Creato da cassetta2 il 07/11/2003
L'importante è lasciarsi dietro un segno, un qualcosa per farsi ricordare, non importa che sia scritto per sempre su un libro di storia o solo un giorno su un ascensore...
 

Contatta l'autore

Nickname: cassetta2
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 12
Prov: VI
 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 100
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Nullafacenti

Contatore siti
 

Ultimi commenti

 

!!!^

Post n°3182 pubblicato il 23 Luglio 2012 da cassetta2
Foto di cassetta2

La mia giornata è in linea con le borse mondiali.
Inizia in lieve ribasso per poi volgere al peggio.

Shot: Firenze

 
 
 

||T|e|l|e|f|u|n|k|e|n||

Post n°3181 pubblicato il 22 Luglio 2012 da cassetta2
Foto di cassetta2

Dopo averli visti pochi giorni fa in un grandioso live all'arena di Verona, ieri sera i Duran Duran erano su Radio2 in diretta da Lucca. Per l'occasione ho rimesso in funzione la radio FM e le cuffie con cui li ascoltavo un numero imbarazzante di anni fa. Audio del concerto qui.

Shot: Sarcedo

 
 
 

|||

Post n°3180 pubblicato il 21 Luglio 2012 da cassetta2
Foto di cassetta2

 

Alcune organizzazioni degli Stati Uniti che si preoccupano della sicurezza, come la CIA, l'esercito e la NASA, hanno deciso di proteggere la propria privacy ricorrendo a una vecchia idea: impiegare un particolare tipo di cespuglio. Comunemente usato cent’anni fa per fare recinti per il bestiame, questo particolare arbusto può apparire innocuo a distanza, ma le sue foglie nascondono armi segrete: spine di 10 centimetri affilate come rasoi. La rivista Discover riferisce che una volta cresciuta, la siepe è così fitta da poter fermare una jeep. Costa una frazione di quel che costa una rete metallica, eppure dura tre volte di più. Il nome di questa pericolosa pianta è Poncirus trifoliata.

Shot: Quinto di Treviso

 

 
 
 

||P|o|n|t|e||

Post n°3179 pubblicato il 20 Luglio 2012 da cassetta2
Foto di cassetta2

Marco Polo descrive un ponte, pietra dopo pietra.
"Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" chiede Kublai Kan.
“Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra” risponde Marco, “ma dalla linea dell’arco che esse formano”.
Kublai Kan rimane silenzioso, riflettendo. Poi soggiunge: “Perchè mi parli delle pietre? E’ solo dell’arco che m’importa”.
“Senza pietre non c’è arco”
Shot: Breganze

 
 
 

CONSIDERAZIONI SAGGE

Post n°3178 pubblicato il 19 Luglio 2012 da cassetta2
Foto di cassetta2

- Le persone con dei pregiudizi sono tutte uguali.
- Le analogie sono da evitare, sono come piume su un serpente.
- Esagerare e' un miliardo di volte peggio che minimizzare.
- L'entropia non e' piu' quella di un tempo!
- A morte tutti i fanatici!
Shot: Trieste