Community
 
raniero9
   
Creato da raniero9 il 21/09/2008

BLOG DI CRONACA

La segnalazione alle autorità è un atto tramite il quale porre all’attenzione comportamenti ed eventi di natura presumibilmente illegale, al fine di permettere di verificare la reale illiceità dei fatti rappresentati. Segnala un reato

 

Un piccolo pulcino

Post n°1496 pubblicato il 17 Aprile 2014 da raniero9

BUONA PASQUA

Nei miei sogni ho immaginato
un grande uovo colorato.
Per chi era? Per tutti i bambini
dall'Oriente all'Occidente:
pieno, pieno di sorprese
destinate ad ogni paese.
C'era dentro la saggezza
e poi tanta tenerezza,
l'altruismo, la bontà,
gioia in grande quantità.
Tanta pace, tanto amore
da riempire ogni piccolo cuoricino

 

Image and video hosting by TinyPic

 
 
 

Bambini violentati e torturati: i video online su Emule

Post n°1494 pubblicato il 14 Aprile 2014 da raniero9
 

L’indagine del compartimento Polizia Postale ha riguardato un’attività sottocopertura, autorizzata dalla Procura, finalizzata al contrasto della divulgazione di materiale pedo-pornografico su Internet tramite il programma peer-to-peer denominato E-mule. In particolare, gli indagati acquisivano e diffondevano sulla rete internet video di pornografia minorile, con abusi sessuali in pregiudizio di bambini di età infantile, spesso con torture alle vittime, utilizzando il citato software di file sharing. Le città interessate dalle perquisizioni sono state: Messina, Napoli, Teramo, Roma, Bologna, Cagliari, Venezia, Modena, Prato, Grosseto, Pisa, Milano, Bergamo, Varese, Brescia, Genova, Torino e Trieste. L’arrestato della provincia di Messina è un pensionato di anni 64; a Prato è un impiegato di 41 anni; a Napoli è un operaio di anni 44. Nei loro computer gli investigatori hanno rinvenuto oltre 20.000 file (video e immagini) pedo-pornografici.

 
 
 

Incesto choc: tredicenne incinta due volte dopo i rapporti con il padre

Post n°1493 pubblicato il 13 Aprile 2014 da raniero9
 

La ragazzina ha interrotto per due volte la gravidanza. L'uomo era accustato di abusi continuati:

Un storia orribile di violenza sessuale, abusi e degrado.In carcere per incesto un uomo ghanese di 53 anni residente a Pordenone.L'accusa era di violenza aggravata nei confronti della figlia. La vicenda era emersa grazie all'intervento dei servizi sociali dopo che la ragazzina per due volte fu sottoposta a interventi per interrompere la gravidanza.
Dalle indagini è emerso che la ragazzina era stata costretta ad avere rapporti sessuali con il padre per alcuni anni. Ne aveva appena 13 anni quando il genitore abusò di lei per la prima volta. La mamma, pur sapendo quello che succedeva alla figlia, ha sempre negato.

 
 
 

Ricatto a luci rosse sulla chat:

Post n°1492 pubblicato il 11 Aprile 2014 da raniero9

Estorsione a luci rosse e manette. La Squadra mobile e la Sezione polizia postale hanno arrestato L. B., 31 anni, residente a Napoli ma momentaneamente domiciliato a Latina per motivi di lavoro, colto nella flagranza del reato di estorsione, consumato adescando in una nota chat di incontri la sua vittima.Nelle rete internet B.L. aveva creato un’ identità fittizia, spacciandosi per un precedente fidanzato della vittima. La ragazza, convinta di aver riconosciuto il suo ex ragazzo, in quanto l'uomo aveva associato al suo nickname una foto (vera) dell'ex, ha iniziato a chattare con l'impostore.Nel corso della conversazione via internet, il dipendente di una grossa azienda dice alla ragazza di essere in possesso di un video contenente le immagini di un loro amplesso (circostanza poi rivelatasi falsa) e di essere disponibile a non divulgarlo. Ma la ragazza avrebbe dovuto pagare 2.000 euro. La ragazza scossa da quanto letto, dopo aver accertato che l’interlocutore in realtà non era il suo ex fidanzato,grazie a dei contatti telefonici in cui la vittima ha potuto ascoltare la voce del suo ricattatore, ha denunciato l’accaduto alla Polizia.Oggi pomeriggio l’arresto è avvenuto simulando un incontro tra i due, al quale la vittima si è presentata riferendo di voler accondiscendere alle richieste estorsive.

 
 
 

Adescavano bimbi su WhatsApp e Skype.

Post n°1491 pubblicato il 10 Aprile 2014 da raniero9

Sventata una rete di 24 pedofili

Adescavano bambine su Messenger, Skype e WhatsApp convincendole a inviare loro filmati e foto a contenuto erotico. È stata strappata a un cinquantenne, con precedenti penali per tentata violenza sessuale, la dodicenne che ha permesso alla Polizia Postale di Udine di smantellare la rete di pedofili che agivano attraverso sistemi di messaggistica e social network. L'uomo l'aveva adescata sulla community «Netlog», spacciandosi per un adolescente come lei. Pian piano, dopo aver finto di condividere interessi e aver instaurato un rapporto di fiducia, aveva deviato la conversazione su temi a sfondo sessuale. E stava spingendo per ottenere un incontro con lei.Il tempestivo intervento della Polizia Postale ha sventato l'incontro tra la dodicenne e il suo adescatore, residente nel centro Italia. Le indagini hanno consentito di appurare che in quattro mesi la ragazzina, indotta a inviare video e immagini che la riprendevano in atteggiamenti erotici, aveva avuto oltre duemila contatti con la rete di pedofili, aveva scambiato 2.197 sms e contatti Skype, 133 telefonate e ricevuto sei ricariche telefoniche.
Sono state denunciate diverse persone residenti in diverse province, dal nord al sud.
Una vera e propria community i cui membri, dopo avere adescato le minorenni, si scambiavano i riferimenti di contatto. Le indagini, avviate circa un anno fa, sono partite dalla denuncia dei genitori di una bambina di 12 anni. Coordinate dal Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia online di Roma e dalla Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Udine, hanno permesso di sequestrare un'ingente quantità di materiale informatico: 22 computer, 46 hard disk, 508 supporti CD e DVD, 46 pen drive usb, 50 telefoni cellulari e sim card, 11 memory card e documentazione varia ritenuta utile per il proseguimento delle indagini, svolte nelle province di Pesaro, Udine, Roma, Palermo, Caserta, Vibo Valentia, Brescia, Latina, Cagliari, Avellino, Monza e Brianza, Enna, Milano, Verbania, Lecce, Savona, Lucca, Forlì e Cesena, Genova, Torino, Bari, Verona e Benevento.
Tra i denunciati, in maggioranza tra i 29 e i 54 anni ma vi sono anche due ultrasessantacinquenni, figurano impiegati, liberi professionisti, studenti, operai e pensionati. Tra loro, quattro recidivi per reati analoghi.

 
 
 
Successivi »
 

ATTENZIONE OCCHI SEMPRE APERTI NEL WEB


Polizia di Stato

IL NOSTRO CONSIGLIO

 Commissariato di P.S. online

Navigare su Internet può essere utile e divertente, ma nella rete possono nascondersi molti pericoli.  Quindi è importante conoscere alcune regole fondamentali

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: raniero9
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 104
Prov: EE
 

CHIAMACI ALLO 06.37.51.82.82

Il volontariato contro la violenza CLICCA

Telefono Rosa

 

ULTIMI COMMENTI

AREA PERSONALE

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI LINK PREFERITI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Le_Tre_Rose_Di_Marytempo_non_definitomargo29emozionami1960raniero9nonna.framaddamarkrosycakeS.Figattarobym51ellaessaconny361azzonzomenevoluca.b
 

 AVVERTENZA:

 Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.non può per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001 Visto gli argomenti trattati ed il linguaggio utilizzato, il blog è riservato ad un pubblico adulto l’autore non risponde dei Commenti inseriti dagli utenti.

Le immagini, i testi sono reperiti nel Web dalle testate giornalistiche, quindi valutati di pubblico dominio (salvo diversa indicazione nei TAG del blog). Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo all'autore del blog che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

 

AREA PERSONALE

 
 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30