Pensieri&riflessioni

Satira

Creato da caiodentato il 28/12/2008

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 42
 

 

Amarcord

Post n°433 pubblicato il 13 Febbraio 2017 da caiodentato
Foto di caiodentato

Erano mesi che ci provavo, ormai avevo quasi perso la speranza.Riunire tutti gli amici dell'infanzia. Quei terribili giovanotti del 56 e giu' di lì. Però  c'è voluto che due di noi ci salutassero prima del tempo, divorati entrambi da un brutto male nel giro di  due mesi per fare avvenire il miracolo. Così un paio di mesi fa finalmente qualcuno si è cominciato a muovere, chissà forse per la paura di non farcela dopo questi due brutti eventi, o per la tanta nostalgia dei tempi andati. Per ritrovarci quasi tutti una fatica immane. Cercare alcuni scomparsi e finiti chissà dove, chi aveva cambiato paese, o città, un lavoro che alla fine ne è valsa davvero la pena. Due mesi di lavoro meticoloso e fatto  di telefonate e di tanta nostalgia e tanti "Contaci!" Alla fine il miracolo è avvenuto! Ci siamo dati appuntamento in un noto ristorante dove si mangia dell'ottimo pesce, la curiosità era tanta, specie per quelli che non si vedevano da anni. Io  sono stato tra i primi ad arrivare, vedersi dopo tanto tempo è stato come riavvolgere una pellicola a colori e  vederne l'inizio in bianco e nero. In molti erano cambiati drasticamente, eravamo tutti ingrigiti e  alcuni anche con pochi capelli, occhiali da vista e pancetta,  spalle curve,davvero incredibile la trasformazione, con alcuni è stato un trauma, a mala pena ci si riconosceva. La conta è arrivata a 25, davvero un bel numero non pensavo si arrivasse a tanto, abbiamo cominciato a chiamarci coi nomi di battaglia della nostra infanzia, ce li ricordavamo tutti,naturalmente abbracci e pacche sulle spalle e tante strette di mano, se c'era  qualche rancore è scomparso come per magia, così come non me ne ha portato mai Mimmo a cui fregai la fidanzata, ora mia attuale consorte, la metà è già in pensione, ad altri manca poco, alcuni  sono anche nonni  felici, accidenti ma è possibile che è passato tanto tempo? Naturalmente abbiamo passato una serata fantastica, tra brindisi a gogò, selfie e video, i cellulari sono andati in tilt, così come le bottiglie di vino! Abbiamo constatato che stiamo tutti bene, e tutti sistemati, la nostra generazione ha avuto fortuna. In molti sono imprenditori, commercianti, liberi professionisti, una generazione la nostra che non ha fallito. In questa mitica runione ne mancavano 5 che per motivi vari hanno dovuto glissare, ma hanno promesso che se il prossimo anno la rifaremo faranno di tutto per essere presenti. Alla fine della serata ancora non sazi, un nostro collega proprietario di alcuni bar, ci ha invitato in un suo locale offrendoci un'ultima bevuta insiene. A momenti gli vuotavamo il locale,abbiamo tirato fino alle due! Allla fine il nostro pensiero è andato ai due che non si sono piu'. Ciao  Giulio, ciao Emidio, sono sicuro che  anche voi eravate lì con noi. Un abbraccio.

 
 
 

Tanti giochi per vincere il nulla

Post n°432 pubblicato il 06 Febbraio 2017 da caiodentato
Foto di caiodentato

Tanti anni fa se qualcuno voleva tentare la fortuna per vincere qualcosa si recava ad una ricevitoria del Lotto e si giocava un ambo o un terno, magari facendosi consigliare dall'addetto per un consiglio sui numeri sognati, poi il sabato sera si aspettava l'estrazione in diretta, ricordo che c'era il contenitore di numeri che veniva girato per mescolare le palline con i numeri, e un bambino  bendato che estraeva il numero magico.Altri tempi. Oggi è cambiato tutto, non so nemmeno come vengono tirati fuori i numeri, nessuno li vede, sono state introdotte tante varianti, prima fu inserita l'estrazione, bisettimanale, ora si è arrivata a quella trisettimanale, con l'aggiunta  di un'undicesima ruota chiamata Nazionale, poi l'Ambetto, il Lotto Piu', il tutto per invogliare a giocare sempre di piu'. Poi ci hanno mollato il Superenalotto, dove all'inizio la giocata minima costava 50  centesimi, ma subito dopo è stata raddoppiata.Naturalmente anche in questo gioco sono state introdotte delle varianti come il numero Superstar, il Supervincitore,il Sivincetutto, dove in questa variante con una sola scheda si possono giocare da un minimo di 5 ad un massimo  di oltre 90 mila euro!. La frequenza delle estrazioni è di norma trisettimanale. Ora è arrivata un'altro gioco chiamato 10 e Lotto, destinato ai giocatori piu' incalliti, in cui le estrazioni si susseguono ogni 5 minuti durante tutte le 24 ore, roba da infarto quando li vedi giocare , hanno  l'adrenalina a mille! Per non parlare poi degli altri giochi  dai Gratta e Vinci fino alle slot machine, tanto che in tutta questa confusione non mi ci raccapezzo piu' e non ci capisco una mazza davvero, ho fatto questo post parlando con un'amico che ha tutte queste diavolerie, per non parlare poi del calcioscommesse. La conclusione? E' che nella illusoria speranza di migliorare la propria vita, i frequentatori  di questi giochi vanno invece incontro alla propria rovina. Ma in fondo un vincitore c'è sempre, non è difficile trovarlo.

 
 
 

La Chiesa ficcanaso

Post n°431 pubblicato il 08 Novembre 2016 da caiodentato
Foto di caiodentato

Ancora una volta la Chiesa non ha perso occasione di stare zitta. Questa volta  ci ha comunicato con sconcerto che le ceneri dei nostri cari, parenti o amici sono vietate in casa, ed è anche vietato che vengano sparse. La Chiesa la deve smettere di ficcare il naso nelle nostre case, o di mettere lo zampino e spesso anche  lo zampone in cose che non la riguardano. Non mi sento cattolico, ma dentro sono molto piu' cristiano di tanti cattolici praticanti. I preti che facciano i preti, e non s'immischino in faccende private. In quando a me, ho già deciso che quando avverrà il trapasso, mi farò cremare con buona pace di tutti. Non sopporto l'umidità della terra, e memmeno star chiuso in quattro pareti di cemento, che magari potrei avere discussione con qualche vicino non in sintonia, o impegnare i miei cari nelle visite domenicali. Non voglio interferenze di nessuno, i conti li farò personalmente col Padreterno nel'Aldilà, senza le mediazioni delle tonache. Farò spargere le mie ceneri nei  bellissimi luoghi della mia infanzia, o nello splendido mare davanti a casa mia. Anche perchè a casa non saprei dove metterle. In salotto non c'è posto, è colmo di libri,mobili, orologi e quadri, in sala da pranzo impossibile, perchè qualcuno potrebbe scambiare l'urna con la saliera o la pepiera, in giardino nemmeno a pensarci. Non ho certo chiesto  io di nascere , e sono nato, non chiederò di morire, ma morirò . La vita è questa.

 
 
 

Un brusco risveglio

Post n°430 pubblicato il 31 Ottobre 2016 da caiodentato

Domenica mattina non pensavo certo di svegliarmi col letto che mi sfuggiva da sotto, è stato tutto pazzesco. Ho aperto gli occhi che erano le 7,30,  volevo fare footing come sempre, intanto mi crogiolavo tra le lenzuola, tanto hanno rimesso il vecchio orario ho pensato, mi sto ancora un pò. Passato qualche minuto ho avvertito una strana sensazione, un lieve tremolio che andava aumentando ad ogni secondo, poi ho comiciato a camminare insieme al  letto  che mi portava a spasso,lo sguardo mi è andato sul lampadario della camera, e con orrore ho visto che oscillava impazzito. Solo allora ho capito che era in atto una terribile scossa sismica, sono saltato giu' dal letto,  sono andato in camera di mia figlia per avvertirla, per raggiungerla  il movimento della scossa mi sbatteva da una parete all'altra del corridoio: "cazzo ho pensato oggi seppelliscono anche noi!" Ho urlato a mia figlia di uscire fuori, che intanto aveva preso il cane Artu' in braccio  con lo sguardo spaurito. In cucina mia moglie era stralunata in preda al panico, e guardava il lampadario che sembrava un pendolo impazzito che dondolava fuori giri, siamo corsi in giardino, nel frattempo ho avuto la freddezza di riprendere col cellulare il movimento  dei lampadari nel loro dondolìo e dei oggettini caduti. Tutto questo solo in un pazzesco minuto! Mai avuto tanta paura.Inutile dire tutto il resto. Ci abitueremo mai, quando finirà? E' dal terremoto dell'Aquila che viviamo  con la paura addosso.

 
 
 

I citrulli del web

Post n°429 pubblicato il 13 Ottobre 2016 da caiodentato
Foto di caiodentato

Sono passati almeno quattro anni da quando venne bucata e sgonfiata sul web, speravo per sempre e invece va ancora in giro la notizia dell 'inesistente senatore Cirenga che fece un disegno di legge poi approvato dal Senato, per la realizzazione di un fondo per i " parlamentari in crisi" in vista dell'imminente fine legislatura perchè molti rimarrebbero senza lavoro. Eppure gira ancora e la gente ci crede. E magari si lascia pure influenzare da queste chiacchiere da comari da ballatoio per decidere per chi e come votare. Nessuno stupore. In questi ultimi anni ci siamo bevuti di tutto. La foto taroccata della Maria Elena Boschi che giura  al Quirinale col tanga che spunta dai pantaloni. La ragazza americana con tre mammelle. I gatti bonsai allevati in bottiglia. Laura Boldrini che faceva la ragazza"coccodè" La morte di Paul Mc Cartney sosituito da un sosia. E udite: "La resurrezione" di Michael Jackson che ora, in incognito fa il benzinaio in Canada. Aveva proprio ragione Umberto Eco: Ormai Internet è divenuto un territorio  anarchico dove si può dire di tutto senza essere smentiti.Però se è difficile stabilire se una notizia sulla rete sia vera, è più prudente  supporre che sia falsa. E come dice il grande Arbore " Meditate gente, meditate...."

 
 
 
Successivi »
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

volareamoremio1dolcesettembre.1allelujastellinasurfinia60caiodentatoavogadroseSky_Eaglemary.dark35Estelle_kpoem67sagredo58faville2deliaemmeWeb_London
 

Ultimi commenti

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom