Creato da non.sono.io il 10/11/2005

NON E' UN BLOG

E' un dentifricio

 

 

Perché ti batte il cuore?

Post n°1399 pubblicato il 22 Aprile 2015 da non.sono.io

E’ tardi. Nel vagone ci sei solo tu. Così stendi le gambe, ti afferri la nuca e rilassi il collo. Chiudi gli occhi, tiri un lungo sospiro poi, nello stesso modo in cui scatti incontrollato un attimo prima di addormentarti, ti tasti nervoso le tasche per verificare ci sia tutto. E c’è tutto. Ti rilassi. Mancano appena due fermate poi ti ritrovi a casa, sotto le coperte, al caldo, al sicuro, alla monotonia che protegge. E non desideri altro che rallentare il tempo. Per questo dormi poco: per ritardare l’arrivo del domani. Il tuo sguardo annoiato perlustra gli angoli sudici del vagone, sorvola i pezzi di giornale abbandonati sui sedili e prova a decifrare gli scarabocchi inutili sulle pareti. Poi le porte si aprono, ma non entra nessuno. Guardi fuori pigramente appena attratto dal nuovo spettacolo, però c’è solo la mancanza ad attendere la metro questa sera.
Proprio in quel momento all’improvviso tutti gli organi del tuo corpo iniziano a premere verso un’unica direzione vogliono uscire e spingono, spingono, ti viene da vomitare rimandi indietro il respiro sperando di arrestare quella fuga ma ormai è tardi ti gira la testa tremi e pensi che questa è la morte e che ti è venuta a prendere proprio qui in un cazzo di vagone che lo sapevi che fumi troppo che le analisi non le hai mai ritirate che tua madre te lo aveva detto.
La voce nell’altoparlante dice: “Per chi ti batte il cuore?”.
La voce nell’altoparlante dice: “Perché ti batte il cuore?”.
Sudi. Ti fai strada con le mani attraverso i vestiti che sembrano cobra intorno al collo e la metropolitana assomiglia a una grande tomba sporca per questo pensi di uscire perché l’uscita è proprio lì a meno di un metro dal tuo corpo a più di un milione di anni luce dalle tue possibilità. E mentre ti chiedi se è questo quella che chiamano paura pensi che la puoi controllare se non fosse per quella maledetta troia che continua a gracchiare dall’altoparlante domandandoti:
“Per chi ti batte il cuore?”
“Perché ti batte il cuore?”
Poi le porte si chiudono e il treno riprende la sua marcia zoppa.
Ti guardi intorno anche se sai di essere solo. Ti ricomponi, ti aggiusti i capelli, ti sistemi i vestiti. Osservi in silenzio il tuo riflesso sul finestrino nero e quasi non ti riconosci.
Ti rimetti composto, seduto al tuo posto. E attendi.
Serio.
La tua fermata.

 
 
 

Il dolce profumo dell’asfalto appena steso

Post n°1398 pubblicato il 13 Aprile 2015 da non.sono.io

Poi, guardando la televisione, ho scoperto l’amore. Che bello l’amore. Lei gli fa: “Patrick ti amo come non ho mai amato nessuno”, e Patrick: “Baciami, stupida”. E lei lo bacia. E si amano. Chiudono gli occhi, sembrano concentrati su qualcosa che gli altri non possono vedere, e stanno bene. Per lo meno Jennifer e Patrick.
Sul mio pianeta, quando qualcuno si innamora vomita. Vedi una, ti piace, blurp. E’ un casino, e infatti nessuno si innamora più, anche perché sul mio pianeta innamorarsi è considerato come quando qui sulla Terra uno scorreggia in pubblico. Cioè, tu stai in un ascensore, la vicina di casa ti guarda con quegli occhioni così grandi, poi ti distrae con la scollatura, e tu ti senti così teneramente debole di fronte ai tuoi istinti che non puoi fare a meno di cedere. Ecco, è in quel momento che lo stomaco ti si ribalta e si finisce per espellere boli gelatinosi e verdi. Vi assicuro non è simpatico. Per questo le donne hanno preso a vestirsi integralmente, stando attente a non scoprire nemmeno una piccola parte della pelle per paura che qualcuno si innamori di loro. All’inizio non è stato facile andare in giro fasciati come una mummia per le donne del mio pianeta, ma quando la sera tornavano a casa e non puzzavano più di vomito si sono arrese all’evidenza del vantaggio provocato da questa precauzione.
Per questi motivi, io, per esempio, non mi sono mai innamorato. Mamma fin da piccolo, quando adocchiavo una ragazzina, iniziava a guardarmi storto come per dire: “Non vorrai mica farlo qui vero? Davanti a tutti?”. E io ero ubbidiente. Poi, che ne so, me ne sono scordato, di innamorarmi intendo. Con il tempo sono stato preso da altre cose, e l’idea di vomitare in faccia alle persone non mi attraeva come esperienza. Non dico che non mi accoppiavo, certo che lo facevo, ma io alla salute ci tengo.
Insomma, io a due come Jennifer e Patrick che chiudevano gli occhi con così tanto trasporto mentre si svuotavano, non li avevo mai visti e mi è venuta la curiosità. Come con le sigarette, la curiosità.
 A pensarci bene, io prima di venire qui non fumavo e non avevo curiosità per le cose, anzi non sapevo neppure cosa fosse la curiosità.
Iniziai a provare qualcosa di simile solo quando scoprii per la prima volta il dolce profumo dell’asfalto appena steso. Un giorno, mentre mi trovavo in perlustrazione a prendere appunti sullo svolgersi della vita umana, un sottile, dolcissimo profumo mi giunse al naso, inatteso come un ladro a rubarmi i pensieri. Era l’odore più sublime che avessi mai sentito, più coinvolgente di qualsiasi altro aroma mi era capitato di incontrare nel mio lungo passeggiare tra le vie terrestri e non.
 Istintivamente mi gettai alla ricerca della sua origine. Il vento portava con sé gli odori dei tubi di scappamento, delle fogne otturate dal fango, degli escrementi, dell’orina animale e umana, delle piante prossime alla morte, e persino dell’acqua stagnata. Ma tra tutti, quello che tanto mi impressionava, spiccava nobile, diverso, rendendo tutti gli altri odori inutili. Mi misi subito alla ricerca del punto esatto da dove proveniva quel profumo. E l’incontrai.
Alcuni operai a torso nudo, con la pelle bruciata dal sole e dalla fatica, lavoravano a riasfaltare una strada. Il primo agitava in una betoniera l’asfalto bollente e il secondo provvedeva a stenderlo con una pala. Ad ogni colata si dipanava in qualsiasi direzione un incredibile profumo che sembrava avere il potere di farmi sentire più leggero. Rimasi immobile ad aspirare ogni più piccola particella d’asfalto e proprio quando giacevo in estasi al cospetto di questa sensazione mai provata, mi scoprì commosso, sciolto in un sentimento che mi metteva a nudo una fragilità fino a quel momento sconosciuta. Crebbe così in me la convinzione che il profumo dell’asfalto appena steso, ancora bollente, fosse l’essenza stessa del pianeta, la sublimazione di tutto quello che di buono c’è nell’umanità, la prova che, anche con tutti i propri limiti, l’essere umano ha la capacità di produrre qualcosa che si erige ben al di sopra delle sue possibilità, molto più in là, in una direzione che si scioglieva nel sentimento che questo odore produceva in me stesso.
Da quel giorno la mia integrazione con gli umani aumentò e senza che me ne accorgessi, lentamente, esistere si fece più pesante, come tentare di camminare sulla sabbia. Ogni passo una fatica ingiustificata, ogni giorno la speranza di faticare meno. Io, prima, questo non lo capivo.
 Per comprendere la tristezza della condizione umana, prima bisogna provare a vivere come loro.
Forse i padroni del mondo, non sono umani.

 
 
 

L’ultima parola prima di un nuovo anno

Post n°1397 pubblicato il 09 Aprile 2015 da non.sono.io

Come l’ultima volta che vedi l’angolo della strada della vecchia casa, e su quel muretto c’era una scritta con la vernice, ma non ricordi cosa. L’ultima volta che osservi le scaglie di matita cadere da un temperamatite, dopo la ricreazione. L’ultima volta che vedi quel tizio che passava sempre lì a quell’ora, o quella modella sul cartellone tutte le mattine per la strada del ritorno. L’ultima volta che poi da quella volta in quel locale non ci sei andato più, come l’ultima volta che poi da quel giorno non l’hai pensata più. E l’ultima volta che le hai visto la schiena nuda, l’ultima prima dell’ultima sigaretta insieme. Pure l’ultima volta che hai composto quel numero, e l’ultima volta che ti sei ricordato del suo compleanno. L’ultima volta prima che le melanzane non le digerisci più, che l’ultimo sorso tanto non lo reggi più. L’ultimo ci vediamo prima di un addio, l’ultima battuta di una sera che è stata l’ultima che hai passato così. L’ultima volta che sei sceso a quella fermata, l’ultima volta che hai spento l’ultima sigaretta. Come l’ultima volta che ci hai provato e chissà sia stata proprio l’ultima. Come l’ultima parola prima di un nuovo anno.
Tutto inizia dopo l’ultima volta.

 
 
 

Burro e alici

Post n°1396 pubblicato il 08 Aprile 2015 da non.sono.io

Ci sono dei puntini sul soffitto e una linea scura, che posso vedere solo io, li unisce. La Voce che Parla alla mia Destra mi intima di alzarmi, quella che Parla alla Mia Sinistra dice che è inutile alzarsi se non ti aspetta nemmeno un abbraccio. Allora faccio proseguire la linea oltre la finestra, lascio che superi il giardino, poi i palazzi fino a quando arriva in un posto mai visto. La Voce che Parla alla Mia Sinistra dice che è qui che devo aspettare. C’è un tavolino di formica e una sedia vuota. Sul tavolo un piatto di pasta burro e alici, davanti una parete piena di puntini da unire.
La Voce che Parla alla mia Destra dice che dovrei mangiare prima che si freddi tutto, ma a me interessa l’opinione della pasta, per questo non mi muovo mentre lei non parla. Potremmo rimanere così in eterno, a guardarci, ognuno sperando che l’altro lo abbracci mentre tutto si fredda.
La Voce che Parla alla Mia Sinistra ripete che devo aspettare.
E nell’attesa conto tutti gli abbracci che non ho ricevuto.

 
 
 

Roncobilaccio

Post n°1395 pubblicato il 03 Aprile 2015 da non.sono.io

Il mattino questa mattina l’ha portato il vento. L’ha sollevato di peso da dietro le colline e senza troppi complimenti lo ha sbatacchiato un po’ su e un po’ giù facendolo rotolare oltre il Raccordo Anulare, fino quando non è andato a sbattere contro il vetro delle mie finestre, e allora mi sono svegliato prima della radiosveglia. Ma lei non se l’è presa. Con l’indolenza di una vecchia governante ha preso a raccontarmi di un non so quale rallentamento di traffico a Roncobilaccio. A Roncobilaccio c’è sempre traffico, la radio lo ripete spesso. Che io con il tempo ho preso ad immaginarmi Roncobilaccio come un incrocio in mezzo al nulla, dove tutto e tutti confluiscono in maniera caotica ma senza saperne il motivo. Chissà cosa c’è di così importante a Roncobilaccio da giustificare questa massa quotidiana di visitatori. D’altro canto su Atlantide sappiamo un sacco di cose, ma in che provincia sia Roncobilaccio è ancora un mistero per tutti quelli che non abitano a Roncobilaccio, e a volte dubitano pure loro di sapere dove si trovano.
Le notizie su Roncobilaccio mi hanno sollevato perché io non devo andare a Roncobilaccio, non devo temere le congestioni del traffico, né la sensazione di non sapere in che luogo sto fermo in mezzo a un mare di altre auto. Posso comodamente ignorare dove mi trovo seduto sulla tazza del bagno, fissando un muro in attesa mi risponda.
La sigaretta brucia riempiendo la mattina, alla quale ancora gira la testa, con un suono assordante di carta che incenerisce lentamente. Dura poco. Mi ritrovo in strada senza un vero perché, l’aria soffia veloce scapigliando le persone che si lasciando dondolare senza opporre resistenza, e io con loro a partecipare a questo ballo dei vuoti a perdere.
Poi passo sotto un albero, e un uccello mi caga sulla spalla.
Non ho fazzoletti con me, e l’idea di essere sporco di cacca mi fa venire i conati.  Quando provo a vedere dove sono stato colpito accidentalmente tocco il piccolo escremento semiliquido con una mano, e a quel punto il mio povero stomaco non regge: inizio a vomitare. Il vento dispettoso sparge la mia angoscia sulle persone che insieme a me assiepano la via, e che sembra non badino troppo agli schizzi color cappuccino con i quali sto decorando i loro abiti appena stirati. Passano muti guardandomi senza interesse fino a quando mi riprendo, mi siedo su un muretto e per pudore giro la testa verso un punto dove non c’è nulla da osservare.
Forse Roncobilaccio è da quella parte, penso.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

pa.ro.leseveral1chiedididario66psicologiaforenseEasyTouchlubopor.falcianiJuliet_Homephilippe.1_2013lacky.procinonon.sono.ioFanny_WilmotBabyblue2004Verainvisibileantropoetico
 

ULTIMI COMMENTI

il neurone batte. sulla calotta.
Inviato da: EasyTouch
il 25/04/2015 alle 19:35
 
Stavi sognando,in quel tuo letto monotono?
Inviato da: Juliet_Home
il 25/04/2015 alle 09:51
 
Il fegato?
Inviato da: non.sono.io
il 24/04/2015 alle 20:13
 
Il cuore non batte per nessuno. Nemmeno per noi. Forse...
Inviato da: non.sono.io
il 24/04/2015 alle 20:12
 
Non è il cuore che batte.
Inviato da: EasyTouch
il 24/04/2015 alle 18:04
 
 

UNA PORTA

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: non.sono.io
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 42
Prov: RM
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 209
 

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova