Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 219
 

 

« L'età dell'innocenzaC'é post@ per me: Il me... »

CdC - Tradito e abbandonato

Post n°471 pubblicato il 22 Febbraio 2009 da sara_1971

Cara Letizia,

non pensavo che sarei mai arrivato a scrivere a una posta del cuore, io scapolo disilluso... Ed invece a quarant’anni mi ritrovo qui… Ci conosciamo a metà luglio. Dopo un lungo scambio di lettere bellissime e divertenti, scopro che ha un "lui" di cinquanta e passa anni, ma anche che è una tipa con mille interessi speciali, che mi piace un sacco. Poi arrivano le vacanze, ci teniamo in contatto e mi chiede di andarla a trovare. Per due notti mi faccio 200 km per finire sulla spiaggia abbracciato a lei. Mai provata un'attrazione del genere. Continuiamo a vederci per tutto agosto, le dico che il mio sogno è metterci insieme e vedere come va, visto che anche in una situazione assurda come la nostra riusciamo  a stare così bene. Mi racconta che ha confessato al suo lui di vedersi con un'altra persona. Ne sono felice, la clandestinità alla lunga diventa squallida, e lei mi fa intendere che il loro rapporto si sta esaurendo. Continuiamo a vederci tra viaggi, sacrifici e sorprese splendide, con periodici dolorosi punti della situazione. Decido di lasciarle il tempo di capire se vuole tornare ad un rapporto di coppia con me, ma sono comunque decisamente convinto che si sia allontanata da "lui". Deve partire per lavoro e ci separiamo, anche se per pochi giorni, e proprio in prossimità del Natale  frugo nella sua mail senza propositi indagatori, solo per sentire il profumo di lei, e scopro che ha mandato una e-mail a lui, piena di baci, in cui dice che gli manca tanto e che spera di vederlo la sera stessa del ritorno. E' una devastazione. Le scrivo una lettera piena di odio e disillusione, le scrivo che non è più capace di raccontare la verità a nessuno, che mi sento un burattino nelle sue mani, che è impossibile fidarsi di una persona che appena ti giri è nelle braccia di un altro. Gliela consegno la sera stessa del ritorno, furente. Mi dice che non è stata corretta, che vuole cercare di stare il più lontano possibile per non farmi più male. E' dolcissima ... Ma io faccio anche l'idiozia di dirle di aver scritto anche a lui di questi sei mesi passati con lei, e cambia subito faccia, mi dice che avrei potuto risparmiarmelo, che quelle sono solo cose sue. Mi ordina di riportarla a casa e smette di parlarmi. Sparisce dalla mia vita. Così finisce la storia con l'unica persona di cui mi sia mai innamorato realmente. So di essermi comportato alla fine come una bestia insensibile e irrazionale, ma la rabbia e il disgusto erano troppo da sopportare, e vederla ridotta a mentire a tutte le persone a cui vuole bene era una cosa che non potevo più sopportare. Ho bisogno di uno sguardo da fuori, non di qualcuno che mi dica cosa fare ora, anche perché non penso ci sia molto da fare a parte aspettare o dimenticare. Ho bisogno di qualcuno che mi dica se ho sbagliato tutto, o se ho fatto bene. Claudio

 

Risponde Letizia:

Caro Claudio,

ogni tanto nell'universo quasi esclusivamente femminile della posta del cuore compare un uomo che ha il coraggio di mettere a nudo la propria delusione e il proprio dolore per un amore finito. Questo mi colpisce e mi conforta, perché dimostra che in questo nostro mondo così traboccante di superficialità e di volgarità c'è ancora qualcuno che ha il coraggio di conservare la propria dignità, anche pagando un prezzo altissimo. Tu hai lottato disperatamente per salvare questo rapporto, hai sopportato situazioni estenuanti, hai aspettato, hai amato nonostante tutto, ma non è bastato. Tutti i tuoi sforzi sono andati in frantumi di fronte all'egoismo di questa donna. Sì perché l'insensibile senza cuore non sei tu ma è lei. Lei che non ha voluto fare una scelta sincera, lei che non ha voluto cogliere l'occasione di venir fuori da una vita di menzogne, per poter finalmente stare accanto a qualcuno che le offriva incondizionatamente il suo amore e che le avrebbe restituito la serenità. Lei non ha voluto e ha preferito l'ambiguità e le bugie che hanno inevitabilmente logorato e distrutto anche quello che di bello eravate riusciti a costruire. Rifiutando i compromessi non hai sporcato e calpestato il tuo amore ma al contrario hai dimostrato a te stesso e a lei (che però non lo ha capito) che si può amare davvero. E ti garantisco che di questi tempi avere questa certezza non è da tutti! Per quanto riguarda la rivelazione al cinquantenne non affliggerti più di tanto, dare ogni tanto libero sfogo alla propria gelosia non è una colpa ...

 

Risponde Sara_1971

Maledetto. Ci sono uomini che passano nella tua vita per farti crescere, altri per diventare ricordo, qualcuno per procurarti un’ulcera. Claudio, sono proprio le mignatte come te che devastano il mondo: quarant’anni passati in un delirio egoistico, turbato al più da fenomeni sociali rilevanti quali la prima stagione del Grande Fratello o l’amore da tronista, e poi, guarda un po’, ti ritrovi inspiegabilmente posseduto dall’anima di un eroe da romanzo cavalleresco. Limonare è una cosa seria, soprattutto quando si è grandi: non lo sapevi forse? Peccato davvero averti conosciuto solo adesso: negli anni ’80 saresti stato un magnifico oggetto di svago per metallari incazzati. Piacersi è un fuoco che passa di fiaccola in fiaccola, ed intraprendere questo genere di trastulli implica lo scottarsi: frasi come “sai, ho il cuore spezzato” o “devo riprendere in mano le redini della mia vita” sono solo un’elegante declinazione del concetto di due di picche, che sicuramente conoscerai bene. Lei mi sembra proprio la tipa disposta a farsi ingroppare per motivi di vanità, tu il classico quarantenne senescente, inopportuno quanto una zeppa di Berlusconi al summit. Ad ogni modo grazie a te riesco a vedere le crepe più profonde che si annidano nei muri del nostro sistema educativo. Eccolo qui il Bengodi via etere: accucciato a rodere l’osso del tuo malessere decidi di ciullarle la password e spadroneggiare nella sua vita privata. Non contento, nell’impellenza di dover prendere una decisione che tutti si auguravano risultasse quantomeno discreta, spiattelli tutto al cornuto: ha ragione Andreotti, se si vuole mantenere un segreto, non bisogna confessarlo neanche a se stessi. Comunque, siccome sono riflessiva (e non solo ipocondriaca come asseriscono taluni critici)  capisco anche che le feste – ed in particolare il Natale – riescano a tirare fuori il peggio delle persone: nel tuo caso ammetto non ci sia stato bisogno di scavare troppo nel profondo. Tsk. Pensare che sarebbe potuto capitare anche a me di imbattermi in un deviato con la fissa della sincerità… sono queste le insidie della rete che più temo, sai? Le fighe, contrariamente a quanto si possa credere, cercano l’uomo sensibile, che le sappia comprendere, o magari simpatico, che le sappia far sorridere ma mai, e ripeto MAI, l’uomo che le combini casini. C’è da restare quasi commosse dalla tua innocente sprovvedutezza perciò per redimerti, mio caro, hai bisogno di essere magnanimamente catechitezzato. La pulizia dei bagni ti riporta sulla terra quando ti senti Dio e ti riconcilia con il creato quando stai nella palta: fidati, è quella la tua penitenza.  Ed è proprio indirizzandoti la top delle maledizioni (sperimentata per anni in orrorifici pomeriggi digestivi al ristorante) che mi congedo da te, ai miei occhi sempre più mi simile a Tebaldo, rissoso esponente del clan dei Capuleti, con una massima del grande Shakespeare, sperando tu riesca a renderla una sorta di esercizio preliminare al silenzio:  parla piano, or dunque, quando parli d’amore.

(Sciagurato)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

archetyponmino27PRONTALFREDOxileola.cozzaGEGNOantonioilicorazio_dimauroBinxusperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77Elemento.Scostante
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom