Community
 
amoreeterno3
   
Creato da amoreeterno3 il 22/06/2007

theSEXword®

**PENSARE E' LAVORO PER L'INTELLETTO, FANTASTICARE IL SUO PIACERE. Victor Hugo.**

  GIORNI FERTILI...

Una dritta per gli uomini che garantisce maggiori chances di riuscita nella conquista viene da un recente studio realizzato da Nicolas Gueguen, psicologo dell’Università di South Brittany in Francia. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Biological Psychology e reso noto dal magazine New Scientist.

A quanto pare per provarci con una donna bisogna aspettare il momento giusto, ovvero il suo periodo fertile. Pare infatti che durante i giorni fertili il gentil sesso si apra maggiormente agli incontri amorosi e sia più disponibile a fornire il suo numero di telefono. Per diventare latin-lover bisogna dunque studiare. Playboy? Manuali di Casanova? No, il calendario dei giorni fertili delle proprie prede!


 

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: amoreeterno3
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 42
Prov: GE
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

.

Voglia di trasgressione

E che cavolo, ho pensato, con la brochure tra le mani che tremavano e sudavano per l'aspettativa. Mi decido. Prendo il telefono e compongo il numero indicato.Si!? mi risponde una voce sensuale.

 

Salve! Vedo che vi occupate di massaggi, ma la verità è… che ho bisogno che venga nella mia stanza urgentemente ... No, aspetta, la verità è.... insomma… quello che proprio desidero è…. è sesso! Sì, ho voglia di una lunga sessione di piacere, però… si… sto parlando seriamente: voglio che duri tutta la notte e… sono disposta a partecipare a varie attività, anche a cose… diciamo atipiche .... non so se hanno un nome… comunque… beh… io desidero farlo adesso! Porta tutto il campionario d’accessori e materiale vario. Devi assicurarmi di tenermi sveglia tutta la notte! Voglio dedicare il mio corpo a tutto quello che ti pare… insomma… potrai fare quello che vuoi! Devi farmi provare il massimo del piacere!! Allora… che te ne pare?»

Beh! Sinceramente mi pare fantastico ... però, signora, per fare chiamate esterne, bisogna che prima digiti il nove ....

 BISESSUALITA'

 

La bisessualità nelle donne sembra essere un distintivo orientamento sessuale e non una fase transitoria o sperimentale che alcune donne adottano nel loro percorso verso il lesbismo. O perlomeno questo sembra evincersi dai dati raccolti nella ricerca pubblicata dalla American Psychological Association.
Lo studio, effettuato su un campione di 79 donne non più eterosessuali da almeno 10 anni, ha rilevato che le donne bisessuali mantenevano un andamento stabile di attrazione per entrambi i sessi. Inoltre, la ricerca sembra aver rovesciato lo stereotipo che le donne bisessuali siano disinteressate o incapaci di impegnarsi a lungo termine in delle relazioni di tipo monogamico.

Questa ricerca fornisce il primo esame empirico per formulare ipotesi circa la natura della bisessualità, intesa come un marchio di identità sessuale e come un modello di non esclusiva attrazione sessuale e di comportamento“, scrive la psicologa Lisa M. Diamond, psicologa della Università di Utah che ha condotto lo studio. “I risultati dimostrano una notevole fluidità delle attrazioni delle donne lesbiche verso un orientamento bisessuale, e contribuisce inoltre ad aiutare i ricercatori nella comprensione della complessità delle minoranze con comportamento sessuale che va oltre il ciclo di vita“.

 

GIOCHI...

Accessori come oggetti di design. Shop in versione intellectual- chic. Manuali e corsi di sessuologia per vivacizzare il rapporto ricorrendo a "oggetti del piacere". In Italia, l'interesse per questi oggetti appare in crescita costante. Al punto da diventare oggetto di studio anche all'Università.

Un'équipe di studenti di Marketing Management dell'Università Bocconi di Milano ha infatti condotto un'indagine sull'uso, la scelta da parte delle donne italiane.
Lo studio ha messo in luce come l'attenzione nei confronti di questa oggettistica sia aumentata grazie al modo, non volgare, con cui vengono oggi presentati tali oggetti: attraverso corner intimi ed eleganti, in zone riservate di punti vendita che si definiscono boutique erotiche.

FUMO TOSSICO PER GLI SPERMATOZOI

 

Di effetti negativi del fumo di sigarette sulla salute dell’uomo medici e ricercatori ne hanno individuati a centinaia e ormai sembra che in qualsiasi malattia, tumore, sindrome il vizio di fumare abbia un qualche ruolo, più o meno principale.
L’ultima cattiva notizia per i fumatori di sesso maschile arriva da due studi, condotti rispettivamente presso le università di Catania e di Siena. A quanto pare le sostanze nocive contenute nelle bionde risulterebbero tossiche per gli spermatozoi, mettendo a serio rischio la capacità di generare un figlio.

I risultati delle due ricerche verranno presentati durante la settimana per l’Andrologia, nel corso delle conferenze che vedranno riuniti gli andrologi della Societa’ Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità (Siams) e quelli dell’Accademia Europea di Andrologia. Ma cosa hanno scoperto più precisamente i ricercatori italiani?

Gli studiosi dell’Università di Siena hanno individuato dei fattori di riduzione della potenza degli spermatozoi proprio nelle componenti tossiche delle sigarette, in special modo nelle sostanze che si liberano durante il processo di combustione, monossido di carbonio e nicotina.
Questi ingredienti risultano tossici per lo sperma maschile, riducendo la motilità degli spermatozoi fino quasi a ridurli alla completa immobilità, compromettendo irrimediabilmente le chances di un concepimento che vada a buon fine.
Gli autori dello studio sono giunti a queste allarmanti conclusioni, esponendo lo sperma prelevato da soggetti sani e soprattutto non fumatori al fumo di sigarette per un periodo di tempo tra le 3 e le 24 ore. Ed è proprio dopo un giorno che è giunta l’amara scoperta: gli spermatozoi esposti alle sostanze tossiche delle bionde avevano completamente perduto la loro capacità di movimento ed erano assolutamente immobili.

 

 

 

Si chiama Play Fantasy il massaggiatore di Durex da usare su tutto il corpo. La sua peculiarità? Il cuscinetto sferico che accarezza la pelle e sollecita le zone più sensibili. Perfetto per stuzzicare la fantasia e lasciar correre l’immaginazione…

 Quanto costa: € 75

 www.durexstore.it

UN COCKTAIL DI AGNOCASTO

Secondo Lynn Westphal, docente di ostetricia e ginecologia della School of Medicine della Stanford University della California, le donne che hanno difficoltà nel concepimento potrebbero essere aiutate un supplemento alimentare che migliorerebbe la fertilità. Il lavoro scientifico, pur rimanendo un piccolo studio pilota afferma Westphal

“Qualora confermasse i suoi risultati in più ampie sperimentazioni, potrebbe diventare un trattamento applicabile in alcuni casi di infertilità femminile”

La studiosa, che, tra i vari colpevoli dell’infertilità, individua le endometriosi, l’ovaio policistico, disturbi del ciclo mestruale senza ovviamente tralasciare l’infertilità maschile, è convinta di aver individuato una strada, meno invasiva e meglio accettata dalle donne per migliorare e “ottimizzare” la fertilità femminile. Agnocasto (Vitex agnus-castus; Fam.: Verbenacee), L-arginina, tè verde, vitamine e minerali compongono il supplemento in questione che è stato somministrato a 30 donne di età tra i 24 e i 36 anni con problemi di infertilità, individuati in alcuni casi in altri sconosciuta, che avevano cercato il concepimento, senza successo, in un arco di tempo che andava da 6 a 36 mesi.

 

 PER ESSERE UN'AMANTE INDIMENTICABILE...

 

 

Non fare mai l'amore nello stesso posto, nello stesso momento, nella stessa posizione

Unisci il cibo

A letto usa un linguaggio caldo

Travestiti e "gioca"

Fai uno strip-tease

Bendalo e dopo fai l'amore

Seduci in un luogo pubblico

RAPPORTI CON IL PANCIONE? SI O NO

 

Da sempre, le coppie s’interrogano sull’opportunità del sesso in gravidanza. Non solo le donne, ma anche gli uomini preferiscono astenersi dai rapporti sessuali e spesso esitano a proporli. La separazione della funzione riproduttiva della sessualità da quella del piacere e dalla comunicane fa sì, quindi, che molte coppie in attesa abbandonino la sessualità per molto tempo.

 

In verità, il problema non esiste: in una gravidanza iniziata senza complicanze non c’è un motivo medico per rinunciare avere rapporti sessuali. Esistono solo pochi casi specifici in cui è altamente sconsigliabile avere rapporti sessuali in gravidanza:
  • Se c’è minaccia d’aborto o di parto prematuro.
  • Se il collo dell’utero è dilatato molto tempo prima della data prevista per il parto.
  • In caso di placenta “previa”, cioè posta nella zona inferiore della cavità uterina, tanto da ricoprire parzialmente o del tutto la parete interna del collo dell’utero.
  • In caso di ipercontrattilità uterina e se, allo stesso tempo, si stanno assumendo farmaci che causano il rilassamento della parete uterina.
  • In caso di rottura del sacco amniotico e, di conseguenza, dell’ inizio di una cura farmacologia per favorire la sviluppo completo dei polmoni del bambino.



 

AFRODISIACI

Ci sono spezie, bevande e cibi, che vengono comunemente definiti "afrodisiaci",capaci cioè di rinvigorire o esaltare il desiderio sessuale. Ma si sa: l'efficacia "terapeutica" degli afrodisiaci non è stata mai scientificamente provata e tutto sembra basarsi su semplici credenze popolari.
Perché allora così tante persone continuano a confidare nelle proprietà erotizzanti di questi alimenti? La risposta potrebbe essere che la mente è l'organo sessuale più potente che abbiamo. E certi cibi, odori, bevande risultano particolarmente piacevoli ai sensi tanto quanto al cervello.
Quale modo migliore per "testare" gli effetti di un afrodisiaco se non insererirlo nel proprio regime alimentare? Ecco dieci proposte fra cui scegliere!

Alghe marine

L'alga nori, quella che riveste il riso nei rotoli di sushi, è ricca di iodio, un minerale la cui carenza, nelle donne, porta all'ipotiroidismo, con conseguente calo della libido. Per "alimentare" l'eros, via libera quindi al sushi e in generale al consumo di alghe marine o, in alternativa, di sale iodato.

 

 

 

AFRODISIACI II

Cereali intergrali e frutti di mare

I cereali integrali, i semi di girasole e le nocciole contengono zinco, un minerale che aiuta i maschietti. Negli uomini, infatti, la carenza di questo minerale sembra da collegarsi a una minore produzione di spermatozoi e a una regressione delle ghiandole. La prostata, infatti, è uno dei luoghi del corpo più ricchi di zinco, poiché aiuta la metabolizzazione del testosterone.
Un'altra importante fonte di zinco sono i frutti di mare e le verdure a foglie verdi. Le ostriche, in particolare, ne sono ricchissime, il che giustificherebbe la fama di grande afrodisiaco a loro attribuita.

Fragole

Il "segreto" sta nella grande quantità di vitamina C contenuta nel frutto, la cui carenza, nel corpo umano, può portare alla sterilità. Le fragole, infatti, contengono più vitamina C degli agrumi, inoltre sono ottime se gustate insieme a un altro "goloso" afrodisiaco naturale: il cioccolato.

Cioccolato

Secondo una ricerca condotta in Italia, le donne che mangiano più cioccolato  provano un piacere più intenso. La ragione starebbe nel fatto che il cacao contiene feniletilamina, un ormone della classe delle anfetamine, dall'effetto lievemente euforizzante.
Il cacao così come altri cibi ricchi di caffeina contengono inoltre la metilxantina, sostanza che agevola e velocizza la trasmissione degli impulsi nervosi.

 

 

AFRODISIACI III

Uova

Ricche di vitamine del gruppo B, le uova favoriscono l'equilibrio ormonale, aiutano il corpo a fronteggiare lo stress e forniscono energia sotto forma di proteine. In più contengono zinco, i cui effetti benefici sono stati ampiamente dimostrati.
Negli uomini, in particolare, si pensa che lo zinco aumenti la potenza nel rapporto amoroso grazie alla sua abilità di regolare il testosterone.

P.S. Siete vegetariani? Per le vitamine del gruppo B basta ripiegare su carote, piselli, semi di girasole, patate e latte.

Peperoncino

È un modo facile e veloce per "riscaldarsi" durante un tête-à-tête. Il peperoncino contiene infatti capsaicina, composto chimico che provoca il senso di bruciore ma al tempo stesso favorisce il rilascio di endorfine, le sostanze cerebrali della felicità. Le stesse che stimolano il sistema nervoso, aumentando il piacere.

Zenzero

Lo zenzero è un buon coadiuvante nella riattivazione della circolazione sanguigna. Traduzione: permette al sangue di raggiungere "i posti giusti" velocemente.

PIU' DENARO PIU' PIACERE?

I sostenitori della teoria che “Le dimensioni non contano” da oggi avranno un’argomentazione in più. Secondo una recente ricerca effettuata dall’Università di Newcastle, e pubblicata sul Times, pare che, durante l’atto sessuale, non conti tanto la fisicità, ma più che altro il fattore psicologico.

 

La ricerca, condotta su 5000 donne cinesi, ha rilevato che quelle che raggiungevano più frequentemente l’orgasmo erano le mogli di uomini con un conto in banca consistente. Questo evidentemente le permetteva di avere una maggior tranquillità e rendeva anche l’uomo più desiderabile, in maniera da permetterle di lasciarsi andare nell’atto sessuale. Secondo Thomas Pollet, lo psicologo che ha coordinato la ricerca, questo significa che è in corso: un adattamento evolutivo delle donne, che sono portate a scegliere partner di qualità

L’evoluzione della specie è anche questo.

 

BERLINO...

PER UOMINI E DONNE...INGRESSO? 70€

Prima di tutto bisogna sapere com'è fatta Berlino, poi parliamo anche di discoteche, ragazze e divertimento. Berlino è grandissima. Nel senso di estesa. I berlinesi sono circa tre milioni e mezzo, come i romani o i milanesi. Ma il centro di Berlino è grande circa tre volte e mezza quello di Milano, e proprio in mezzo è occupato dal Tiergarten, un parco che se fosse a Roma andrebbe da Piazza del Popolo a Testaccio. O, per chi chiama da fuori Roma, dal duomo di Milano a Linate. Spostarsi da una parte all'altra di una città così non è come arrivare al bar all'angolo, benché il traffico sia un problema assai più limitato che nelle altre capitali europee. Berlino è costruita a misura di automobile. È un po' tutto ad essere grandissimo, strade, palazzi, piazze, parchi, monumenti. Questo è un posto dove puoi fare assolutamente tutto, basta che non dai fastidio a nessuno. Pensa che c'è la stazione di polizia di fronte ma nessuno pianta grane". A Berlino in termini di vita notturna, locali e musica - e diffusione di stupefacenti e livello di illuminazione - ce n'è per tutti i gusti. Le discoteche dove si suona techno di quella tosta sono un settore cospicuo, e la tradizione tedesca di questo genere è solida. Mi ricordo un pezzo di tredici anni fa ­ quando la house sembrava già piuttosto martellante e la techno ancora un abbozzo­ che scandiva le parole "Adolf, Adolf, A-a-a-a-adolf!".Ci sono persone vestite nei modi affini alle categorie umane più diverse. E lo vedi anche negli altri locali, e nei bar: per la nostra abitudine a classificare e individuare le persone per come si vestono, qui la compartimentazione è meno chiara. Se vai vestito come un fricchettone in un locale technohard non ti notano, se ti siedi a un bar fighetto con i pantaloni di velluto a coste lisi nessuno si chiede chi sei, se entri in un teatro alternativo in giacca e cravatta non vieni scambiato per quello della SIAE. Ci sono avventori dall'aspetto squinternato seduti ai tavolini del cafè M, che passa come uno dei più hip della città. Sta sulla Goltzstrasse, a Schoeneberg. Di giorno questa è la zona più vivace e piacevole di bar e aperitivi, ci sono il Berio (due con l'accento da top model sedute allo stesso tavolo di una vecchietta che legge il giornale), l'April, il Sidney, e altri ancora. Appena esce il sole, si riempiono di gente. Qui, date le dimensioni, ogni quartierè un villaggio e i centri sono una mezza dozzina.Ha aperto il super-bordello Artemis, di cui si parlava da tempo per le misure speciali prese in vista dei Mondiali di Calcio dal Governo tedesco. Vicinissimo allo stadio di Berlino, avrà un ingresso di 70 Euro, sia per le donne che per gli uomini: la prostituzione in Germania è legale dal 2003. Le scarne notizie fanno pensare a un mix tra casa di appuntamenti e privè per il piacere di gruppo: le prostitute pagano un affitto trimestrale, con accesso al ristorante e alla palestra: possono abitare ad Artemis ma la maison non gestirà direttamente il loro lavoro. Oltre agli aspetti legali e sanitari, tutto viene lasciato alla discrezione dei clienti. Cinque milioni di Euro l'investimento, tremila metri quadrati di stanze con arredamento a tema, velluto rosso e ori, salone centrale con piscina, saune e jacuzzi, c'è perfino un cinema.

 

 

Drag Queen?....cioe'?

Post n°341 pubblicato il 16 Gennaio 2014 da amoreeterno3

Fare la drag queen non è un vizio da froci. La drag queen non è una perversione sessuale. La drag queen non è un travestito e la drag queen non è una prostituta.

La drag queen non aspira ad essere una donna o meglio di una donna.

La drag queen non sempre si sente una donna nel corpo di un uomo.

La drag queen non è neanche necessariamente omosessuale.

La drag queen esagera la donna.
La drag queen fa spettacolo.
La drag queen sovverte i generi.
Drag queen è rivoluzione.. Drag king pure, a generi invertiti.

Io credo che il maschilismo svilisca uomini e donne. Il femminismo ci aiuta a uscirne.

Le Drag pure

http://www.volevofarelarockstar.com

 

 
 
 

La classifica delle zone erogene...

Post n°340 pubblicato il 16 Gennaio 2014 da amoreeterno3

Al primo posto i genitali, seguiti da labbra, orecchie, interno cosce e scapole

Labbra, orecchie, interno cosce, scapole. Sono queste le parti del corpo che occupano dal secondo al quinto posto della classifica delle zone erogene, in vetta alla quale si trovano, naturalmente, i genitali. A stilarla sono stati gli autori di uno studio pubblicato su Cortex che ha permesso di sfatare due miti sul sesso: i piedi non sono affatto zone legate al piacere sessuale e uomini e donne non sono molto diversi in quanto a zone erogene.

 

La ricerca, guidata da Oliver Turnbull, neuropsicologo dell'Università di Bangor (Regno Unito), è nata con lo scopo di testare una delle ipotesi elaborate per spiegare l'esistenza di zone erogene distanti dai genitali. Secondo la teoria di Vilayanur Ramachandran il fenomeno sarebbe spiegato dal fatto che le aree cerebrali che elaborano le sensazioni provenienti dalle zone erogene si troverebbero vicine a quelle che controllano le sensazioni percepite dai genitali, a livello della corteccia somatosensoriale primaria. L'ipotesi è che la loro attivazione stimoli anche le aree associate ai genitali, provocando, così, l'eccitamento. Tuttavia, proprio il fatto che i piedi – che inviano sensazioni proprio in queste aree – non sono risultati essere delle zone erogene. Piuttosto, la compilazione di questionari specifici ha svelato che indipendentemente dall'età, dalla razza, dalla cultura, dal genere e dalle preferenze sessuali, le principali zone erogene sono sempre le stesse. Non solo, la stimolazione diretta della corteccia somatosensoriale primaria non suscita nessuna sensazione erogena.

Secondo Turnbull la teoria di Ramachandran potrebbe non essere totalmente errata, ma la zona del cervello coinvolta potrebbe essere un'altra. Questi risultati mettono però in chiaro una cosa: “Tutta l'umanità è piuttosto uniforme per quanto riguarda le principali zone erogene – ha sottolineato Turnbull – Ci sono modeste differenze fra uomini e donne, ma credo che siano state esasperate”

http://salute24.ilsole24ore.com

 
 
 

Catena di Hotel sostituisce la Bibbia con il libro “50 sfumature di grigio”

Post n°339 pubblicato il 05 Agosto 2013 da amoreeterno3

Il libro “50 sfumature di grigio” ha raggiunto una popolarità estrema, con decine milioni di copie vendute, grazie anche (e soprattutto) al suo erotismo sadomaso.

Un hotel inglese ha deciso di sostituire “50 sfumature di grigio” alla Bibbia nelle camere. Il proprietario del Damson Dene Hotel, Jonathan Denby, infatti ha dichiarato di considerare il libro come un messaggio di benvenuto e una forma di ospitalità, mentre secondo lui mettere un libro religioso come la Bibbia, che secondo lui viene percepito come “oppressivo” da chi non è Cristiano.

La scelta del libro, spiega Denby, non è dovuta tanto alla sua volontà di aumentare la tensione erotica tra gli occupanti della stanza, ma quella di dare a disposizione un libro famoso che però molti non hanno avuto coraggio di comprare perché considerato un libro erotico.

Nonostante alcune mail critiche provenienti soprattutto dagli USA, da parte di persone che hanno saputo della notizia e lo hanno invitato a “rimettere la Bibbia al suo posto”, Denby racconta di avere avuto feedback molto positivi da parte della maggior parte dei clienti.

www.notizie.delmondo.info

 

 
 
 

Cina: L'estrattore automatico di sperma

Post n°338 pubblicato il 05 Agosto 2013 da amoreeterno3
 

estrattore_thumb2

Alcuni ospedali cinesi, tra cui quello di Zhengzhou, hanno da poco introdotto un insolito macchinario denominato “estrattore automatico si sperma”. La macchina è dotata di uno schermo, dove vengono visualizzati dei filmati (indoviniamo di che tipo…) di un “orifizio massaggiante” regolabile in altezza, per adattarsi al fisico dei vari soggetti, dove il paziente infila il suo pene in modo da “estrarre lo sperma”, disponendo inoltre di una serie di comandi per regolare tra l’altro ampiezza e frequenza della vibrazione, e temperatura del buco.

La macchina, spiega un andrologo dell’ospedale, non serve tanto per le donazioni di seme, quanto piuttosto per i soggetti che soffrono di infertilità, ed hanno difficoltà a raccogliere campioni di sperma: spesso, specie gli uomini sposati, quando viene loro chiesto di portare un campione di seme per l’analisi, utilizzano il preservativo stesso come “contenitore”, che però può alterare i risultati a causa dei lubrificanti e degli agenti chimici che contengono.

www.notizie.delmondo.info

 

 
 
 

Giappone: club del sesso...

Post n°337 pubblicato il 05 Agosto 2013 da amoreeterno3
 

In Giappone la prostituzione è illegale, ma allo stesso tempo (e forse proprio per questo motivo) sono nate numerose “alternative”: del resto è cosa nota che alla formalità e alla cortesia “esteriore” dei giapponesi faccia da contraltare un amore notevole per il feticismo nelle sue diverse forme.

Una fotografa americana che vive in Giappone, Joan Sinclair, ha creato un libro fotografico che raccoglie alcune delle stranezze maggiori dei “club per soli uomini” giapponesi.

L’idea, spiega l’autrice le è venuta quando faceva l’insegnante di inglese a Tokio, e aveva sentito parlare per la prima volta di Kabukicho, il più grande quartiere a luci rosse del Giappone. E inoltre, aggiunge la Sinclair, si tratta di un fenomeno di dimensioni troppo grandi per essere ignorato: l’economia legata al sesso sarebbe la seconda nel paese, dopo quella legata all’automobile. I club sono molto diffusi e tollerati, e per restare nella legalità non sono solitamente ammessi rapporti completi tra ospiti ed intrattenitrici.

Come dicevamo nel suo viaggio Joan Sinclair ha visitato diversi posti piuttosto insoliti. Eccone alcuni.

Club a tema

Ci sono club a tema veramente di qualunque genere: scolarette, infermiere, hostess, casalinghe annoiate. Uno dei più insoliti è forse quello denominato “treno dei pervertiti”: una sala riproduce un vagone della metropolitana, all’interno del quale l’ospite può palpare le ragazze presenti.

Bagni

Nei bagni l’ospite viene lavato da una ragazza, che però al posto della spugna usa… il proprio corpo.

Uffici molestie

Tecnicamente si tratterebbe anche questo di uno spazio a tema: la particolarità però è che l’ambiente è quello di un ufficio e l’ospite impersona il capo che “molesta” la segretaria, strappandole le calze e molto altro.

Bambole

Alcuni club offrono, anziché una ragazza, una bambola realistica. Il costo è solitamente lo stesso di una ragazza vera, se non maggiore quando sono chieste personalizzazioni per avere una bambola dell’aspetto desiderato. Il motivo per cui sono apprezzate sarebbe che permettono ai clienti di realizzare le proprie fantasie, senza doverle condividere con nessuno, nemmeno con una “intrattenitrice”.

www.notizie.delmondo.info

 

 

 
 
 

Libri da leggere sotto l'ombrellone...

Post n°336 pubblicato il 05 Agosto 2013 da amoreeterno3

“Li incontriamo ovunque: sul tram ogni mattina, a messa la domenica, in coda al supermercato, in ufficio davanti al distributore del caffè. Si mimetizzano come camaleonti indossando cappotti di cachemire o camici da infermiere. Nella ventiquattrore portano un notebook da quindici pollici, ed è attivandolo che svegliano l'animale che è in loro. Attraverso i social network svestono i panni che li vogliono padri, impiegati, mariti e figli e tornano ad essere ciò che sono: simpatiche bestiacce con una gran voglia di raccontarsi”.

Questo è un piccolo, ma significativo estratto da Sesso e Volentieri (Micie, passere e squali nell'era del social network), secondo libro di Bea Buozzi che esce ora in libreria e promette di bissare il successo del precedente Beati e Bannati.
Bea Buozzi è uno dei personaggi più misteriosi e al tempo stesso amati della rete: naviga infatti nel vasto e controverso mondo dei social network, traendo linfa vitale per i suoi racconti, che sono sempre intelligenti, divertenti e soprattutto ironici.
Con “Sesso e Volentieri" (edito da Morellini) ci fornisce una sorta di guida per muoversi nello zoo dei social network. E sì, perché uomini e donne sono spesso associabili a degli animali, simpaticamente parlando, soprattutto quando c'è di mezzo quell'amato sport chiamato flirt, naturalmente con annessi e connessi di natura sessuale.
Decisamente la lettura ideale sotto l'ombrellone, ma non solo

 
 
 

I 10 record del sesso? eccoli...

Post n°335 pubblicato il 20 Gennaio 2013 da amoreeterno3
 

Ecco una curiosa carrellata di record legati al sesso ed alla sfera sessuale:

L’uomo con il pene più lungo del mondo. La maggior parte degli uomini esagera notevolmente quando parla delle misure del proprio pene: non è il caso di Jonah Falcon, che risulta essere l’uomo vivente con il pene più lungo del mondo: 24 cm da flaccido e 34 cm eretto. Falcon fa l’attore (non hard, al contrario do quello che qualcuno potrebbe immaginare) e tiene una rubrica sportiva alla radio. Un pene normale (checché ne dicano molti uomini…) misura eretto tra i 13 e i 19 cm.

La donna con la vagina più larga. La donna con la vagina più larga della storia sembrerebbe essere una certa Anna Swan, vissuta tra il 1846 e il 1888. La donna aveva raggiunto un altezza di 2 metri e 34 cm, e si è sposata con un altro “gigante”, Martin Bates, alto poco meno di lei. La coppia ha avuto un figlio (purtroppo morto poco dopo la nascita), che risulterebbe essere forse il più grande neonato della storia: 86 cm di lunghezza per quasi 12kg. Fatto sta che sulla base del diametro della testa del bambino, i medici hanno calcolato una dilatazione massima della vagina della signora Swan pari a 15,5 cm — contro una dilatazione massima di circa 10cm nelle donne normali.

L’orgia più grande del mondo. Il Giappone detiene il primato dell’orgia più grande del mondo, che ha coinvolto 250 coppie, per un totale di 500 persone, anche se va detto che ciascuno ha fatto sesso esclusivamente con il proprio partner. Tutte le posizioni erano coreografate, in modo che le coppie svolgessero tutte le stesse azioni. L’intera scena (manco a dirlo) è stata ripresa ed è in vendita su dvd.

La più grande gang-bang del mondo. L’attrice hard Lisa Sparxxx detiene il record di “gang-bang”, durante il quale ha fatto sesso con 919 uomini contemporaneamente. In precedenza, il record era appartenuto prima all’attrice Klaudia Figura, con 646 uomini, battuto poi da Marianna Rokita, con 759 uomini.

Record di masturbazione maschile. Un certo Masanobu Sato (Giappone) detiene il record di più lunga “sessione di masturbazione” per quanto riguarda gli uomini, con 9 ore e 58 minuti. Il record è stato raggiunto nell’edizione 2009 del Masturbate-a-thon, a San Francisco, battendo un record precedente che già gli apparteneva, con una durata di 9 ore e 33 minuti. Non c’è che dire …chi si accontenta gode.

Record di distanza per uno schizzo di sperma. Lo “schizzo” più distante è stato prodotto da tale Horst Schultz, che ha raggiunto una distanza di 6 metri. Schultz detiene anche il record per lo “schizzo” a velocità maggiore, toccando i 69 km/h. Non chiedeteci perché siano state misurate queste performance

La vagina più forte del mondo. La 42enne russa Tatiana Kozhevnikova detiene il record di vagina più forte del mondo, inserito anche nel Guinness dei Primati. La Kozhevnikova riesce ad alzare 14Kg con la vagina. La donna ha spiegato che ha iniziato a esercitarsi dopo la nascita del figlio, poiché sentiva di avere perso tonicità nei muscoli delle parti intime, e ci ha preso gusto…

La madre con più figli. La donna che ha avuto più figli nella storia sembra essere stata Valentina Vassilyeva, contadina russa vissuta nel 1700. La Vassilyeva, ha avuto ben 69 figli, “grazie” a 16 parti gemellari, 7 trigemini e 4 quadrigenimi – un totale di 27 parti, dunque. Un record che è stato avvicinato ai giorni nostri dalla cilena Leontina Albina, che afferma di essere la madre di 64 figli. “Afferma” perché ci sono documenti ufficiali “solo” di 55 di questi. Il record di figli per quanto riguarda le madri che non hanno avuto parti gemellari appartiene invece alla rumena Livia Ionce, che ha avuto 18 figli – finora, dato che la donna ha oggi 44 anni (il che vuol dire che ha passato il 30% della sua vita incinta…).

Il padre più vecchio del mondo. L’indiano Nanu Ram Jogi detiene il record di padre più vecchio del mondo: è riuscito a procreare il 21esimo figlio alla rispettabile età di 90 anni con la quarta moglie. E dice di non avere nessuna intenzione di smettere di fare figli, o almeno di fare sesso per provare ad averne…

La prostituta più vecchia del mondo. La prostituzione è il mestiere più vecchio del mondo: e una prostituta di Taipei sembrerebbe (secondo la polizia del luogo) la prostituta in attività più vecchia del mondo, nota semplicemente come “la nonna”, non a caso dato che sembra avere 82 anni, che continuerebbe a mantenersi con il mestiere che ha svolto per diverse decine di anni

www.coffeestop.it

 
 
 

Le pratiche sessuali nel mondo

Post n°334 pubblicato il 21 Giugno 2012 da amoreeterno3

Vi siete mai chiesti se le pratiche sessuali siano le stesse in tutto il mondo? Ebbene, ho fatto un po’ di ricerca e vi posso assicurare che non e’ cosi’! Cominciamo dai Giapponesi che sono molto sexy, e sono rinomati per la loro passione per il sesso. Un Giapponese (sia uomini che donne) di media fa sesso nell’arco della sua vita con 12.7 persone, i loro preliminari sessuali durano 19.5 minuti. Uau – si direbbe molto per una media! 33% dei Giapponesi hanno almeno un accessorio sessuale nascosto sotto il letto, 49% vedono film porno con i loro partner. 50%! Persino le riviste per donne pubblicizzano l’aumento della libido femminile ed i rotocalchi hanno sempre una colonna con una storia erotica. Si direbbe che i Giapponesi sono sessualmente sani e sono molto coinvolti nel dare e ricevere piacere sessuale! Uno dei farmaci piu’ usati per l’ aumento del desiderio sessuale nelle donne e’ il Womera. Cos'e'?? clicca qui... http://www.italianafarmacia.com/womera 

Vediamo cosa succede dai loro vicini, Cinesi? Fanno sesso di media con 19.3 persone nell’arco della loro vita – molto di piu’ dei Giapponesi. Per evitare che la passione si plachi, danno molto piu’ spazio ai preliminari sessuali, di media durano 20.1 minuti. Tuttavia, solo il 10% usa accessori sessuali – mentre i Giapponesi sono al 50% – essi amano i film erotici, i quali sono un’industria molto sviluppata in tutto il mondo. Il 24% dei Cinesi ha ammesso di vedere film porno molte volte durante la settimana. Nonostante i Cinesi siano rinomati per fare sesso ovunque e di piu’, pochi sono coloro che usano dei profilattici, il che fa veramente paura. Molte prostitute vivono nell’illusione che dando ai loro clienti fazzoletti o asciugamani disinfettanti invece di profilattici, di essere al sicuro. Incredibile! Spero che qualcuno in Cina legga questo articolo e vada subito a farsi una scorta di preservativi. comunque amettono anche di usate il piu’ delle volte prodotti per aiutare un po’ la lore situazione, come il Levitra ed il Viagra

E per finire, i caldi e sexy Brasiliani. Nonostante il Brasile sia un paese religioso, il 21% dei suoi cittadini, a parte andare in chiesa, usano accessori sessuali per ravvivare i 19.6 minuti di preliminari sessuali. Nell’arco della vita di una persona fanno sesso di media con 15.2 persone. Nota importante, i brasiliani sono uomini dal sangue caldo, adorano in particolare le donne piene e rotonde dietro. Non e’ difficile indovinare il perche’, la verginita’ e’ molto apprezzata prima del matrimonio, pertanto il sesso e’ orale e anale, in prevalenza e’anche quello piu’ prediletto.

www.vsuisrr.org

 

 
 
 

Il sesso "diverso"...

Post n°333 pubblicato il 21 Giugno 2012 da amoreeterno3
 

A lungo condannate dalla morale religiosa e sociale, le pratiche omosessuali hanno subìto l’incomprensione di una società benpensante. Ancora oggi, e nonostante l’evoluzione delle mentalità, sul sesso gay sussistono molti pregiudizi.

Repressione e punizione
Ci sono stati dei periodi in cui, nella nostra società, l’essere omosessuali non era visto di buon occhio. Se in alcuni paesi europei, come la Francia, l’omosessualità è stata a lungo punita col carcere, in Italia, a partire dall’unificazione nazionale, essa non è mai stata contemplata dal codice penale: lo Stato si rifiutava quasi di riconoscere la sua esistenza, per evitare scandali su un argomento la cui repressione era compito della Chiesa cattolica. Ciò non impedì al fascismo di punire i comportamenti omosessuali maschili con sanzioni amministrative, come l'ammonizione e il confino.
Ancora nel 1968 l’Organizzazione Mondiale della Sanità la classificava tra le malattie mentali.

L’età d’oro dell’omosessualità
Nell’antichità greca, gli omosessuali godevano di tutt’altra reputazione. A quell’epoca i greci erano spontaneamente bisessuali e i rapporti omosessuali facevano addirittura parte di un rituale di passaggio verso l’età adulta. Per i romani, l’omosessualità era più complessa, ma faceva comunque parte della vita di un uomo. Gli uomini liberi avevano il dovere d’essere “attivi” in tutti i campi della vita quotidiana e avevano, quindi, dei rapporti con i loro schiavi.

Una migliore conoscenza del corpo
Contrariamente a quello che si pensa, le pratiche omosessuali non sono così diverse dai rapporti eterosessuali. Il coito anale non è il fulcro del rapporto: i due partner danno un’importanza particolare alle carezze e alla stimolazione reciproca. L’eccellente conoscenza del corpo del partner e delle sue zone erogene rende le carezze ancora più dolci e sensuali, il che non sempre avviene nelle coppie eterosessuali. Per quanto riguarda la fedeltà, pare che gli uomini accordino una leggera preferenza all’autonomia nei rapporti, ma le relazioni omosessuali non sono meno intime né meno fusionali.

Penetrazione e fellatio
Simbolo della sessualità eterosessuale, la penetrazione non è considerata fine a se stessa nei rapporti omosessuali. Negli uomini, contrariamente a quello che si pensa, il ricorso alla penetrazione anale non è sistematico: solo il 36% dei gay ammette di praticare il sesso anale con il proprio partner. Invece, la fellatio reciproca è una pratica fondamentale nei rapporti omosessuali.
Le pratiche rischiose
Le troviamo anche in alcune coppie eterosessuali, ma queste pratiche sono addirittura rivendicate da alcune correnti di pensiero gay, come modo per affermare la propria identità sessuale. Anche se praticate tra adulti consenzienti, alcune di queste pratiche presentano numerosi rischi, soprattutto per le malattie sessualmente trasmissibili.
Rivendicando il principio secondo il quale ognuno è libero di vivere la propria sessualità come vuole, gli adepti del barebacking hanno il culto dei rapporti non protetti. Il termine - che in inglese significa “cavalcare a pelo”, cioè senza sella - designa quindi l’avere, volontariamente, relazioni sessuali non protette. In un’epoca nella quale l’AIDS continua a mietere vittime, i “barebackers” affermano che ciascuno deve essere responsabile della propria salute.
Come proteggersi
Non lo si ripete mai abbastanza: bisogna sempre proteggersi durante i rapporti sessuali. Che si pratichi o no la penetrazione, esiste un rischio d’infezione o trasmissione di malattie (come il virus dell’AIDS). Il contagio può avvenire attraverso il sesso orale, attraverso il contatto delle mucose con lo sperma, oppure con lo scambio di sex toys. Per prevenzione, quindi, è consigliato usare un preservativo e pulire gli accessori prima di scambiarseli. È anche raccomandato usare il preservativo durante la penetrazione.

 
 
 

La dispareunia

Post n°332 pubblicato il 13 Marzo 2012 da amoreeterno3
 

Provi dei dolori acuti durante l’atto sessuale, ogni penetrazione é per te fonte di sofferenza? Tutto quel che c’é da sapere sulla dispareunia e su come venirne a capo.

Quando amare fa male
La dispareunia é un dolore vaginale, acuto o meno, che si manifesta al momento della penetrazione, sotto forma di irritazione, bruciore o infiammazione all’entrata della vagina oppure all’altezza del collo dell’utero. È un disturbo che si ripercuote sulla sessualità delle persone che ne soffrono e che finiscono per disinteressarsi al sesso.
La dispareunia è il disturbo sessuale femminile più diffuso dopo l’anorgasmia ma, a causa dei tabù che circondano la sessualità, le donne che ne sono affette ne parlano raramente, aggravando cosi il proprio malessere.
Da non confondere con il vaginismo
La dispareunia non va confusa con il vaginismo, una contrazione dei muscoli peri-vaginali che impedisce alla donna di avere dei rapporti completi e che comporta dei dolori atroci. Un periodo di dispareunia che viene ad interrompere una vita sessuale appagante può essere seguito da un periodo di vaginismo secondario.
A differenza del vaginismo, che nella maggior parte dei casi é primario e si manifesta all’inizio della vita sessuale, la dispareunia é sempre secondaria.
Due tipi di dispareunia
Si distinguono due tipi di dispareunia, sulla base della localizzazione del il dolore:
- si parla di dispareunia superficiale se il dolore si fa sentire non appena il pene penetra nella vagina.
- si parla di dispareunia profonda se il dolore compare quando il pene entra in profondità e tocca il collo dell’utero; in questo caso, il dolore si fa sentire nella parte bassa dell’addome. Alcune posizioni sessuali possono favorire questo fastidio.
Le cause
La dispareunia può avere varie cause, d’ordine fisico o psicologico, ma nella maggior parte dei casi é di origine fisica.
Le cause fisiche
-infezioni vulvo-vaginali
-infiammazione del collo dell’utero
-atrofia vaginale
-utero retroverso
-micosi vaginale
-cisti ovariche
-lesioni dovute al parto
-endometriosi
-menopausa
Le cause psicologiche
-mancanza di autostima, visione distorta del proprio corpo
-tensioni nella coppia (difficoltà relazionali, dissensi...)
-ansia, depressione, stress, fobie
-assenza di desiderio
Non bisogna dimenticare che le esperienza personali (traumi psico-sessuali, educazione sessuale rigida...) giocano un ruolo importante nella vita sessuale di una donna.
Le cure possibili
Le soluzioni proposte dipendono dalle cause del disturbo. Per avere una diagnosi corretta ti consigliamo quindi di consultare il tuo medico di famiglia o il tuo ginecologo che, dopo un esame approfondito, ti spiegherà le cause della patologia ed eventualmente ti prescriverà dei farmaci per curarla. Può succedere che, dopo la cura, tu abbia paura che il dolore ricompaia: devi cercare di sormontarla.
Se la causa della dispareunia é di ordine psicologico, il medico ti proporrà una terapia per aiutarti a riprendere fiducia in te stessa e a (ri)scoprire la tua sessualità. Può essere utile che vi partecipi anche il tuo partner.
Se nella coppia si riscontra una mancanza di comunicazione tra i due partner, o di rispetto e fiducia reciproci, si può pensare ad una terapia di coppia.

www.alfemminile.com

 

 
 
 

Candualismo...

Post n°331 pubblicato il 13 Marzo 2012 da amoreeterno3

Candualismo: diamo un'occhiata nel Dizionario Zingarelli della Lingua Italiana e... niente. Hmmm... Strano, cosa vorrà mai dire questa parola? Non si tratterà mica di una nuova moda in materia di sesso? Presto, ai ripari!

Niente paura, per aiutarti a capire di cosa si tratta, prima di noi di alFemminile, tanti altri hanno cercato di far chiarezza su questa pratica sessuale, lasciando delle testimonianze scritte che risalgono a secoli fa.
Per darti il nostro utile apporto in materia, tuttavia, abbiamo posto alla dott.ssa Cadalen, psicanalista ed esperta di terapia di coppia, qualche domanda sul candualismo.

Il candualismo è una pratica sessuale che risale all'epoca dell'antica Asia Minore. La leggenda vuole che il re di Lidia, Canduale, trovava la sua donna così bella da volerla mostrare nuda a tutti i suoi soldati. E siccome lei rifiutò, lui la uccise.

In seguito, i secoli hanno erotizzato un po' questa storia, fino a trarne una vera e propria abitudine sessuale. Ormai, il termine "candualismo" indica il fatto di provare eccitazione sessuale nel vedere il proprio partner che fa sesso con un'altra persona

Certo, il candualismo non fa per tutti. Ma desiderare di praticarlo non vuol dire per forza avere strane perversioni sessuali. Aldilà dei moralismi e blocchi sessuali, questa pratica potrebbe stimolare la curiosità di chiunque: chi desidera mettere un po' di peperoncino nella propria vita sessuale, chi vuole accontentare il desiderio erotico del partner, chi ha voglia di esplorare nuove sensazioni...> Qual è la differenza tra candualismo e tradimento?
Nell'adulterio, si tradisce o si è traditi, ma è solo uno dei due partner a decidere e ad agire. Nel candualismo, invece, entrambi i partner sono consenzienti e consapevoli di quello che sta accadendo, i ruoli sono ben definiti. C'è la coppia, l'amante e il voyeur. Spesso, quello che fa più male nell'adulterio, è la menzogna. Il fatto di essere venuti meno ad un accordo di fiducia. Il candualismo al contrario, crea un nuovo accordo tra i due partner.
I candualisti non disdegnano di essere definiti "cornuti e contenti". È davvero possibile esserlo?
Tutto è possibile! Ma il "cornuto" in questo caso non lo è davvero, perché non gli si nasconde mica il tradimento. Le coppie che provano l'esperienza del candualismo spesso ne sono soddisfatte, perché mettono in pratica una fantasia erotica condivisa. Alcuni ne traggono addirittura un sentimento di potere: la sensazione di avere tutto sotto controllo, di poter organizzare la sessualità del partner... per alcuni questi meccanismi sono più eccitanti che il fatto di condividere un'intimità con la propria donna. Per altri, invece, il candualismo è solo un trampolino per rilanciare la sessualità della coppia.

www.alfemminile.com

 

 
 
 

Cosa nasconde un sogno erotico?

Post n°330 pubblicato il 13 Marzo 2012 da amoreeterno3
 

L'eccitazione fisiologica in sogno è un fenomeno conosciuto da scienziati e sessuologi. Durante il sonno, capita a tutti di provare stati di eccitazione sessuale concreta, che si possono manifestare negli uomini ma anche nelle donne.

I sogni erotici attingono immagini e simboli direttamente dal nostro vissuto.
Per capirci: i nostri sogni sono in continuità con lo stato di veglia e, in particolare, sono nutriti dagli stati d'animo e dalle esperienze reali che viviamo ogni giorno. A quanto pare, inoltre, sono le nostre preoccupazioni a formare il punto di partenza su cui si tessono i sogni.

Insomma, la nostra attività onirica la dice lunga su di noi e sulla nostra sessualità. I sogni erotici possono avere un effetto liberatorio, perché permettono di realizzare delle pulsioni profonde e, spesso, represse, permettendo di individuare eventuali blocchi e, addirittura, di liberarsene.

Impariamo insieme a capire quale sia il significato dei nostri sogni e dei simboli che li popolano, in modo da avvicinarci al loro significato più profondo.

www.alfemminile.com

 

 
 
 

Pernottamento gratuito, se...

Post n°329 pubblicato il 17 Dicembre 2011 da amoreeterno3

Catena di Hotel offre pernottamenti gratuiti alle coppie disposte a farsi filmare mentre fanno sesso.

L’imprenditore svedese Berth Milton Jr ha annunciato che ha pianificato l’apertura di 100 alberghi in tutto il mondo, dedicati esclusivamente alle coppie, che avranno una grande particolarità: i pernottamenti saranno completamente gratuiti, a condizione che gli ospiti accettino di farsi riprendere mentre fanno sesso.

Milton lavora da sempre nell’industria a luci rosse, ed è considerato un innovatore nel suo settore: negli anni ‘90 la sua casa di produzione è stata tra le prime a spostare la distribuzione dalla videocassetta al DVD.

L’idea di Milton è che oggi la gente è molto interessata a filmati amatoriali, e alberghi come quelli che ha in mente gli fornirebbero moltissimo materiale: la sua stima è che ogni albergo potrebbe generare più di 40 milioni di dollari all’anno di abbonamenti da parte degli utenti interessati.

http://notizie.delmondo.info

 

 
 
 

Sesso orale...cattive notizie!

Post n°328 pubblicato il 18 Settembre 2011 da amoreeterno3
 

Dati allarmanti diffusi dall’associazione 'Cancer Research UK': il tumore della bocca nell'uomo è aumentato del 50%, mentre tra le donne del 3%

La Bbc trasmetterà un documentario presentato dall'attrice britannica Jaime Winstone, in cui si discuterà apertamente del nesso che lega il sesso orale al cancro orale, tumore della bocca che più comunemente coinvolge il tessuto delle labbra o della lingua. Secondo i più recenti studi scientifici questa pericolosa malattia, si starebbe diffondendo a macchia d’olio e le cifre dei malati sono allarmanti. Pare esser provocata non solo dal fumo e dall'abuso di alcol, ma anche dal papilloma virus umano (HPV), un virus che si trasmette per vie sessuali ed è tra l'altro causa principale del tumore al collo dell'utero.

I dati esposti dall'associazione britannica "Cancer Research UK", che definisce questa malattia "un'epidemia emergente» sono molto preoccupanti. Ogni anno nel Regno Unito muoiono circa 1.800 persone per cancro orale. Le cifre dimostrano che negli ultimi venti anni questa pericolosa malattia è aumentata del 50% tra gli uomini e solo negli ultimi 12 mesi del 3% tra le donne. Gli esperti evidenziano anche un'altra preoccupante anomalia: le persone che si ammalano di cancro orale a causa del fumo da tempo diminuiscono sensibilmente, mentre coloro che sono colpiti dalla stessa malattia per cause sessuali sono in aumento in maniera esponenziale.

Cosa ne pensate??

www.calciomercato.it

 

 
 
 

Tantra acquatico

Post n°325 pubblicato il 31 Maggio 2011 da amoreeterno3
 

Nel Tantra, anche nella sua versione "acquatica", potrete trovare un modo per ritrovare la giusta intesa con il partner e sconfiggere il calo del desiderio

"Tantra" in sanscrito significa estendere, ampliare ed è quindi una tecnica per ampliare la conoscenza: si intendono le pratiche destinate alla trasmutazione delle energie sessuali (non le mere pratiche che comportano emissione del seme).
Nel praticare il tanta occorrono: coordinazione del corpo (Muchras), la comunicazione verbale (Mantras) e la mente (Yantras).
Margot Anard, psicologa e sessuologa francese, ha studiato i benefici che l’acqua ha sulla sessualità: grazie a lei è nato il "Tantra acquatico", per aiutare a risvegliare l’attività sessuale.

Come funziona?
Il respiro è una delle parti fondamentali nel tantra ed il piacere va raggiunto con calma, con massaggi e movimenti dei corpi.
Bisogna poi passare allo yab yum: l’uomo, in questo modo incrocia le sue gambe, sostenendo la donna che a sua volta incrocia le gambe intorno all’uomo. Il circolo dell’energia, in questo modo, è al massimo.
Bisogna prestare attenzione e rallentare il ritmo, prima di raggiungere il piacere e lasciando le zone sensibili per ultime.
Nel tantra acquatico non c’è penetrazione: attenzione è invece indirizzata alla fusione del due corpi.
Per il massaggio si possono usare saponi aromatici, spugne e spazzole.

Le Regole del Tantra
1 - Il Sesso è sacro!
D’ora in poi, questo è il tuo ‘mantra’. Ripetilo 20 volte al giorno, finchè il concetto ti sarà entrato ben in mente!
2 - Il Partner è come una divinità!
Il Tantra si basa su un principio fondamentale: il desiderio ed il rispetto profondo per il proprio partner.

3 - La Respirazione
Quando si pratica il sesso, si tende in genere a manifestare l’ecitazione con movimenti respiratori rapidi e brevi. Nel Tantra, al contrario, la respirazione si pratica con lentezza: si inspira col naso, profondamente ed espira con la bocca, mantenendo i muscoli rilassati.
4-Stretching
5-L’alcova
Donare all’ambiente nel quale si pratica il Tantra un’atmosfera calda e quasi sacra, aiuta molto ad entrare nello spirito mistico dell’arte amatoria tantrica.

6-Toccarsi
I corpi si sfiorano e le mani scivolano lungo tutto il corpo del compagno procedendo dalle estremità (le dita, le braccia...) fino alle zone erogene (seno, genitali...).
7-Il Piacere
Durante un rapporto tantrico, come in un sentiero di montagna, si raggiungono sempre nuovi picchi: già prima che sia avvenuta la penetrazione, si può aver raggiunto più orgasmi: che nel Tantra non sono obiettivi ultimi, bensì mere fasi intermedie al raggiungimento della completa fusione mistica tra i due spiriti.

Lo avete mai praticato? vi affascina?

www.girlpower.it

 
 
 

Assoluta impotenza

Post n°324 pubblicato il 21 Maggio 2011 da amoreeterno3
 

6 modi in cui l’alcol rovina il sesso

Nonostante tutti sappiano che l’alcol, se consumato moderatamente, è un vero e proprio toccasana, il suo abuso può avere conseguenze devastanti sul nostro corpo e sulla nostra mente.

Molti giovani ricorrono all’alcol, spesso in combinazione con droghe, per superare inibizioni, timidezze o semplicemente per trovare quel divertimento che sarebbe (pensano) impensabile raggiungere. L’alcol, sostengono gli esperti, è anche in grado di innalzare autostima e desiderio sessuale. Peccato tuttavia che troppi giovani uomini sottovalutino un aspetto: l’alcol è uno dei peggiori nemici dell’erezione. Nel peggiore dei casi, l’alcolismo è responsabile di quella che viene definita impotenza da alcol, o “alcohol impotence”: si stima che circa 1 alcolista su 2 soffra di disfunzione erettile.

Ecco 6 motivi che ci spiegano perché se si vuole essere sempre pronti, e “attivi”, sarà meglio dare un taglio all’alcol.

1) Alcol intontisce: erezioni impossibili da ubriachi

Molti uomini sapranno già di cosa stiamo parlando. Se si alza il gomito in maniera consistente, sono veramente molto poche le probabilità di riuscire ad avere un rapporto sessuale: messa in maniera semplice..non si alza neanche a pagarlo. Attenzione però: non sottovalutate l’alcol, se continuate ad abusarne potreste non riuscire mai più ad avere un’erezione, anche da sobri.

2) L’alcol rovina per sempre sistema nervoso

Alcuni studi hanno dimostrato come l’abuso di alcol nel lungo periodo causi danni irreversibili al modo in cui il nostro cervello risponde alle stimolazioni nervose. Ciò significa che saremo meno in grado di rispondere agli stimoli sessuali.

3) L’alcol danneggia le terminazioni nervose presente sul pene

Questo significherà avere minore sensibilità, provare meno piacere e infine non riuscire più ad avere erezioni.

3) L’abuso di alcol ci rende lenti e poco concentrati

Bere troppo e in maniera continuata per un lungo periodo di tempo causa delle modificazioni nel nostro comportamento: concentrarsi, pensare, giudicare…tutto diventa sempre più difficile. Non solo: anche la nostra capacità motoria si riduce. Secondo voi che risultato si avrà sotto le lenzuola?

4) L’abuso di alcol sbilancia i livelli degli ormoni sessuali

L’alcol ha delle conseguenze sul funzionamento dell’ipotalamo, la regione del nostro cervello responsabile della regolazione degli ormoni. In conseguenza di questo effetto, i livelli di ormoni come testosterone ed estrogeno vengono sbilanciati. Un abbassamento dei livelli di testosterone, l’ormone del desiderio, ha un immediato impatto sul desiderio sessuale e sulla capacità erettile. Le modificazioni dei livelli ormonali hanno portato alcuni alcolisti a sperimentare addirittura effetti fisici come femminilizzazione testicolare e ginecomastia.

5) L’abuso di alcol ci rende depressi, stressati ed ansiosi

Tutte queste condizioni sono fattori di altissimo rischio per lo sviluppo di impotenza.

6) L’abuso di alcol si associa spesso a fumo, sovrappeso e uso di sostanze stupefacenti

Il peggiore mix per la funzionalità erettile.

Che fare dunque? Se la propria capacità erettile non è ancora stata “toccata” dagli effetti dell’alcol, smettere. Smettere di bere subito!

Se invece si inizia ad avere qualche problema, è indispensabile rivolgersi ad un andrologo o ad un urologo. Il medico saprà consigliarvi sulle opzioni di trattamento disponibili. L’ulizzo di farmaci anti impotenza come Viagra, Cialis, Levitra si renderà indispensabile qualora voleste tornare al 100% al vostro precedente vigore sessuale.

Voi che rapporto avete con l'alcol?

www.paperblog.com

 

 
 
 

Un giro in libreria...

Gironzolando per il centro, setaccio una nuova ed enorme libreria...e vi segnalo alcuni titoli interessanti e divertenti...

Tumblr_lhnx0a9psl1qguurro1_500_large

Cliccate sui seguenti link :

http://digilander.libero.it/amoreeterno3/005.JPG   

http://digilander.libero.it/amoreeterno3/014.JPG    

http://digilander.libero.it/amoreeterno3/015.JPG     

http://digilander.libero.it/amoreeterno3/010.JPG    

http://digilander.libero.it/amoreeterno3/004.JPG    

http://digilander.libero.it/amoreeterno3/002.JPG    

http://digilander.libero.it/amoreeterno3/003.JPG   

Che ne dite? quale titolo acquistereste e perche'

 
 
 

Striptease...le istruzioni per farlo meglio!

Post n°321 pubblicato il 10 Febbraio 2011 da amoreeterno3
 

Per sorprenderlo e lasciarlo senza fiato è una tecnica infallibile. L'argomento è delicatissimo perchè se non si è esperte si rischia di cadere nel ridicolo e provocare l'effetto contrario. Ecco quindi alcuni preziosi consigli che ti aiuteranno a meravigliare e stuzzicare il tuo uomo...come Sophia Loren in "ieri, oggi e domani".

 

 

Ingredienti fondamentali di uno striptease efficace sono la fantasia, l'ironia, il look, che deve essere azzeccatissimo: sensuale e un po' aggressivo. Cerca di essere un po' attrice, entra perfettamente nella parte seduttiva: non c'è niente di peggio, che essere poco sicura della tua capacità di sedurre!
Cosa indossare? Una gonna aderente e un bel top coordinato sono preferibili, in quanto non svelano subito i tuoi tesori. Meglio ancora se il top ha bottoni sul davanti: potrai slacciarli uno ad uno lasciando aperto il top per un po'. Permetti al tuo lui di aiutarti slacciando un bottone alla volta
Un paio di tacchi mozzafiato sono indispensabili: non saranno di certo comodi per ballare, ma appariranno fantastici. Una donna in lingerie e tacchi alti è il massimo della sensualità e fa impazzire tutti gli uomini. Se poi pensi che siano scomodi puoi sempre sbarazzartene dopo aver fatto la tua entrata.
La musica, ne hai bisogno per regolare i tuoi movimenti. Scegli la musica che ritieni più adatta. Dovrebbero essere lente, in modo da aumentare l'attesa, e così anche il desiderio.
A questo punto bisogna passare all'azione: metti una sedia al centro della stanza e fai accomodare il tuo partner. Una comune sedia da salotto andra bene perchè non è troppo comoda e lui sarà costretto a concentrarsi solo su di te. Colloca la sedia con lo schienale rivolto verso l'ingresso della stanza. Una volta che sarà seduto, metti la musica e fai la tua entrata.
Lo sguardo è molto importante, quindi attira la sua attenzione e guardalo dritto negli occhi mentra ti avvicini a lui.
Ballare per qualcuno non vuol dire ondeggiare per tutta la stanza. Rimani di fronte a lui, abbastanza vicina da toccare la punte delle sue dita quando entrambi stendete le braccia
Non preoccuparti dei passi e lascia che il tuo corpo segua la musica naturalmente. Mentre ti spogli ricordati di variare la velocità. Slaccia i bottoni e abbassa le zip molto lentamente, poi cerca di far scivolare via i vestiti con dolcezza dal tuo corpo. Non avere fretta però pensa sempre ai movimenti per il passo successivo.
Ricordati che se ti senti sexy, sarai sexy. Pensa alle sensazioni che ti danno i vestiti mentre scorrono sulla tua pelle. Guarda il tuo uomo e pensa a quella volta che avete fatto l'amore in modo indimenticabile.. Infine mentre sfili la biancheria intima continua a giocare coprendo e scoprendo il corpo con le mani e le braccia. Svelati poco a poco e avanza verso il tuo uomo. Siedi in grembo e...
E voi avete mai fatto uno strip al vostro lui? vi piacerebbe? E voi...maschietti avete mai assistito ad uno spogliarello face to face?

www.pianetadonna.it

 
 
 

A domicilio...

Post n°320 pubblicato il 13 Dicembre 2010 da amoreeterno3
 

Tuppersex: sex toys (e non solo) a domicilio, con La valigia rossa

La valigia rossa arriva carica carica di... sex toys (e non solo). Finalmente anche in Italia le celebri riunioni a domicilio per viaggiare nell'eros e chiacchierare di sesso tra donne, imparando a viverlo al meglio!

Lo chiamano Tuppersex e no, non ha a che fare con il sesso tra barattoli, ma con le riunioni a domicilio. Solo che si vendono sex toys (e non solo) invece dei noti contenitori per alimenti. Insomma, dopo tanto vociferare finalmente (eureka!) sono arrivate anche in Italia - grazie a La valigia rossa - le riunioni casalinghe tra donne per chiacchierare, indagare e scoprire la sessualità femminile.

La valigia rossa, carica carica di sensualità e ottimismo, arriva direttamente dalla Spagna sotto l'ala protettrice de La maleta roja , un progetto tutto al femminile nato per occuparsi di sessualità e aiutare le donne a viverla con consapevolezza, gioia e ironia. La responsabile del progetto in Italia dice:

"Vendiamo tanti prodotti di cosmetica sensuale, libri, biancheria, massaggiatori e tante altre cose divertenti (dicesi: sex toys) da condividere con il partner per una serata romantica o appassionata. Ma la cosa più bella è il dialogo che nasce fra di noi e lo scambio di informazioni, esperienze e mondi nuovi che scopriamo. Ed il divertimento che accomuna tutti i nostri incontri. Ma questo non si vende."

E non posso che essere totalmente d'accordo con lei quando dice: "Credo che abbiamo bisogno di scoprire nuovi modi di convivere con i nostri desideri e le nostre passioni e abbiamo il diritto e il dovere di mantenere vivo, rinnovare e stimolare il rapporto con il nostro partner resistendo alla tentazione di farci prendere dalla quotidianità. Ed è un percorso che dobbiamo elaborare da sole ma condividendo con le nostre amiche i dubbi, le paure, le gioie. Tutte insieme possiamo scoprire l'esistenza di molti "mondi" e molte strade per poi scegliere quella che più ci è affine."

L'importante, prima di partire per questo viaggio nell'eros, è non dimenticare il bagaglio: la nostra personale valigia rossa!

 

www.donnamoderna.com

 
 
 

Lo sapevi che...

Post n°319 pubblicato il 10 Novembre 2010 da amoreeterno3
 

Contraccettivi...lo sapevi che...

La loro efficacia può essere influenzata da certe cure "dolci"? Oppure fallire se assunti nel momento sbagliato? E che macchie cutanee e riduzione del piacere sono possibili effetti collaterali? Ecco con l'aiuto degli esperti, metodo per metodo, che cosa non dimenticare...


Pillola: attenta alle cure "dolci". Mentre l'omeopatia agisce senza disturbare il farmaco, «la pianta medicinale può causare riduzioni della sua azione», spiega Cristina Porcu, farmacista specializzata in Fitoterapia e Omeopatia. «Attenzione pertanto all'agnocasto (usato nella sindrome premestruale) che per la spiccata attività sul sistema endocrino è sconsigliato in associazione alla pillola; l'iperico, che interagisce con la pillola nel suo sito di metabolizzazione e, per lo stesso motivo, il pompelmo, se assunto in alte dosi».Occhio al fuso orario. Il fuso orario potrebbe creare confusione nell'assunzione della pillola. «Per assicurare tassi plasmatici costanti è necessario assumerla sempre alla stessa ora usando come riferimento l'orario di casa», sottolinea la ginecologa Alessandra Graziottin, che dirige il Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, Ospedale San Raffaele Resnati di Milano. «Meglio sostituire la pillola con il cerotto contraccettivo che, a parità di efficacia, offre un dosaggio costante e prestabilito di ormoni, ma ha il vantaggio di essere cambiato settimanalmente».Verifica il calo del desiderio. «Spesso le donne riferiscono di non aver voglia di fare l'amore, conseguentemente all'assunzione di anticoncezionali orali», spiega il sessuologo Marco Rossi. «La causa è chiamata dose-dipendente, perché è in relazione alla percentuale di ormoni presenti nel tipo di anticoncezionale utilizzato. La pillola diminuisce anche le secrezioni vaginali rendendo difficile il rapporto. La soluzione? Basta cambiare sistema, o passare a un contraccettivo a basso dosaggio, per risolvere il problema».

Profilattico: occhio a scadenza e conservazione. Il profilattico non ha controindicazioni. Particolare attenzione va prestata tuttavia alla conservazione (mai nel portafogli o in tasca) e alla data di scadenza. «Abbandonate l'abitudine di tenere in tasca i preservativi: la temperatura del corpo li scalda, il che fa sì che il lubrificante evapori. Lo stesso accade se il prodotto è scaduto», spiega Massimo Valente, direttore di Comodo. Se poi unite al preservativo l'uso di un lubrificante: «sceglietene uno a base acquosa e mai la vaselina: indebolisce il lattice».

Coito interrotto: se lui è teso sei più a rischio. «Il coito interrotto non è un metodo contraccettivo sicuro. Il liquido lubrificante prostatico può contenere spermatozoi attivi e quindi anche fermandosi "in tempo" si può restare incinta», spiega la ginecologa Alessandra Graziottin. «Purtroppo è un metodo utilizzato dal 40 per cento delle coppie, soprattutto le prime volte, quando la capacità di controllo del maschio tende allo zero: se il partner è teso, infatti, può non riuscire a cogliere il momento giusto».

Temperatura basale: meno sicurezza e spontaneità. «Non è facile da misurare e può essere falsata da diversi fattori, come un semplice raffreddore. E' inoltre fondamentale un ciclo regolare. Meglio, infine, se ad adottare questo metodo sono coppie stabili, pronte ad accogliere una gravidanza inattesa» sottolinea la ginecologa Alessandra Graziottin. Altro risvolto è la mancanza di spontaneità. «Non si fa l'amore quando se ne ha voglia ma in base al termometro. Il che prevede l'astensione dai rapporti durante l'ovulazione, periodo in cui nella donna c'è un picco del desiderio».

Spirale: attenta alle infezioni. È un anticoncezionale da evitare se non si hanno ancora figli. «La inserisce il ginecologo una volta ogni cinque anni. Dà il vantaggio di non doverci pensare più, ma la spirale, di norma, è raccomandata a donne che hanno già avuto un figlio perché: può infatti essere causa di infezioni che conducono alla sterilità», spiega la ginecologa Alessandra Graziottin.

www.style.it

 
 
 
Successivi »
 

 

GEISHA: EROTISMO E SENSUALITÀ

Geisha è l'unione di due kanji che significano "arte" e "persona": significa quindi "persona esperta nelle belle arti , nell belle maniere"

 

La Geisha e' una professionista nell'arte di intrattenere ed allietare noiose cene d'affari e banchetti.

 

 

Una geisha coniuga spontaneità e raffinato artificio.
La sua conversazione e' attenta e elegante.

La bellezza della geisha e' insita nella sua padronanza della canzone, della musica , del ballo , dell'abbigliamento, della raffinata presenza in qualunque occasione le si presenti.

Lo scopo di una geisha e' di arrivare a rappresentare la perfetta incarnazione dell'iki, canone estatico su cui si basa l'essenza dell'essere giapponese. Per noi occidentali potrebbe rappresentare la "grazia" intesa in senso ampio ed estetico.

L'Iki è il uno stile, un comportamento, l'essenza della seduzione che sceglie la via piu' difficile del mutamento , dell'adattabilita' dell'anima al proprio interlocutore.

Tutto cio porta la geisha al di la' della sua immancabile bellezza fisica : essa contiene in se' la propria arte.

La geisha studia la parte coinvolgendo tutto il suo essere : la modulazione del respiro, la silhouette, le aconciature, l'incedere.

Il suo fisico deve essere sottile e slanciato, il volto affilato, le sue guance, dal colore pallido come "il fiore di ciliegio" o "glaciali " cosi' da ricordare l'autunno.

La voce deve poter variare la tonalita' raccogliendo una gamma che spazia da dalla malinconia al brio.

Il trucco facciale e' particolare: la bocca va ridisegnata in modo da mostrare, col ritmo delle labbra, rilassatezza e tensione assieme.

Gli occhi devono assumere un'espressione che evoca la dolcezza lasciando intravvedere opportunamente punte di civetteria.

Deve calzare sandali con i piedi rigorosamente nudi , elemento fondamentale di seduzione, anche d'inverno, sovrastati da Kimono poco appariscenti , con colori delicati e intonati alla stagione.

Il colletto del kimono deve lasciare scoperta la nuca affinche' appaia la seduzione di una breve apertura sull'intimita' del corpo. Il " komata" e' una bella linea sottile sulla parte alta posteriore del collo che viene spesso truccata per rispecchiare la figura della zona genitale ; cio' significa per la geisha "l'aspirazione alla perfezione della bellezza erotica unita all'arte".

I capelli normalmente lisci e di colore "nero lucente e profondo possono essere acconciati secondo un adeguato canone estetico (es . " a foglia di gingko", "shimada ", …)Per perfezionare le tecniche e sostenere i notevoli costi di abbigliamento (un kimono elegante puo' raggiungere i 15-20.000euro) , il trucco, la cura del corpo e della cultura necessitano di molto denaro. L'unica via quindi e' affidarsi come tradizione ad un facoltoso sponsor (okiya o danna-san)

 

 

 


IL PUNTO G

 

Dopo anni di ricerche (anche fai da te) sarebbe finalmente stata accertata l’esistenza del cosiddetto Punto G, ovvero, per quei pochi che ancora non lo sapessero, la zona erogena più sensibile del corpo femminile. Il primo a ipotizzarne l’esistenza, già negli anni ‘50, fu il ginecologo tedesco Ernst Grafenberg che pubblicò un dettagliato studio sull’argomento. Probabilmente il medico tedesco non immaginava che la sua “scoperta” avrebbe avuto una straordinaria risonanza per i cinquant’anni a venire e non solo in ambito medico-scientifico. In tutti questi anni infatti legioni di uomini e donne di buona volontà hanno continuato a dargli la caccia incuranti del parere degli studiosi che lo ritenevano una semplice bufala.

 

CIOCCOLATA? MMMMMMMMM

Se il lettore è un uomo si starà certamente chiedendo che razza di domanda sia (un po’ come proporgli di scegliere tra una partita di derby e un pranzo dalla suocera...). Ma se la lettrice è una donna, potrebbe anche trovarsi di fronte a un dubbio amletico.

Come nel caso di Joan Sewell, autrice di I’d rather eat chocolate: learning to love my low libido (Piuttosto mangio cioccolata! Come ho imparato ad amare la mia bassa libido), che ha fatto di questo dubbio virtù. Il suo motto è diventato: “meglio un cioccolatino subito che il massimo del piacere faticando”. Perchè optando per un cioccolatino non si è obbligate a chiedere: “E’ piaciuto anche a te il cioccolatino?” o a pensare intensamente “Sto per raggiungere il cioccolatino, sto per raggiungere il cioccolatino…” neanche fosse la cima dell’Everest!

Personalmente non riuscirei a rinunciare né all’uno né all’altro. L’eros, per me, è sempre uno sciroppo di benessere per la mente e il corpo, la cioccolata un formidabile toccasana per l’umore, oltre che una delizia per il palato. Devo preoccuparmi?
LUBRIFICANTI FEMMINILI

L’intesa con il partner c’è, ma a volte non basta per fare scintille in camera da letto. La
soluzione è in una crema, che stimola la fantasia. Per questo è boom di gel stimolanti per il piacere femminile. Esattamente come con il Viagra, passato da farmaco a pillola del desiderio, oggi anche i lubrificanti rosa godono di una seconda giovinezza.

Non più solo rimedi da usare in menopausa o per contrastare gli sgradevoli effetti di qualche anticoncezionale, ma alleati femminili sulla strada dell’orgasmo. Spiega Veronica Vizzari, psicoterapeuta e sessuologa dell’Istituto di sessuologia clinica di Roma

Case farmaceutiche e aziende specializzate in gadget erotici stanno studiando nuovi preparati che rispondano ai bisogni delle donne. Sono pensati per garantire una lubrificazione adeguata alla buona riuscita del rapporto. Se questa manca, infatti, i recettori sulle pareti della vagina, stimolati, inviano messaggi di fastidio al cervello. Il che, ovviamente, ostacola l’orgasmo

Secondo i dati raccolti dagli esperti, il numero di donne tentate da gel e creme è destinato a crescere.

 

CHE STORIA...

Lo ammetto: decidere di entrare è stata dura. Sono sempre stata incuriosita da questi misteriosi “negozi del piacere”, ma l’idea di essere vista (e giudicata) mi ha sempre creato un notevole imbarazzo. “Che gente ci sarà dentro? Cosa diranno di me?”… questi pensieri continuavano ad affollare la mia testa mentre, l’altro giorno, mi dirigevo verso il negozio.

Quando, rotti gli indugi, sono entrata… ho scoperto un mondo totalmente diverso da quello che immaginavo!... Superato lo shock iniziale alla vista della quantità e varietà di attrezzi e oggettini anatomici esposti in bella mostra, ho trovato un ambiente piacevole (aggiungerei anche molto femminile), due commesse carine e disponibili, un paio di clienti giovani “appiccicati” allo scaffale dei videogiochi hard e persino una coppia intenta a selezionare dei fumetti erotici.

Ho iniziato a rilassarmi e guardarmi intorno: nessuno mi aveva notata, se non una commessa che, colto il mio evidente imbarazzo, è venuta a dirmi che potevo dare un’occhiata e ovviamente chiedere a lei per “spiegazioni”. Ho evitato volontariamente il reparto "giochini" e per circa un quarto d’ora ho passato in rassegna l’intimo più buffo e al tempo stesso più simpatico che abbia mai visto!
Alla fine ho scelto un paio di slip di pizzo nero, che, vi assicuro, vale la pena possedere! Costo complessivo del mio shopping: 28 euro. Non male per questa prima volta...
sto già pensando alla prossima

 

La voce che attrae, seduce, e quella che respinge. Luigi Anolli, docente di Psicologia della Comunicazione all'Università Cattolica di Milano, ha studiato gli effetti dei toni vocali. E ha scoperto che...

Per fare colpo
Ci vuole un eloquio molto fluido, accompagnato da un timbro brillante. Ma attenzione: niente suoni troppo acuti, mettono ansia.

Per farlo avvicinare
Sono perfette le tonalità basse e calde. In certi passaggi della conversazione quasi sussurrate.

Per rassicurare
Un possibile fraintendimento? È il momento della voce profonda, di velluto, giocata sullo stesso tono. Ma senza esagerare: altrimenti si rischia l'effetto noia.


 

IL CIOCCOLATO FA BENE...

Che sia fondente, bianco o al latte, in barrette, in una tazza fumante o gelato, il cioccolato resta uno dei peccati di gola per i quali si andrebbe volentieri all'inferno. A rincuorare chi non si priva di affogati, dolci e bon bon a base del prezioso "cibo degli dei", periodicamente fanno la loro comparsa studi che elogiano le qualità del cacao a dispetto delle calorie e degli zuccheri che si porta, inevitabilmente, appresso.

L'ultima ricerca condotta da studiosi dell'Università di Colonia sostiene, infatti, che 30 calorie (pari a 6.3 grammi) al giorno di cioccolato amaro possono avere effetti benefici nei casi di ipertensione arteriosa, senza causare alcun aumento di peso o qualsivoglia effetto negativo.

Come osservano i ricercatori tedeschi, benché l'effetto sulla riduzione dei valori pressori sia tutto sommato contenuta, va tenuto presente che, a livello di popolazione, è stato stimato che una riduzione di 3 mm Hg della pressione sistolica ridurrebbe il rischio relativo di morte per ictus dell'8 per cento, per malattia coronarica del 5 per cento e di mortalità complessiva del 4 per cento.

Largo quindi all'idea del cioccolatino quotidiano? Non tutti i nutrizionisti sono d'accordo visto che bisogna comunque tenere conto dell'apporto calorico dell'alimento. Se poi sono i polifenoli la panacea contro i mali dell'ipertensione, si tenga conto che la loro presenza in alimenti come il cacao e il vino, altro alimento del quale si esaltano le qualità, sono tutto sommato ridotte rispetto a frutta e verdura come le cipolle, le melanzane, la lattuga e l'uva. Cibi meno "sensuali" ma senz'altro più sani.

Insomma se vogliamo viziarci con un po' cioccolato, coccoliamoci pure ma non pensiamo di avere un solido alibi per le nostre voglie. E se di istanze vogliose si tratta c'è pronta un'altra ricerca, questa volta britannica, che segnala la preferenza del gentil sesso di sua maestà suddito che, preferirebbe il cioccolato addirittura al sesso.

Stando infatti a un sondaggio commissionato dal colosso dell'industria dolciaria Cadbury, in Gran Bretagna oltre la metà delle donne, per la precisione il 52 per cento del totale, preferiscono la cioccolata alle effusioni sessuali, ritenendo la prima assai più affidabile delle seconde per trarne appagamento: "La cioccolata fornisce piacere garantito, e non delude mai", è il commento di un'anonima signora, compresa tra le 1.500 persone interpellate e presa a prototipo nel rapporto allegato ai risultati del sondaggio.

Per contro, anche nel Regno Unito tra gli uomini resiste l'atteggiamento opposto: ben l'87 per cento del campione maschile predilige infatti ancora il sesso a qualsiasi dolciume.
 

 

INTERESSANTE...

Ho letto pochi giorni fa che la Durex ha posto in vendita in alcuni supermercati un nuovo oggetto del desiderio,un anellino (Play vibration) che dà piacere sia agli uomini sia alle donne. Dopo alcune prevedibili difficolta', il fenomeno è esploso e ormai se ne vendono centinaia alla settimana. Pare che le piu' soddisfatte dall'anello vibrante siano le donne, aiutate anche dalla possibilita' dell'acquisto durante la normale spesa, magari al market sotto casa.
Finalmente qualcuno ha pensato a noi, dandoci la possibilità di aumentare il piacere e quindi la soddisfazione nei rapporti con il nostro partner. Ben venga allora questo gadget e d'ora in poi nel nostro carrello faranno bella mostra di sé tante piccole scatole rosa, magari insieme a mozzarelle e detersivo!

Le fantasie possono rivelarci molto di noi e portare a galla aspetti nascosti dell’io, ma anche ricordi di situazioni o emozioni cui nella vita reale non diamo magari importanza e possono contenere bisogni e desideri,  non ancora appagati. Mi riferisco, soprattutto, ai bisogni di riconoscimento e di affetto.

Fantasticare su qualcosa di piacevole, si sa, è molto utile per accendere il desiderio...Non solo: «In coppia, raccontarsi le rispettive fantasie può trasformarsi in un “gioco” intimo capace di migliorare la comunicazione fra i partner».Le fantasie consentono di raffigurarsi “brave e capaci”, e questo esalta il valore della nostra immagine, facendoci sentire più soddisfatte di noi. Ma c’è di più: richiamare una fantasia facendo l’amore può aiutare a ridurre il pudore e le inibizioni».

 

 

Stai fantasticando su piccole trasgressioni di coppia? Ecco il pregiatissimo kit da "camera da letto" adatto all’occasione: sculacciatore, frustino e mascherina realizzati in pelle, raso, velluto e dettagli Swaroski. Quando il gioco della seduzione si fa "calda"...


Quanto costa: € 60, 80, 120

website: http://www.chiaraberti.it  

 Basic Loveballs Gold Oro

Un colore ultra trendy per un accessorio erotico della tradizione. Giapponese, per l’esattezza. Le palline della geisha venivano infatti usate dalle cortigiane di alto rango per rinforzare e controllare i muscoli vaginali. Obiettivo: migliorare la sensazione del piacere (reciproco) durante il rapporto sessuale. Provare per credere…


Quanto costa: € 24

website: http://www.sexpassion.it