica.
Inviato da: roby.capricorno
il 27/09/2017 alle 14:17
 
Quanto eri bella,quanto sei bella .
Inviato da: roby.capricorno
il 22/09/2017 alle 15:37
 
Tu sei fuori...a 17 anni sono tutte-i unici...
Inviato da: patty1_mah
il 16/09/2017 alle 12:48
 
UNICA,SPLENDIDA,DA AMARE....
Inviato da: roby.capricorno
il 16/09/2017 alle 12:30
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ANCORA

 

IL CIELO IN UNA STANZA

 

GRAZIE PERCHÈ

 

STRINGIMI LE MANI

 

E sto abbracciato a te
senza chiederti nulla,

per timore
che non sia vero
che tu vivi e mi ami.
E sto abbracciato a te
senza guardare e

senza toccarti.
Non debba mai scoprire
con domande, con carezze,
quella solitudine immensa
d'amarti solo io.

Pedro Salinas