pensieri disordinati

varie ed eventuali

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

I DUE AMICI

Post n°4 pubblicato il 30 Maggio 2006 da pilgrim81

Il più vecchio si chiamava Frank e aveva vent'anni. Il più giovane era Ted e ne aveva diciotto. Erano sempre insieme, amicissimi fin dalle elementari. Insieme decisero di arruolarsi nell'esercito. Partendo promisero a se stessi e ai genitori che avrebbero avuto cura l'uno dell'altro.
Furono fortunati e finirono nello stesso battaglione.
Quel battaglione fu mandato in guerra. Una guerra terribile tra le sabbie infuocate del deserto. Per qualche tempo Frank e Ted rimasero negli accampamenti protetti dall'aviazione. Poi una sera venne l'ordine di avanzare in territorio nemico. I soldati avanzarono per tutta la notte, sotto la minaccia di un fuoco infernale.
Al mattino il battaglione si radunò in un villaggio. Ma Ted non c'era. Frank lo cercò dappertutto, tra i feriti, tra i morti. Trovò il suo nome nell'elenco dei dispersi.
Si presentò dal Comandante
"Chiedo il permesso di andare a cercare il mio amico"
"E' troppo pericoloso" rispose il Comandante "Ho già perso il tuo amico. Perderei anche te. Là fuori stanno sparando"
Frank partì ugualmente. Dopo alcune ore trovò Ted ferito mortalmente. Se lo caricò sulle spalle. Ma una scheggia lo colpì. Si trascinò ugualmente fino al campo.
"Valeva la pena morire per un morto?" gli gridò il Comandante
"Sì" sussurrò "perchè prima di morire Ted mi ha detto: Frank, sapevo che saresti venuto"

... ... ...                                         Pilgrim81

 
 
 

DOLOROSA PASSIONE!

Post n°3 pubblicato il 25 Maggio 2006 da pilgrim81
Foto di pilgrim81

LA GUITARRA (F.Garcia Lorca)

Empieza el llanto
   de la guitarra.
  
Se rompen las copas
   de la madrugada.
  
Empieza el llanto
   de la guitarra.
   Es inútil
   callarla.
   Llora monótona
   como llora el agua,
   como llora el viento
   sobre la nevada.
   Es imposible
   callarla.
   Llora por cosas
   lejanas.
   Arena del Sur caliente
   que pide camelias blancas.
   Llora flecha sin blanco,
   la tarde sin mañana,
   y el primer pájaro muerto
   sobre la rama.
   ¡Oh guitarra!
   Corazón malherido
   por cinco espadas.

 LA CHITARRA 

Incomincia il pianto
   della chitarra.
   Si rompono le coppe
   dell’alba.
   Incomincia il pianto
   della chitarra.
   E' inutile
   farla tacere.
   Piange monotona
   come piange l’acqua,
   come piange il vento
   sulla neve.
   E' impossibile
   farla tacere.
   Piange per le cose
   lontane.
   Arena del caldo meridione
   che chiede camelie bianche.
   Piange freccia senza bersaglio
   la sera senza domani
   e il primo uccello morto
   sul ramo.
   Oh, chitarra,
   cuore trafitto
   da cinque spade!

 

 
 
 

MERAVIGLIOSAMENTE DIVERSI

Post n°2 pubblicato il 24 Maggio 2006 da pilgrim81
Foto di pilgrim81

Cirano - Francesco Guccini -

Venite pure avanti, voi con il naso corto,
signori imbellettati, io più non vi sopporto !
Infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio
perché con questa spada
vi uccido quando voglio.

Venite pure avanti poeti sgangherati,
inutili cantanti di giorni sciagurati,
buffoni che campate di versi senza forza
avrete soldi e gloria ma non avete scorza ;
godetevi il successo, godete finché dura
ché il pubblico è ammaestrato
e non vi fa paura
e andate chissà dove per non pagar le tasse
col ghigno e l'ignoranza dei primi della classe.
Io sono solo un povero cadetto di Guascogna
però non la sopporto la gente che non sogna.
Gli orpelli ? L'arrivismo ? All'amo non abbocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco.

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti ;
venite portaborse, ruffiani e mezze calze,
feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatti
del qualunquismo un arte ;
coraggio liberisti, buttate giù le carte
tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese
in questo benedetto assurdo bel paese.
Non me ne frega niente
se anch'io sono sbagliato,
spiacere è il mio piacere,
io amo essere odiato ;
coi furbi e i prepotenti
da sempre mi balocco
e al fin della licenza
io non perdono e tocco.

Ma quando sono solo
con questo naso al piede
che almeno di mezz'ora
da sempre mi precede
si spegne la mia rabbia
e ricordo con dolore
che a me è quasi proibito il sogno di un amore ;
non so quante ne ho amate, non so quante ne ho avute,
per colpa o per destino le donne le ho perdute
e quando sento il peso d'essere sempre solo
mi chiudo in casa e scrivo e scrivendo mi consolo,
ma dentro di me sento che il grande amore esiste,
amo senza peccato, amo ma sono triste
perché Rossana è bella, siamo così diversi ;
a parlarle non riesco, le parlerò coi versi.

Venite gente vuota, facciamola finita :
voi preti che vendete a tutti un'altra vita ;
se c'è come voi dite un Dio nell'infinito
guardatevi nel cuore, l'avete già tradito
e voi materialisti, col vostro chiodo fisso
che Dio è morto e l'uomo è solo in questo abisso,
le verità cercate per terra, da maiali,
tenetevi le ghiande, lasciatemi le ali ;
tornate a casa nani, levatevi davanti,
per la mia rabbia enorme mi servono giganti.
Ai dogmi e ai pregiudizi da sempre non abbocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco.

Io tocco i miei nemici col naso e con la spada
ma in questa vita oggi non trovo più la strada,
non voglio rassegnarmi ad essere cattivo
tu sola puoi salvarmi, tu sola e te lo scrivo ;
dev'esserci, lo sento, in terra in cielo o un posto
dove non soffriremo e tutto sarà giusto.
Non ridere, ti prego, di queste mie parole,
io sono solo un'ombra e tu, Rossana, il sole ;
ma tu, lo so, non ridi, dolcissima signora
ed io non mi nascondo sotto la tua dimora
perché ormai lo sento, non ho sofferto invano,
se mi ami come sono, per sempre tuo Cirano

... per tutti quelli che hanno non hanno il comune naso corto e per questo si sentono diversi, esclusi...

... Non accontentiamoci mai di trovare qualcuno che le TOLLERI queste diversità, cerchiamo qualcuno che le AMI per quelle che sono!

Pilgrim81

 
 
 

MEMORIE DISORDINATE DI UN'OSSESSIVA AMANTE DELL'ORDINE!

Post n°1 pubblicato il 24 Maggio 2006 da pilgrim81
Foto di pilgrim81

Perchè scrivere su un blog?

Forse per cercare di creare quell'ordine che tanto cerco esteriormente nella mia vita e che invece non ho affatto all'interno di me!

Forse per cercare di buttare fuori (e scrivere) tutto ciò che a voce o nella realtà non riesco a esprimere!

Forse perchè in questa mattinata di fankazzismo totale e di pessimismo cosmico non ho trovato di meglio da fare!

Forse perchè, come per molte cose, non esiste una ragione valida per non farlo!

Pilgrim81

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: pilgrim81
Data di creazione: 24/05/2006
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariomancino.mbrovdiygranatieri.napolimarianna.dedonatogiorgialipanibez.marikajassonmajkol85babibissiroberto.stranolunamaterbrezzolapoieticoilfrancescanofaunoeroticus
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom