Creato da non.sono.io il 10/11/2005

NON E' UN BLOG

IL CUORE DEL PORCO E' L'UNICO CHE PUO' ESSERE TRAPIANTATO NEL CORPO DELL'UOMO

 

 

« UN BUCO NEL CIELO - CAP. IVUN BUCO NEL CIELO - CAP. VI »

UN BUCO NEL CIELO - CAP. V

Post n°1352 pubblicato il 11 Luglio 2012 da non.sono.io

Leonor rimase per un po’ sulla soglia di casa, fino a quando non vide Salvo sparire inghiottito dalla città. Ogni tanto lanciava un’occhiata al buco nel cielo con la speranza che sparisse da solo o che, colpito da un diverso taglio di luce, mostrasse la sua reale natura di nuvola. Ma non successe, così Leonor tirò un sospiro profondo e tornò dentro.
Accese la Tv per vedere se qualche telegiornale dava notizie riguardo il misterioso fenomeno, però nessuno sembrava occuparsi della faccenda, nemmeno su internet c’era un qualsiasi accenno al buco nel cielo. Questo rese l’assunto ancora più inquietante. Come poteva essere possibile che i mezzi di comunicazione non dessero risalto ad un accadimento così clamoroso? “Se nemmeno una persona avverte il pericolo, vuol dire che il pericolo non c’è”, le aveva detto Salvo. Ma lei con questa frase non era per nulla d’accordo. La gente di solito è troppo impegnata a sopravvivere per accorgersi dei pericoli. E’ un come un gregge che ha in mente solo l’idea di pascolare e aspetta il cane pastore che abbai per iniziare a provare paura. Il cane lo sa, e abbaia quando gli fa più comodo.  In quel momento Leonor provò un forte desiderio di farsi una doccia, di andare a riposare e lasciare che le idee gli si schiarissero nell’attesa che passasse la sbornia. Così provò a non pensare al buco nel cielo, e ci riuscì così bene che si rilassò fino a credere che non ci fosse nessun foro a squarciare il cielo, che andava tutto bene e che quella sarebbe stata una giornata normalissima. Mentre si lavava trovò anche la leggerezza per canticchiare, e continuò a farlo anche asciugandosi i capelli. Poi per sbaglio, in un momento che stava soprapensiero, si avvicinò di nuovo alla finestra e allora tutto l’equilibrio che era riuscita ad ottenere, scivolò via come acqua in una grondaia. Tornò l’inquietudine.
Le sembrava che da quando era apparso quello spazio vuoto nel cielo, anche il suo cuore si fosse bucato, e che da quel foro entrassero raffiche di vento gelato. Una stretta nervosa allo stomaco la costrinse a sedersi. Si sforzò di riprendere il controllo della situazione e quando lo ebbe faticosamente fatto, iniziò a vestirsi.
La sua vita, anche quella mattina, sarebbe trascorsa come sempre. Sarebbe andata a lavorare in fabbrica come tutti i giorni, avrebbe coperto il suo turno e poi tornata a casa per la sera, si sarebbe cucinato qualcosa di veloce e poi sarebbe andata a dormire, proprio come accadeva quotidianamente. Solo che quella sera, una volta finito di lavare i piatti, prima di mettersi il pigiama, si sarebbe riaffacciata alla finestra come era solita fare. E a quel punto lo avrebbe visto di nuovo, quel buco spaventoso nel cielo, che le avrebbe ricordato quanto fragile fosse la sua esistenza e conseguentemente gli equilibri che la tengono in piedi. Avrebbe taciuto, proprio come tutti, per non guardare in faccia una realtà impossibile da accettare, dove la normalità diviene un’eccezione e la mostruosità un’abitudine come un'altra, un qualcosa da scartare e da scambiare con una visione virtuale ma accettabile delle cose. Sarebbe bastato distrarsi con una scusa qualsiasi e la mente, aiutata dalla naturale propensione ad evitare le sofferenze, avrebbe scacciato quella macchia dal suo futuro.
Le sarebbe piaciuto sapere quando era apparso il buco nel cielo. La sera prima, almeno fino a quando non era uscita di casa per andare alla festa, era sicura non ci fosse ancora. O forse si sbagliava. Mica uno osserva il cielo tutti i momenti, e anche quando lo fa non sempre vede quello che in verità c’è. In qualche modo però, era sicura che il buco si fosse formato di notte, come nelle fiabe, e che lei non se ne fosse accorta solo perché ubriaca, e come lei tutti gli altri commensali. Di notte è più facile nascondersi per una cosa già oscura di per sé.
Finì di vestirsi e si diresse in fabbrica. Lei ci provava con tutte le sue forze ma le rimaneva difficile non tornare a mirare il foro nel cielo. Sembrava un problema solo suo. La gente, proprio come aveva avuto modo di osservare prima, ignorava il problema, o almeno così pareva. Le scene di una quotidianità conclamata si ripetevano in maniera grottesca mentre il cielo dimostrava l’intenzione di voler crollare sopra l’umanità. Leonor pensava che se neanche un fatto del genere riusciva a distrarci dalle quotidiane incombenze, allora sul serio non c’era più scampo per questa civiltà. Forse sarebbero morti tutti, da un momento all’altro. Chissà cosa sarebbe uscito fuori da quel buco. O magari lo scopo di quella falla non era far entrare qualcosa, bensì far uscire noi. Questo pensiero sembrò troppo ridicolo perfino a lei, che faticò a trattenere una risata solitaria per l’assurdità della tesi. “Un’uscita d’emergenza dal mondo”, disse a voce alta quasi volendo testare l’infondatezza del ragionamento semplicemente pronunciandolo. E scuotendo la testa in segno di disapprovazione entrò in fabbrica.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/radamantis/trackback.php?msg=11441280

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
blimund.a
blimund.a il 11/07/12 alle 14:41 via WEB
con una paura del genere perché è andata a lavorare? poteva spassarsela!
 
 
non.sono.io
non.sono.io il 11/07/12 alle 14:42 via WEB
E' quello che mi domando tutti i giorni.
 
   
blimund.a
blimund.a il 11/07/12 alle 14:43 via WEB
lo fai, come me, solo perché il 21 dicembre è ancora lontano :-)
 
     
non.sono.io
non.sono.io il 11/07/12 alle 14:47 via WEB
Non lo sai? Il Governo ha detto che la fine del mondo non ce la possiamo permettere. Al massimo possono morire in 55.000, però prima bisogna vedere cosa ne pensa la Corte dei Conti...
 
     
blimund.a
blimund.a il 11/07/12 alle 14:50 via WEB
e cosa fanno sorteggiano? fammi sapere.
 
     
non.sono.io
non.sono.io il 11/07/12 alle 14:55 via WEB
Dipende, puoi sempre far richiesta di prepensionamento, e allora scattano degli incentivi. Ma se poi per sbaglio innalzano l'età della mortalità, c'è il rischio che ti ritrovi tra gli esodati...
 
     
blimund.a
blimund.a il 11/07/12 alle 15:01 via WEB
cos'è un modo arzigogolato per dire che devo andare a lavorare?...vado :(
 
     
non.sono.io
non.sono.io il 11/07/12 alle 15:03 via WEB
C'è qualcosa di freudiano in questa risposta.. ma lasciamo stare :)
 
birramoretti_m
birramoretti_m il 11/07/12 alle 16:21 via WEB
Il mio buco nel cielo è la gravidanza della Fico. Incombe su tutti noi, qualcuno la ignora, altri ne sono angosciati e vieppiù si angosciano perchè qualcuno non se ne angoscia.
 
 
non.sono.io
non.sono.io il 12/07/12 alle 13:48 via WEB
A chi lo dici. Sono dieci giorni che non dormo. Sarà una femminuccia o un maschietto?
 
retrogustoamaro1
retrogustoamaro1 il 12/07/12 alle 10:51 via WEB
Berlusconi si ricandida...questa è la fine del mondo.
 
 
non.sono.io
non.sono.io il 12/07/12 alle 13:48 via WEB
Infatti questo racconto, in quanto a fantasia, in confronto a questa notizia sembra il rapporto del Censis.
 
cloudonmyhead
cloudonmyhead il 12/07/12 alle 12:04 via WEB
La fregatura è che quasi sempre le uscite di emergenza sono bloccate...
 
 
non.sono.io
non.sono.io il 12/07/12 alle 13:48 via WEB
Aò! Ma tu ancora qui stai?
 
   
cloudonmyhead
cloudonmyhead il 13/07/12 alle 11:12 via WEB
L'uscita di emergenza è bloccata :))
 
beside_me
beside_me il 12/07/12 alle 14:02 via WEB
bella la metafora del gregge e sempre più bravo tu nel descrivere ciò che viviamo..perchè è proprio così che succede,un racconto che nasconde in quel buco ciò che ognuno di noi sente.
 
 
non.sono.io
non.sono.io il 12/07/12 alle 14:06 via WEB
Non ho sentito gli applausi però :)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

antropoeticobonanza76umamau0EasyTouchdiego.scolaiolunalunellanaar75Pitagora_Stonatocassetta2albosio77poeta.72chim_chimla.cozzacard.napellus
 

QUESTO BLOG RISPETTA LE NOSTRE TRADIZIONI

 

NO SOY YO TAMPOCO EN ESPAÑA....

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

I MIEI BLOG AMICI

- BLOG FOR SALE
- MORRIGAN
- NIDO DI CORVA
- L'AMICIZIA
- NIENTE DA DIRE DISSI
- FATTERELLI-SECRETI
- LIKE A STORM AGAIN
- LA TORRE
- L'ACUME DI UN AGRUME
- RACCONTI DI ROMA
- IL CARDIOPATICO
- IKAROS
- LAUREANDA
- VOLARE.. ESSERE VERI
- CLAUDIA'S WORLD
- COME LE NUVOLE
- SONO VIVO
- GIRA SE LA VOI GIRA'
- SOFISMI RIDICOLI
- LOLITA A 360°
- VOMITO SUBITO
- IL MONDO DI PANDINA
- LO SGUARDO ALTROVE
- COME TI VORREI
- BAUHAUS
- ESTINZIONE
- PENSO QUELLO CHE DICO
- I'M LAZY
- PUNTO SUL ROSSO
- IGNORANTE CONSAPEVOLE
- SOTTO ZERO
- TE LO DO IO GRILLO
- WHAT'S HAPPEN?
- PENSIERO LIBERO
- LA NERA SIGNORA
- ANTISTATICA
- IL RIFONDINO
- GRAFFITI GUERRIERI
- MILIONI DI EURO
- ALLEGRI BEDUINI
- LA VITA IN SPAGNA
- CIELO!
- ESPERIMENTI
- EL PUEBLO UNIDO
- NAKED CAFE'
- DIO E' UN VIOLENTO
- MONDO PUFFO
- MUSICA SPAGNOLA
- ANCORA PEZZETTINI
- FALLO
- ARABESQUE
- LA MORBIDA PARATA
- COUNTRY FEEDBACK
- DASEIN
- L'ECO DELLE PAROLE
- S_CAROGNE
- LA FATA IGNORANTE
- LA GIUSTIZIA
- PREPARIAMOCI
- AREJAR
- UOMINI
- GOZERDAMMERUNG 2
- MEDIASETFREE
- JAZZANDO
- VIAGGIANDO... (MENO)
- NON SO CHE CAZZO
- RESPIRI E PAROLE
- R.O.A.R.
- OXALA'
- SOPRAVVIVERE
- DE HONESTA VOLUPTADE
- CHIUSO PER FURIA
- QUESTA MATTINA
- CAZZATE PENSATE
- DALLA TRINCEA
- IL NABISCODONTE
- KILL CUPIDO
- PENSIERI... LIBERI
- BOOKS ETC.
- L'ATRABILIOSO
- END(OR)FINE
- RESISTENZA
- IL TROVAPOLLI
- CORPO IN FRAMMENTI
- NON SONO 1 SCRITTORE
- EPAGOGICO
- PUNTO E A CAPO
- ESCORT BBW
- RICOMINCIO DA QUI
- IO CE L'HO PROFUMATO
- FACCIA DI NIENTE
- PAROLA DI CIALTRONE
- I MESS PIU' ASSURDI
- MEGLIO TACERE
- KREMUZIO
- EREMO MISANTROPO
- FORSE
- BISIDE ME
- NOI DUE
- PARTO DA PAPA'
 
Citazioni nei Blog Amici: 202
 

ULTIMI COMMENTI

articolo molto bello
Inviato da: flappy bird
il 21/03/2014 alle 21:38
 
E certo che esisto :) Adesso vivo qui:...
Inviato da: nonsonoio
il 19/03/2014 alle 17:27
 
esisti ancora..buona serata
Inviato da: morganael
il 18/03/2014 alle 21:41
 
Ma ciaooo! In verità non sono tornato, sono solo tornato un...
Inviato da: non.sono.io
il 11/03/2014 alle 19:57
 
Grazie. abbracci
Inviato da: non.sono.io
il 11/03/2014 alle 19:55
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: non.sono.io
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 41
Prov: RM
 

 

AIUTATE I QUARANTENNI POVERI

 

IN VENDITA SU WWW.OPPOSTO.NET

 
 

TESTAMENTO

Io erro lungo le rotte delle stelle, la gente mi chiama Capitan Harlock. Nell'oscuro mare stellare, nello spazio infinito e senza domani, finché ci sarà anche un unico sole che arde nel cosmo, io vivrò il libertà sotto il mio vessillo. Io vago per i confini dello spazio il blackjak é issato sulla mia nave, e con questa bandiera che sventola tra le stelle, io vivrò in libertà. L'universo é la mia casa. La voce sommessa di questo mare infinito mi invoca, e mi invita a vivere senza catene. La mia bandiera é un simblo di libertà. (Leiji Matsumoto, "Capitan Harlock", Planet Manga, 2001)
 
 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova