Creato da: sognidoro2 il 02/09/2005
sito letterario, filosofico ma anche di vita e divertimento, nella considerazione seria del carpe diem

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

sognidoro2maxelmeburrelio_enigmistaixtlanncinquantasette1smoothfoxterrierdangyboysolitario7575ghendalf69roberto55acacciatoreditopakingleposeidon_1950
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

I miei commenti su "Il Giornale"

Post n°3 pubblicato il 14 Settembre 2008 da sognidoro2
Foto di sognidoro2

1 -
L'11 settembre sotto silenzio

commento inviato giovedì 11 settembre 2008 - ore 07:00




Il
mio messaggio di speranza, per le famiglie delle povere vittime e per
tutti noi che viviamo nella minaccia e nella precarietà del vivere, è
che l'Umanità trovi finalmente la strada della propria Dignità,
riuscendo ad accettare la Realtà drammatica e vivendo - perciò -
un'esistenza di Amore e di Libertà. Finché questo appello sarà
considerato un'utopia, tutto resterà chiacchiera, banale, normale e
sterile. Grazie dell'attenzione! Regina






 


2 -
Quel sultano che vive da ergastolano

commento inviato domenica 17 agosto 2008 - ore 10:00




Ho
sempre pensato, con enorme tristezza e pietà, ad Osama Bin Laden, il
quale è altrettanto vittima delle sue ricchezze, invece di godersele!
Inoltre, egli deve nascondersi, poiché è - ormai - diventato nemico di
se stesso. Poverino! Che sfortuna l'aver ricevuto una così distorta
educazione! E grazie al Professore Sgarbi che ha voluto regalarci le
sue impressioni sul sultano carcerato, riconfermando la squisitezza del
suo animo fine, e permettendo anche a me di eplicitare questa mia
vecchia sensazione, riguardo ai miliardari infelici.
Saluti da Regina.






 


3 -
Gomorra pallonara

commento inviato lunedì 01 settembre 2008 - ore 07:00




Quanto
è vero!
Credo che,se- uno per uno- questi delinquenti non saranno catturati e
tenuti dentro come si conviene,la violenza,in tutti i campi,aumenterà
vertiginosamente.Già mi domando perché il treno sia partito:le forze
dell'ordine non sono sufficienti contro questo manipolo di fuorilegge?
Mi pare di"rivedere"film già noti,anche se,per fortuna,non vissuti...!
Un po' stiamo anche esagerando con questi sport,prima miniere di
guadagno e,poi(ma molto poi!),gare e divertimento!Già il fatto che un
calciatore(o altri del settore)guadagni in maniera astronomica rispetto
ad un qualsiasi lavoratore la dice lunga su dove siamo arrivati e
riguardo a quanto sia edificante la giustizia...I tifosi non esistono
più,andare allo stadio fa paura! Quando sarà che la gente si svegli e
mandi a casa tutti,magari anche in nome di quegli stessi soldi da
recuperare,per iniziare a costruire,invece che distruggere?Diamo uno
stipendio equo a tutti e vedremo chi lavora per passione e chi
no!Saluti da Regina.






 


4 -
L’UNIVERSITÀ SI CAMBIA COSÌ

commento inviato lunedì 01 settembre 2008 - ore 07:00




Sono
Regina; devo apportare una correzione all'indirizzo del mio blog,
precedentemente fornito (per leggere la lettera aperta indirizzata alla
Ministra Gelmini): tra la parola blog e la parola libero va messo il
punto. Mi scuso per la distrazione. Grazie dell'attenzione! Ciao!






 


5 -
L’UNIVERSITÀ SI CAMBIA COSÌ

commento inviato lunedì 01 settembre 2008 - ore 07:00




Sono
d'accordo col Prof. Battaglia. Comunque, bisogna pensare anche alle
scuole Superiori, medie ed elementari; altrimenti, i bravi saranno
sempre meno. Ho scritto una lettera aperta alla Gelmini che è sul mio
blog di libero: accatitipi duepunti duesleh bloglibero puntoit slech
semiserio slech. E' una lettera forse troppo lunga ma le cose da dire
sono certamente più di quelle che ho prese in considerazione! Mi
piacerebbe sapere che cosa ne pensate. Sbaglio? Perché? Grazie! Se una
delucidazione, infatti, mi viene da una mente così acuta e libera quale
quella del Prof. Battaglia, è per me un grande favore nonché onore.
Buona giornata! Regina.






 


6 -
Ignorate le critiche del Papa
La rana in croce resta al museo


commento inviato venerdì 29 agosto 2008 - ore 09:59




Il
Signor Martin Kippenberger, caro Signor Edoardo, non può rispondere,
semplicemente perché è morto 11 anni fa. Per questo, forse, non
dovremmo offenderlo, soprattutto - ribadisco - se egli non ha avuto
alcuna intenzione di offendere! A volte, la cattiveria, l'acredine,
l'indisponibilità, la malizia sono in noi, piuttosto che negli altri.
Dovremmo osservarci e capirci di più, per comprendere e giudicare il
prossimo. E parlo, prima di tutto, di me stessa! Socrate ci ha
insegnato che non si finisce mai di conoscere se stessi e che la Verità
va cercata insieme, perché l'uomo è troppo limitato per esserne
depositario, in maniera assoluta e definitiva.
Credo che su questo concordiamo tutti. Ciao!






 


7 -
Ignorate le critiche del Papa
La rana in croce resta al museo


commento inviato venerdì 29 agosto 2008 - ore 09:59




Prima
di esprimere un qualsiasi giudizio, occorrerebbe sapere dall'autore
l'intenzione che lo ha spinto a realizzare quell'opera. Se è vero che
ha voluto solo rappresentare se stesso, che cosa c'entrano Cristo e la
religione? Che la croce ci faccia pensare immediatamente a Lui, è
indiscutibile ma che Egli abbia monopolizzato il simbolo (che , invece,
-guarda caso- entra spesso anche nel linguaggio quotidiano, senza che
nessuno gridi all'offesa!) non credo si possa pensare. Perché siamo
sempre così propensi a demonizzare il prossimo? Perché vogliamo vedere
il male anche dove non c'è?
D'altronde, un po' di fiducia non guasta, in questi tempi di guerre e
di malafede! Sarà eccessivo credere all'autore, che si è sentito " un
rospo crocifisso" ed ha voluto esprimerlo nella mainera più semplice
possibile? Se - poi - ha mentito, noi che cosa possiamo farci? L'azione
è di chi la fa, non di chi la riceve! Un vero sentimento religioso non
viene scalfito tanto facilmente! Grazie!Regina.






 


8 -
Il custode resta al suo posto alla faccia dei falsi buonisti

commento inviato venerdì 29 agosto 2008 - ore 07:00




Sono
davvero contenta!
"Ognuno si veste come vuole" ha risposto il Sindaco Cacciari, riguardo
al niqab bandito a Ca' Rezzonico.
Vorrei domandargli, a questo punto, a che cosa serve la carta di
identità e perché qualche volta è proibito camuffarsi e qualche altra
no, per motivi di sicurezza. Inoltre, se è vero che c'è un limite a
tutto, perché non ci deve essere nel vestire? Il nascondersi - a mio
avviso - non può essere considerato un abito come un altro!
Grazie dell'attenzione e cordiali saluti.
Regina.






 


9 -
Uno scivolone in casa:
è morto mister Brivido


commento inviato venerdì 29 agosto 2008 - ore 09:23




Bellissimo
articolo! Ma, c'è da aggiungere, se, invece di affannarsi a ricercare
tutte quelle imprese pericolose, vivessimo un po' meglio i semplici e
complicati momenti quotidiani, con entusiasmo e passione, mettendoci
una buona dose di Amore per il prossimo?Che dite? Sarebbe utopistico o
talmente appagante che, con una bella coscienza tranquilla, potremmo
fare invidia a Tempo e Destino, costretti (poveri loro!) a farsi beffe
dei mortali, per sopravvivere? Certo, è questione di personalità e,
forse, di fortuna, per essersela formata, grazie ad un'educazione non
troppo malvagia. Un bacio a tutti, due a quanti hanno avuto la pazienza
di leggermi!
Buona giornata! Regina.






 


10 -
Ma io sto dalla sua parte

commento inviato martedì 22 luglio 2008 - ore 08:56




Una
persona di spirito, una persona elastica, non prende tutto alla
lettera! Le metafore non vanno assolutamente analizzate ai raggi X
(altrimenti, un ateo, per es. dovrebbe pretendere di eliminare il
"Signore" da ogni scritto, senza alcuna considerazione del contesto!).
Mameli ha voluto, in un impeto di poetico furore, attraverso immagini
flash, inevitabilmente parziali, solo lasciare intuire, il desiderio
forte ottocentesco di Libertà, di Pace, di Amore e di Unione! Forse è
quest'ultimo aspetto che dà fastidio a Bossi?
Con affetto.
Regina






 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

QUESTA SCUOLA ITALIANA!

Post n°2 pubblicato il 17 Luglio 2008 da sognidoro2


LETTERA APERTA ALLA MINISTRA DELLA P.I.
Sig.ra Maria Stella GELMINI

Cara Ministra,
a chi non  fa piacere che, ancora una volta,  qualcuno si preoccupi dello stato di salute della Scuola? Io penso, infatti, che  essa, intesa come fucina di Cultura e di Educazione, è la struttura di cui più abbiamo bisogno, oggi, accanto ad una riformulazione delle carceri e di un attento controllo del rispetto delle leggi.
Da insegnante, poi, le sono particolarmente grata, perché si è accorta che i nostri salari, rispetto a quelli degli altri professionisti e, addirittura, degli stessi colleghi europei, sono veramente ridicoli.
Io sono un’insegnante di ruolo da più di 35 anni, ed ho avuto modo di osservare la Scuola per parecchio tempo, dalle elementari alle Superiori; ne ho conosciuto norme, riforme, emendamenti, ma anche allievi, colleghi, presidi, ispettori; ho ascoltato pareri di studenti e genitori; ho parlato sia con gente semplice e comune sia con luminari, ossia con pedagogisti, filosofi, psicologi, sociologi ed altri professori. Ho scritto, qualche volta, al Presidente della Repubblica o a qualche Ministro, per esporre le mie lamentele ma, soprattutto, per far sentire una voce “dal basso”; non è mai arrivata una risposta ma sono sicura che qualche riflessione sia stata fatta, poiché le questioni sono sempre le stesse: come migliorare la Scuola italiana? Perché gli alunni sono così poco ferrati, in quasi tutte le discipline? Che cosa fare, insomma, per garantire serietà e cultura?
Apprezzo i suoi propositi ( più merito, valutazioni più serie, maggiori gratificazioni ai docenti) ma temo che anch’essi non risolveranno il problema.
Abbiamo trascorso decenni di lassismo, dove la Scuola, invece di qualificarsi ed attirare a sé  i volenterosi, si è declassata, adeguandosi ad una realtà sempre più decadente e priva di consistenza, civile e morale. Chi avesse voluto mantenere all’Istituzione il prestigio della serietà era messo da parte, deriso come uno che, arretrato, non sa aggiornarsi, ed accusato di non amare i ragazzi, di non conoscerli, di non essere disponibile. Per decenni, si è scambiato il buonismo, il lasciar fare per modernità e la giustizia per razzismo e selezione; per decenni, si sono trovati rimedi, ogni volta, peggiori dei mali. Ho conosciuto insegnanti e dirigenti particolarmente bravi ad inventarsi soluzioni complicate, apparentemente salutari che racchiudevano tanto veleno, nella coda, il quale  – a lungo andare- ha intossicato il sistema, ed essi stessi hanno dovuto riconoscere il fallimento delle loro iniziative che, spesso, però, continuano a star in piedi, mietendo altre vittime!
Io credo, purtroppo, che la Scuola italiana abbia bisogno – ormai -  di coraggiosi eroi che sappiano compiere una vera Rivoluzione. Credo anche che di questa parola si sia abusato parecchio: ogni volta che qualcuno ha in mente una stramberia, che reputa la panacea di tutti i mali, si parla, infatti, di rivoluzione; e si finisce, in verità, per rivoluzionare ma nel senso che, poi, della Scuola si perdono i connotati, nessuno capisce più nulla e ci si dimentica perfino che cosa essa sia.
Io credo che la Scuola sia un luogo di formazione, dove – appunto – attraverso le materie, si indirizzi l’alunno alla scoperta del proprio essere, dei propri bisogni interiori, affinché, grazie all’amore ed alla ricerca continua della conoscenza, possa rendersi conto delle proprie attitudini e capacità e possa sviluppare quelle personali competenze che lo aiutino a realizzare il pieno benessere. Ecco: io penso che la Scuola debba cercare di costruire, insieme ad ogni suo allievo, la di lui felicità che non deriva, come sappiamo, dal profitto materiale o ricchezza ma dalla coscienza di aver operato con giustizia ed equità. E ciò già contrasta con un’Istituzione che, oggi, pensa di doversi interessare di tutto: vogliamo diventare assistenti sociali, vogliamo supplire alle famiglie, vogliamo essere quasi datori di lavoro, aziende che sfornino ragionieri, maestri, geometri, non semplicemente Uomini che, con alcuni mezzi, possano cominciare ad affrontare il mondo del lavoro che, nella sua realtà, è ben più variegato e complesso di quello immaginato a scuola ma che ha bisogno, per essere ben dominato, diretto e vissuto, solamente di buone teste e di persone oneste!
Le sembra, Signora Ministra, che nelle Scuole d’Italia si dia questo esempio di rettitudine, giustizia, coerenza, chiarezza; in una parola, di Verità? Io non lo credo! E non certo per la malafede degli insegnanti o dei dirigenti. La matassa è talmente imbrogliata che sarebbe arrivato il momento di tagliarne i fili: è questa la Rivoluzione di cui parlavo prima! Occorre avere il coraggio di tornare veramente indietro, dimenticando tutti gli ingorghi ed i compromessi che si sono creati, strada facendo, per ridare alla Scuola il suo reale fine ed il suo ruolo: quello di educare, servendosi delle diverse materie di studio. Ma come agire, praticamente? Da questo lungo discorso si deduce che, essendo la questione molto intricata, non si possa partire dalle Scuole Superiori, la fine del percorso, ma che si debba cominciare dall’inizio, ossia dalle Scuole Elementari. Si dice che esse vadano bene, che godano di ottima salute. Perché? Certo, vi si praticano tante belle attività, ma si rimanda al futuro la reale valutazione dell’alunno, con mille scusanti, per chi non ha appreso (e sono tanti!) di ordine pseudo-sociologico e pseudo-psicologico; così, la maggioranza arriva alle Scuole Medie con pesanti lacune; parecchi non sanno scrivere nè leggere nè far di conto. Ed i poveri professori (che tali sono, in senso proprio e figurato!) cercano di arrabattarsi, con un programma che hanno anche da svolgere e con una miriade di altre attività, molto interessanti ( per carità!) ma ovviamente non opportune, in una Scuola che dovrebbe, innanzitutto, svolgere il suo compito primario. L’ansioso sforzo consiste nell’alternare arrabbiature e rifiuto a svolgere compiti da Scuola Elementare,  con rassegnazione e speranza di riuscirci, negli striminziti tre anni a disposizione. E’ logico che, un po’ per il fallimento dovuto all’impossibilità di recuperare una base sconnessa ( mentre si dovrebbe fare altro ), un po’ per l’avvilimento di giugno, derivante dal come, poi, si gestiscono le cose per mostrare risultati accettabili, parecchi professori finiscono con l’adeguarsi all’andazzo e col pensare, ciò facendo, di aver addirittura operato benissimo! Ed ecco gli allievi giungere alle Superiori, coi loro bellissimi giudizi: “distinto”, “ottimo”, ma anche con “sufficiente”, che dovrebbe significare sufficiente; invece – guarda caso – gli alunni con tale valutazione sono asini, con tutto il rispetto per la loro Umanità che non c’entra nulla col giudizio attribuito al profitto scolastico (eppure, molti – anche fra gli insegnanti – non lo vogliono capire!). E i “distinti”? Gli “ottimi”? Forse sanno leggere e scrivere e sono disponibili a stare attenti, in classe. E’ vero che – fra loro – ci sono ragazzi studiosi e preparati ma – in media – sono uno per classe! Una volta arrivati qui, però, si possono mettere in grado di recuperare le lacune accumulate alle Medie ed alle Elementari?  Si possono promuovere, alla fine dell’anno, tre o quattro alunni per classe? Si possono penalizzare gli allievi, ai quali si è fatto credere che erano bravi? Si possono tradire le famiglie, alle quali si è detto sempre che  il loro figlio era all’altezza della classe frequentata? Non solo, a mio avviso, non si può nulla di tutto questo ma – in più – i ragazzi hanno cominciato a capire che, nonostante gravi mancanze, si va avanti facilmente; certe volte, hanno completamente abbandonato una o due materie ( perfino di indirizzo!), sapendo che tanto, alla fine, ce l’avrebbero fatta ugualmente. E così, spesso, è stato, con danno incalcolabile, sia formativo sia morale, riguardante non solo loro stessi ma anche l’esempio che hanno dato agli altri che hanno preso a comportarsi similmente. E menomale che i veri “bravi”, la maggior parte delle volte, sono abbastanza convinti di studiare per la loro formazione e non solo per il voto! Ed ora che arriva il rimedio (“basta con i debiti irrisolti!”, per esempio) come si fa? E’ logico: i professori o il Preside devono vedere che cosa inventarsi, per aggirare l’ostacolo: allora, vengono fuori Corsi di Recupero, prove di settembre che, se non sono superate, si ripeteranno a marzo, a maggio, poi a settembre dell’anno seguente ed, ancora, a marzo…, nell’attesa che si possa compiere il miracolo; il ragazzo, infatti, frequenta la quinta, per esempio, e deve recuperare ancora il debito di terza classe; ma non ci riesce, perché ha sempre avuto forti lacune, ha continuato a non studiare, e dovrebbe anche studiare per l’anno in corso! Ma egli sa che i professori non possono bocciare tutti e bocciarli ad oltranza; sa che, quindi, è il professore a farsi carico di un espediente che lo cavi d’impaccio! E, spesso, così succede!
E sarà così anche per i nuovi “esami di riparazione”: troppi ragazzi sono rimasti “sospesi” per troppe materie non studiate! Per settembre, se non supereranno l’esame, saranno tutti bocciati? Non credo! Sarà piuttosto facilitata la prova o arrotondato il voto, sebbene – il più delle volte - difficile da arrotondare! Considero i Corsi di Recupero e gli esamini finali, più che inutili, dannosi, per gli alunni che, con notevoli lacune pregresse e continuando ad ignorare l’importanza dello studio personale, costante e serio, credono o fingono di credere che la frequenza dei Corsi possa diventare la bacchetta magica o, comunque, una buona scusa per essere “aiutati” o, addirittura, per strappare un’immeritata promozione.
Propongo, quindi, cara Ministra, che l’anno scolastico cominci ad OTTOBRE e che in settembre si svolgano solamente gli esami, dopo che gli allievi abbiano diligentemente studiato durante l’estate, con adeguato impegno personale, le materie tralasciate nell’anno scolastico; propongo, inoltre (e so di essere impopolare), che sia obbligatoria la frequenza delle scuole elementare e media inferiore ma che si esca da queste come si usciva una volta, ossia veramente preparati; il che, senza falsi giri di parole, si traduce nell’incoraggiamento a bocciare, non a promuovere (per amore e non per infierire!), chi non raggiunge gli obiettivi fissati anno per anno. Perché, infatti, in tutti gli altri settori (sport, apprendimento lavorativo, studi privati di informatica, di lingue, ecc.) si fa così? Perché i ragazzi stessi non si lamentano di sopportare allenamenti e selezioni? Perché sanno che imparare veramente significa impegno, applicazione, sacrificio, accettazione dell’insuccesso, nonché avere tempo  per riprovarci; se continueremo a dir loro che lo studio scolastico è facile, ne dedurranno – come già hanno fatto ( forse perché lo credono gli adulti) - che esso non serve a nulla. Non è facile, lo so, ammettere – ora – che abbiamo sbagliato e che dobbiamo tornare indietro. Ma questa è, ormai,  l’unica strada per la salvezza.
Tantissime altre questioni sarebbero da risolvere nel sistema scolastico ma credo che l’ urgente sia quella di preoccuparsi di uno studio serio.
Un’altra cosa incomprensibile, per esempio,  è l’esame di stato: se diciamo, infatti, per cinque anni, che non è possibile valutare un allievo con una sola prova, pretendiamo, poi, che all’esame egli si giochi tutto quello che ha costruito: è vero che c’è il credito scolastico ma, se gli capita di sbagliare una prova, non potrà più avere quel voto massimo che avrebbe meritato. Se, invece, si vuole continuare a premiarlo, conoscendolo, automaticamente l’esame diventa una beffa; allora, non sarebbe più onesto essere inflessibili con le valutazioni, di anno in anno, e concludere il ciclo di studi coi propri professori, giusti e severi?  
Un altro sconcio? Quella dichiarazione fatta sottoscrivere ai docenti, sempre agli Esami, di non essere parenti dei candidati e di non aver loro impartito lezioni private; insomma, il conflitto di interessi. A mio avviso, essa, oltre ad essere ridicola e, talvolta, inconsapevolmente mendace (perché – arrivato in una scuola – il professore non può essere certo che nessuno dei candidati si trovi nella situazione suddetta: occorrerebbe verificarlo con scrupolo!), è, soprattutto, offensiva per l’insegnante. Io, infatti, potrei avere in classe mio figlio ( e – altra ingiustizia - rivendico il diritto di averlo!); sono sicurissima di non riservargli un trattamento diverso dagli altri ragazzi, non solo per un fatto educativo, ossia per l’esempio che si deve agli allievi di equità ed uguaglianza di cui tanto si predica continuamente, a scuola, ma anche per l’amore stesso che nutro per mio figlio e per tutti i figli che domani formeranno la società: è per amore che bisogna fermare un ragazzo che non ha appreso, che si deve invitarlo a studiare meglio, che gli si deve dire quella verità che da tempo è sparita proprio dalla scuola; gli alunni, insomma, non devono essere ingannati ma possono e vogliono amorevolmente e fermamente capire che cosa è bene per loro! Insomma, come si può credere che proprio un educatore non sappia che Amore, Giustizia e Verità sono le tre facce inseparabili di quel tetraedro che ha per base la Parola, quel mezzo così delicato ed insostituibile per spiegare e per capire?
La lettera è lunga, lo so, ma è l'unico modo per spiegare abbastanza bene ciò che penso. E, siccome so che questo è quello che crede la maggioranza dei professori e dei maestri, invito chiunque la pensi come me a sottoscrivere le mie richieste alla Sig.ra Ministra, sperando che si abbia la pazienza di leggere un testo così elaborato! Tuttavia, a mio avviso, esso resta la sintesi di quanto si dovrebbe dire sulla Scuola! Inoltre, tutti sappiamo e spero crediamo nel motto che recita: "Presto e bene raro avviene".
Grazie di cuore!
              Regina.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SALVE! Benvenuti nel mio blog!

Post n°1 pubblicato il 15 Luglio 2008 da sognidoro2

Spero  non dia fastidio a nessuno, poiché sono alquanto anticonformista e, quindi, metto quasi sempre in discussione tutto ciò che ai più sembra normale. Cerco il sostegno di coloro che la pensano come me, per rimetterci in gioco, per riconoscere - con paziente scambio di opinioni e, soprattutto, con argomentazioni valide - nuovi aspetti del Vero. Politicamente, non mi rappresenta nè la Sinistra nè la Destra: sono un'eclettica e, quindi, desiderosa di raccogliere il Buono ovunque sia. Chissà che un giorno possiamo, insieme, ritrovare la strada della calma e della Giustizia, fondando - magari - il partito della Cultura, dove si dia valore non al solo Denaro ma, soprattutto, al recupero dell'Umanità, della Pace e dell'Amore.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso