Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 219
 

 

« PanicGraffi »

CdC - Regimental

Post n°572 pubblicato il 30 Settembre 2009 da sara_1971

Cara Pink Moon,

vivo in una confusione perenne ed ho bisogno di aiuto. Sono una donna di 40 anni che come tante vive una situazione sentimentale abbastanza conflittuale. Ho sempre avuto nella mia vita piccole e fugaci relazioni, a parte un paio un po’ più durature ma tutte terminate perché dopo un po’ mi annoio di tutto e di tutti... Tre anni fa reduce da un lungo periodo di solitudine, stufa di stare sola ho iniziato a cercare qualcuno e l’ho trovato con mia somma meraviglia. Uomo serio, professionista, colto, carino, elegante. Ed ecco che dopo qualche mese, quando lui già si legava a me a filo doppio, riemergono i miei vecchi problemi e comincio a scalpitare. Che faccio? Lo lascio? Per farla breve ti dico che sono passati 3 anni caratterizzati da miei continui alti e bassi e tira e molla. Tre mesi fa, in un periodo di stanchezza totale incontro un uomo (sposato) molto stravagante che mi travolge come un vortice e sconvolge totalmente la mia esistenza e ne divento l’amante. Questa situazione intanto mi incoraggia a lasciare il mio ragazzo e così faccio, proprio nel momento in cui lui mi chiede di sposarlo.

Intanto continuo la relazione con il mio compagno anche se con molta, molta freddezza: a differenza mia lui non si emoziona per nulla, mi pone davanti a continui paragoni con le sue ex, tutte più belle, più giovani, più intelligenti. Mi paragona persino alla moglie, di cui dice di avere grande stima nonostante verso di lei non senta più amore. Non nutre interesse per la mia vita, il mio passato,  il mio presente. Eppure il solo guardarlo mi provoca un brivido che mi ripaga di tutte le sue mancanze, e persino del suo continuo ripetermi che è troppo tardi perché nasca un amore tra noi due.

Dammi un parere. Cosa faresti al mio posto? Ho paura di andare avanti tutta la vita in questa situazione di stallo che non mi permetterà di realizzare un bel niente. A volte vorrei tanto essere altrove, mi sento così mortificata!

Laura

 

Risponde Pink Moon:

Mia cara Laura temo che in fondo nella tua vita finora tu non abbia davvero amato nessuno, forse ti spaventa la routine, la quotidianità, che inevitabilmente porta un rapporto di duratura convivenza. Certi compromessi li accetti solo se trovi l'uomo della tua vita, se ami e senti di poter condividere tutto con lui, anche la monotonia. Non illudiamoci: tutti i rapporti all'inizio ci fanno battere il cuore, meno ti vedi e meglio stai con lui, tendi ad idealizzarlo, non hai tempo di vedere le cose che proprio non sopporti di lui, se siamo nella clandestinità poi… ancora meglio se subentra il gusto del proibito! Il problema é quello di far diventare un amante un marito. Il tuo lasciarti sopraffare dalla noia per tutto e tutti lo percepisco come una mancanza di volontà di crescita, inteso come la capacità di progettare e realizzare ai diversi livelli della propria esistenza, senza perdere di vista la realtà delle cose. La vita è fatta di scelte, ogni giorno. Anche le cose da realizzare sono delle scelte. Ricorda: nessuno sarà giusto per noi se non siamo anche noi ad essere giusti per l’altro!

 

Risponde Sara_1971:

Vorresti tanto essere altrove ed invece adesso sei qua, mi dispiace. Sei arrivata dopo Giovanna, dopo Enrica, dopo Anna, dopo essere stata follemente amata  proprio quando ti sei improvvisamente accorta di quanto lui fosse noioso, dopo esserti accidentalmente intrugliata del primo farabutto incontrato e dopo aver tristemente capito che l’inazione in amore è forse il peggior crimine.

Sei piombata qui quando non c’era davvero bisogno che arrivassi tu ad incasinare tutto, proprio adesso che con sua moglie tutto sommato andava benino, una donna paziente di cui lui ha tanta stima che gli regala la tranquillità di una casa ordinata e di una vita pulita. Troppo tardi per cedere alla tentazione di mandare tutto a quarantotto, troppo presto per aggiungerti alla sua collezione di storielle passate.

Gli sei antipatica il giusto: con la petulante costanza tipica dell’ex che rifiuta di esserlo, stai lì a ricordargli che Lui non è il vero protagonista di quella vita specchiata fatte di calze in filo di scozia e cravatte regimental che si era faticosamente costruito grazie ad un notevole processo di dissociazione. Che sia la natura dei bisogni a determinare il destino degli uomini?

Però.

Però nonostante tutto è stato l’unico ad infilzarti il cuore ed il cervello e insomma come si fa, la vita è così piatta senza una piega, senza un tirante… Si, è vero, non sei la madre dei suoi figli e non hai intenzione di fargli da badante, non ti ha conosciuto con i capelli castani e senza pancia ma - pensa un po’ – forse non gli saresti piaciuta nemmeno giovane e figa. Non sei salita sulla sua prima macchina e non hai condiviso il suo primo colloquio di lavoro, quello in cui ha sbagliato tutto ma poi, chissà perché, l’hanno preso. Non sai chi siano i suoi amici di infanzia e non ti interessa niente dei suoi amori morti e sepolti, anzi, se servisse distruggeresti le lapidi a mani nude. Non ti importa se adesso è dopo perché non vuoi il suo amore di prima, il suo essere stato brillante o sfigato, non ti interessa saperlo in disparte a giocarsi miliardi di occasioni (tutti si son giocati miliardi di occasioni,  figurati lui): lo vuoi per come è, con la pancia, i capelli grigi, con le rughe e il russare pesante, con le pessime abitudini da pigro indolente e burbero personaggio, con la sua incostanza e con il suo maledetto ripeterti di essere arrivata tardi. Vai a capir perché poi tu lo voglia.

Ma forse hai ragione tu.

Perché di quasi nulla resterà traccia, dei pensieri, dei ricordi fugaci, dei progetti e desideri, del dubbio, dei sogni, della crudeltà, di tutto ciò che si fa da soli e di cui non si prende nota, delle promesse fatte e non tenute in conto, tutto di dimentica e si estingue, tutto, tranne quel che si coglie nell’istante in cui quel fardello di vita che ti porti dietro diventa, finalmente, vertigine.

In bocca al lupo, baby.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

archetyponmino27PRONTALFREDOxileola.cozzaGEGNOantonioilicorazio_dimauroBinxusperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77Elemento.Scostante
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom