Community
 
previsionis...
   
Creato da previsionistampa il 25/12/2008
Sede in Caorliega III° Decumano a sud,XVII° Cardine a oriente
 

Ultime visite al Blog

psicologiaforenseSeria_le_LadyPAOLA11Oprevisionistampatresettimane2cuminidelfinabal_zacsoulesoulgiocom1960antropoeticobernardfomenkoprevisionistampa1c.klaudiamaritadgl1dgkarel_A
 

FACEBOOK

 
 

Ultimi commenti

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

<a href="http://www.net-parade.it/#motori">
<img alt="Registra il tuo sito nei motori di ricerca" src="http://www.net-parade.it/risorse/registrazione_motori/bottone.gif" border=0>
</a>

 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

 

Previsionistampapensiero del 10 agosto 2011

Post n°5842 pubblicato il 20 Aprile 2014 da previsionistampa

Premessa:
Il mondo con pochi o tanti debiti sovrani o societari o privati continuerà sempre ad andare avanti,ci sarà sempre imperante il consumismo, solo che le stagnazioni
o la crescità più o meno forte dipenderà dall'organizzazione interna dei vari stati.
Se ci sono dei debitori ci sono anche i creditori, allo fine la somma è sempre 0.
I paesi BRIC avranno uno sviluppo enorme (anche perchè partono da livelli molto bassi) e porteranno benessere anche ai paesi cosidetti industrializzati.Cina+India+Messico+Russia+Brasile+Corea nel 2025 saranno il 50% del PIL del mondo,da oggi al 2025 i paesi emergenti cresceranno del 4,7% e i paesi avanzati del 2,3%.Nel 2018 gli USA ( per il PIL) saranno superati dalla Cina e nel 2045 dall'India.
La finanza globale, grazie o per colpa delle tecnologie informatiche,hà assunto un valore di circa 7/8 volte l'economia reale, per cui contrariamente al passato
la finanza (i cosidetti mercati) condiziona l'economia reale e determina buona parte delle scelte economiche e politiche di un paese.
La globalizzazione di tutte le risorse umane,produttive,finanziarie hà completamente rimescolato le carte e continuerà a farlo ad un ritmo sempre più veloce.
La speculazione finanziaria ( i mercati) non si possono fermare, ma possono essere utili per far cambiare velocemente le situazioni difficili.
In conclusione fino a 10/15/20 anni fà comandava la politica, oggi con l'avvento della globalizzazione/internet comandano i mercati.
Congiuntura internazionale:
Le banche centrali devono essere coordinate altrimenti succede il patatrac.Questa situazione di massima emergenza può essere una grande opportunità per mettere ordine.Bisogna ASSOLUTAMENTE che i managerdelle grandi aziende siamo responsabili in proprio delle decisioni che prendono, perchè la loro avidità hà creato troppi danni.
Congiuntura nazionale.BERLUSCONI Hà UNA GRANDE OPPORTUNITà:Non si ricandida nel 2013 (avrebbe 76 anni).Hà la maggioranza non risicata in parlamentoL'europa lo obbliga ad intervenire duramentePuò entrare nella storia come il salvatore dell'Italia in un momento difficilissimo.Se non c'è una sterzata fortissima entro due anni i terreni agricoli e gli immobili in genere avranno una forte caduta di valore e ci saranno grossi problemi sociali.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

INPS

Post n°5841 pubblicato il 20 Aprile 2014 da previsionistampa

ilancio al 31-12-2010
Entrate 147.647(+1,8%)
Uscite 215.533 ( +3%)
di cui prestazioni pensionistiche 191.223(+2,7%)
Sbilancio fra entrate e uscite 67.886

Bilancio al 31-12-2009
Entrate 145.031
Uscite 209.169
di cui prestazioni pensionistiche 186.184
Sbilancio fra entrate e uscite 64.138

Al 31-12-2010 patrimonio netto INPS 43.558Il controllo su invalidità civili hà evidenziato il 10,2% di prestazioni non confermate.dati inps.ISCRITTI all'INPS al 31-12-2009 n.19.049.913 di cui:
Lavoratori dipendenti n.12.845.963Artigiani n.1.889.651Commercianti n.2.085.648Gestione separata n.1.730.000Coltivatori diretti n.477.016Altri n.21.635INVALIDI n.832.566Tra i lavoratori dipendenti:57,1% operai33,8% impiegati2,7% quadri0,9% dirigenti TOTALE PENSIONI:2009 173.764 (11,43% del PIL)2008 168.056 (10,72% del PIL)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Statistiche sulla giustizia

Post n°5840 pubblicato il 20 Aprile 2014 da previsionistampa

Cause pendenti civili:
DatiAl 31-12-2005 n. 4.434.238 di 960.000 per giudici di pace.Al 31-12-2006 n. 4.633.735 di cui 1.100.000 per i giudici di pace.
Al 31-12-2007 n. 4.825.097 di cui 1.300.000 per i giudici di paceAl 31-12-2008 n. 4.974.815 di cui 1.500.000 per i giudici di pace.Dati ministero:Al 31-12-2008 n. 5.425.000 civili e n. 3.262.000 penali.Al 31-12-2009 n.5.826.440 di cui 2/3 per valori inferiori ai € 5.000.Al 30-06-2010 n.5.602.616 (dopo 30 anni primo calo del4%)
Durata media:N 2009 960 gg. 1° grado 1.509 gg. appello.Recupero credito commerciale 1210giorni.Processo per sfratto 630 giorni.Incassare assegni a vuoto 645 giorni.Il triplo per chi risiede nel Mezzogiorno.Avvocati:Al 30 giugno 2010 n. 207.240 su popolazione di 60.435.681( da eliminare 35.000 che non professano o hanno reddito inferiore a € 7.000).Nel Veneto n.10.830 su 4.922.743.Nel nostro sistema processuale civilistico entrano ogni anno 4,8 milioni di cause. ne escono 4,6 milioni.l’Italia e’ in Europa il quarto paese per tasso di litigiosita’ dietro a Russia, Belgio e Lituania.Praticanti:40.000 circa La pratica dura almeno 24 mesi. All’inizio il praticante riceve un libretto, che ogni sei mesi dev’essere controllato da un “tutore” dell’Ordine e firmato dal “dominus”, cioè dall’avvocato presso cui si svolge la pratica. Sul libretto si devono segnare le udienze seguite (almeno 20 a semestre), gli atti processuali e le attività stragiudiziali a cui il praticante partecipa; infine si devono trattare almeno dieci questioni giuridiche studiate durante il semestre. Alla fine di ogni anno si devono poi scrivere dieci relazioni sulle cause seguite e sulle questioni giuridiche osservate.All’esame di stato idonei dal 25 al 40%.Costo della Giustizia:
Nel 2009 4,08 miliardi di € (70% salari).Patrocinio legale gratuito: appena 86,5 milioni l’anno.Costo di un processo:€ 670.000 circa il 29,9% del valore della causa.Stipendio magistrati:Inizio carriera € 37.454, fine carriera € 122.278.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Debiti Sovrani in miliardi di $ 2011

Post n°5839 pubblicato il 20 Aprile 2014 da previsionistampa

 Totalepro capite% del PIL
USA14.598,5046.77398,4%
Giappone10.898,5086.083199,9%
Germania2.291,4027.62076,7%
Italia2.238,9037.184119,8%
Francia2.066,3033.74086,7%
Gran Bretagna1.804,6028.87979,7%
Canada1.306,9034.20682,1%
Brasile1.137,605.73737,8%
Cina1.078,6080317,4%
10°India961,9080455,2%
11°Spagna879,9019.08768,9%
Grecia374,934.094134,4%
Portogallo177,916.71187,9%
Irlanda157,737.99785,0%

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

11 settembre 2001 solo a nominarlo vengono i brividi.

Post n°5838 pubblicato il 20 Aprile 2014 da previsionistampa

Ore 8,46-aereo della American Airline 11 partito da Boston si schianta sulla torre nord tra il 94° e il 98° piano.Ore 9,03-aereo della United Airline 175 partito da Boston si schianta sulla torre sud tra il 78° e il 84° piano.Ore 9,37-aereo della American Airline 77 partito da Washington si abbatte sul Pentagono.Ore 9,59-la torre sud collassa dopo 56 minuti dall'impatto.Ore 10,03-aereo della American Airline 93 partito da Newark precipita in Pennsylvania dopo tentativo dei passeggeri di bloccare i dirottatori.Ore 10,28-la torre nord collassa dopo 1h e 42 minuti dall'impatto.Tutto in 102

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Debiti Sovrani in miliardi di $ 2011

Post n°5837 pubblicato il 20 Aprile 2014 da previsionistampa

 Totalepro capite% del PIL
USA14.598,5046.77398,4%
Giappone10.898,5086.083199,9%
Germania2.291,4027.62076,7%
Italia2.238,9037.184119,8%
Francia2.066,3033.74086,7%
Gran Bretagna1.804,6028.87979,7%
Canada1.306,9034.20682,1%
Brasile1.137,605.73737,8%
Cina1.078,6080317,4%
10°India961,9080455,2%
11°Spagna879,9019.08768,9%
Grecia374,934.094134,4%
Portogallo177,916.71187,9%
Irlanda157,737.99785,0%

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Wabi.sabi

Post n°5836 pubblicato il 20 Aprile 2014 da previsionistampa

W

Wabi-sabi (in Kanji: 侘寂) costituisce una visione del mondo giapponese, o estetica, fondata sull'accoglimento della transitorietà delle cose. L'espressione deriva da due caratteri 侘 (wabi) e 寂 (sabi):

Tale visione, talvolta descritta come "bellezza imperfetta, impermanente e incompleta"[1] deriva dalla dottrina buddhista dell' anitya (sanscrito, giapp. 無常 mujō; impermanenza).

Secondo Koren, il wabi-sabi è la più evidente e particolare caratteristica di ciò che consideriamo come tradizionale bellezza giapponese dove "occupa all'incirca lo stesso posto dei valori estetici come accade per gli ideali di bellezza e perfezione dell'Antica Grecia in Occidente". Andrew Juniper afferma che "se un oggetto o un'espressione può provocare dentro noi stessi una sensazione di serena malinconia e un ardore spirituale, allora si può dire che quell'oggetto è wabi-sabi". Richard R. Powell riassume dicendo "(il wabi-sabi) nutre tutto ciò che è autentico accettando tre semplici verità: nulla dura, nulla è finito, nulla è perfetto".

Le parole wabi e sabi non si traducono facilmente. Wabi si riferiva originariamente alla solitudine della vita nella natura, lontana dalla società; sabi significava "freddo", "povero" o "appassito". Verso il 14esimo secolo questi significati iniziarono a mutare, assumendo connotazioni più positive. .[2] Wabiidentifica oggi la semplicità rustica, la freschezza o il silenzio, e può essere applicata sia a oggetti naturali che artificiali, o anche l'eleganza non ostentata. Può anche riferirsi a stranezze o difetti generatisi nel processo di costruzione, che aggiungono unicità ed eleganza all'oggetto. Sabi è la bellezza o la serenità che accompagna l'avanzare dell'età, quando la vita degli oggetti e la sua impermanenza sono evidenziati dalla patina e dall'usura o da eventuali visibili riparazioni.

Sia wabi che sabi suggeriscono sentimenti di desolazione e solitudine. Nella visione dell'universo secondo il Buddhismo Mahayana, questi possono essere visti come caratteristiche positive, che rappresentano la liberazione dal mondo materiale e la trascendenza verso una vita più semplice. La filosofia mahayana stessa, comunque, avverte che la comprensione genuina non può essere raggiunta attraverso le parole o il linguaggio, per questo l'accettazione del wabi-sabi in termini non verbali può costituire l'approccio più giusto.

I concetti di wabi e sabi sono originariamente religiosi, ma l'uso che si fa attualmente di queste parole in giapponese è spesso abbastanza causale. In ciò si può notare la natura sincretica dei sistemi di credenze giapponesi.

Una traduzione molto semplice di wabi-sabi potrebbe essere bellezza triste.

Altra interpretazione possibile è "bellezza austera e, quasi malinconicamente, chiusa in sé".

abi-sabi per artisti, designer, poeti e filosofi, si descrive il wabi-sabi come “un ideale artistico tipWabi-sabi per artisti, designer, poeti e filosofi, si descrive il wabi-sabi come “un ideale artistico tipicamente giapponese che descrive la bellezza di oggetti di fattura rustica e non rifinita, solitamente caratterizzati da un uso di materiali naturali grezzi, da superfici ruvide o icamente giapponese che descrive la bellezza di oggetti di fattura rustica e non rifinita, solitamente caratterizzati da un uso di materiali naturali grezzi, da superfici ruvide o 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Come rendere felice una donna e un uomo

Post n°5835 pubblicato il 16 Aprile 2014 da previsionistampa

Come rendere felice una donna

1. Riempila di complimenti
2. Rispettala,
3. Trattala con onore,
4. Falle le coccole,
5. Baciala appassionatamente,
6. Accarezzala,
7. Amala con tutto te stesso,
8. Ascoltala con attenzione,
9. Stuzzicala,
10. Consolala,
11. Proteggila,
12. Stringila a te,                                                    
13. Fai di tutto per tenerla,
14. Spendi soldi per lei,
15. Riempile sempre il bicchiere di vino,
16. Circondala di gioielli,
17. Falla sentire sempre sicura

18. Preoccupati per lei,
19. Stalle vicino,
20. Sostienila sempre,
21. Vai fino in capo al mondo per lei
22. Sii per lei Padre, Fratello e Amante
23. Non contraddirla mai
24. Sii sempre gentile

COME RENDERE FELICE UN UOMO :

1. Dagliela
2. Fai da mangiare

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pellegrinaggi nel mondo cristiano

Post n°5834 pubblicato il 16 Aprile 2014 da previsionistampa

Le tre mete storiche dei pellegrinaggi erano:
1)Gerusalemme-Terra Santa,
2)Roma 
3) Santiago de Compostela.
I due pellegrinaggi europei si sono svolti lungo percorsi che nel corso del tempo sono diventati celebri. I più famosi sono: il Camino francés per Santiago de Compostela e la via Francigena per Roma.
A questi tre pellegrinaggi si sono aggiunti quelli diretti ai vari Sacri Monti ed ai principali luoghi d’apparizione mariani:
a)Guadalupe,
b)Caravaggio,
c)Lourdes,
d)Fatima,
e)Medjugorie.
Oltre che a luoghi particolari legati alla Madonna come
f)Częstochowa 
h) Loreto
o luoghi legati a santi particolarmente importanti come
i)Assisi e
l)Croagh Patrick in Irlanda.
Nel mondo cattolico i pellegrinaggi per antonomasia sono quello a Gerusalemme e in Terra Santa, e quello verso Roma. L’importanza del pellegrinaggio a Roma è evidente nel fatto che in spagnolo il pellegrinaggio si chiama romería, e anche nell’italiano antico il termine romeo indicava il pellegrino. Nell’italiano medievale il pellegrino verso la Terrasanta aveva il nome di palmizio riservando il termine pellegrino per quello verso Santiago de Compostela.
Attualmente ogni stato cattolico è legato ad un particolare pellegrinaggio: per l’Italia Roma, Assisi, Loreto, per la Spagna Santiago de Compostela, per la Polonia Częstochowa, per ilPortogallo Fatima, per la Francia Lourdes, per il Messico Guadalupe, per l’Irlanda Croagh Patrick. Al di fuori dei paesi cattolici i pellegrinaggi principali sono quelli di Gerusalemme-Terra Santa e Medjugorie in Bosnia-Herzegovina.



Fino ad un secolo fa tutti i pellegrinaggi si svolgevano a piedi. Oggi solo alcuni hanno mantenuto questa modalità, i più famosi sono quelli di.
A) Santiago de Compostela in Spagna 
B) Częstochowa in Polonia.
In questi luoghi i pellegrinaggi a piedi non si sono mai interrotti. In altri luoghi invece questo tipo di pellegrinaggio ha ripreso vigore dopo decenni o secoli come quello verso
C)Loreto.
Negli ultimi 30 anni i Pellegrinaggi a piedi sono in costante espansione sia come partecipanti alle singole iniziative, sia come numero delle iniziative stesse. Significativo in questo senso è il caso di Santiago de Compostela in cui il Cammino di Santiago ha ripreso un forte slancio negli ultimi 15 anni.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Liquidità 1° Apple 147 miliardi di $ 2° Microsoft 77 3° Google 4° Cisco 5° Pfizer

Post n°5833 pubblicato il 16 Aprile 2014 da previsionistampa

L’ultimo studio di Moody’s, riportato dal Wall Street Journal, ha riferito che Apple dispone ad oggi di circa 147 miliardi di dollari in riserve di liquidità totali (nazionali ed estere) e che tale somma rappresenta circa il 10 per cento di tutta la liquidità aziendale degli Stati Uniti, esclusa la liquidità detenuta da istituti finanziari.

 

Microsoft è – ben distanziata – al secondo posto, con 77 miliardi di dollari nelle sue casse. Google, Cisco e Pfizer sono rispettivamente al terzo, quarto e quinto posto fra le società non finanziarie più ricche. Le società tecnologiche formano un pezzo massiccio delle aziende più ricche non solo perché si stanno arricchendo esponenzialmente negli ultimi anni, ma anche perché è più facile per loro basare le loro operazioni finanziarie in paesi a bassa tassazione, come l’Irlanda, in modo da evitare imposte sulle società degli Stati Uniti.

Questo rende anche i numeri e calcoli ancora più complessi: la maggior parte della liquidità di Apple (102.000 miliardi di dollari, secondo i numeri pubblicati a maggio) è detenuta all’estero e impossibilitata a “rimpatriare”. Portando quel denaro negli Stati Uniti significherebbe esporsi a una pesante tassazione, motivo per cui la società è perfettamente felice di lasciare crescere la sua liquidità oltre i confini statunitensi.

La stessa cosa vale per la maggior parte (se non tutte) le altre società della lista, che hanno ciascuna il suo mix separato di liquidità estera e nazionale, ed è molto difficile paragonare la liquidità di aziende com Apple, Google e Microsoft con quella di altre aziende impegnate in settori differenti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il 60% del PIL del mondo è prodotto nelle città.

Post n°5832 pubblicato il 16 Aprile 2014 da previsionistampa

Il 60% del PIL del mondo è prodotto nelle città.
1°-Tokyo-1.460. miliardi di dollari.Previsto nel 2025-1.697
2°-New York-1.210. miliardi di dollari.Previsto nel 2025-1.710
3°-London-925. miliardi di dollari.Previsto nel 2025-1.231
4°-Paris-736. miliardi di dollari.
5°-Los Angeles-700. miliardi di dollari.
6°-Chicago-511. miliardi di dollari.
7°-Reno.Ruhr-483. miliardi di dollari.
8°-Osaka-398. miliardi di dollari.
9°-Washington-380. miliardi di dollari.
10°-Huston-375. miliardi di dollari.
11°-Milano-367. miliardi di dollari.
12°-Randstand-holland-366. miliardi di dollari.
13°-Dallas-362. miliardi di dollari.
14°-Filadelfia-322. miliardi di dollari.
15°-San Francisco-303. miliardi di dollari.
16°-Boston-289. miliardi di dollari.
17°-Citta del Messico-286. miliardi di dollari.
18°-San Paolo-284. miliardi di dollari.
19°-Bejing277. miliardi di dollari.Previsto nel 2025-1.107
20°-Mosca-270. miliardi di dollari.
Shangai-Previsto nel 2025-1.243
PIl città italiane:
1°-Milano-367
 Roma-184
3°-Venezia-109
4°-Torino-89
5°-Napoli-88
6°-Firenze-61
7°-Bologna-46
8°-Palermo-29
9°-Genova-22
10°-Verona-11


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Numeri ditta moda quotate in borsa

Post n°5831 pubblicato il 16 Aprile 2014 da previsionistampa

LUXOTTICA
fatt.2012-€ 7.086–ebitda-€1.465–pos.fin.netta+1.441-patr.netto+4.326

SAFILO
fatt.2012-€ 1.175–ebitda-€  116–pos.fin.netta +189-patr.netto+888
FERRAGAMO
fatt.2012-€ 1.153–ebitda-€ 270–pos.fin.netta+13-patr.netto+ 374
TOD’S
fatt.2012-€    963–ebitda-€ 257–pos.fin.netta-148-patr.netto+ 834
GEOX
fatt.2012-€   808–ebitda-€   32–pos.fin.netta -10-patr.netto+382
MONCLER
fatt.2012-€    624–ebitda-€ 188–pos.fin.netta+181-patr.netto+285
AEFFE
fatt.2012-€    254–ebitda-€ 17–pos.fin.netta+83-patr.netto+127
CUCINELLI BRUNELLO
fatt.2012-€    279–ebitda-€  58–pos.fin.netta+15-patr.netto+143
STEFANEL
fatt.2012-€    187–ebitda-€  n.d.–pos.fin.netta n.d.-patr.netto+n.d.
DAMIANI
fatt.2012-€    138–ebitda-€   5–pos.fin.netta+38-patr.netto+ 72
CSP
fatt.2012-€    135–ebitda-€ n.d.–pos.fin.netto n.d.-patr.netto n.d.
BASICNET/ROBE DI KAPPA
fatt.2012-€   110–ebitda-€   13–pos.fin.netta +66-patr.netto+n.d.
FEDON
fatt.2012-€     61–ebitda-€ n.d.–pos.fin.netto n.d.-patr.netto n.d.
PIQUADRO
fatt.2012-€     56–ebitda-€    9–pos.fin.netta+  9-patr.netto+n.d.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Fiscal compact (letteralmente patto fiscale) 2014

Post n°5830 pubblicato il 16 Aprile 2014 da previsionistampa

L’accordo prevede per i paesi contraenti, secondo i parametri di Maastricht fissati dal Trattato CE[8][9], l’inserimento, in ciascun ordinamento statale (con norme di rango costituzionale, o comunque nella legislazione nazionale ordinaria), di diverse clausole o vincoli tra le quali:

  1. obbligo del perseguimento del pareggio di bilancio (art. 3, c. 1),[10]
  2. obbligo di non superamento della soglia di deficit strutturale superiore allo 0,5% del PIL (e superiore all’1% per i paesi con debito pubblico inferiore al 60% del PIL)
  3. significativa riduzione del debito pubblico al ritmo di un ventesimo (5%) all’anno, fino al rapporto del 60% sul PIL nell’arco di un ventennio (artt. 3 e 4).
  4. impegno a coordinare i piani di emissione del debito col Consiglio dell’Unione e con la Commissione europea (art. 6).

Sebbene sia stato negoziato da 25 Paesi dell’Unione europea, l’accordo non fa formalmente parte del corpus normativo dell’Unione europea.

I principali punti contenuti nei 16 articoli del trattato sono:[11]

  • l’impegno ad avere un deficit pubblico strutturale che non deve superare lo 0,5% del PIL e, per i paesi il cui debito pubblico è inferiore al 60% del PIL, l’1%;
  • l’obbligo per i Paesi con un debito pubblico superiore al 60% del PIL, di rientrare entro tale soglia nel giro di 20 anni, ad un ritmo pari ad un ventesimo dell’eccedenza in ciascuna annualità;
  • l’obbligo per ogni stato di garantire correzioni automatiche con scadenze determinate quando non sia in grado di raggiungere altrimenti gli obiettivi di bilancio concordati;
  • l’impegno a inserire le nuove regole in norme di tipo costituzionale o comunque nella legislazione nazionale, che verrà verificato dalla Corte europea di giustizia;
  • l’obbligo di mantenere il deficit pubblico sempre al di sotto del 3% del PIL, come previsto dal Patto di stabilità e crescita; in caso contrario scatteranno sanzioni semi-automatiche;
  • l’impegno a tenere almeno due vertici all’anno dei 17 leader dei paesi che adottano l’euro

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

le battute leggendarie del grande schermo

Post n°5829 pubblicato il 16 Aprile 2014 da previsionistampa

Via col vento: “Francamente me ne infischio”
Apollo 13: Houston abbiamo un problema ‘Houston, we have a problem’
Il padrino: ‘Gli farò un’offerta che non potrà rifiutare’
Coraggio, fatti ammazzare (Andiamo, dà un senso alla mia giornata).(1983)
Taxi Driver:’Ma dici a me? Ma dici a me?’
Psyco: ‘Il migliore amico di un ragazzo è la propria madre’
Shining: ‘Sono il lupo cattivo!’
Il silenzio degli innocenti:’Gli ho mangiato il fegato con un bel piatto di fave e un buon chianti’
Il sesto senso: ‘Vedo la gente morta’
Terminator 2: ‘Hasta la vista baby’
Rocky: ‘Adriaaaana!’
L’attimo fuggente: ‘Carpe diem!’
Jerry Maguire: ‘Coprimi di soldi’
Jerry Maguire: ‘Mi avevi già convinta al ciao’
Le ali della libertà: ‘O fai di tutto per vivere, o fai di tutto per morire’
Il mago di Oz: ‘Toto ho l’impressione che non siamo più nel Kansas’
The Blues Brothers: ‘Siamo in missione per conto di Dio’
E.T. ‘Telefono casa’
Dirty Dancing: ‘Nessuno può mettere Baby in un angolo’.
Via col vento: ”Dopotutto, Domani è un altro giorno’

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Sofferenze e prestiti bancari

Post n°5828 pubblicato il 16 Aprile 2014 da previsionistampa

Abi nell’Outlook di aprile
sofferenze lorde  gennaio 160,4  febbraio  162 miliardi
rapporto sofferenze lorde su impieghi 8,5%  livello massimo da dicembre 1998  febbraio 2013 era al 6,5% e a fine 2007 al 2,8%. Per i piccoli operatori economici il valore raggiunge il 14,4% (12,1% a febbraio 2013, 7,1% a fine 2007), il 13,7% per le imprese (9,9% un anno prima, 3,6% a fine 2007) ed il 6,4% per le famiglie consumatrici (5,8% a febbraio 2013, 2,9% a fine 2007).
sofferenze nette  gennaio 79,2 febbraio 78,2 miliardi  a seguito di operazioni di cessione di prestiti in sofferenza.
rapporto sofferenze nette su impieghi totali gennaio 4,7%  febbraio  2014 (3,23% a febbraio 2013; 0,86%, prima dell’inizio della crisi)
prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia marzo 1.850 miliardi di euro
ammontare complessivo della raccolta da clientela  marzo 1.724 miliardi di euro.
prestiti a imprese e famiglie   marzo  1.434 miliardi di euro -1,9% 12 mesi, -2,6% a febbraio,  novembre 13 -4,5%. prestiti ai privati marzo 1.584,3 miliardi-3,6%    -3,9% febbraio
totale dei prestiti ai residenti in Italia, comprese le Amministrazioni pubbliche 1.849,5 miliardi di euro, -3,2% (-3,4% febbraio).
tassi di interesse sui prestiti  marzo 3,31% febbraio 3,48%    (5,48% a fine 2007)
tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni  3,43%  valore più basso da settembre 2011; 5,72% a fine 2007)
tasso medio sul totale dei prestiti  3,86% (3,89% il mese precedente; 6,18% a fine 2007).
Leggero aumento di 2 miliardi di prestiti ai privati.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Sondaggi elettorali

Post n°5827 pubblicato il 09 Aprile 2014 da previsionistampa

31,5% PD
22,9% 5 Stelle
20,6% Forza Italia
 5,0% Lega Nord
 4,1% L'Altra Europa
 4,0% Nuovo Centrodestra
 3,5% Fratelli di Italia
 2,0% Scelta Civica

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Signor Burns 21 marzo 2014

Post n°5826 pubblicato il 22 Marzo 2014 da previsionistampa

Renzi è un gran parlatore, ma alla fine farà poco.
Gli 80 euro in busta sono solo da maggio /giugno a dicembre.
Quei denari non verranno spesi,ma risparmiati.
Renzi
proporrà Dalema alla commissione europea.
Ci vogliono ministri politici e non tecnici.
L'unica soluzione per uscire dal pantano:
1)-alzare tassazione BTP degli stranieri per portare il debito italiano agli italiani
2)-andare in europa e dire che tempo 3 mesi per rinegoziare quello che Italia dà e riceve
3)-uscire dall'euro
4)- con svalutazione e inflazione Italia si riprendePost n°5786 pubblicato il 22 Novembre 2013 da previsionistampa       

La banca d'Italia, ora non si prende nessuna responsabilità politica e segue pedissiguamente le indicazioni BCE cioè obbligando le principali banche italiane a portare il coreTer1 da 7% a minimo 8% considerando però tutte le garanzie immobiliari svalutate del 50/55% del valore di stima.
Basterebbe limitare i crediti per alzare il dato ma, giustamente sia la banca che  la banca d'Italia non lo vogliono.
Banca Intesa hà in corpo il bubbone Tassara ( Zaleski) per circa 5 miliardi però non si valuta svalutato altrimenti sarebbe un massacro.
La Veneto Banca molto esposta con l'immobiliare oggi è al 7% con le garanzie così considerate, ma solo con il convertendo in essere può arrivare al 8,4%; stà valutando però altre operazioni per arrivare al 8/9/10% come leaseback immobiliare o cessione quote azionarie ( mi pare BIM).
La Veneto Banca, contrariamente alle altre banche, su richiesta del cliente/azionista ritira direttamente le azioni invece di venderle ad altri.
Ormai tutti noi siamo sazi, nessuno hà idee per uscire da questo  mpasse.
I politici ragionano solo per il giorno per giorno senza idee lungimiranti.
Soluzioni: ridurre gli stipendi o il costo del lavoro solo così riparte l'esportazione e si rimuove la macchina..

La Germania ormai sono due mesi che stà cercando un'accordo per fare il governo, anche lì hanno le loro gatte da pelare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Autovelox

Post n°5825 pubblicato il 04 Marzo 2014 da previsionistampa

Costo installazione modulo autovelox:
€ 27.000+iva normale
€ 43.000+iva ultima generazione 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Goleador italiani

Post n°5824 pubblicato il 23 Febbraio 2014 da previsionistampa

Silvio Piola con 390, 
Alessandro Del Piero con 345, 
Giuseppe Meazza con 338, 
Roberto Baggio con 318
Filippo Inzaghi con 316
Francesco Totti con 304

Wikipedia 09/04/2014:

Del Piero goal club 315 (13/14 10 )+naz.varie 43 tot.= 358

Totti goal club 289 (13/14 7 )+naz.varie 27 tot.= 306

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Prezzi al mq. miranese

Post n°5823 pubblicato il 21 Febbraio 2014 da previsionistampa

 A livello provinciale, Venezia compresa, la media al metro quadrato è di 2391 euro
Mirano  dai 2050 ai 2100 euro al metro quadro

Martellago: dai 2025 ai 2100 euro
Noale   dai 1928 ai 2000 euro.
Spinea, tra i 1921 e i 1950 euro al metro quadrato.
Salzano, dai 1800 ai 1900 euro al metro quadrato.
Santa Maria di Sala sui 1650 euro al metro quadrato
Scorzè, dai 1600 ai 1750 euro
 

Gli affitti. A livello veneziano, la media è di circa 9,25 euro al metro quadrato al mese.
Mirano si varia tra gli 8,2 e i 9,22 euro al metro quadrato,
Salzano si è tra gli 8,2 e i 9,27 euro.
Spinea, tra gli 8,2 e i 9,01 euro
Santa Maria di Sala (7-7,15 euro)
Martellago (6,5-7,3 euro).

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »