Creato da sorryso71 il 05/03/2008

numero primo

un passo verso l'altro...senza mai toccarsi veramente.

 

PER TE CHE PASSI

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

 

ho perso le parole?

Post n°177 pubblicato il 19 Giugno 2009 da sorryso71

Non ho perso le parole, no... scrivo meno, ho poco tempo, poco tempo per le cose che mi piaciono, poco tempo persino per le persone che amo...

Tipo che adesso ho l'acqua in pentola che bolle e invece di calare la pasta, sto qui a scrivere.

Non mi piace affatto non avere tempo, perché le parole poi rimangono strozzate dentro.

Un abbraccio ai miei amici virtuali.

 
 
 

strazio

Post n°176 pubblicato il 10 Aprile 2009 da sorryso71
Foto di sorryso71

straziante....

Qualcuno con nome musulmano sul sito tg5siamonoi di facebook ha fatto una domanda:

perché se lo stato è laico i funerali devono essere in forma cattolica?

Polemiche... polemiche assurde... ma si sa come dico spesso: la mamma degli imbecilli è sempre incinta....

E che dire dei fanatici che esultano: la punizione di Allah per gli infedeli...

O quelli che volevano il papa ai funerali... con tutto l'impegno delle forze dell'ordine in questo momento mancava solo il papa da proteggere...

Le mie preghiere giungano al Signore affinché accolga nella sua misericordia tutte le vittime di questa tragedia imane. Riposate in Pace.

Vorrei tanto potere fare di più... tanto di più...

 

 
 
 

giorno di grande dolore

Post n°175 pubblicato il 10 Aprile 2009 da sorryso71
Foto di sorryso71

foto tratta da tgcom.

Il mio cuore, e il mio silenzio sono con voi abruzzesi

 
 
 

una lunga assenza

Post n°174 pubblicato il 09 Aprile 2009 da sorryso71
Foto di sorryso71

si una lunga assenza... un po' colpa di facebook , e un po' gli eventi, e la scarsa voglia di aggiornare questo blog.

E poi quando si presenta una bella giornata, si esce... Quando invece ci sono le notizie come quelle dei giorni passati  io sto incollata a sky tg 24, e ad ogni tg.

La gioia quando ritrovavano una persona viva, e lo sconforto per chi non c'è più

Tanti ragazzi, tanti giovani...

Ma una cosa mi conforta: che l'Italia è un paese straordinario: campioni del mondo di solidarietà. E' un popolo fantastico, davvero.

Oggi hanno ritrovato anche il bimbo che era sparito a pochi chilometri da qui, e questa è davvero una gran bella notizia. Lo ha ritrovato un nostro amico a quattro zampe.

Ora ritorno alle mie facende. Un abbraccio a tutti i miei amici virtuali.

 

 
 
 

aspettando...

Post n°173 pubblicato il 07 Marzo 2009 da sorryso71

La mattina, poco prima di aprire le imposte, chiudo gli occhi, e immagino di scostare il legno pesante e di venire accarezzata da mille raggi di sole, poi mi metto a sperare che aprendo gli occhi sia come lo avevo immaginato... invece...Solite nuvole grigie, pesanti e cupe, sul tetto del teatro accanto l'acqua scivola, i muri dei palazzi hanno lo stesso colore grigio sporco... nessun colore raggiante. Niente di buono

Poi mi trascino nella  zona giorno, accendo la tv per sentire se oggi daranno almeno una buona notizia: un rituale quello del tg delle 8.00. Niente di quanto avessi potuto sperare: mercati al collasso, le banche britanniche nazionalizzate, persone che perdono il lavoro, stupri e misteri... Niente di buono
E nel frattempo sono già al secondo caffè... un biscotto, ci vuole un biscotto...

poi direzione telefono: chiamare la mamma. L'hanno dimessa senza avere fatto le chemio: sofferenza epatica... niente chemio? e perché? che hanno detto i medici? cosa significa non sanno se è un attacco del linfoma o se l'organo è intossicato da 12 anni di chemio? e dunque?Niente di buono...

Ci sono giorni così che vorresti alzarti e dire ancora prima di aprire le finestre: oggi sarà una buona giornata.

E intanto i falsi, gli ipocriti, i meschini continuano a fingere di vivere nel mondo che volevano...

Beh una cosa fantastica ogni giorno accade: il sorriso di mia figlia davanti agli occhiali a forma di cuore che tanto desiderava, vederla studiare tanto e impegnarsi al massimo... La risata di mio figlio, sonora, tuonante... e la sua felicità per un compito andato bene. Questa è la mia richezza, la mia gioia, la mia speranza...
La felicità.

buon fine settimana a tutti

 
 
 

8 MARZO, FESTA DELLA DONNA ?

Post n°172 pubblicato il 03 Marzo 2009 da sorryso71

Le origini della festa dell'8 Marzo risalgono al lontano 1908, quando, pochi giorni prima di questa data, a New York, le operaie dell'industria tessile Cotton scioperarono per protestare contro le terribili condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero si protrasse per alcuni giorni, finché l'8 marzo il proprietario Mr. Johnson, bloccò tutte le porte della fabbrica per impedire alle operaie di uscire. Allo stabilimento venne appiccato il fuoco e le 129 operaie prigioniere all'interno morirono arse dalle fiamme. Successivamente questa data venne proposta come giornata di lotta internazionale, a favore delle donne, da Rosa Luxemburg, proprio in ricordo della tragedia.

Questo triste accadimento, ha dato il via negli anni immediatamente successivi ad una serie di celebrazioni che i primi tempi erano circoscritte agli Stati Uniti e avevano come unico scopo il ricordo della orribile fine fatta dalle operaie morte nel rogo della fabbrica.

Successivamente, con il diffondersi e il moltiplicarsi delle iniziative, che vedevano come protagonistele rivendicazioni femminili in merito al lavoro e alla condizione sociale, la data dell'8 marzo assunse un'importanza mondiale, diventando, grazie alle associazioni femministe, il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli, ma anche il punto di partenza per il proprio riscatto.

Ai giorni nostri la festa della donna è molto attesa , le associazioni di donne organizzano manifestazioni e convegni sull'argomento, cercando di sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi che pesano ancora oggi sulla condizione della donna, ma è attesa anche dai fiorai che in quel giorno vendono una grande quantità di mazzettini di mimose, divenute il simbolo di questa giornata, a prezzi esorbitanti, e dai ristoratori che vedranno i loro locali affollati, magari non sanno cosa è accaduto l'8 marzo del 1908, ma sanno benissimo che il loro volume di affari trarrà innegabile vantaggio dai festeggiamenti della ricorrenza. Nel corso degli anni, quindi, sebbene non si manchi di festeggiare queste data, è andato in massima parte perduto il vero significato della festa della donna, perché la grande maggioranza delle donne approfitta di questa giornata per uscire da sola con le amiche per concedersi una serata diversa, magari all'insegna della "trasgressione", che può assumere la forma di uno spettacolo di spogliarello maschile, come possiamo leggere sui giornali, che danno grande rilevanza alla cosa, riproponendo per una volta i ruoli invertiti.

Per celebrare la festa della donna, bisogna comportarsi come gli uomini?

tratto da www.italiadonna.it

 
 
 

MA " io ci metto il cuore e tu?"

Post n°170 pubblicato il 24 Febbraio 2009 da sorryso71
Foto di sorryso71

Ucciso nel centro commerciale

Studente di Ingegneria accoltellato

nella folla. Ma nessuno testimonia

Massimiliano Citriniti, 25 anni, di Catanzaro, studente di Ingegneria
all'Unical a Cosenza, e' stato colpito con una coltellata al petto nel
centro commerciale "Le Fornaci" alle sette di ieri sera. Inutile la corsa
in ambulanza, i medici del "Pugliese" non sono riusciti a salvarlo.
In tanti hanno assistito alla rissa, ma nessuno ha collaborato con la Polizia.

 

Tratto da " Calabria Ora"

 
 
 

Diabete, si cura meglio in compagnia

Post n°169 pubblicato il 21 Febbraio 2009 da sorryso71
 


Indagine su 900 malati commissionata da Novartis dimostra il ruolo centrale della famiglia

di Mariapaola Salmi

Il paziente diabetico seguito da una figura di sostegno - il caregiver - sta decisamente meglio. Lo rileva un'indagine GFK Eurisko su 900 diabetici commissionata da Novartis. Il ruolo del caregiver è centrale, di solito si tratta di una donna (moglie, compagna, figlia) molto coinvolta e sensibile sotto il profilo psicologico, preoccupata per il futuro del familiare diabetico, in particolare per le possibili complicanze, per l'eventualità che il paziente debba passare alla terapia insulinica, ma anche per la difficoltà che il diabetico incontra nell'accettare un certo stile di vita.
Viceversa l'87% dei diabetici sostenuti dal caregiver dichiara di sentirsi più soddisfatto del proprio stato di salute fisico e mentale, meno ansioso, dice di riuscire ad accettare meglio la malattia. In effetti, il 76% dei diabetici seguiti da un caregiver non dimentica mai di prendere le pasticche e aderisce meglio alle altre terapie farmacologiche, il 72% segue una dieta controllata che nel 74% dei casi si trasforma nello stile alimentare della famiglia. Tanto il diabetico che il caregiver vedono nel centro diabetologico e nel diabetologo che li segue un punto di riferimento fondamentale nei confronti del quale c'è da parte di entrambi una notevole soddisfazione.
Riguardo le crisi ipoglicemiche cui vanno incontro molti pazienti diabetici nell'arco della giornata, specie se il diabete non è ben controllato, un dato interessante emerge dall'indagine: il caregiver le teme e se ne preoccupa più del paziente stesso.
Eurisko, nell'ambito del forum on line "Pazienti diabetici", ha rivolto alcune domande a 25 donne diabetiche. È emerso l'estremo bisogno di un sostegno psicologico continuativo. I diabetici sono malati cronici, devono seguire per tutta la vita una dieta equilibrata, rischiano di dover ricorrere all'insulina e soprattutto devono convincersi che non guariranno mai. Per sopportare il peso della malattia vanno aiutati a pensare positivamente e motivati per evitare momenti di cedimento e di sconforto.
"Un aiuto arriva dalle nuove terapie combinate, quali Eucreas che in una sola compressa riunisce due principi attivi, vildagliptin e metformina capaci di tenere sotto controlli i valori glicemici, un beneficio importante per un paziente che nella maggior parte dei casi assume fino a sei-otto farmaci per un totale di una dozzina di compresse al giorno", sottolinea Edoardo Mannucci diabetologo dell'Azienda ospedaliera - universitaria Careggi di Firenze. Eucreas è indicato per i pazienti con diabete di tipo 2 che la sola metformina non riesce a controllare, ed è particolarmente efficace sulla glicemia post-prandiale. Sono in fase avanzata studi sull'impiego in fase iniziale della malattia.

tratto da la repubblica salute

 
 
 

L'Attimo Fuggente - La Cultura

Post n°168 pubblicato il 17 Febbraio 2009 da sorryso71

 
 
 

nuova scoperta?

Post n°167 pubblicato il 16 Febbraio 2009 da sorryso71
 

La scoperta potrebbe essere davvero sensazionale: per curare il diabete basterebbe somministrare ai pazienti l'estratto di una pianta africana.
La Vernonia Amygdalina, chiamata in Nigeria Eworo o Etidot, è un arbusto cespuglioso dalle foglie amare, usato dagli scimpanzè per liberarsi dia parassiti e dalla popolazione locale come febbrifugo e stimolante delle funzioni digestive.
Patendo da questa specie vegetale, e realizzandone un estratto, il dott.Loius Obyo Obyo Nelson ha realizzato il nuovo fitofarmaco antidiabete, in collaborazione con l’istituto di ricerca farmaceutica della Nigeria.
Questo rimedio erboristico verrà presto commercializzato ad Abuja, in Nigeria, dopo che il dott.Nelson è riuscito a trovare finanziatori nigeriani e internazionali per la sua nuova medicina naturale, brevettata da lui stesso sei anni fa negli Stati Uniti.
La notizia della prossima introduzione in commercio del nuovo principio curativo è stata data dal quotidiano “This Day”, come riferisce l'agenzia di stampa cattolica Misna.
Lo stesso ministro della Salute nigeriano, Aliyu Idi Hond, si è detto entusiasta della scoperta e ha definito epocale e storica la produzione del nuovo medicinale.
Ma il nuovo ritrovato del dott.Nelson è davvero efficace contro il diabete?
Due studi clinici, che lo hanno sperimentato all'ospedale universitario di Jos, sostengono di sì: dopo averlo somministrato per sei mesi, sotto forma di estratto, a pazienti diabetici, si è registrata una regressione della malattia e le persone non erano più costrette a seguire particolari diete.
Restano necessarie ulteriori ricerche e conferme cliniche per validare l'efficacia dei ritrovati alternativi ed erboristici nella cura del diabete, specie nelle sue forme più gravi.
Tuttavia l'attenzione scientifica internazionale aveva già da tempo indicato nelle piante africane una possibile miniera di principi attivi terapeutici efficaci.
Il nuovo fitofarmaco del dott.Nelson sembra confermare le positive aspettative riposte dai medici nella flora africana.
In attesa di ulteriori conferme all'efficacia di questo prodotto, staremo a vedere se e quando la sua commercializzazione giungerà negli Stati Uniti e in Europa.

 

tratto da:  http://italiasalute.leonardo.it/Copertina.asp?Articolo_ID=9887

 
 
 
Successivi »
 

ADERITE!!!

 
Giveaway of the Day
 
 
site statistics
 

ULTIME VISITE AL BLOG

psicologiaforenseLivioBaruzzoalessia.viola75WIDE_REDstrong_passionbludiprussia2ronnyx750panpanpinogidavanrossmangaAnnarita1963bal_zacIo_piccolo_infinitoorex1945unamamma1
 

ULTIMI COMMENTI