Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

NOVEMBRE


 
 E viene il tempo degli alberi
che lasciano cadere foglie d’oro.
E viene il tempo
dei giorni che si accorciano.
Le notti sono lunghe
e ogni sera ha un nome.
sempre nuovo di fiabe.
Nel vano della finestra
una stellina si ferma ad ascoltare
.

E. Borches
 

ša c' est tout




musica per l'amicizia




 

Ultimi libri letti...

R. L. Stevenson

"Viaggio nelle Cévennes
in compagnia
di un asino"

avventure,
storie e incontri
tra i monti




Elena Stancanelli

"Firenze da piccola"

un po' guida turistica,
un po' autobiografia


ci sono i libri precedenti
 

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 73
 

Ultime visite al Blog

artemisia_gentmassimocoppaexiettoatapomascia_agostinoelyravpiteregulliver.99yaris49davv.lanzellottogioavvocatogrimaldiraimondo.sartoProbo51olgy120
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 66
Prov: FI
 

ARRIVEDERCI




 

Messaggi del 01/11/2017

DI GIALLO E DI ROSSO

Post n°1476 pubblicato il 01 Novembre 2017 da atapo
 

IL SOLE NEL GIARDINO

E viene il tempo degli alberi
che lasciano cadere foglie d’oro.
E viene il tempo
dei giorni che si accorciano.
Le notti sono lunghe
e ogni sera ha un nome.
sempre nuovo di fiabe. 
Nel vano della finestra
una stellina si ferma ad ascoltare.

(E. Borches)

 

E' proprio questo il tempo: appena finita l'ora legale il buio ci sorprende troppo presto, ma quest'anno si annuncia con questi incredibili tramonti rossi un po' inquietanti. Ci sono storie che cominciano in questi giorni, non fiabe, ma progetti, organizzazioni di una vita diversa dall'estate, protesa verso i mesi a venire.

Sugli alberi le foglie ingiallite formano chiome di sole, stentano a cadere, non c'è ancora vento, restano ad illuminare ancora di più l'atmosfera soleggiata, rimandano le malinconie autunnali.

In fondo al mio giardino l'acer negundo è una nuvola dorata che solo ora accenna a diradarsi e le foglie cadute cominciano a formare un nuovo sole a terra, sull'erba verdissima.

Giallo solare nel mio giardino durante le settimane passate: oltre all'acero, i limoni sono finalmente giunti a maturazione, il topinambur raccolto l'anno scorso dei dintorni di Montelupo è diventato un albero alto due metri, con tanti steli-rami e tantissime margherite gialle. Non avevo mai visto una cosa del genere, forse il cambio d'ambiente ha causato nel topinambur una tale mutazione genetica? Sorprendente, ma inquietante...

Poi il rosso: le nandine mi pare si siano ambientate bene, hanno rami e foglie nuove tendenti al rossastro, qualcuna anche i suoi grappolini di bacche rosse.

Anche quest'anno una produzione enorme di melagrane ha incurvato i rami con grossissimi frutti che sembrano palle di Natale, sono rosse oppure gialle, ma sono tutte buone. Ne regaliamo, ne vendiamo, ne mangiamo noi anche scoprendo o inventando ricette, mio marito le spreme poi congela il succo nei bicchierini di carta, che dureranno per parecchie settimane...

Le belle di notte hanno invaso il fondo del giardino con una fioritura strepitosa dal giallo al fuxia con tutti gli incroci e le sfumature intermedie.

Ho appena comperato altri due ciclamini rosa e porpora e spero quest'anno di essere più brava a mantenerli...

Purtroppo i nostri viaggi e la siccità ci hanno fatto seccare alcune piantine di fiori: nostra figlia non poteva venire spesso a controllare e quel maledetto impianto di irrigazione era ancora inaffidabile. Bisognerebbe avere più costanza nel seguire le piante, ancora noi non ne abbiamo l'abitudine e la pigrizia di mio marito non aiuta. Speriamo di diventare bravi in futuro.

Per altre piante un po' ammaccate sarà meglio chiedere presto un consulto al mio amico giardiniere, per affrontare l'inverno...

Per finire, una bella sorpresa: la yucca tagliata due anni fa dal giardino del figlio a Montelupo, portata qui da noi solo come tronco, è bella rigogliosa e da qualche giorno sfoggia in alto uno stelo in cui si stanno aprendo i fiori bianchi!

Foto? E' complicato, visto che Libero ha tolto gli album... cerco vecchie foto già pubblicate, poi vi lascio all'immaginazione...

la yucca a Montelupo due anni fa, prima che venisse sradicata:

tornerà così?

acero e melograno (l'anno scorso)



 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso