Ripopola Sadali

Progetto di ripopolamento in Sardegna. Per un lieto ritorno alla natura e alla socialità.

 

bosco

neve

molti i caki e nespoli a sadali

casa sarda

molte contadine sono centenarie

lago flumendosa

gatto

 

VIDEO

 

 

IL PROGETTO SI SPOSTA ALTROVE- IL BLOG CHIUDE AMARAMENTE

Post n°12 pubblicato il 14 Luglio 2013 da androcciocagonoccio

Noi non ci siamo trasferiti e ci sentiamo di bloccare il progetto a sadali perchè si sono verificati atti vandalici ed eventi spiacevoli. Il progetto si sposta altrove. Maggiori approfondimenti sono leggibili nello spazio facebook su ripopola sadali. 

Andrea ed Elena

 

 

 
 
 

SIAMO TUTTI "IN ATTESA"

Post n°9 pubblicato il 06 Novembre 2012 da androcciocagonoccio
Foto di androcciocagonoccio

A Sadali le case in affitto non si trovano. Solo alcune in vendita e basta. Se non aumentano i bambini in paese la scuola verrà spostata al paese vicino e i bambini sadalesi in autobus andranno là. Questo e altro potrebbe non accadere dato che almeno 10 persone del blog sono pronte a trasferirsi in affitto e sono ferme senza trovare possibilità e molte altre vengono a visitare il paese interessate sia dalla Sardegna che da fuori.  Di questi quasi tutti hanno bambini o vi sono mamme in gravidanza. Il ripopolamento effettivo in paese è realizzabile, ma questo auspicato progetto non trova modo di concretizzarsi dato che quasi nessuno è disposto a trasferirsi a vivere in un nuovo paese comprando casa. E Acquistare una casa a sadali per farci le vacanze ha ben poco senso per un ripopolamento.

Il sindaco ha diffuso attraverso bandi pubblici la richiesta di case in affitto, ma ha bocciato l'idea di un assemblea dove presentarci e presentare richiesta di case in affitto. Perchè? Non sarebbe opportuno incentivare i paesani ad affittare, eventualmente frazionando i buoni dei nuovi residenti?

Noi siamo ora a Cagliari e raccogliamo sempre nuove mail, ormai contiamo un centinaio di interessati al progetto. Seppure probabilmente qualcuno potrebbe  trovare casa a sadali in affitto nel tempo, siamo in tanti e a questo punto cercheremo anche altrove in attesa di notizie e dei censimenti a cui il comune sta provvedendo. Siamo felici della vostra/nostra partecipazione e non vediamo l'ora di conoscervi. Ci informiamo di altri paesi, cerchiamo informazioni anche relative a terreni in vendita, qualora decidessimo di comprare terra da suddividerci. Accogliamo ovviamente anche proposte da parte vostra. 

Un abbraccio a tutti, andrea ed elena.

 
 
 

Assemblea per le case in affitto

Post n°8 pubblicato il 29 Ottobre 2012 da androcciocagonoccio

Ciao amici del blog, stiamo valutando la disponibilità delle case in affitto in paese perchè ci sono molte case vuote o in stato di abbandono e i paesani non sembrano disposti ad affittarle. Attualmente stiamo riscontrando difficoltà per un trasferimento immediato.

Proponiamo ora al sindaco di organizzare un assemblea dove spiegare chiaramente l'iniziativa e chiedere disponibilità di case in affitto. A questo incontro chi potrà di noi partecipare sarà benvenuto e sarà anche un occasione di incontro per noi tutti, interessati del blog e paesani. Ci avete scritto in tanti, dai più svariati paesi e con varie competenze ed esperienze. Siamo finiti in siti di informazione online, gazzette, trafiletti in giornali a cagliari e radio. Nonchè a breve saremo aggiunti ai progetti di terranuova. Molti di voi, quasi tutti, scrivono che sono già pronti a trasferirsi a breve.

Speriamo in una risposta positiva da parte del paese.

 
 
 

Aggiornamenti

Post n°7 pubblicato il 09 Ottobre 2012 da androcciocagonoccio
Foto di androcciocagonoccio

In seguito al colloquio con il sindaco abbiamo parlato in sintesi di:

1 preparare censimenti per avere informazioni circa case in affitto o in vendita e terreni. Questo lavoro richiede il suo tempo.  Di questo se ne sta occupando la giunta comunale. Appena avremo queste informazioni sarà più facile il traferimento.

2 il progetto di ripopolamento è già in atto con successo. Sadali per come è impostato getta già già le basi per un ecovillaggio. Si mira all' autosufficenza e alla decrescita, nonchè alla sensibilizzazione e a sviluppare attività culturali e ricreative come già avviene in paese. Fondamentale è integrare sempre qualsiasi progetto in ambito di ecologia, arte, ecc. con il paese senza creare un gruppo chiuso a parte. Non sono benvenuti progetti in grande per non rischiare speculazioni e per preservare in piccolo un autosufficenza sostenibile di base. 

 
 
 

CHI SIAMO

Post n°5 pubblicato il 24 Settembre 2012 da androcciocagonoccio
 
Foto di androcciocagonoccio

(see english version looking at the post: WHO WE ARE)

Siamo una giovane coppia e ci rivolgiamo a chi ha intenzione di trasferirsi in Sardegna oltre che ai sardi decisi a vivere in campagna. Sadali è un paesino meraviglioso di montagna, una autentica oasi naturalistica, purtroppo in via di spopolamento. È importante farla rinascere.

Il comune incentiva chi sposta residenza o mette famiglia offrendo in buoni 200 euro spendibili in cibo, legna e quant'altro occorra. L'idea è unire un gruppo, conoscerci nei primi 2 anni comodamente affittando una ampia e riscaldata casa in paese, che si aggira intorno ai 150, 200 euro al mese. In questi due anni chi si trasferisce farà anche uso dei buoni validi appunto per due anni. In questo tempo avremo modo di organizzare un ecovillaggio nella forma che più ci piace venendo incontro alle nostre esigenze. Potremo valutare se restare in quella zona oppure spostarci.

La terra può essere acquistata a prezzi molto bassi (per dire, ci avevano detto che vicino al lago, fra le valli, ovviamente dove non c'è corrente e non arriva l'acqua e in tal caso un pozzo risolve il problema, oltre che le piogge invernali non mancano, vendevano ettari a 2, 3000 euro l'uno.) Questi due anni in affitto sarebbero quindi utilissimi per confrontarci e far strada ad un progetto comune, all'acquisto di terra e alla costruzione di case in materiali naturali, energia solare ecc.

Attualmente vi sono due coppie di amici che già si sono trasferiti e noi due ci muoveremo entro questi mesi. Gli amici hanno già avviato orti in una ampia zona di terra generosamente prestata da contadini locali.

La Sardegna è un luogo vitale dove vivere se si ha il coraggio di aprirsi e condividere. Attualmente vi sono molte realtà simili ad ecovillaggi, ma pur conoscendosi tutti, pare carente lo spirito organizzativo, eppure tutto cambia e l'energia di questa terra può aiutarci.

E noi restituire a questa terra la dignità che merita.

 

Ecco ora un idea dei nostri presupposti:

vorremmo ritrovare il contatto col mondo vivente, al di fuori di un contesto urbano, essere in gran parte autonomi per approvvigionamento acqua, cibo, oggetti utili, abitazioni-rifugi e impatto ecologico al minimo. Se ci fosse un bel gruppo di bambini si potrebbe gestire una scuola famigliare. Attualmente a Sadali c'è un unica scuola. Molte attività sono le benvenute laddove mancano. Benvenute sono le terapie olistiche e alternative di vari generi.

Un potenziale di guadagno potrebbe attuarsi attraverso bed and breakfast, vendite di prodotti locali, teatro, arte e seminari. La terra ci donerà quanto necessario per il sostentamento fisico e spirituale. Attraverso la rete dei seed-savers molte varietà antiche di semi possono essere protette e reintrodotte, valorizzando le specie locali. Ci interessa non puntare sullo sfruttamento di animali né piante, piuttosto agevolare il ripristino di ecosistemi prediligendo una fauna selvatica (animali che possano integrarsi autonomamente) ovviamente senza alcuna forma di fanatismo. Piante e animali forniranno spontaneamente combustibile, concime, lavoreranno il terreno, controllando insetti nocivi e infestanti, permetteranno il riciclo delle sostanze nutritive, l'arricchimento dell'habitat, l'aerazione del suolo, la prevenzione degli incendi e dell'erosione e così via. Per noi piante, animali e uomini sono considerati al pari valore, senza discriminazioni di nessun tipo. Rispettiamo la vita armonica circostante. Uno stile di vita semplice, libero dai molti stimoli sensoriali che ci disorientano nella realtà civilizzata, non può che far bene, senza dover rinunciare all'abbondanza e alla comodità.

contatti:

andrea:     coraggiodiessere@libero.it     3881647417

elena:        cannellaelena@yahoo.it 

 

p.s.  BREVE AGGIORNAMENTO - Molte persone interessate ci stanno contattando. L'articolo di questo blog è stato riproposto da altre testate giornalistiche, talvolta modificato, quindi attenetevi a quanto scritto qui e non altrove. Vorremmo a tal punto chiarire che il progetto di ecovillaggio vedrà la sua realizzazione qualora ogni individuo o coppia o famiglia decida autonomamente di partecipare e che ciò avverrà nel tempo e grazie al trasferimento in paese che permetterà a tutti noi di conoscerci. Il nostro primario obbiettivo è ripopolare Sadali. Noi non siamo capi e non dettiamo regole nè preferenze circa l'ecovillaggio. Ci piacerebbe che ognuno mantenesse la sua autonomia di spazio e d'azione, al massimo potremmo usufruire insieme di uno spazio comune per varie attività. Chi ci scrive talvolta si predispone aspettandosi da noi un indicazione su cosa fare, ma specifichiamo che la forza di un gruppo viene dalla forza dei singoli e noi per ora stiamo pensando al nostro trasferimento in paese, impegnandoci ad aggiornare questo blog per chi è interessato a fare altrettanto. Una lieta notizia è stata la risposta positiva del sindaco di Sadali che appoggia l'iniziativa e a breve avremo un incontro con lei.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: androcciocagonoccio
Data di creazione: 28/08/2012
 
 

CONTATTI FACEBOOK

TAG

 

ALBERI DI CACHI OVUNQUE IN PAESE

alberi di cachi ovunque in paese

 

FRUTTETO IN PERMACULTURA

 

IL PIANETA VERDE - FILM

 

FATTORIA DEL FUTURO

 

NASCITE - IL PRIMO RESPIRO DOCUMENTARIO

 

TERRESTRI (EARTHLINGS)

 

SOLUZIONI LOCALI PER UN DISORDINE GLOBALE

 

SIATE COME ALBERI CHE PORTANO CIELO ALLA TERRA