Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

NOVEMBRE


 
 E viene il tempo degli alberi
che lasciano cadere foglie d’oro.
E viene il tempo
dei giorni che si accorciano.
Le notti sono lunghe
e ogni sera ha un nome.
sempre nuovo di fiabe.
Nel vano della finestra
una stellina si ferma ad ascoltare
.

E. Borches
 

ša c' est tout




musica per l'amicizia




 

Ultimi libri letti...

R. L. Stevenson

"Viaggio nelle Cévennes
in compagnia
di un asino"

avventure,
storie e incontri
tra i monti




Elena Stancanelli

"Firenze da piccola"

un po' guida turistica,
un po' autobiografia


ci sono i libri precedenti
 

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 73
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

atapoartemisia_gentmassimocoppaexiettomascia_agostinoelyravpiteregulliver.99yaris49davv.lanzellottogioavvocatogrimaldiraimondo.sartoProbo51olgy120
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2011 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28            
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 66
Prov: FI
 

ARRIVEDERCI




 

Messaggi del 19/02/2011

A PONT DE MONTVERT

Post n°645 pubblicato il 19 Febbraio 2011 da atapo
 

 

DOPO  LO  SPETTACOLO

Il post precedente, scritto poche ore prima dello spettacolo, è nato così, per far passare un po' il tempo e per alleggerire quel poco di tensione che avevo. Appena un briciolo di tensione, perchè stavolta era molto facile, soprattutto dopo aver superato la prova dell'anno scorso...

Mi piace quel brano, per me rende benissimo l'atmosfera che si vive prima e sul palcoscenico: a chi non ama recitare probabilmente dice molto meno. L'attrice che racconta è al suo debutto, che le arriva dopo tanto impegno e tanta ricerca per trovare il suo stile: o ce la farà o continuerà a vivacchiare di particine, arrotondando con altro, se no non si sopravvive... E l'amico a cui si rivolge rappresenta il voler condividere con chi sente più vicino, anche non materialmente, tutta l'emozione prima e la gioia poi...

Quel brano si trova verso la fine del libro che abbiamo letto per questo primo corso teatrale, è stato la base per il nostro lavoro. Non lo abbiamo sceneggiato, stavolta il regista ha voluto impostare il corso sulla lettura scenica, una lettura drammatizzata e accompagnata da musiche e immagini. Anche intrattenere il pubblico leggendo non è mica così facile...

Diversamente da come pensavamo all'inizio, solo due sono stati i brani tratti dal libro. Invece il regista ci ha chiesto di lavorare con la fantasia e con la memoria, di sviluppare le suggestioni che ci venivano durante la lettura, seguendo i luoghi, le situazioni...poi avremmo dovuto cercare testi letterari, poesie, immagini, musiche, scrivere se volevamo qualcosa di personale...e tutto alla fine sarebbe diventato uno spettacolo sulle emozioni del viaggio, nello spazio, nel tempo, in tutti i sensi che ci sarebbero venuti in mente. Pian piano il percorso si è chiarito, si è arricchito...e il risultato finale è stato originale e piacevole. Il pubblico non era molto numeroso: si sa, le letture hanno meno fascino di una commedia, comunque sembravano tutti soddisfatti.

Io, man mano che “divoravo” le pagine di “Tout sauf un ange”  (vedi box qui accanto), ero sempre più presa sia dalla trama, sia dal riconoscerne l'ambientazione in tante zone del sud della Francia dove ho viaggiato, che conosco bene e che amo tanto. Sullo sfondo dei personaggi più di una volta ho collocato panorami familiari, riconoscevo i rumori, gli odori, il gusto di alcuni piatti caratteristici...e mi sono pure arrabbiata perchè nella traduzione italiana (uscita da pochi mesi) hanno dato il nome a questi piatti un po' a casaccio, tradendo secondo me l'atmosfera vera di quelle frasi.

Avevo tante esperienze e tanti stimoli da portare ai miei compagni di corso...Ma il fatto più strepitoso e la coincidenza più strana è...che per molte pagine la storia è ambientata nelle Cevennes, dove ho viaggiato l'estate scorsa lungo la Loira! Ho trovato nel testo Pont de Montvert, paese in cui era passato Stevenson durante il suo viaggio iniziato a Monastier sur Gazeille: si è riallacciato un filo tra il viaggio di Stevenson e il mio...sono tornata, come avevo già fatto alla fine di luglio, sulle sue tracce, alla ricerca delle sue parole che raccontano quelle giornate tra i monti, i suoi incontri nel paese...Ho “prestato” a Stevenson le mie foto per accompagnare la sua narrazione...dirò di più: sono IO diventata Stevenson, che raccontava...e commentava...e si prendeva un colpo di fulmine per Clarisse la cameriera...

Metodo Stanislawski (si scrive così? boh!), dice il regista: TU sei QUEL PERSONAGGIO...ed io sono diventata uomo per il tempo di uno spettacolo!

Pont de Montvert

Perchè nonostante tutti gli odori e i ricordi della Provenza era questa la parte che mi intrigava di più... Avevo portato al regista altro materiale di altri luoghi, ma mica potevo leggere tutto io! E' servito per altri.

Sono stata soddisfatta del mio lavoro, della sequenza di foto che abbiamo scelto per accompagnarmi,...anche della mia voce che curata e coccolata tutta la settimana precedente non mi ha tradito, nonostante dovessi “forzarla” in modo rischioso.

Al prossimo corso, da venerdì, metteremo in scena il romanzo. Sono curiosissima di cosa ci proporrà il regista: la storia ha un intreccio strano...Forse, a vederci alla fine, tornerà anche l'autore, Monsieur Milovanoff, che abbiamo conosciuto a dicembre quando venne a presentare la traduzione italiana: confesso che ci teniamo tutti e ieri sera al ristorante nella cena dopo-spettacolo con amici, parenti e coniugi, non si parlava d'altro...siamo tutti pronti per la nuova avventura!

Dopo la cena, a notte fonda, io e mio marito siamo tornati allegri e baldanzosi a casa in scooter...quello che ci mancava per il mio mal di gola!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso