Creato da PSICOALCHIMIE il 28/08/2008

PSICOALCHIMIE

di alba saddi

 

« vittorieFaccio e sono »

coppie

Post n°1030 pubblicato il 01 Agosto 2012 da PSICOALCHIMIE
 

 

quando un membro di una coppia 
si rivolge ad uno psicologo
ce n'è di solito un altro che si preoccupa

teoricamente dovrebbe stare tranquillo e fiducioso
sperando che il suo partner cambiando
porti nuova linfa alla coppia

nella realtà spesso aggrotta le sopracciglia
si lamenta, inveisce ed è terrorizzato
che l'altro per quanto irreprensibile possa farsi "condizionare"
e decida di interrompere o cambiare il gioco

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/psicoalchimie/trackback.php?msg=11481811

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
odisseando
odisseando il 01/08/12 alle 01:03 via WEB
è esattamente quello che è successo a me. il mio coinqulino non l'ha presa bene.
ed ha aggrottato ben altro che le sopracciglia. :-)
 
 
PSICOALCHIMIE
PSICOALCHIMIE il 01/08/12 alle 01:08 via WEB
sembreremmo un pericolo vivente... eppure non si può cambiare chi non voglia farlo... ti abbraccio
 
bahkty
bahkty il 01/08/12 alle 08:01 via WEB
Cambiamenti e responsabilità terrorizzano più d'ogni altra situazione, l'uomo preferisce rifugiarsi come un eterno bambino in ogni situazione che lo liberi dalla responsabilità di decidere, che tristezza... Buona giornata doc.
 
xx_Arcadia_xx
xx_Arcadia_xx il 01/08/12 alle 11:19 via WEB
penso sia la questa paura di perdere il "controllo", gli equilibri, anche più o meno funambolici che a volte si sovrappongono, con il tempo in uuna relazione, non volendo vedere che il controllo non esiste è solo una pia illusione dell'ego.. La figura del terapeuta è seria, andrebbe guardata con meno sospetto ma è quasi inevitabile sentirsi dire: "ah una/o strizzacervelli" seguito dal.. silenzio ;) Serve tempo per maturare questa fiducia, la/o psicologo sorride è lì per questo ;)
 
YukaakuY
YukaakuY il 01/08/12 alle 17:45 via WEB
insisterei su questo argomento, vorrei sapere chi da agli strizzacervelli la patente per cambiare le persone, e chi decide verso quale direzione.E non dirmi che non cambiano, hai perfino cambiato l'ultima frase............. forza... che mi prudono i diti.. bacio ;)
 
OutOfTarget
OutOfTarget il 01/08/12 alle 23:01 via WEB
E se questo dovesse accadere semplicemente amche se ci si rivolge ad un amico? Bisogna preoccuparsi?
 
 
PSICOALCHIMIE
PSICOALCHIMIE il 07/08/12 alle 00:15 via WEB
l'amico può essere di grande aiuto... lo strizzacervelli oltre ad essere un aiuto è un investimento sul futuro
 
cricetodoc
cricetodoc il 02/08/12 alle 09:17 via WEB
Hai ragione Alba, esiste purtroppo la conzinzione che lo "strizzaciervelli" possa influenzare negativamente certi equilibri sino al punto di fare esplodere la coppia. Ma se ciò avviene questi equilibri non esistevano. Un bacio.
 
 
cricetodoc
cricetodoc il 02/08/12 alle 09:18 via WEB
*convinzione
 
xx_Arcadia_xx
xx_Arcadia_xx il 02/08/12 alle 13:32 via WEB
Mario, si fa il tifo per la coppia perchè se esiste una relazione, un motivo c'è; io non ho mai visto uno psico che giocasse in volata per il separatismo, semmai il contrario; in genere c'è una responsabilità reciproca se quacosa si inceppa, semmai si guarda la propria per comprenderne serenamente le motivazioni ;)
 
YukaakuY
YukaakuY il 03/08/12 alle 01:38 via WEB
mah, rileggendo il tutto mi vengono pensieri. Cosa e' una coppia e quali sono i meccanismi che la tiene insieme? Nel momento che uno dei due si rivolge solo ad un esterno scioglie il bond emotivo che li lega. Puo' darsi ne subentri un altro, ma tu visiti solo coppie gia' disfatte, non mi meraviglio ti piacciano tanto le famiglie ''allargate'', o altrimenti incasinate, temo tu veda solo quelle.
 
 
PSICOALCHIMIE
PSICOALCHIMIE il 04/08/12 alle 00:20 via WEB
Caro yuka io lavoro con chi si sta separando così come con le persone che intendono riafferrarsi, le coppie sono sempre un grande punto interrogativo ed io non faccio mai prognosi sulle coppie, si lavora navigando a vista cercando di comprendere via via qual è la strada migliore per sentirsi meglio e per compiere ciò a cui in fondo si aspira. Sarei ipocrita e falsa se dicessi di essere neutrale, non sono neutrale, sono ben consapevole di quello che per me è peggio o meglio e questo è il modo per cercare di comprendere quello che per l'altro è meglio dal suo punto di vista
 
 
xx_Arcadia_xx
xx_Arcadia_xx il 06/08/12 alle 18:12 via WEB
Mario ci penso anch'io, specie in quest'ultimo periodo e mi sento di dire che la complicità è il meccanismo che tiene uniti
 
formybz
formybz il 05/08/12 alle 17:31 via WEB
Io appartengo al gruppo di quelli che avrebbe tanto voluto che il suo lui andasse "dallo specialista", pensando che ritrovare certe dimensioni servisse sì a me, ma di più a lui!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.