Creato da: psicologiaforense il 14/01/2006
finchè vita non vi separi
 

Ultime visite al Blog

argento_giuseppemare.bosco2017nzinodgliogiampiero.colantoniGiuseppeLivioL2fagiolone73magabodigimaxidoda77fpat2017carmelanettiafef11tancrediamatofalco1941
 
Citazioni nei Blog Amici: 799
 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultimi commenti

L'8 luglio 2014 la rapper Iggy Azalea estrae come...
Inviato da: pat2017
il 26/03/2017 alle 19:55
 
Dopo aver recitato una piccola parte nella pellicola Fast...
Inviato da: pat2017
il 26/03/2017 alle 19:54
 
Rita Sahatçiu Ora, nata Rita Sahatçiu (Pristina, 26...
Inviato da: mare.bosco2017
il 26/03/2017 alle 19:52
 
Rita Ora possiede un'estensione vocale da...
Inviato da: mare.bosco2017
il 26/03/2017 alle 19:51
 
Buon weekend Giu' ;)
Inviato da: geishaxcaso
il 25/03/2017 alle 15:13
 
 

Contatta l'autore

Nickname: psicologiaforense
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 55
Prov: PD
 

umorismo e satira

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 799
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Messaggi del 09/03/2017

 

PEDOFILO CON IL NOME DI JUSTIN BIEBER ADESCAVA BIMBI, 931 CAPI D'ACCUSA, VICENDA ORRENDA

Post n°9040 pubblicato il 09 Marzo 2017 da psicologiaforense


Quella di fingersi Justin Bieber sul web sembra essere una strategia usata da molti pedofili. Così ha fatto anche  un 42enne australiano che è stato incriminato con oltre 900 capi di accusa per pedofilia. L'uomo dal 2007 fingeva, appunto,  di essere Justin Bieber e usava Facebook e Skype celando la sua reale identità dietro quella della popstar canadese, sfruttando le sue fotografie o i suoi video.

«Nell'ambito dell'inchiesta, un 42enne è stato incriminato inizialmente cone le accuse di possesso di materiale pedopornografico e adescamento di persone sotto i 16 anni utilizzando un servizio di comunicazione», ha dichiarato la polizia del Queensland. Il 42enne sollecitava l'invio di foto esplicite da parte dei ragazzini con i quali si metteva in contatto. «Dopo un esame completo del computer dell'uomo, è stato incriminato per altri 931 capi d'accusa per pedofilia. Tra questi stupro, trattamento indecente di minori, produzione di materiale pedopornografico, sfruttamento della prostituzione su un minore di 16 anni e uso di un mezzo di comunicazione per diffondere materiale pedopornografico».

L'ispettore John Rouse, che ha seguito l'inchiesta, ha definito la vicenda «orrenda» e ha sottolineato che mostra, ancora una volta,  quali siano i pericoli nei quali possono incorrere i bambini che navigano in Rete senza un adeguato controllo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso