Creato da swala_simba il 20/09/2008

nel tempo...

E sarà sempre un nuovo gioco per tenere acceso il fuoco nel lungo tempo da venire, piccole pietre da trasportare e da seguire per ritornare.. (finardi)

 

 

e ho imparato che le porte si possono anche socchiudere....

Post n°1212 pubblicato il 20 Settembre 2016 da swala_simba

 

Un giorno Saramago scrisse nel suo Quaderno un post titolato Commiato:

Dice il ritornello che non c’è bene che duri per sempre né male che perseveri, e questo calza a pennello con il lavoro di scrittura che finisce qui e in chi lo ha prodotto. Qualcosa di buono si troverà in questi testi, e a loro, senza vanità, rendo omaggio, qualcosa di male avrò fatto in altri e per questo difetto chiedo scusa, ma solo per non averlo fatto meglio, perché diversi, mi si perdoni, non potevano essere. Il commiato è sempre stato meglio che fosse breve. Questa non è un’aria d’opera in cui inserire adesso un interminabile adio, adio. Addio, quindi. A presto? Sinceramente non credo. Ho cominciato un altro libro e voglio dedicargli tutto il mio tempoNel frattempo avrete lì “Caino”...


 

Ecco, senza voler mancare di rispetto al Maestro e senza voler minimamente avvicinare i miei poveri scritti ai suoi, mi sento vicina a questo commiato.

Tempo fa, avevo dismesso il blog perché ero convinta di aver chiuso con quella parte della mia vita che mi ha visto percorrere l’italico suolo.
Ma poi circostanze non previste mi hanno riportata in questa mia prima patria a completare lavori e percorsi che solo in apparenza erano conclusi.

E ora ci siamo. Tutto è stato completato. Tutto è stato concluso.

Tuttavia questa volta non voglio essere drastica, perché mi siete cari, perchè mi siete mancati e perché mi è dolce ritornare, quando sarà possibile, su queste pagine...

E, quindi, prendo ancora a prestito la chiusa del Maestro:

P.S: – Pensandoci meglio, non è necessario essere così radicali. Se qualche volta dovessi sentire la necessità dì commentare o esprimere la mia opinione su qualcosa, verrò a bussare alla porta del Quaderno, che è il luogo in cui più liberamente mi potrò esprimere.

 

Un abbraccio

 
 
 
Successivi »