Community
 
iuav.sds
Sito
Foto
   
 
Creato da iuav.sds il 28/03/2006
Questo è uno spazio di discussione gestito dal senato degli studenti IUAV, puoi commentare i messaggi anche senza essere registrato, per inserire nuovi messaggi devi invece effettuare la login, se non sei registrato a libero e non lo vuoi fare puoi usare: USER: stud.iuav PASSWORD: iuav; i messaggi che verrano ritenuti inadeguati, offensivi e/o illeciti verranno rimossi.

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Area personale

 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

riccardo.fenzisa1992racivas85francesca.tosattodanielabuonanno0frfusaroantoninopetronef.degobbichillviamunaro3seppuku12Edilcostrulegnovash_vkroomvalella21
 

Ultimi commenti

siete creativi e giovani under 30 ? partecipate al concorso...
Inviato da: arzanà
il 19/11/2013 alle 16:49
 
Ciao! Io invece sono in attesa delle graduatorie per la...
Inviato da: paola
il 14/09/2010 alle 16:21
 
Ciao, anche io sto cercando informazioni o meglio opinioni...
Inviato da: abc
il 09/09/2010 alle 12:54
 
ciao! sono francesco, un senatore, per scrivere al senato...
Inviato da: francesco
il 02/02/2010 alle 19:31
 
ciao valentina, sono gloria, volevo qualche informazione...
Inviato da: Anonimo
il 27/01/2009 alle 19:21
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Da VENEZIA a... LEEDSImpotrantissimo »

2008: ORA DI CAMBIARE

Post n°17 pubblicato il 24 Ottobre 2008 da stud.iuav
 

Ciao a tutti, vedo purtroppo che lo spazio del blog non è usato...
Speriamo solo che questo sia l'inizio di tutta una lunga serie di interventi.
Non scrivo per fomentare mobilitazioni o critiche indifferenziate, scrivo per esprimere il mio parere di studentessa IUAV.
 Non sono contro ai tagli che si faranno nell'università, i tagli sarebbero necessari se mirati ad eliminare quelle situazioni di favoritismo e nepotismo (vedi l'università truccata di Perrotti Roberto). Purtroppo come avviene in Italia, in tutti i settori, i tagli investono le fascie medio-deboli, perchè a livello dirigenziale nelle facoltà, come nella sanità negli enti locali e ministeriali, i privilegi rimangono.
Cercherò di non divagare tuttavia, perchè il tema caro che mi sta a cuore è il momento (ANNI) di profonda crisi dell'università.
La ricerca, ha le gambe spezzate, le aziende private non investono nella ricerca, se non in maniera limitata;
troppo pochi gli assegni di ricerca, e troppo pochi i ricercatori che  a parità di titoli hanno diritto di accedervi, pochi i bandi per i dottorati di ricerca;
le belle teste intelligenti e capaci che si possono permettere l'inizio di una NON carriera universitaria, sono poche, perchè bisogna poterselo 'permettere'  non perchè non ve ne siano;
pochi i concorsi effettivi per il turnover, che vinceranno sistematicamente 'i figli di', o chi, che  potendo, può garantire 'altri favori';
i titoli per l'accesso ai concorsi non sono valutati da un ente super partes che vi attribuisca preventivamente un punteggio, o dei crediti, è sempre tutto a discrezione della Commissione concorsuale: così  10 articoli su donna moderna (si fa per dire) valgono più di un articolo scientifico che subisce già solo per l'accettazione un iter complesso.
- NON ESISTE UNA MERITOCRAZIA OGGETTIVA!!!-
I problemi sono tanti e tanti altri, dal fallimento del 3+2, all'organizzazione formativa, ai docenti poco preparati o svogliati (a volte per forza di cose) che insegnano...e ancora...
 Tuttavia è inutile uno spirito dissacratore fine a se stesso.
Ed è inutile protestare contro uno dei tanti decreti, Gelmini è solo l'ultimo, perchè è riduttivo.
Bisogna credere in una protesta più ampia, PRETENDERE una RIFORMA trasversale che investa tutti i settori della cultura e della RI-CER-CA, e in particolare l'ORDINAMENTO E L'ACCESSO UNIVERSITARIO.
Io porterò avanti la mia riforma sul web, ma non sarò assolutamente partecipe e concorde con quanti protesteranno per saltare la lezione, o per manie di grandezza o cameratismo, o per cercare di opporsi in maniera decostruttiva alle scelte di Governo.

Studiare è un diritto, ma in Italia purtroppo rischia di diventare un privilegio di pochi.
Non dobbiamo chiedere il ritiro del decreto in questione, dobbiamo chiedere una vera e propria RIFORMA UNIVERSITARIA che come in una conferenza dei servizi (istituto del procedimento amministrativo) tenga conto e FACCIA DIALOGARE  tutte le parti in causa, con rappresentanti delle università, dal corpo docenti agli studenti, ricercatori, precari dell'università.

Spero tanto che in questo blog intervengano anche docenti e ricercatori oltre che studenti, e spero proprio che il dibattito si faccia vivo.
A presto.

HO CREATO QUESTO FORUM PER DISCUTERE CON TUTTA ITALIA, FORZA DITE LA VOSTRA!
LA SVOLTA

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog