Community
 
lascrivana
   
Creato da lascrivana il 19/09/2010
poesie prose e testi di L@ur@

Un passo indietro per farne uno avanti.

Per chi volesse leggere la storia"Un passo indietro per farne uno avanti" sin dalle prime pagine;basta cliccare sui link.

post. 1post. 2post.3post.4post.5post.6post.7

post. 8post.9post.10post.11post.12post.13pag.14

post.15post.16post.17 ...post.18 ...post.19 ...post.20 ...post.21

 

 

Un passo indietro per farne uno avanti.

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

- inpuntadipensiero
- trampolinotonante
- &quot;PSICOLOGO NATO&quot;
- Le mie emozioni
- I colori dellanima
- una via per tornare.
- Lady_Juliette
- loro:il mio mondo
- f&auml;nrir
- poesiaeparole
- Imperatore Ghiaccio
- antropoetico
- Fantasy
- Fili di seta sonora
- P o e t i c a
- Mariposa Narrador
- Fading of the day
- ..Frammenti di me..
- Mr.K torna...forse..
- Lollapalooza
- sottilMente
- confronti indiretti
- pensiero
- Nymphea.Seductive
- La vita
- miodiario
- OSTERIA..
- NON E UN BLOG
- SONO UN IN-COSCIENTE
- S_CAROGNE
- dino secondo barili
- Fuori dal cuore
- il paradiso perduto
- BISOGNO ANCHE DI
- La riva dei pensieri
- consapevolezza
- Cercoilcoraggio
- GENT DE NUM
- Navigando lentamente
- conoscenza
- stradanelbosco
- ALTRE VITE
- Schema Libero
- Black Snake
- delirio
- immagini
- Il Gioco del Mondo
- The Pretender
- A MENTE FREDDA
- SCARTOFFIE
- Lux Nigra
- Esistenza
- un giorno per caso
- emozioni in una foto
- libero pensiero
- parlodime
- putpurr&igrave;
- Diario di bordo
- MUSICAEPOESIA
- COGLI LATTIMO...
- il cobra
- The Seventeenth Day
- Eloquenzadelsilenzio
- AlfaZulu
- Miele.speziato
- SiAmo ?
- Mondo Parallelo
- ezio brugali blog
- moralibert&agrave;
- GRYLLO 73
- sogni nel cassetto
- SOSOLOESSEREBUONA
- acido.acida
- rosheen
- pensieri e capricci
- La Vita... Per...
- IRaccontiDelCuscino
- Development
- Anima.Sine.Requie
- Isobel Gowdie
- nella terra di Elron
- Noir Napoletano
- AL k5III
- Quello che ...
- La via dei Canti
- storie passate
- di tutto un p&ograve;
- il paradiso
- Nuvole di scrittura
- chiacchierando
- Liberi e giusti
- Paolo Proietti
- Sogni digitali
- sous le ciel de ...
- TRA FEDE E REALTA
- Scrivere? Mah...
- Sciarconazzi
 
Citazioni nei Blog Amici: 113
 

Ultime visite al Blog

DJ_PonhziIsh_tarbrivido21ROSSA.LUNA40psicologiaforensechiedididario66bahktyqmrqwerty2020monellaccio19solitudinesparsamusica_x_telascrivanaluce78_2khenan
 

Ultimi commenti

Intanto, da quel che leggo, quei tempi non mi sembrano così...
Inviato da: Ish_tar
il 23/07/2014 alle 14:23
 
e con esse tutte le sensazioni che porta. (clik)
Inviato da: ROSSA.LUNA40
il 23/07/2014 alle 13:57
 
Buona giornata Laura ^_^
Inviato da: bahkty
il 23/07/2014 alle 12:56
 
Il nostro cuore non conosce le stahioni ma i tempi. Ti...
Inviato da: qmr
il 23/07/2014 alle 12:45
 
Palese dichiarazione di intenti. Attendiamo...
Inviato da: monellaccio19
il 23/07/2014 alle 12:08
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

« Un passo indietro per fa...Un passo indietro per fa... »

Un passo indietro per farne uno avanti:"Le feste nella fattoria Montorsi"continua ...

Post n°306 pubblicato il 07 Gennaio 2012 da lascrivana

Alle prime luci dell’alba eravamo già tutti in piedi!

Ci incappucciavamo per bene prima di uscire fuori,in quanto l’aria al mattino era veramente gelida.

Io i nonni Montorsi e Beppe ,ci recavamo subito al capannone di legno  per accendere il fuoco nella vecchia cucina di ghisa e a preparare  la colazione,prima dell’arrivo del resto della compagnia.

Mettevamo il calderone pieno d’acqua sul focolare a bollire;in modo da averla sempre a disposizione ogni qualvolta ne avevamo bisogno.

Il tutto si svolgeva manualmente con i vecchi sistemi;per cui ogni operazione,anche la più semplice richiedeva più tempo.

All’arrivo dei bambini e del resto degli adulti,la tavola per la colazione era già apparecchiata:crostate di marmellata,fichi al forno ripieni di frutta secca,pane caldo e fragrante e biscotti secchi.

Bricchi d’alluminio pieni di latte appena munto e riscaldato,il caffè poi sprigionava un aroma delizioso diffondendolo per tutta la sala.

Dopo aver fatto colazione;ci mettevamo subito all’opera ,ognuno alle sue mansioni;per ritrovarci poi all’ora di pranzo,di nuovo tutti riuniti.

Intanto che la pasta  cuoceva si faceva antipasto con i sottaceti preparati in autunno.

Peperoni in agro dolce,olive e melanzane in salamoia,fette di prosciutto stagionate e salame;le immancabili torte salate preparate con la pasta di pane e farcite con formaggio,mozzarella verdura e uova;il tutto accompagnato da vino bianco frizzante.

Non si preparavano molte portate a pranzo,in quanto ci si sentiva già sazi con il ricco antipasto;un piatto di pasta o un piatto di legumi era più che sufficiente.

La sera,la cena era più leggera;si preparava una minestrina con verdure fresche,timballi di patate e cavolfiore bollito e condito al piatto.

Ci ritiravamo ognuno nelle nostre case,per riposare, quasi subito dopo cena.

La stanchezza ci coglieva all’improvviso rendendoci fiacchi e con le palpebre appesantite;con grande difficoltà c’infilavamo nei nostri cappotti e sciarpe,per affrontare il gelo notturno;facendo anche una gran fatica a camminare sulla neve.

Una volta aperta la porta di casa;correvo di filato nella mia stanza,lasciandomi cadere pesantemente sul letto.

Beppe,che non mancava mai di darmi il bacio della buonanotte,vedendomi così stanca e assonnata,mi aiutava sempre a sfilarmi gli stivali e a rimboccarmi le coperte con fare protettivo,ricordandomi continuamente che lui mi aveva fatto la promessa di prendersi sempre cura di me.

Malgrado i suoi problemi,era un ragazzino adorabile e meraviglioso … risvegliando in me un istinto materno fino ad allora sconosciuto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

C@nt@storie e L@ur@ hanno il piacere di presentare il racconto: "Insegnami da essere figlia", un viaggio nel tempo che mostra i due lati diversi della medaglia: Mentre nel passato ci troviamo davanti a una donna in grado di gestire una famiglia sin da giovanissima, ma anche molto ingenua e infantile per quanto concerne i rapporti sessuali; nell'ambiente odierno ci troviamo invece a dover affrontare una ragazzina impertinente che già a dieci anni sa tutto sul sesso e a dodici ha già avuto il suo primo rapporto, ma che non capisce un accidenti di come si manda avanti una casa.

 

Colpevole o innocente?