Community
 
previsionis...
   
Creato da previsionistampa il 25/12/2008
Sede in Caorliega III° Decumano a sud,XVII° Cardine a oriente
 

Ultime visite al Blog

PaolinoDiNolaprevisionistampaSky_Eaglechef55enrico505lost4mostofitallyeahBastarda.Senza.Impegfenormone0Whaite_Hazealf.cosmospsicologiaforensevaniloquiocasalauracilentosiamoallafrutta1Boniste
 

FACEBOOK

 
 

Ultimi commenti

Sono d'accordo con la frase di Ovidio. Rifugiarsi nel...
Inviato da: Marion20
il 11/06/2014 alle 23:28
 
mi sono sentito spesso una mosca bianca :-)))
Inviato da: giampi1966
il 10/06/2014 alle 17:53
 
Ma tutta questa liquidita non va bene ?
Inviato da: Giancloud
il 13/12/2013 alle 09:06
 
Bisogna che sia insegnato fin dall'asilo dalle...
Inviato da: previsionistampa
il 28/10/2013 alle 06:51
 
Hai detto bene: oggi è difficile fare squadra! Ma non solo...
Inviato da: lascrivana
il 28/10/2013 alle 06:42
 
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

<a href="http://www.net-parade.it/#motori">
<img alt="Registra il tuo sito nei motori di ricerca" src="http://www.net-parade.it/risorse/registrazione_motori/bottone.gif" border=0>
</a>

 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

 

VENETO BANCA 1° semestre 2014

Post n°7325 pubblicato il 29 Agosto 2014 da previsionistampa
 

Multa di 2,7 milioni per ex-amministratori e sindaci per irregolarità 2013.
Al 30 giugno Utile netto 1° semestre 8,39 mil.(-38,6 nel 2013).
sofferenze in aumento da 1.420 mil a +55.
impieghi + 2% a 25,19 miliardi
rettifiche di valore per 162,3 milioni, contro i 185,6 di fine giugno 2013
costo del credito all'1,22% dall'1,43% di fine 2013.
margine interesse +8,3% (275,53 mil.)
margine intermediazione +8% (468,6 mil.)
Riepilogo operazioni sul capitale e liquidità 2014:
Common equity Tier 1
6,9% 31 dic.2013
8,46% primavera 2014
1-rivalutazione bond in portafoglio
2-500 mil. nuovo bond a 5 anni.
3-350 mil. conversione convertendo in essere.
4-490 mil. (+2%) aumento di capitale
5-289 mil. (+0,87%) cessione parte di  
Banca Intermobiliare 
Ora Common equity Tier 1 11,33%.
Altre quote di possibile cessione: 9,99% di 
Ferak, il 9,85% di Palladio Finanziaria e il 30% di Eta Finance. 




 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Vacanze

Post n°7324 pubblicato il 25 Agosto 2014 da previsionistampa

Dal 1947 al 1951 vi è il  Piano Marshall, cioè circa 1204 milioni di dollari dell'epoca che avvio l'economia mondiale.
ITALIA anni straordinari PIL
1959 6,4%--1960 5,8%--1961 6,8%--1962 6,1% poi buona crescita fino a crisi petrolifera del 1973.

Il cosiddetto “miracolo economico” a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 aveva migliorato il tenore di vita dell’italiano di ceto medio e medio basso, come di quello operaio, permettendogli di realizzare qualche piccolo sogno come il televisore, il frigo, la lavatrice e l’automobile (almeno una piccola utilitaria).

 Il tutto pagato a rate, spesso rinunciando alle vacanze fuori città.
Anni 50 e 60 vacanze dedite al riposo, poi ponti e mordi e fuggi

Comparvero le lavatrici e frigoriferi poi le automobili  con le FIAT 600 e 500, in produzione  dal 1955 e dal 1957.

Si costruirono anche le prime autostrade di moderna concezione,  Milano-Napoli, l'Autostrada del Sole.
iniziarono inoltre le abitudini delle vacanze estive ed invernali, sulle spiagge e sulle montagne, ma la rivoluzione è  la televisione (3 gennaio 1954), celebri le folle che si radunavano nei bar ad ogni puntata del gioco a premi Lascia o raddoppia? condotto da Mike Bongiorno. i televisori appena 15 mila,  costava circa 200 mila lire e il primo canone di abbonamento venne fissato a 12.550 lire, il più alto d'Europa.
 Dal 1956 al 1965 raddoppiarono le presenze negli alberghi e quelle nei campeggiaumentarono di quattro volte. Le vacanze divennero così uno dei simboli del boom


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Francia 1936 40 ore lavorative e 2 sett. ferie.

Post n°7323 pubblicato il 25 Agosto 2014 da previsionistampa

Nel 1936 una coalizione di sinistra, il “Fronte popolare”, vinse le elezioni politiche e costituì un nuovo governo con Léon Blum. Nonostante le riforme, il governo non riuscì a calmare il proletariato, che chiedeva la settimana lavorativa di quaranta ore, due settimane all’anno di ferie retribuite, aumento dello stipendio, e gli imprenditori dovettero accettare tali richieste (Accordi di Palazzo Matignon).

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Bolle in essere

Post n°7322 pubblicato il 24 Agosto 2014 da previsionistampa

1)-Valori immobiliari in Inghilterra
2)-Shiller P/E ratio S&P 500 è 26 (media storica 16,6)
3)-Prestiti USA per acquisto auto e prestiti d'onore a studenti
4)-Azioni USA socialnetwork, biotech
5)-Bond dei paesi periferici (tassi troppo bassi)
Tutto deriva dai tassi bassissimi e l'immensa liquidità immessa da FED e BCE che provoca l'abbassamento della percezione del rischio.
La crisi che viviamo, fra poco, in Italia/Europa stà battendo il record di durata di quella del 29'.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

I cellulari più venduti di sempre

Post n°7321 pubblicato il 22 Agosto 2014 da previsionistampa

NOKIA 1100 (2003) 250 milioni di esemplari venduti
NOKIA 3210 (1999) 160
NOKIA 5230 (2009) 150
NOKIA 6660(2003) 155
NOKIA 3310 (2000) 130
RAZR V3 (2003) 130
IPHONE 4S (2011)
SAMSUNG GALAXY S3 (2012) 60
MOTOROLA STAR TAC (1996) 60
IPHONE 5 (2012) 55 .

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

bull market secolare

Post n°7320 pubblicato il 22 Agosto 2014 da previsionistampa

Da marzo 2009 le borse sono in  uno spettacolare e duraturo bull market.

Sono passati quasi cinque anni e mezzo e nel lungo-lunghissimo periodo, la prospettiva del mercato sia incontestabilmente incoraggiante.

Questo in atto è il tasso di variazione a 12 anni dello S&P500. Come si può notare nel 2011 il dato è scivolato in territorio negativo. Dal Dopoguerra ad oggi è la terza volta che ciò succede: un ritorno negativo, su base dodecennale, è stato sperimentato nel 1948, e nel 1974-77.Da lì partirono irresistibili bull market durati diversi anni. In un caso il tasso di variazione di Wall Street a 12 anni si spinse fino al 333%; in un alto schizzò fino al 510%.

il rialzo degli ultimi cinque anni e mezzo si attesta al +120%.

Il che confermerebbe come di margini di crescita, dopo la fuoriuscita dal bear market 2000-2011 (12 anni, appunto) ce ne siano ancora parecchi.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 
 

Camera d'albergo per due in un albergo a cinque stelle, taxi, cocktail e una cena.

Post n°7317 pubblicato il 21 Agosto 2014 da previsionistampa

1. Londra,Regno Unito 348 euro, hotel 232
2. Parigi, Francia 376euro hotel 241 euro
3. New York, Stati Uniti 369 euro  hotel 268euro
4. Stoccolma, Svezia 352 euro  cena più costosa 126 euro
5. Oslo, Norvegia 335 euro
6. Zurigo, Svizzera 334 euro servizio taxi più caro 41 euro

7. Copenhagen,Danimarca 310 eur
o
8. Helsinki, Finalndia 279 euro
9. Toronto, Canada 277 euro.
10. Sydney, Australia  275 euro
----------------------------------------------

1. Hanoi, Vietnam 113 euro
2.
Giakarta, Indonesia
117 euro, taxi 2 euro

3.
Sharm El Sheik, Egitto
117 euro, taxi bassi

4.
Bagkok, Thailandia
120 euro, hotel 63 euro
5.
Sofia, Bulgaria
139 euro

6.
Cape Town, Sudafrica
140 euro aperitivi 4 euro.
7.
Mumbai, India
140 euro

8. Kuala Lumpur, Malesia 144 euro

9.
Praga, Repubblica Ceca
145 euro.

10.
Budapest, Ungheria
148 euro

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VENETO BANCA

Post n°7316 pubblicato il 19 Agosto 2014 da previsionistampa
 

veneto-banca

valore-banche-non-quotate


 
 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Punti patente tel.848.782.782 e sito "Il Portale dell'Automobilista

Post n°7315 pubblicato il 16 Agosto 2014 da previsionistampa

 Per poter verificare i punti sulla patente


1)- telefonata (solo da apparecchi fissi) al numero 848.782.782
2)- dal sito internet "Il Portale dell'Automobilista", gestito dal Ministero dei Trasporti: registrandoci (è gratis) e consultando la sezione denominata "La mia Scheda"

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Valutazione azioni banche

Post n°7314 pubblicato il 15 Agosto 2014 da previsionistampa
 

Banche quotate in Borsa: 0,6-0,7 il patrimonio netto (price/book value tangible)
è di 0,7 per le banche considerate più solide (tipo Banca Intesa),
mentre 0,3-0,4 volte per quelle considerate più problematiche (come per esempio Banco Popolare e Banca Popolare di Milano).
Banche non quotate:
Veneto Banca (1,3)
bilancio 2012 dichiara un patrimonio netto consolidato di circa 3086 milioni di euro. La stessa banca si auto-valuta 40,75 euro per azione che moltiplicato per il numero di azioni (circa 100,347 milioni) significa una valutazione complessiva di 4089 milioni di euro. Circa 1,3 volte il patrimonio.

Banca Popolare di Vicenza (1,5). Il valore per azione stimato nell’ultimo bilancio è stato di 62,5 euro e porta a un valore di capitalizzazione dell’Istituto di circa 4983 milioni di euro pre-aumento di capitale. Anche in questo caso una volta e mezzo il patrimonio.

Sportelli – Quanto valgono?

Il mercato,  in base ai prezzi di Borsa, valuta uno sportello bancario circa 1,5 milioni di euro, mentre le banche non quotate (per es. Veneto Banca e Banca Popolare Vicentina) fra i 7 e gli oltre 8 milioni di euro per sportello. Valutazioni esagerate e fuori dalla realtà.

“Banca Popolare di Vicenza, che assomma a quasi 600 milioni di euro fra aumento di capitale, obbligazioni convertibili e collocamento di azioni, stabilisce il valore del titolo in un rapporto prezzo patrimonio netto (P/BV) di quasi quattro volte il P/PN (prezzo/patrimonio netto) delle banche quotate. Perché le azioni della Popolare di Vicenza hanno un prezzo esagerato di 62,5 euro? Risposta: perché lo decide l’assemblea dei soci (palese conflitto di interessi). Perché Banca d’Italia e Consob, le autorità di controllo, non intervengono? Forse perché molti loro azionisti sono banche?

Banca Popolare di Vicenza prevede  “un ampliamento della base sociale da realizzarsi attraverso un aumento di capitale ordinario fino ad un massimo di 100 milioni di euro che consenta esclusivamente la sottoscrizione di 100 azioni della banca, quantità prevista dallo statuto sociale per richiedere l’ammissione a socio».

Proposta indecente

Le banche non quotate devono migliorare i coefficienti patrimoniali e quindi ora spingono allo sportello per convincere i correntisti a diventare soci, proponendo prezzi non reali. L’asimmetria informativa e il conflitto d’interessi è evidente. Perché un cliente della banca con dei mutui aperti verso la banca investe in azioni della banca stessa? Per mantenere le linee di credito, per evitare un rientro immediato, per avere un finanziamento o un mutuo indispensabile. Vengono forzati a sottoscrivere titoli carissimi senza un vero mercato. Il debitore diventa azionista comprando azioni con un sovraprezzo ingiustificato. Risulta difficile giustificare queste extra valutazioni e gli ultimi bilanci di molte di queste banche non quotate, che non esprimono affatto una redditività eccezionale.

Vuoi vendere? Vendi e pentiti!

E quando il cliente vuole vendere le azioni? La Banca si trova in grande difficoltà a ricomprare le proprie azioni. Molte banche per dare un finanziamento a piccoli o grandi imprenditori hanno preso il vizietto di chiedere ai propri clienti di acquistare o titoli della banca o sottoscrivere gestioni sempre della banca. “Se vuoi avere dei soldi dalla tua banca devi dimostrarci di crederci”, dicono.

In questo momento di crisi sono più i clienti che vogliono vendere che quelli che vorrebbero entrare. Valutare una banca più di una volta il patrimonio netto per azione diventa difficile salvo che: la vostra banca abbia un Roe (utile netto diviso patrimonio) superiore al 10%, una capitalizzazione Prezzo / Utile inferiore a 10-12, prospettive di crescita brillanti, crediti incagliati sotto la media con la capacità di poter continuare a generare anche nei prossimi anni simili risultati, e magari staccare dividendi  del 3-4%!! La vostra banca ha queste caratteristiche e multipli? NO


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Signor Burns 14 agosto 2014

Post n°7313 pubblicato il 15 Agosto 2014 da previsionistampa
 


Signor Burns 14 agosto 2014--La BCE impone che ci sia un'accontanamento del 3% sul totale attivi (é tantissimo), Veneto Banca ora è al 2%.§Successo straordinario Aumento VenetoBanca ( merito della rete interna) S.Maria di sala n.50 aumenti.
Medioriente non viene capito politicamente da occidente e USA.
La Germania hà un export altissimo 8% di attivo commerciale (limite è il 6%) e questo crea un disequilibrio sopratutto verso i paesi meno forti.
Ci vorrebbero 2/3/4 euro a cambi diversi, altrimenti restiamo inchiodati.
Vede nubi scure.
Ti consiglio lettura:
J.K. Galbreith--La Società Opulenta-Ed. La Comunitò
Marianna Mazzuccato--Lo Stato Imprenditore--Ed. Enauidi o Feltrinelli.
Signor Burns 21 novembre 2013--La banca d'Italia, ora non si prende nessuna responsabilità politica e segue pedissiguamente le indicazioni BCE cioè obbligando le principali banche italiane a portare il coreTer1 da 7% a minimo 8% considerando però tutte le garanzie immobiliari svalutate del 50/55% del valore di stima.
Basterebbe limitare i crediti per alzare il dato ma, giustamente sia la banca che  la banca d'Italia non lo vogliono.
Banca Intesa hà in corpo il bubbone Tassara ( Zaleski) per circa 5 miliardi però non si valuta svalutato altrimenti sarebbe un massacro.
La Veneto Banca molto esposta con l'immobiliare oggi è al 7% con le garanzie così considerate, ma solo con il convertendo in essere può arrivare al 8,4%; stà valutando però altre operazioni per arrivare al 8/9/10% come leaseback immobiliare o cessione quote azionarie ( mi pare BIM).
La Veneto Banca, contrariamente alle altre banche, su richiesta del cliente/azionista ritira direttamente le azioni invece di venderle ad altri.
Ormai tutti noi siamo sazi, nessuno hà idee per uscire da questo  mpasse.
I politici ragionano solo per il giorno per giorno senza idee lungimiranti.
Soluzioni: ridurre gli stipendi o il costo del lavoro solo così riparte l'esportazione e si rimuove la macchina..
La Germania ormai sono due mesi che stà cercando un'accordo per fare il governo, anche lì hanno le loro gatte da pelare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VENETO BANCA vende BIM e incassa € 289 mil.(+73 basis point in termini di CET1 fully loaded)

Post n°7312 pubblicato il 11 Agosto 2014 da previsionistampa
 

7 agosto 2014 - Veneto Banca S.c.p.A. comunica di aver sottoscritto  un contratto di compravendita per la cessione del 51,4% di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestione S.p.A. ("BIM") a una cordata di investitori costituita da Gestinter S.p.A., MA.VA. Società semplice, Duet BIM SA, SerendipEquity BIM Holding LLC, MI.MO.SE. S.P.A., Romed s.p.a., Piovesana Holding S.p.A., Pietro S.p.A., DAD&SON S.r.l., Building S.p.A., Cruiser S.r.l., Gianfranca Cullati, Serfin Servizi Finanziari S.r.l., Alessandro Federici, Valentina Nasi e Luca Cordero di Montezemolo  pari ad € 289 milioni, pari ad € 3,60 per azione BIM.
Il pagamento è  per € 230,6 milioni e  da n. 1.621.816 azioni Veneto Banca per € 36,00 cad.

L'operazione prevede anche un contratto di opzione put and call tra Veneto Banca e SerendipEquity BIM Holding LLC della durata di 3 anni avente ad oggetto n. 15.000.000 azioni BIM (9,6% del capitale) detenute da Veneto Banca ad un prezzo per l'opzione call di Euro 3,60 per azione e ad un prezzo per l'opzione put pari a (i) Euro 2,65 per azione il primo anno, (ii) Euro 2,80 per azione il secondo anno e (iii) Euro 3,00 per azione il terzo anno.
In caso di perfezionamento dell'operazione la Cordata degli Investitori lancerà un'offerta pubblica di acquisto obbligatoria ad un prezzo pari ad € 3,60 per azione.
Ad esito dell'operazione e dell'offerta pubblica obbligatoria, Veneto Banca manterrà una quota di circa il 20% nel capitale sociale di BIM.
L'esecuzione della Cessione  è ragionevole ritenere che l'offerta pubblica di acquisto sarà lanciata nel primo semestre 2015.
La Cessione porta un beneficio complessivo di circa 73 basis point in termini di CET1 fully loaded.
Veneto Banca è stata assistita  da Rothschild S.p.A.  e da Chiomenti Studio Legale.

4-agosto-2014-aumento di capitale sottoscritto al 95%
raccolta totale 474 milioni di € di cui 153 da nuovi azionisti
Veneto Banca ha ricevuto 400 reclami su difficoltà o impossibilità di vendere azioni; di fatto tutti nell’ultimo anno e mezzo: 2 reclami nel 2011 e 10 nel 2012; poi l’escalation: 167 nel 2013 e 221 nei primi sei mesi 2014; e a fine 2013 il 18% delle azioni messe in negoziazione non sono passate di mano
Coeff. Cet 1 al 1 genn. 6,9%
Rivalutazione dei titoli di Stato in portafoglio è salito al 7,3%
Conversione prestito obbligazionario da 350 milioni è all’ 8,2%
Con aumento di capitale al 10,2%
Con la vendita di BIM all’10,9% circa



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VENEZIA

Post n°7311 pubblicato il 02 Agosto 2014 da previsionistampa

Biennale
Evento in corso dal 7 giugno al 23 novembre 2014

14° Mostra Internazionale di Architettura
Orario Giardini: chiuso il lunedì (escluso lunedì 13 giugno 2005). Orario Arsenale: chiuso il martedì (escluso martedì 14 giugno 2005). Entrambe le sedi ore 10.00 - 18.00.


Palazzo Grassi
Mostra in corso dal 13 aprile al 31 dicembre 2014

"L'illusione della luce"

La mostra indaga a tutto tondo il ruolo della luce nel mondo e nella storia dell'arte; ne dettaglia i valori che assume di volta in volta nelle opere: spirituale, filosofico, teologico e politico.
Clicca qui per leggere l'articolo della mostra L'illusione della luce

Mostra in corso dal 13 aprile al 31 dicembre 2014
"Irving Penn, Resonance"

130 fotografie del fotografo americano Irving Penn (1917 – 2009) che coprono uno spazio temporale che va dalla fine degli anni ‘40 alla metà degli anni ‘80.
Orario
: tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 19 tranne martedì. Chiusura delle biglietterie alle ore 18. Chiuso il 25 dicembre.
                                        Punta della Dogana

Mostra in corso dal 30 maggio 2013 al 31 dicembre 2014
"Prima Materia"

In mostra ottanta opere realizzate da artisti della Collezione Pinault a partire dagli anni '60 con l'intento di proporre un dialogo tra opere di artisti affermati e di generazioni diverse. Opere di Llyn Foulkes, Marlene Dumas, Alighiero Boetti, Roman Opalka, Adel Abdessemed e Thomas Schütte a Loris Gréaud, Lizzie Fitch & Ryan Trecartin, Theaster Gates...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PENATI ok europa, sopravvalutata Wall Strett

Post n°7310 pubblicato il 02 Agosto 2014 da previsionistampa

Su repubblica del primo luglio c'era un interessante articolo di Alessandro Penati sui P/E europei ed americani. Secondo l'autore siamo su una media di 14 in Europa e 19 negli States. Per cui secondo lui i mercati europei sono normo-valutati, mentre quelli americani sopravvalutati. Inoltre sostiene che è fisiologica una salita annua di 4,5% piu' i dividendi per l'europa ( non dice per quanti anni ). Implicita conclusione anche se non lo dichiara apertamente che non vede crolli all'orizzonte...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

Stime FMI su PIL

Post n°7308 pubblicato il 27 Luglio 2014 da previsionistampa

World Economic Outlook, l'organismo guidato Christine Lagarde:


ITALIA----------2014-(+0,3%)-2015-(+1,1%)--2013-(-1,9%)-2012-(-2,4%)
EUROZONA----2014-(+1,1%)-2015-(+1,5%)--2013-(%)-2012-(%)
Gran Bretagna2014-(+3,2%)-2015-(+2,7%)--2013-(%)-2012-(%)
GERMANIA-----2014-(+1,9%)-2015-(+1,7%)--2013-(%)-2012-(%)
SPAGNA--------2014-(+1,2%)-2015-(+1,6%)--2013-(%)-2012-(%)
FRANCIA-------2014-(+0,7%)-2015-(+1,4%)--2013-(%)-2012-(%)
USA-------------2014-(+1,7%)-2015-(+3,0%)--2013-(%)-2012-(%)
CANADA--------2014-(+2,2%)-2015-(+2,4%)--2013-(%)-2012-(%)
RUSSIA---------2014-(+0,2%)-2015-(+1,0%)--2013-(%)-2012-(%)
BRASILE--------2014-(+1,3%)-2015-(+2,0%)--2013-(%)-2012-(%)
INDIA-----------2014-(+5,4%)-2015-(+6,4%)--2013-(%)-2012-(%)
CINA------------2014-(+7,4%)-2015-(+7,1%)--2013-(%)-2012-(%)
GIAPPONE-----2014-(+1,6%)-2015-(+1,1%)--2013-(%)-2012-(%)
MONDO------2014-(+3,4%)-2015-(+4,0%)--2013-(%)-2012-(%)

Paesi sviluppati --2014-(+1,4%)
Paesi emergenti--2014-(+4,4%)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Stress test 2014 per 15 banche italiane ( limite minimo Tier1 5,5%) obbiettivo finale 7%.

Post n°7307 pubblicato il 20 Luglio 2014 da previsionistampa
 

Carige, Monte dei Paschi di Siena, Piccolo Credito Valtellinese, Banca Popolare di Milano, Intesa San Paolo, Mediobanca, Unicredit, Banca popolare dell’Emilia Romagna, Banca Popolare di Sondrio, Banca popolare di Vicenza, Banco Popolare, Credito Emiliano, Iccrea Holding, Unione Banche Italiane, Veneto Banca.
31-gennaio-2014. quasi tutte le banche italiane coinvolte superano o si avvicinano molto al livello dell’8% (Unicredit, Intesa SanPaolo, Ubi, Mps, Mediobanca sopra all’11%, più in difficoltà Popolare Milano e Veneto Banca, intorno al 7 %)

Common equity Tier 1 di almeno il 5,5% ossia un equivalente del capitale azionario pari almeno al 5,5% degli asset soppesati per i rischi.
Le banche hanno Bond governativi mediamente al 99%  rispetto al proprio capitale, ovvero circa 420 miliardi di euro.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Stress test del 2011 (limite Core tier 1 ratio 5%) tutte positive media 7,3%.

Post n°7306 pubblicato il 20 Luglio 2014 da previsionistampa
 

Stress test del 2011 (limite Core tier 1 ratio 5%) tutte positive media 7,3%.

Solo 5 banche allo stress test europeo (UniCredit, Intesa Sanpaolo, Monte dei Paschi di Siena, Banco Popolare e UBI Banca) rappresentano oltre il 62 per cento del totale dell’attivo del sistema bancario nazionale.

Alla fine del 2012.coefficiente patrimoniale medio risulterebbe del 7,9 per cento

Gli stress test sono condotti dall'Autorità Bancaria Europea (EBA) e dalle autorità di vigilanza nazionali degli Stati membri dell'Unione, in stretta collaborazione con il Comitato europeo per il rischio sistemico (ESRB), la Banca Centrale Europea (BCE) e la Commissione Europea.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »