Creato da poetella il 16/11/2008

parole imprigionate

...viaggio in una bottiglia alla deriva

 

« E proprio non so…Per tutta quella pioggia... »

poi lei, dopo, dopo che…

Post n°1884 pubblicato il 22 Febbraio 2012 da poetella

.

.

.

 

- poi lei, dopo, dopo che

 

dopo che quel vento, da dove quel vento? Dalla foto degli alberi? Dopo che quel vento e quello sciabordare d’onde azzurre, sì, quelle dalla grande foto a sinistra, o a destra o dietro agli occhi, al cuore,  alla schiena che trema, quel frastuono d’onde di sospiri

Bella da morire! diceva lui, sugli occhi chiusi, Bella da morire! sulle labbra,

[da morire qui, adesso vorrei coll’azzurro addosso!]

- poi lei, dopo, dopo che

 

dopo che il sole aveva incendiato il mondo e la coperta rossa ammainata come una vela che teme il vento, dopo che gli anni s’erano chiusi attorno quell’ora, concentrati come un riassunto, sbriciolati dal presente superbo di gloria e abbandono e il silenzio s’era frantumato in mille sì, sì, sì!

 

- poi lei, dopo, dopo che

 

dopo che il mare s’era richiuso, aveva ingoiato la Grazia e la Bellezza, Grazie, grazie a questo mio tempo prodigioso di solenne meraviglia! dopo che il vento carico solo delle voci esultanti, dei sussurri imploranti, del morbido rumore delle mani sfioranti, delle labbra, dei sussurri di mille foglie d’erba tremanti

 

- poi lei, dopo, dopo che

 

dopo che tutto era stato fermo come prima della creazione del mondo e più niente, più niente che un noi stremato e vinto, molle e abbandonato, una pioggia di peonie sull’anima, allora

 

- poi lei, dopo, dopo che

 

dopo che le mani s’erano ancora una volta cercate e strette di gratitudine e presenza nella luce d’un paesaggio di Leonardo, dietro gli occhi chiusi e poi socchiusi e poi richiusi e aperti e un sorriso, e richiusi e il respiro aveva ritrovato la via e s’era sciolto come brina al sole, allora lei, dopo, aveva detto

saltando via come una gatta che vede qualcosa che frulla, aveva detto e sorrideva

Scommetto che, e lui, Cosa? Guardandola scappare,

scommetto, anzi, voglio proprio vedere come

come spremi il dentifricio, aveva detto scappando al bagno

 

e aveva visto. E aveva sorriso.

 

Mentre anche lui, anche lui, sorrideva, dolce dolce

(by poetella)

 

 

Ascolta poetella

 

 

 

.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

AREA PERSONALE

 

COSA STO LEGGENDO...

 

Trilogia della città di K.

Kristof Agota

(grazie, Marco!)

 

Michele Mari

Cristina Annino

Marco Giovenale

Bestia di gioia

 

 Mariangela Gualtieri

Esercizi di stile. Testo francese a fronte

Queneau Raymond

Rimbaud-

Una stagione all'inferno

 

 

 

Murasaki Shikibu

 

 

APPENA FINITI DI LEGGERE.

 anche se li rileggo

e rileggo

e rileggo...

Foto di martina.lucia1952

Mariangela Gualtieri

 Poesia dal silenzio

Transtromer

 

 

Hrabal

cop[9].jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vargas Llosa

 

 Foto di martina.lucia1952

 

   Bohumil Hrabal

 

    Francesca Genti

Murakami

 

Murakami

 

La festa del caprone

 

Vargas Llosa

 

 I quaderni di don Rigoberto

 

Vargas Llosa

 

Llosa La tentazione dell

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vargas Llosa

 

Note del guanciale

Sei Shonagon

 

 

Foto di martina.lucia1952

 

il 10 Novembre, ore 18.00

al Mangiaparole, poetella

presenta il suo libro

"Storia senza rima"...

Chi ci viene?

 

................................

Beh...peccato per  chi non

c'è stato!

Un trionfo!