Creato da romolor il 20/07/2005
gossip e altro
 
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 34
 

Ultime visite al Blog

jiniuscwalshbona.giuseppe60Sky_Eaglealdogiornoromolorariazdgl2betaeta7makavelikambuttazzosurfinia60carmelaabatematteobookselleracer.250carlo19680
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Monica Bellucci star a Cannes

Post n°7418 pubblicato il 18 Maggio 2017 da romolor
 
Foto di romolor

Monica Bellucci e Claudia Cardinale, attrici italiane omaggiate a Cannes per il festival del cinema, la seconda con un manifesto-simbolo.
Sulla Bellucci sono stati raccolti i pareri di alcuni passanti per strada, in una città italiana.
L'attrice è considerata un simbolo dell'Italia ma quello che stupisce è che la metà degli intervistati, soprattutto donne, la definisce "molto intelligente".
Di solito le donne molto belle non vengono considerate per il cervello.
Ma la Bellucci, superati i 50, ha evidentemente saputo dimostrare qualità che vanno oltre, tanto da suscitare le simpatie femminili.
Il che equivale a un Oscar, in quanto le spettatrici, solitamente ipercritiche verso le altre donne, soprattutto se belle e famose, non regalano complimenti.
Ma la star nostrana è stata definita anche brava o bravissima attrice, un riconoscimento che fino a non molto tempo fa le era negato.
Sulla Cardinale: stimata e omaggiata da tutti anche se un critico ha commesso una gaffe, sostenendo di gradire soprattutto la Bellucci per la bellezza e Claudia Cardinale "quando era giovane".
Ma l'attrice simbolo del cinema italiano, assieme a Sophia Loren, Mastroianni e alla stessa Monica Bellucci, è sempre bella, oltre che affascinante.
Le vere star non invecchiano mai... R.R.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Harry Styles: perché ha successo

Post n°7417 pubblicato il 17 Maggio 2017 da romolor
 
Foto di romolor

Le stazioni radio fanno a gara nel trasmettere la canzone Sign of the Times cantata da Harry Styles, ex componente dei One Direction.
Con una disinvoltura pari alla faccia tosta.
Perché appena ieri i dischi dei One Direction erano banditi dai network radiofonici, nonostante la vendita effettiva.
Il motivo?
La penalizzante etichetta di "musica per adolescenti".
E a niente valsero i successi interazionali, come il primo posto conquistato in America.
Pronunciare il nome dei One Direction era, nella cultura della radiofonia, vergognoso, patetico, immorale.
A fronte della musica spazzatura trasmessa a tutte le ore, altrettanto orecchiabile, ma magari scadente,
Adesso si parla di uno Styles simile al David Bowie degli esordi.
Si sprecano citazioni mentre la canzone di esordio, che è un lento affascinante, viene salutata come un capolavoro.
Giusto.
Eppure tale voltafaccia non convince.
Apprezzare come una sorta di dio in terra della musica, quasi una leggenda, un ragazzo di 23 anni al primo disco è altrettanto strano del disprezzo manifestato quando egli era il front man, il capo carismatico della boy band più famosa nel mondo.
Ipocrisia del mondo radiofonico, attento alle etichette e poco al valore effettivo della musica, che non la diffonde ma la impone e talvolta si innamora di chi ha poco prima snobbato.
ROMOLO RICAPITO

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Laura Boldrini: potenziare l'aiuto agli utenti di Facebook

Post n°7416 pubblicato il 16 Maggio 2017 da romolor
 
Foto di romolor

28 milioni di utenti in questo paese su Facebook: Laura Boldrini in una diretta televisiva del 16-5 ha chiesto all'azienda americana una maggiore assistenza a chi pratica i social network, affermando altresì, riguardo l'informazione in generale: basta bufale.
Sono troppe le bugie vendute come notizie agli utenti non soltanto di Facebook, ma di internet.
Profili farlocchi , affermazioni improbabili, diffamazioni, certificazioni di morte false riguardanti i più svariati personaggi famosi.
Il pubblico casca spesso negli equivoci, con danno anche personale, perché ci si forma convinzioni sbagliate che inquinano l'opinione pubblica e quindi il giudizio.
Sono moltissimi coloro che usano come fonte di informazione il web, trascurando i giornali o anche i telegiornali.
Una generazione di giovani navigatori è dunque se non in pericolo, a rischio.
Le idee false, inculcate per recepire i famigerati "mi piace" o connessioni atte a guadagnare tramite la pubblicità, anche se in seguito smentite, riaffiorano nelle coscienze ed è dunque a volte complicato gestire questa deriva delle convinzioni.
Inoltre è pericolosa la sfiducia generalizzata nei confronti degli organi di informazione istituzionali e dei suoi rappresentanti, come i giornalisti, che spesso vengono considerati in modo non consono al loro impegno, dunque svalutati.
Romolo Ricapito

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Anna Tatangelo: perché a molti non piace come prima

Post n°7415 pubblicato il 13 Maggio 2017 da romolor
 
Foto di romolor

Anna Tatangelo: perché tutti la attaccano e principalmente sul web?
Nell'ultima puntata di I Migliori Anni in tv la cantante ha indossato un abito troppo sexy, che mostra il seno.
E' un rigurgito di moralismo da parte dei telespettatori, abituati a ben altro?
Nella prima puntata del già citato programma, la Tatangelo era stata attaccata perché aveva il viso poco naturale.
Secondo i detrattori, a causa di interventi estetici.
La Tantangelo aveva negato: colpa della pettinatura.
Ho visto le puntate del programma in causa e posso affermare quanto segue.
Anna Tatangelo è un'ottima cantante. ma negli ultimi anni la sua immagine, da quella di ragazza semplice e fortunata, oltre che bellissima, ha assunto i contorni di una vamp anni Quaranta troppo sofisticata .
Come aspetto, però.
Perché nell'affiancare Carlo Conti, personaggio affermato e un po' scontato nelle sue forme sceniche, Anna Tatangelo è convenzionale, poco originale, ripete un copione senza convinzione.
E per finire, anche a causa dell'età, non ha cognizione di molte cose delle quali si parla, risalenti magari ai primi anni Ottanta, o Settanta. Per questa ragione alla non naturalezza della sua vestizione, che comprende trucco e pettinatura, si aggiungono una scarsa convinzione, una rara spontaneità e l'artista affonda nel banale, almeno come presentatrice.
La causa dello sgradimento sta appunto nell'aver voluto ricoprire ( e per una seconda volta di seguito) un ruolo per il quale è poco portata: conduttrice, o showgirl.
Romolo Ricapito

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Macron e Brigitte, la moda delle citazioni

Post n°7414 pubblicato il 04 Maggio 2017 da romolor
 
Foto di romolor

Macron e Brigitte: quando la si finirà per assonanza di vedere servizi televisivi con Lory del Santo e il fidanzato di 25 anni, finanche ospitati a più riprese negli studi delle varie reti, anche concorrenti ?
Viene tirata in ballo finanche (e sempre) Rita Dalla Chiesa per il vecchio matrimonio con Fabrizio Frizzi, perché ovviamente più giovane di lei.
Virale è anche la citazione della coppia ormai scoppiata Riccardo Scamarcio-Valeria Golino.
Nuovo ingresso, almeno da Bruno Vespa a Porta a Porta: Selvaggia Lucarelli.
Auto-cacciatasi dalla porta (la finale di Ballando con le Stelle) rientra dalla finestra: ha un compagno più giovane di 15 anni. Immancabile Irene Pivetti: sposò, poi divorziò, da un marito di 10 anni più giovane.
Si è parlato anche della pop star Madonna, cacciatrice di giovani modelli.
Nella frenesia delle citazioni, ci si è dimenticati della cantante di nazionalità francese Amanda Lear: anche lei ha avuto (e ha) i famigerati toy boy. E voterà il nuovo presidente francese nel segreto dell'urna.
Mi auguro che eletto Emmanuel Macron all'Eliseo, oppure non eletto, venga spazzata via questa moda di citazioni infinite sulle coppie con una "lei" più anziana.
Oltre che sterile e ripetitiva, la trovo anche sciocca.RR

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »