Creato da dolente2005 il 02/08/2008
per non dimenticare

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

dolente2005canesciolto6schwarze.seelerustiko1lubopoBannato_ma_ritornocarezzadellanimaNepentheMisterN01falsapiritedeteriora_sequordafnyapsicologiaforenseITALIANOinATTESA
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Patriarchi

Post n°44 pubblicato il 29 Settembre 2014 da dolente2005

Patriarchi

 

Senza i nostri vecchi

Sembriamo ora avventati

Stare così davanti

Ad una intera progenie

E capitanarla al guado

Contro le insidie del tempo

Con l’onere solo di nota

Che si deve a fiere  e banali

Ecco che dà tanta carica

Da cui ci sentivamo al riparo

Con la saggezza  così ritardata

Per  qualche familiare vezzo

che ci culla sempre bambini

Ora sembriamo persino più sordi

A qualunque altro richiamo

Muti di mille curiosità

Come dentro ad un mistero

Quando pure avanza un ricordo

Per un’ interpretazione più vera

Non abbiamo più spettatori

 

Stefano Giacomo Iavazzo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ricordo

Post n°43 pubblicato il 09 Maggio 2014 da dolente2005

Hai sfiorato la mia anima,
soffiando via con delicatezza
la polvere dal mio cuore scoprendo
una superficie di cristallo
nella quale hai visto un riflesso bellissimo.
Hai appoggiato la tua guancia alla mia
chiedendomi in silenzio di aiutarti
a spiegare le ali che sapevi di avere,
accuratamente ripiegate
sotto strati e strati di armatura
sgretolati nei giorni propizi
come neve al sole al semplice tocco
della mia mano dolcissima.
Abbiamo volato insieme,
pochi momenti preziosi
seguendo rotte uniche, solo nostre
Contendendo a tutti gli uccelli
meravigliosi del cielo
l’emozione intensa e la gioia del volo
attraverso cieli striati di rosso al tramonto
con lo sguardo proteso a guardare il confine sottile
con campi infiniti di papaveri color del fuoco
La mia mano sulla tua spalla è scivolata
lentamente lungo il tuo braccio
Le mani si sono strette per un attimo
prima di staccarsi E ti sei allontanata
nella luce della sera
Chissà se ora voli da sola
incontro al sole
Mentre le mie ali senza più controllo
mi portano via
Come una povera falena
illusa di ritrovare altrove
lo stesso astro brillante
Al cui calore scaldare il suo piccolo cuore ferito.
(un copia e incolla)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

In memoria di mio padre

Post n°42 pubblicato il 08 Maggio 2014 da dolente2005

 Di mio padre per un momento

ho creduto di udire la voce

riesumata con le sue poche cose

che la terra in un bianco lenzuolo

ha gridato in una finta resa

il suo grande costato senza cuore

non poteva neppure un affanno

ciò che più l’aveva segnato

e in vita sua ha sempre celato

di averlo come una infamia

per una coerenza di principio

che imponeva il tono severo

nella famiglia e sui figli

ma ciò gli riusciva ancora meno

interprete di spirito libero

non voleva né farsi comandare

dei suoi frutti maturi

parlava appena ma compiaciuto

con quel sorriso mal nascosto

ancora sembra al suo posto

in quel capo che dicono ridotto

di pensieri fosse più vuoto

con la lanugine di color rame

come un oro invecchiato

i ricordi suoi di tutti noi

così quella volta nel chiostro

a cercare con mano nella mano

l’acqua che dà la Pasqua

fonte di quella sua benedizione

per me è la resurrezione. 

Poesia di Stefano Giacomo Iavazzo - In Memoria del Padre.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Come una bambina

Post n°41 pubblicato il 04 Marzo 2014 da dolente2005

   Salmo 1,6

Come una bambina

Nei tuoi ultimi giorni di vita

Madre ti abbiamo sentita 

Col seno che pure c’ha allattato

E più esile sulle gambe

Prima di vederti andare

In tanto freddo che lascia di gelo

e impone un destino contrario

Ad ogni umana ragione 

Dietro quel nostro orizzonte

con il corpo che si lascia nell’ ombra

Che a noi così bene nasconde

ogni grano del tuo rosario

come un tuo proprio intercalare

così di dire in tutti i modi

Nel ricordo che certo amerai

Mandare baci con la mano

Troverai altri affetti

Pure a noi cari

E non temere un tormento

Per quanto ci mancherà

In fede vai con Dio e vivi

Anche senza i tuoi figli

Che siamo così da tutt’altra parte.

 

     Stefano Giacomo Iavazzo

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

a mamma

Post n°40 pubblicato il 04 Marzo 2014 da dolente2005

I genitori muoiono lentamente, ma quando muoiono definitivamente si avverte il peso tutto insieme. Quando è morto papà, era rimasta mamma a darci conforto, come sempre. Ora anche mamma ha accettato la fine del suo pellegrinaggio e se ne è andata: siamo soli, ma con la memoria e l’eredità del loro amore.  Siamo soli con i loro insegnamenti e non è poco.

Sarà capitato anche a voi di averla ancora come un riferimento importante, per darle una notizia, per dire che siamo arrivati o che ci allontaniamo per qualche periodo più o meno lungo, per chiederle una conferma per una ricetta o per un ricordo o per entrambi.

Mamma porta con sé una storia ricca di meriti. Ha saputo sorreggere  tutti noi figli, in tanti anni della nostra storia e questo non sarà facile dimenticare. Per noi si è inventata una forza che non le era naturale, fragile di suo, con una storia personale che l'aveva resa ancora più debole. Quando s'accorse che tutto attorno spiravano venti minacciosi ci ha protetti col suo fiato e con le sue risate, dopo che i pianti erano consegnati ai vari santi di cui era devota e che ci ha trasmessi col latte e con il pane e l'olio. Mamma pensava al nostro quotidiano con  una psicologia meravigliosa: quando le nubi diventavano più nere aveva una sorpresa preparata. Era pronta a preparla per noi figli, ma noi eravamo pronti a trasformarci in terapia proprio per lei.

Mamma è stata la nostra guida eroica: ansiosa e fragile ha dovuto fare la forte e sicura, povera e senza cultura ha voluto che studiassimo, con una generosità che gli anni mi hanno insegnato quanto sia stata miracolosa e aveva bisogno di tutto. Mamma è stata la nostra maestra assoluta, a lei dobbiamo il senso del dovere e della misura, il senso della nostra prudenza, che ancora si serve delle sue parole…tutto ci vuole.. Anche della nostra fede è stata maestra, insegnandoci le cose di Dio nel modo più naturale  immaginabile.

Ho detto povera e non lo avresti detto, tanto era previdente nella gestione della sua vita e con la voglia di fare sempre bella figura e non le mancava mai una sorpresa per un’ultima spesa, magari non preventivata o forse preventivata in un’altra entità.

Ho detto senza cultura, ma dovrei dire senza troppa istruzione, perché fino all’ultimo ha cercato di coltivarsi. Ti sorprendeva fino a tarda età con una domanda sulla grammatica o sulla coniugazione di un verbo che voleva dire correttamente. Ci teneva a parlare bene e senza leggere don Milani aveva capito che usare bene la lingua ti protegge da tante prepotenze. Mamma a Barbiana avrebbe potuto benissimo tenere una lezione…

E’ stata la guida della famiglia, che ha reso “nostra” ogni cosa che poteva essere solo di ciascuno di noi, e ancora adesso, ma credo che questo capiti anche a voi, ogni volta che ho un piccolo dono, fosse pure  un boccone goloso, non lo penso mai mio e mi sembra che se non lo condivido ho rubato qualcosa a qualcuno: è come dire che la gioia non possa mai essere piena se non condivisa.

Mamma è stata maestra anche nella morte. Nel cammino della sua fine terrena, mamma ha dichiarato la sua ultima decisione, la sua scelta di autonomia, la sua voglia di non dipendere, di essere la donna capace che è sempre stata. Lentamente, ma senza troppi indugi, perché in una settimana è andata spegnendosi, una settimana per riconoscere che era giunta la sua ora.

Ora ci tocca onorarla solo nel ricordo. E’ tornata creatura della Terra, muta, come non sapeva fare. Ora ha raggiunto i suoi cari, ora appartiene a pieno titolo al mondo della verità che ha sempre invocato e che è stato la sua compagnia più costante. Ci ha molto amato, ma ha sempre avuto uno sguardo all’altra vita, dove era nascosto il padre che ha tanto cercato. Ora attende…paziente, immobile,nel sonno dell’ultima ora senza la solita risata. La ricordiamo tutti la sua risata sonora, che in certe giornate della nostra vita era il tesoro più prezioso, la nota più vitale della nostra vita; tanto vitale che quando  la sentivi arrivava la certezza che quella era buona giornata e la vita non ti avrebbe deluso; bastava la sua risata come la garanzia evidente della tua speranza più segreta. Se rideva lei, ridevano i nostri occhi, ma più ancora il nostro cuore. La sua risata arrivava come una buona notizia, per questo fin da bambini siamo stati grandi semiologi. Abbiamo specializzato l’attenzione a piccoli segni, abbiamo affinato la capacità di indagare i sapori delle circostanze ed era difficile sbagliare, abbiamo imparato il valore delle note e delle pause come provetti musicisti. Silenzio e risata. Silenzio come registro di riflessione mesta e voce allegra fino alla risata per dire, “Signore ti ringrazio” e con la solita prudenza sembrava aggiungere subito dopo “Signore mai peggio”.

Ora so che non potevo che essere psichiatra con una maestra così, perché sono stato abituato a dare attenzione a tanti segnali. Quando  l’animo tendeva a mortificare la speranza, era mamma, lo sapete, che con niente sapeva tirarci su lo spirito, come neanche la migliore terapia riesce a fare. Papà non aveva la voce allegra di mamma, e sapeva di avere meno potere sulle nostre anime, che avevano sempre lo sguardo volto a cogliere ogni parola buona che usciva dal labbro materno. Papà aveva intelligenza piena, ma non sempre era una intelligenza a noi vicina. Perciò la sua partecipazione metteva un sigillo di bene  ufficiale  e sembrava solenne ogni particolare, anche il più  insignificante. Ma mamma era la nostra garanzia, il fuoco dove ogni sosta trovava conforto, il riferimento che rendeva sicura la nostra anima e a lei la consegnavamo nella convinzione che con lei nessun male poteva colpirci.

L’ignoranza non la vedeva rassegnata, anzi la  rendeva più indomita, perché per paura di essere trascurata diventava più guardinga e tendeva a proteggerci, ma non ci escludeva al mondo. Ricordo la mia esperienza scout: non era tranquilla quando ci allontanavamo da lei, ma non si è mai opposta significativamente alla nostra voglia di esplorare la vita in autonomia. Capiva d’istinto, senza averlo studiato, che misurarci con il mondo significava crescere. Accontentava i suoi pregiudizi con qualche battuta, che puntualmente noi figli mettevamo in ridicolo e lei lo accettava, con un’intima soddisfazione, come a ricordare a se stessa che noi eravamo bravi e che lei ne aveva un po’ il merito e si realizzava tramite noi, che eravamo le sue propaggini, i semi con cui assicurava alla vita la sua collaborazione.

Ora possiamo continuare a dialogare con mamma, con i sensi della fede, come ci ha sempre insegnato, indicandoci un Dio sempre pronto a farci compagnia. Con la preghiera  si sentiva più tranquilla, calmava la sua ansia di madre, con la convinzione di darci l’eredità più preziosa. E lei sa che non siamo tutti uguali nel manifestare le nostre idee e le nostre convinzioni e che ci sono silenzi meravigliosi, proprio come nel gioco delle pause e delle note in cui era maestra.

Un bacio, mamma, con la voglia di vedere il tuo bel sorriso. Raffaele  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

suor carolina

Post n°39 pubblicato il 23 Novembre 2012 da dolente2005

di - IDA NUCERA “Oltre il cielo il mio sguardo” è la raccolta di poesie di Carolina Iavazzo, edito dalla Città del Sole.

La combattiva suora, collaboratrice diretta di P. Pino Puglisi, ucciso dalla mafia il 15 settembre 1993, cimentandosi con i versi, svela al lettore un tratto inedito come autrice, senza mai cedere all’intimismo. Suor Carolina Iavazzo è nata ad Aversa, ma ha trascorsi molti anni ancora più a Sud, tra Calabria e Sicilia. Questi luoghi geografici, vissuti con intensa passione per l’uomo, in particolare per gli ultimi, abbracciano un tempo che va dal lontano 1985 al recente 2006, diventano luoghi dell’anima ben presenti e rappresentati nel libro. Il suo percorso in alcuni tratti sembra impresso col sigillo del fuoco. Tre luoghi cardine: Crotone, Brancaccio di Palermo e Bosco di Bovalino.

La sua storia ha inizio tra i vicoli di una città vecchia, dove la povertà e il pianto dei bimbi, richiamano ad una autentica vocazione apostolica, priva di orpelli, ma ricca di servizio e ascolto. A Crotone si incontrano il cammino della suora di Aversa e del prete di Denno, poi diventato vescovo di Locri Gerace, mons. Bregantini, che, molti anni dopo, dopo il dramma di Brancaccio, con discernimento provvidenziale, la chiama in Calabria. Cogliamo tra le pagine del suo libro tutta la fatica di un cammino lungo “La strada”, compiuto in fedeltà. Sono luci e ombre, come in una “Danza alla gioia”, che si schiudono a questo sentimento profondo, che non è di questa terra, quasi danza, quasi vittoria sulla tristezza di essere orfani, “la gioia, dice suor Carolina, ha il ruolo di madre, non siamo destinati ad essere orfani, abbandonati!”. Di quanti figli si farà carico non ce lo dice, ma lo immaginiamo bene. La bellezza di una vita al servizio degli altri sta anche nella fragilità svelata e non nascosta, “nell’ansia di credere nella luce”, espressa nei versi di “Coraggio”, in cui l’inquietudine emerge nella “paura del buio della notte… e nella paura del giorno che verrà”.. Le strada e le piazze si fanno luogo dell’anima, in cui oltre il deserto, c’è sempre la mano dell’Amico che attende. L’amicizia è anche separarsi dall’altro, ancor di più per chi sceglie o meglio è preso dalla “passione di un Amore al di là del muro del mio pianto”.

Ed è già Sicilia, in “Tenerezza lontana” del novembre 1991, Brancaccio di Palermo. “Prigioniera di un’isola”, in cui “uomini non liberi” sono trasformati in bestie. Persiste, nonostante tutto, il sogno di libertà, in “un’aquila in cerca di vette lontane”. Molti sono i simboli che rimandano ai segreti nascondigli dell’anima, dove è possibile ascoltare “una favola al camino della vita, avvolta nello scialle del tempo”, ritrovando “l’altra parte di me perduta chissà dove… inseguo il vento, la vita". Il vento lo ritroviamo nelle poesie di Palermo, parola cara all’autrice, che ha parlato dei suoi tanti ragazzi, definendoli con la struggente espressione, di “figli del vento”. Strappati alla strada e alla violenza mafiosa, con una tenacia, mai vinta, mai sopita, nonostante i tanti perduti. Ma il tempo delle lacrime è vicino, percepito come presagio: “sei lì, sullo scoglio remoto di un tempo non previsto, gabbiano dall’ala ferita”. Si fa dolore, pur “restando qui, al mio posto….porto nell’anima ferite come epitaffi su lapidi, eroi del passato e del presente. Come un solco accolgo i semi di una vita nell’attimo che va”. E’ datata Palermo, 10 gennaio 1993.

La pagina successiva è del 15 settembre 1993. Si apre con un annuncio di morte con l’oscurarsi del sole. “Muore un uomo solo, in un angolo buio della storia. Si spegne una vita nel tragico destino di chi non sa da quale parte palpita la vita, di chi non sa riconoscersi uomo. Muore un mite, un uomo consegnato a Dio e ai poveri”.Tre anni dopo ancora un grido si leva: “Muori così, senza far rumore… nel silenzio te ne vai, lasci a noi solo le impronte di una nuova libertà”, poche scarne parole a margine: per la morte di Padre Puglisi.

Poi sarà il tempo del silenzio per suor Carolina, colmato nel libro da liriche che risalgono ad un tempo precedente, ispirate dalla natura e dalla ricerca della “della carezza di Dio”. “Dio non parla, è nostro prigioniero: ha le mani legate dalla nostra libertà”, dice suor Carolina, esprimendo una fede non miracolistica, ma adulta conquista quotidiana. Ma quel tempo vuoto, quel grande silenzio personale, fino al 2000, ci tocca e ci inquieta. Le abbiamo chiesto come fosse stato possibile mentre tutti parlavano e scrivevano di p. Puglisi, proprio lei che gli era stata così vicina, taceva. Perché aveva atteso tanto tempo? “ho atteso la maturità del tempo, perché l’esperienza vissuta sedimentasse, la sua risposta è un insegnamento di vita che difficilmente si dimentica: Ho aspettato perché così potessero emergere le cose che ancora andavano dette… tutti siamo chiamati a lasciare qualcosa che resti nella storia e nella vita degli uomini, come un testimone che passa da una mano all’altra, di generazione in generazione perché la vita è un compito che Qualcuno ci affida perché altri dopo di noi, possa ritrovare la strada che porta alla meta”. Padre Puglisi “quando aveva detto: non lasciate il mio corpo troppo solo, voleva dire: continuate voi la mi attività, la mia speranza, realizzate voi il mio sogno”.

Così quel sogno che sembrava spezzarsi, passa attraverso un lungo travaglio, un “passaggio” di morte e resurrezione, un’ecclissi nel tempo del silenzio, dove la parola muta e spezzata, si ricompone proprio nella poesia “Il silenzio”del luglio 2002: “Ti regalerò i miei silenzi… il mio passato. Ti regalerò la mia isola felice ma qualcosa avrà il sapore della morte …le mie lacrime saranno perle di rugiada tra i fili d’erba”. Nel “Le nostre speranze”, “muore un uomo, solo, in un angolo buio della storia….nel suo sangue si bagnano le nostre speranze perché ritorni a vivere nella civiltà dell’Amore un domani più umano”. Una finestra, finalmente, si apre per Carolina, su un nuovo giorno, un sogno di speranza seminato dall’ “uomo dello stupore, figlio delle stelle generato dalle cime dei monti,… uomo di Dio che semina a piene mani, raccogliendo sassi che trasforma in zolle profonde”.

Strade che molti anni prima si erano intrecciate, sempre in terra calabra, si incontrano nuovamente. Padre GianCarlo, non più giovane religioso, ma vescovo di una terra amata come sposa, si fa strumento di una nuova chiamata al servizio, di una nuova chiamata alla vita feconda. Suor Carolina, adesso quel sogno infranto l’ha ricostruito a Bosco di Bovalino, tra mille fatiche e difficoltà, ma non da sola. Una piccola comunità, quella del Buon Samaritano, è con lei nell’esperienza della condivisione con i più poveri e feriti, proponendosi di offrire consolazione e speranza lottando contro le ingiustizie e i soprusi. Ed e’ proprio alle sue compagne di viaggio e di avventura, che Carolina dedica la raccolta, a Francesca e Silvia, insieme, in un cammino che attraverso il messaggio evangelico restituisce alla Calabria il suo volto più bello.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

...........

Post n°38 pubblicato il 01 Agosto 2012 da dolente2005

Amore non è amore

se muta quando scopre un mutamento

o tende a svanire quando l'altro si allontana.

Oh, no!

Amore è un faro sempre fisso

che sovrasta la tempesta e non vacilla mai;

Amore, non muta in poche ore o settimane,

ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio:

se questo è errore e mi sarà provato,

io non ho mai scritto,

e nessuno ha mai amato.

                           (W. Shakespeare)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

caso della laurea albanese

Post n°37 pubblicato il 06 Maggio 2012 da dolente2005

*Non poteva esserci miglior pubblicità che il caso della laurea albanese
del Trota, alle ragioni di quanti difendiamo il valore legale del titolo di
studio e la certificazione pubblica della qualità della formazione.*
 
La notizia della laurea comprata da Renzo Bossi all’Università Kristal di
Tirana, dove si è laureato in 13 mesi così a distanza da non esserci andato
neanche per la Laurea, è la miglior chiosa alla parabola storica della Lega
Nord. Come per il fascismo, nato anche dalla critica radicale
dell’italietta liberale e degli accomodamenti familistici di questa, anche
la Lega Nord replica in farsa il peggio dei fenomeni che pretendeva
denunciare.
  
Quel “familismo amorale” che studi sociologici orientati attribuivano al
mezzogiorno, individuando di conseguenza una parte sana del paese
stranamente immune geograficamente dai difetti del paese, invece allignano
senza eccezione ovunque. I “figli di papà” e il “tengo famiglia” sono gli
articolo uno della Costituzione materiale del paese dagli stati preunitari
all’Italia liberale, da quella fascista a quella repubblicana, da Gemonio a
Lampedusa, da Imperia a Otranto.
 
Il caso della laurea albanese testimonia che nel Nord dove la polemica
anticulturale è stata più forte in questi anni e dove l’operaio
(apparentemente) non desiderava avere più il figlio dottore, proprio il
massimo censore del “culturame” a colpi di corna, rutti e gesti
dell’ombrello, si abbarbichi al pezzo di carta per il figlio ipodotato come
riconoscimento disprezzato eppure indispensabile. *Non poteva esserci
miglior pubblicità che il caso della laurea del Trota, alle ragioni di
quanti difendiamo il valore legale del titolo di studio e la certificazione
pubblica della qualità della formazione.*
 
In Italia, il vero pezzo di carta, con buona pace dei bocconiani,  è e sarà
la carta d’identità, familiare. La supposizione che il figlio di Bossi
possa usare la sua improbabile laurea testimonia che l’abolizione del
valore legale creerebbe una giungla nella quale non i migliori (dotati di
lauree conferite da atenei considerati “migliori”) ma i più forti
(privilegiati familisticamente, magari favoriti spudoratamente da atenei
interessati ad averli come allievi) sarebbero avvantaggiati. È solo il
valore legale, la rigida certificazione di percorsi di studio comparabili
(quale quello che porta al riconoscimento di lauree straniere) a garantire
dai peggiori abusi oltre a garantire il rispetto del diritto costituzionale
allo studio *dei capaci e meritevoli anche se privi di mezzi*.
 
Dopo vent’anni nei quali la Lega Nord ha violato i diritti civili di
migliaia di insegnanti meridionali, facendo barricate per impedire loro di
lavorare e farneticando di scuole padane dove insegnare il dialetto della
Val Brembana, proprio il figlio del capo va a prendersi la laurea in
Albania. È all’ennesima potenza una replica del caso di Mariastella
Gelmini, anch’essa sguaiatamente antimeridionale, che però prese
l’abilitazione d’avvocato a Reggio Calabria “perché più facile”.
 
Si capisce che un’Italia per decenni governata dal diplomato alla scuola
Radio Elettra Umberto Bossi o dalla pseudo-avvocato Gelmini abbia per anni
avuto nella scuola pubblica, nell’Università e nella ricerca scientifica il
peggior nemico. Quanta soggezione deve fare alla Gelmini un vero avvocato,
quanto marziano deve sembrare al Trota un vero laureato in marketing! Ciò
non c’entra nulla con la legittimità del non aver potuto studiare, per
censo o perché la vita ha scelto così. C’entra col non aver voluto studiare
ma volersi mostrarsi per quello che non si è. Potremmo farci un’alzata di
spalla delle frustrazioni di Gelmini o Bossi se non avessero contribuito in
questi anni ad affossare il sistema educativo e la ricerca italiana.
 
Avrebbero potuto mandarlo ovunque, gli Stati Uniti pullulano di college di
prima o di quarta serie dove i rampolli delle classi dirigenti mondiali
prendono i pezzi di carta con i quali subentrare ai loro papà. Ha scelto di
mandarlo in Albania, paese popolato da una razza inferiore per anni simbolo
della politica xenofobica della Lega. Dovremmo ringraziarlo il Rettore
dell’Università Kristal per aver venduto quel pezzo di carta a Renzo Bossi
pagato dai contribuenti di Bari e di Arezzo. Ha dimostrato quanto ipocrita
e strumentale alla preparazione culturale subalterna dei propri elettori
fosse (oltretutto) il razzismo della Lega. Un razzismo finalizzato al solo
mantenimento dei privilegi della classe dirigente per sé e per i propri
figli.
 
Il male assoluto di questo paese non appare così tanto essere l’infimo
livello della politica, la corruzione dilagante, l’evasione fiscale, ma
quella cristallizzazione premoderna di una società dove ognuno è destinato
a rimanere a vita nella casta di provenienza. Demolita la speranza del sole
dell’avvenire socialista e disciolto il sogno americano della promozione
individualista offerta dal neoliberismo, ognuno stia come sta. Senza
ascensore sociale (e non se ne conosce altro che l’istruzione) l’Italia è
destinata a essere governata dai Trota, dalle Mariastella e dai Piersilvio,
che restano “razza padrona”. Forse il Trota non sarà mai ministro
(speriamo…) ma la Porche in garage non gliela leva più nessuno.
 
C’è qualcosa di perverso in questa famiglia italiana che non si limita
(come fosse poco) a dare strumenti ai propri figli per farsi strada nella
vita ma, non appena può, lavora per costruire a questi autostrade tra le
macerie di un paese, l’Italia, che dobbiamo ricostruire da zero. Va da sé
che per ogni laurea comprata c’è un laureato vero che resta disoccupato,
per ogni figlio di papà imposto, c’è una vocazione altrui frustrata. È
anche per fare spazio ai trota (i trota figli di notai, medici, architetti,
politici, docenti universitari…) che un’intera generazione di bravi
laureati fugge all’estero o è confinata nella precarietà.
 
Bisognerebbe inventarsi qualcosa, magari mandarli fin da bambini in un
kibbutz in Galilea, questi figli tutt’altro che degeneri delle nostre
classi dirigenti. Chissà, magari in un kibbutz di quelli di una volta,
senza papà, senza scorta e senza laurea taroccata, forse anche Renzo Bossi
imparerebbe a vivere.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

con occhi di fratello

Post n°36 pubblicato il 29 Marzo 2012 da dolente2005

Con Occhi di Regina”. E’ il settimo lavoro che copre un percorso di circa ventisette anni che ha avuto inizio con la pubblicazione della prima raccolta in versi dal titolo “La memoria infame” del 1984. Con “Occhi di Regina” è un racconto che ripercorre la storia dell'Unità d'Italia, vista con gli occhi dell'ultima regina del Regno di Napoli, Maria Sofia Wittelsbach, moglie di Francesco II di Borbone, nell'arco dei suoi ottantatre anni di vita, fino al 1925, anno della sua morte. Una revisione storica necessaria, secondo l’autore, per rendere giustizia alla dinastia dei Borbone tanto vituperata dagli storici della prima ora. Leggere il testo di Iavazzo ci fa tornare indietro negli anni e ripercorrere la storia non solo di Napoli e della Campania ma dell’Italia intera. Molti i fatti di cronaca narrati dall’autore che rendono il libro interessante anche per i numerosi aneddoti raccontanti sconosciuti ai più. Alla presentazione del libro sarà presente l’autore Stefano Giacomo Iavazzo. Interverranno la dottoressa Teresa Scalzone e il corrispondente di Pupia Tv, dottor Gennaro Pacilio.  

 

Stefano Giacomo Iavazzo è nato nel 1953 ad Aversa dove ha frequentato il Liceo “Cirillo”. Si è laureato in Sociologia presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Napoli nel 1977 presentando la tesi in Sociologia dell’arte e letteratura sul tema: “Cultura dominante e cultura subalterna negli anni della Napoli unitaria”. Ha già pubblicato sei opere: “La memoria infame” (Poesie 1984); “Ragioni al lumicino” (monologhi in due tempi  1994); “Il Vizio del lombrico” (poema in versi 2000); “Lettere e ritratti” (Poesie 2006); “Il regolo continuo” (romanzo 2009); “Il totem di cristallo” (Romanzo 2010)  Ha già scritto due commedie che attendono solo di essere pubblicate.  Chiunque sia interessato alle pubblicazioni di Iavazzo potrà richiederne copia allo stesso autore inviando una email a stef.iavazzo@libero.it.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

negami questo dolore

Post n°35 pubblicato il 11 Gennaio 2012 da dolente2005

non negarmi il tuo sorriso,non negarmi la tua bocca

non negarmi i tuoi sospiri.

Ma negami questo dolore

negami la tua assenza,negami le immense attese.

Semmai domani ci sarò non negarmi nulla

perchè nulla negherei  a te.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

cari

Post n°34 pubblicato il 29 Novembre 2011 da dolente2005

Cari, quest'anno l'avvento si annuncia con un tempo bello, dopo il disastro degli ultimi giorni sia al nord che al sud. Il tempo bello, ma con il solito freddo e lo capisci dagli uccelli che in giardino cercano di nascondersi tra le larghe foglie della vite, che lascia sul prato, e ovunque, macchie di un bel rosso, come se avesse preso la consegna di non lasciarci troppo presto ai colori dell'inverno. Torna il tempo dell'attesa e ciascuno lo riempie delle cose più care e dei desideri più puliti. L'avvento ci prepara davvero all'annuncio di un tempo di buona volontà. Non c'è bisogno di essere religiosi per capirlo, anche se affidandoci al credo cristiano è una vera esplosione di Gloria. Cantare la Gloria è facile facile e non richiede nessuno sforzo dell'anima. Siamo naturalmente i pastori del campo d Betlemme. E' bello il campo dei pastori a Betlemme ed è lontano dal muro della vergogna e della paura, che fa sempre esagerare nella difesa ed è prigione per chi è dentro e per chi è fuori e non ne capisci il senso se non della paura e della piccineria, che qui poco si addice. Betlemme è bella quando sei fuori negli spazi aperti. Qui la storia degli uomini non ha reso giustizia al messaggio degli angeli. Dovette essere una grande notte, piena di celeste eccitazione e che gioia per i semplici, che questo attendono, consapevolmente, ma più ancora inconsapevolmente, ogni giorno della loro vita e questo naturalmente, e anche noi consapevolmente e inconsapevolmente, attendiamo, specie in questo tempo, che è sempre bello e non dipende dal freddo, o dagli altri agenti, che semmai fanno solo da cornice, più o meno riuscita, a questo tempo dell'anima. Vi penso, questo lo sapete e mi è facile quando l'alba stenta ad aprire gli occhi e la sera arriva presto per conciliare meglio i nostri pensieri e guidarli verso l'alto, verso quel cielo che si prepara la livrea migliore e non sbaglia mai la misura, nè il colore, con la magia delle sue stelle, che tornano allo splendore che è sempre particolare in questo scorcio di anno. Quest'anno il Natale mi porta la familiarità dei luoghi santi, che ho visitato appena l'altro ieri, tanto ancora mi riempie quell'esperienza che è bella da non credersi.

Chi sceglie di andare nella Terra che vide lo Splendore del Padre e accolse la Sua Parola Benedetta deve essere preparato al fatto che quella Terra interroga l’animo nostro nel modo più profondo e non ci lascia tranquilli. Quello che capita alla gran parte delle persone, perfino ai più scettici, o forse sarebbe meglio dire ai più impreparati, è di sentirsi cambiati nel modo più dolce pensabile, come dovette capitare a quei ricchi sapienti guidati dalla stella, che andarono per curiosità di ricerca e se ne tornarono talmente trasformati che divennero stranieri alle loro genti, secondo la bellissima intuizione di Eliot ” Tornammo ai nostri luoghi, ai nostri Regni,ma ormai non più tranquilli, nelle antiche leggi, fra un popolo straniero che è rimasto aggrappato ai propri idoli.”

A Nazareth una bella aria di Attesa si respira tutto l'anno.

Si arriva a Nazareth, come risvegliandosi da un sogno e ci si rende conto che qui è l’inizio di ogni cosa. La Chiesa dell’Annunciazione alza coraggiosa nel contesto islamico la sua cupola imponente. Ha studiato bene il suo progetto Barluzzi per indicare che i disegni di Dio sono una cosa seria. Nazareth, la semplice, mantiene la vita di tanto tempo fa. E’ araba Nazareth e non fa nulla per nasconderlo. E’ piena di colori e di voci, è piena di bancarelle stracariche di melograni e di arance in bella mostra. E’ carica di storia e mantiene il rispetto per una giovane donna piena di bellezza. E’ araba Nazareth e colma di canti di muezzin, che invitano alla preghiera in modo assordante, come a farsi largo nel resto che è ebreo.

Siamo ebrei anche noi, musulmani o cristiani di ogni orientamento, per dire che ogni preghiera si leva a Dio, piena di ogni giustificazione. Questo ho pensato e non ero disturbato, mentre i muezzin a squarciagola gridavano il loro canto ad ogni improbabile ora, senza tante domande sul diritto degli altri di fare lo stesso per il Dio che è unico e Supremo, Santo e fonte di ogni santità, ma in questa ignoranza del diritto degli altri, forte affermavano e ancora lo fanno, il diritto di Dio ad avere canti di gloria per il Suo creato. Il mio inno lo canto anche per questa giovane e coraggiosa donna, questa torre d’avorio, forte e incrollabile, questa benedetta fra le donne, quando fu creata questa creatura unica, infinitamente gradita a Dio, come sottolinea Charles Peguy, colei che è infinitamente regina, perché è la più umile delle creature, che è più vicina a Dio perché è la più vicina agli uomini.

E’ tardi quando arriviamo a Nazareth, ma a sorpresa la Chiesa di Maria è ancora aperta per una Adorazione. Ci accoglie bene Nazareth ed è un incanto la preghiera.

Si entra timorosi nella casa di Maria, non perché la Chiesa incuta soggezione. Siamo timorosi di creare trambusto, come in una casa che merita silenzio. La grotta è di una semplicità maestosa, perfino nel colore. E sorprende e rincuora e qui sembra appena giunto Gabriele, che ne fu confortato dopo il lungo viaggio, e metteva timore, ma non lo voleva. E si sorprese … Non temere, disse infatti. Ma con lui giunse la nuvola dello Spirito. Che mistero ineffabile. Ne parlo, ma la parola non serve. Bisogna stare nel mistero e accoglierlo nel cuore per meglio meditarlo. Ci accoglie Maria, non la si vede, ma si sente, ha qui lasciato come un segno della sua presenza e della sua fede determinata. Nella semplice casa vi è giusto un altare con una scritta che rivela un legittimo orgoglio. Non dice: Verbum caro factum est, ma grida felice, VERBUM CARO HIC FACTUM EST. Tutto attorno è posato lo sforzo degli uomini, a partire da Barluzzi, per dire la loro gratitudine, ma tutto è poca cosa in confronto a questa semplice grotta. E’ piena di grotte Nazareth, ma questa si ammanta di una bellezza indescrivibile. Fermatevi alla cancellata che la protegge per capirlo. HIC, qui, una vergine coraggiosa accetta un messaggio di un angelo che mette turbamento. E’ una vergine prudente e vuole capire e quando capisce accetta e sfida le leggi della sua comunità, che mette in pericolo la sua vita, perché è passibile di morte perfino per la sua religione. Si gira in fretta per dare spazio a tutti, ma si ritorna. Veloce e piano insieme, piano nella mente e nel cuore, le gambe si fanno complici dell’anima che vuole imparare a dire sì, con la stessa dolcezza e la stessa determinazione. La grotta è sempre qui, naturale, naturalmente, bella senza fronzoli, bella dello Spirito che ancora aleggia e richiama e ricorda la Sua natura d’amore. E ci si inginocchia, senza protocollo, senza liturgia, ci si inginocchia naturale, naturalmente, perché è l’anima che si inginocchia e neanche ti avverte e tu sei lì con gli occhi per terra, stordito, mentre tutte le Ave Marie, ancora Peguy, e il nobile Salve Regina, che cantiamo con il desiderio di mai finire e lo eleviamo al cielo, sono bianche caravelle, umilmente raccolte sotto le loro vele a fior d’acqua, come bianche colombe che si alzano nella cupola a giglio. Si prega a Nazareth, oh se si prega, e si canta e si canta in tante lingue, come in una Pentecoste. Il canto più bello è in arabo e noi lo abbiamo ascoltato rapiti, un canto pieno di melodia e di suoni carichi di inflessioni, che ci ricorda la lingua di quella giovane donna. E’ cara a Dio questa giovane, che seppe rallegrarsi della Sua Parola. E’ cara e ha saputo rispondere, facendosi tabernacolo vivente e cara al cuore degli uomini per aver saputo difendere il frutto benedetto del Suo ventre. E lo ha fatto da Erode fino all’Egitto e sembra averlo riportato qui, in questa semplice grotta, come se neanche a Betlemme si sentisse sicura. Chi va a Betlemme riceve la stessa sensazione di sovrastrutture del Santo Sepolcro. Solo sul punto della stella si prova una forte emozione e nei campi dei pastori, dove ci si guarda intorno immaginando il fulgore e il clamore di quella notte. Fu una notte di luce e di meraviglia, una notte di lode e di benedizione della buona volontà. Ma a pensarci bene ho ritrovato a Nazareth la gioia del Natale e per molte ragioni.

Ora potete immaginare con quali sentimenti vi penso in questa parte dell'anno e come mi preparo alla comunione con i vostri desideri e con le vostre speranze. Con affetto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

immortali piaceri

Post n°33 pubblicato il 27 Novembre 2011 da dolente2005

Nel cuore uno strappo profondo e ramingo

….solitario.. si nutre…di immortali 

Piaceri. 

 

Procurati un sorriso e

 guadagnati un amore… 

 

Mezzanotte,nel freddo…

la ferita s’asciuga, 

essa stessa al calore del sangue. 

 

E non sente rumori o voci distorte

….dal vento. 

 

Ma ululati…..ecco i lupi!!!!!

Affamati…rabbiosi!!!! 

 

Uno strappo profondo proprio

 in fondo al cuore…

s’insinua poi nella mente

 dai pensieri perduti…. 

 

 Le colpe cadono nel fondo e

 pesante diventa il fardello.

Pesante è il raggio di sole che

 non avrai mai nel letto disfatto e sudato. 

 

…..cuore ferito….assopito….annegato.. 

profondo è il baratro aperto nelle vene.

Grande  è il dolore che mai più

lascerò navigare nei pensieri altrui.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

tutto č fermo

Post n°32 pubblicato il 27 Novembre 2011 da dolente2005

NON SOFFRO PIU',NON PIANGO PIU' NON DESIDERO PIU'

NON RICORDO PIU'.

TUTTO E' FERMO ,STAGNANTE NELLA MENTE

E NEL CUORE COME SE DOVESSE RIPRENDERE VITA

 ALL'IMPROVVISO PER UN TEMPORALE RIGENERATORE.

 SONO NEL SOTTOBOSCO DELLE EMOZIONI

NASCOSTA DA OMBRE PIù FORTI E PIU'GRANDI

DI ME E NON HO ARIA PER RESPIRARE .

VORREI ALLUNGARE LA MANO E AFFERRARE

 QUALCOSA CHE MI PORTI ALLA LUCE.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

sfiorami l'anima

Post n°31 pubblicato il 24 Novembre 2011 da dolente2005

Sfiorami l'anima quando mi penserai
 e chiudendo gli occhi chinerai il viso,
come per darmi un bacio.
sfiorami l'anima quando
 all'improvviso ti sentirai perso,
col cuore in fiamme e le mani tremanti.
un caldo sudore  ti bagnerà la fronte.
Sfiorami l'anima di notte,
nel buio della tua vita.
e cercandomi ti accorgerai
 Che Io ci sarò....sempre
Che Tu ci sarai ..sempre.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Č proibito

Post n°30 pubblicato il 30 Settembre 2011 da dolente2005

È proibito
piangere senza imparare,
svegliarti la mattina senza sapere che fare
avere paura dei tuoi ricordi.
È proibito non sorridere ai problemi,
non lottare per quello in cui credi
e desistere, per paura.
Non cercare di trasformare i tuoi sogni in realta'.
È proibito non dimostrare il tuo amore,
fare pagare agli altri i tuoi malumori.
È proibito abbandonare i tuoi amici,
non cercare di comprendere coloro che ti stanno accanto
e chiamarli solo quando ne hai bisogno.
È proibito non essere te stesso davanti alla gente,
fingere davanti alle persone che non ti interessano,
essere gentile solo con chi si ricorda di te,
dimenticare tutti coloro che ti amano.
È proibito non fare le cose per te stesso,
avere paura della vita e dei suoi compromessi,
non vivere ogni giorno come se fosse il tuo ultimo respiro.
È proibito sentire la mancanza di qualcuno senza gioire,
dimenticare i suoi occhi e le sue risate
solo perch è le vostre strade hanno smesso di abbracciarsi.
Dimenticare il passato e farlo scontare al presente.
È proibito non cercare di comprendere le persone,
pensare che le loro vite valgono meno della tua,
non credere che ciascuno tiene il proprio cammino
nelle proprie mani.
È proibito non creare la tua storia,
non avere neanche un momento per la gente che ha bisogno di te,
non comprendere che cio' che la vita ti dona,
allo stesso modo te lo puo' togliere.
È proibito non cercare la tua felicita',
non vivere la tua vita pensando positivo,
non pensare che possiamo solo migliorare,
non sentire che, senza di te,
questo mondo non sarebbe lo stesso.
(Pablo  Neruda)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

un ricordo

Post n°29 pubblicato il 27 Settembre 2011 da dolente2005

Tu hai dapprima sfiorato la mia anima,
hai soffiato via con delicatezza
la polvere dal mio cuore scoprendo
una superficie di cristallo
nella quale hai visto il tuo riflesso bellissimo.
Hai appoggiato la tua guancia alla mia
chiedendomi in silenzio di aiutarti
a spiegare le ali che sapevi di avere,
accuratamente ripiegate
sotto strati e strati di armatura
sgretolati nei giorni propizi
come neve al sole al semplice tocco
della mia mano dolcissima.
Abbiamo volato insieme,
pochi momenti preziosi
seguendo rotte uniche, solo nostre
Contendendo a tutti gli uccelli
meravigliosi del cielo
l’emozione intensa e la gioia del volo
attraverso cieli striati di rosso al tramonto
con lo sguardo proteso a guardare il confine sottile
con campi infiniti di papaveri color del fuoco
La mia mano sulla tua spalla è scivolata
lentamente lungo il tuo braccio
Le mani si sono strette per un attimo
prima di staccarsi E ti sei allontanata
nella luce della sera
Chissà se ora voli da sola
incontro al sole
Mentre le mie ali senza più controllo
mi portano vicino a qualsiasi alone di luce
Come una povera falena
illusa di ritrovare altrove
lo stesso astro brillante
Al cui calore scaldare il suo piccolo cuore ferito.
(un copia e incolla)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

non ho bisogno

Post n°27 pubblicato il 08 Settembre 2011 da dolente2005

Non ho bisogno di danaro

Ho bisogno di sentimenti,

di parole, di parole scelte sapientemente,

di fiori detti pensieri,

di rose dette presenze,

di sogni che abitino gli alberi,

di canzoni che facciano danzare le statue,

di stelle che mormorino all'orecchio degli amanti

Ho bisogno di poesia

questa magia che brucia la pesantezza delle parole,

che risveglia le emozioni e da colori nuovi.

(Alda Merini)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Amore non č amore

Post n°26 pubblicato il 01 Settembre 2011 da dolente2005

Amore non è amore

se muta quando scopre un mutamento

o tende a svanire quando l'altro si allontana.

Oh, no!

Amore è un faro sempre fisso

che sovrasta la tempesta e non vacilla mai;

Amore, non muta in poche ore o settimane,

ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio:

se questo è errore e mi sarà provato,

io non ho mai scritto,

e nessuno ha mai amato.

                           (W. Shakespeare)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

croce

Post n°25 pubblicato il 12 Luglio 2011 da dolente2005

C’è solo un’uscita per le sofferenze...
passando attraverso di esse. 
Dio non ti darà mai più di quello che puoi caricare. 
Quindi, caricati la tua Croce e rallegrati per il premio. 
Impariamo a caricare la nostra Croce
senza protestare e chiediamo al Signore solo forza 
per continuare e uscirne trionfanti. 
Qualsiasi sia la tua Croce, qualsiasi sia il tuo dolore, 
ci sarà sempre uno splendore, un imbrunire, dopo la pioggia... 
Forse potrai inciampare, forse perfino cadere... 
Però Dio è sempre pronto a rispondere alla tua chiamata... 
Dio ti invierà sempre arcobaleni dopo la pioggia. 
Solo 30 parole: 
  
Dio, Padre Nostro, gira per casa mia e portati via tutte le mie preoccupazioni e malattie 
per favore prenditi cura e proteggi la mia famiglia. 
Nel nome di Gesù, Amen. 


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

zampogne

Post n°24 pubblicato il 27 Dicembre 2010 da dolente2005

Graditissime zampogne, voce dell'anima che giunge intatta da anni luce della memoria, giunge con tanti messaggi, come appena consegnati dal Lemitone, da quella Via Orabona, crocevia di tanti sentimenti, di tante gioie e ansie. Che bella atmosfera sanno ricreare, nastro magico in cui è possibile recuperare la traccia indelebile di candele accese, frenesia di movimenti di tanti preparativi, che noi bambini moltiplicavamo nel tentativo di dare il nostro contributo, e ci inventavamo mille faccende e ci nutrivamo di mille speranze. Le profezie avevano ragione ad annunciare la gioia di coloro che hanno buona volontà e noi ne avevamo che ancora ci dura e ci sostiene e ci spinge sui sentieri di coloro che cercano pace e ci manteniamo fedeli all'impegno della buona umanità. Grazie per queste zampogne che ci fanno sentire la gioia di passi che non hanno altro suono, ci conducono in luoghi dello spirito dove ritroviamo la presenza di chi abbiamo amato, i segni della nostra crescita e le tappe della nostra maturazione. Che bella idea questo affidare la nostra consolazione alla dolcezza di uno  strumento così  semplice, che sembra fatto apposta per festeggiare la nascita di un Bimbo, che ogni anno ci porta l'occasione di una gioia che ogni volta si rinnova. Un abbraccio a tutti voi, col solito affetto. Raffaele

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »