Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Ultime visite al Blog

gigliodamoresagredo58Lutero_PaganopsicologiaforensewoodenshiplascrivanaRegina_cretinag1b9topobimbo.66arw3n63OssimoroTossic0neste53Narcyssemeninasallospecchio
 

Ultimi commenti

Io? ... Non ti sei riconosciuto?
Inviato da: sagredo58
il 25/09/2016 alle 01:02
 
Quel che si dice un approccio pragmatico
Inviato da: sagredo58
il 25/09/2016 alle 01:01
 
Volendo ma ci sono punti migliori:-)
Inviato da: sagredo58
il 25/09/2016 alle 00:59
 
Però ci fai il bagno :-)
Inviato da: sagredo58
il 25/09/2016 alle 00:58
 
Lo sapevo che prima o poi avresti tirato fuori di nuovo il...
Inviato da: Lutero_Pagano
il 24/09/2016 alle 22:07
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 87
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 

Pillola - Ridere del Sacro 3

Post n°6944 pubblicato il 24 Settembre 2016 da sagredo58
 

 

LUI

No, il problema è un altro ...

Un giorno a Dio è arrivato per posta un quiz formulato da un uomo rompicoglioni:

parlava di un frigorifero acceso, perfettamente funzionante,

con lo sportello aperto, in una stanza termicamente isolata.

 

Sarà pure una potenza Dio ma non è riuscito a risolvere il quiz,

Subito ha creato la stanza con il frigorifero dentro, poi ci si è chiuso a studiare ...

Così nella stanza il calore si è continuato ad accumulare,

innalzando la temperatura

 

Fino a trasformare quella stanza nell'inferno,

che quindi è endotermico,

dando ragione a quella donna che ti disse:

Farà freddo all'inferno prima che io faccia sesso con te!

 

Per questo Dio alla fine ha creato i climatizzatori,

perché il frigo è ancora lì, con Dio,

acceso, con lo sportello aperto,

in quella stanza diventata un inferno!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Guardarsela?

Post n°6943 pubblicato il 24 Settembre 2016 da sagredo58
 

Ci sono parole che, dicono ...

sia meglio non scrivere,

ma che cambia anche facendone a meno?

 

 

 

Guardarsela è conoscersi,

lo dicevano già le femministe negli anni ''70.

Gli ho sempre dato ragione!

 

Che le donne ancora non se la guardino m'appare incredibile,

specchi e, oggi, soprattutto macchine digitali,

sono in grado d'insegnare tante cose.

 

Lo consiglierei a tutte: fotografatevela e guardatevela.

Che poi non abbiate voglia di inviarmi la foto …

ci può pure stare ma è un vero peccato.

 

Qual è l’utilità di guardarsela? Mi chiede sulla difensiva una donna,

Aggiunge: Penso sia più importante conoscerla a livello sensoriale,

arrivare a conoscere le proprie emozioni ... o no?

 

Le rispondo: Scommetto che prima di uscire ti guardi sempre allo specchio, a che ti serve?

Evidentemente t’interessa percepire come ti vede l’altro.

E' lostesso, vedersela per capire come la guarda l'uomo che sta per leccartela.

 

Personalmente lamento la mancanza di un paio d'occhi …

messi là, sulla punta dell'infilante,

sarebbe intrigante vedere la manovra d'avvicinamento.

 

Mi piace guardarla,

nella sua complicata carnosità, perfino atteggiarla,

muovendo e disponendo le sue stesse mobili carnosità.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Tradizionale o Esterno?

Post n°6942 pubblicato il 23 Settembre 2016 da sagredo58
 

Quello tradizionale,

lo conosco da quando avevo 20 anni,

al maschile non da poi molti ritorni.

 

Quello esterno, da usare estemporaneamente, di grande efficacia,

mi sono pentito ...

di averlo conosciuto solo da pochi anni.

 

Una deprecabile disattenzione,

avrei dovuto comprarlo molto prima,

lo raccomando caldamente a tutti.

 

E voi, quale preferite?

Tradizionale?

Esterno?

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Morgana ...

Post n°6941 pubblicato il 23 Settembre 2016 da sagredo58
 

C'era una volta Morgana,

la figlia del capo della tribù degli uomini blui,

gli uomini che vivevano del deserto di dune arancioni ...

Un'altra figlia, Clelia, da bambina aveva problemi ad addormentarsi.

Sino ai nove anni, tutte le sere,

Le raccontavo una favola diversa per farla addormentare.



Non ho pescato tra le favole tradizionali,

piuttosto ho inventato nuove storie, serie di storie,

che condividevano nuovi personaggi ed ambientazioni.

 

Una delle serie di favole più belle,

raccontava le vicende di una ragazza,

Morgana, la figlia del capo degli uomini blu ...

 

I tuareg, nel deserto del Sahara,

nel Magreb, in Africa.

In queste favole ci ho messo dentro di tutto.

 

Ho ripescato l'avventura di Emilio Salgari,

che ho iniziato a leggere forsennatamente alle elementari,

tanto che in terza media l'avevo praticamente esaurito.

 

Ho cominciato dai Caraibili, in cui veleggioava il Corsaro Nero,

passando per la giungla nera dell'India, in cui Tremal-Naik lottava contro i Thug

per finire nella Malesia delle scorribande di Sandokan e Yanez.

 

Ci ho miscelato l'esotismo di Corto Maltese, di Hugo Pratt,

che ho conosciuto sul corriere dei piccoli,

all'incirca nello stesso periodo in cui leggevo Salgari.

 

Ci ho aggiunto un pizzico di Lawrence d'Arabia,

che tanto mi colpì nel film kolossal del 1962,

con un indimenticabile Peter O'Toole.

 

Ho ricordato le ambientazioni nel deserto di un altro fillm del 1970,

diretto da Werner Herzog, guarda caso intitolato Fata Morgana,

riferendosi all'effetto ottico del miraggio quando l'aria sopra la sabbia si surriscalda.

 

Perfino qualcosa di un ultimo film del 1990,

ancora una volta ambientato nel deserto,

Il Thè nel deserto, di Bernardo Bertolucci.

 

Del resto nei deserti ho iniziato a peregrinare dal 1978,

nel sud della Spagna, nell'entroterra di Almeria, nel deserto di Tabernas,

quello dei film western di Sergio Leone della mia infanzia

 

Ho continuato poi in Africa, dal 1988, camminando sulle dune sconfinate,

dilaganti tra Senegal e Mauritania, Tunisia e Marocco,

ancora, dal 1990 al 2004 in Egitto, dal roccioso Sinai al sabbioso confine col Sudan.



Da tutto questo cocktail di cose,

lette, viste e, fortunatamente, anche fatte,

sono uscite favole che ho nel cuore.


Non ho mai provato a trascriverle,

non lo farò oggi,

sarebbero solo l'eco di un'epoca andata.



Un abbraccio a mia figlia Clelia,

che ha ascoltato divertita queste favole.

Un abbraccio anche a Morgana che queste storie ha vissuto. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Mai pensato ...

Post n°6940 pubblicato il 23 Settembre 2016 da sagredo58
 

Non avrei mai pensato di essere portato a fare il papà, prima d'esserlo.

Ho scelto d'esser padre come atto d'amore verso una donna che amavo.

Sono diventato padre perchè travolto dall'amore per mia figlia

 

Oggi, passati di 10 anni,

da quando, con quella donna divenuta madre, ci siamo lasciati, 

ancora le riconosco di avermi fatto fare:

 

la cosa più importante della mia vita,

quella a me più aliena.

Solo oggi ho scoperto d'averlo (finora) fatto bene.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pansessualità – Esempi Animali, Mammiferi e Uccelli

Post n°6939 pubblicato il 23 Settembre 2016 da sagredo58
 

 

I cani sono veri sporcaccioni, campioni di immoralità secondo gli schemi imposti da religioni, giudici, medici, psicologi, psichiatri, non in linea con un mondo libero e meno prevenuto.

Quando si incontrano spesso esibiscono rapporti di cunnilingus, fellatio, 69, esibizionismo, voyeurismo, , sodomia, omosessualità e persino sadomasochismo, dopodiché se ne vanno scodinzolando come se niente fosse successo, senza alcun senso di colpa.

 

Non parliamo poi delle scimmie, che ne combinano tante, spesso anche masturbandosi esibizionisticamente davanti a un folto pubblico che le osserva con strilli di divertimento.

 

Un uccello (intendo un volatile) che lascia di stucco è il piccione, sessualmente tra le specie più liberate.

I genitali del maschio e della femmina si assomigliano, chiamati tutt'e due e propriamente cloache.:

  • spesso la femmina monta il maschio, che si accovaccia e preme la sua cloaca contro quella della femmina;
  • l'omosessualità è molto comune e praticano anche le "Unioni di Fatto".

 

I corvi non gracchieranno mai contro il triangolo:

  • due femmine possono benissimo formare una coppia;
  • praticare l'omosessualità;
  • costruire il loro nido d'amore dove avrà luogo la deposizione di uova sterili dopo una monta vera e propria;
  • quando poi arriva un maschio, coprirà prima una poi l'altra, vivranno tutt'e tre fedelmente insieme.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pansessualità – Esempi Animali, Lumache e Rane

Post n°6938 pubblicato il 22 Settembre 2016 da sagredo58
 

 

Alcune specie di lumache sono capaci di fecondarsi da soli: introducono il proprio pene nella propria vagina. Invidiabile?

Invece altre lumache romane si penetrano a vicenda, perforandosi la pelle in una sorta di amplesso sadomaso.

 

Una lumaca di montagna si allinea orgiasticamente con i suoi simili nell'accoppiamento comportandosi nello stesso tempo da maschio e da femmina:

  • soltanto il primo della fila non si comporta da maschio non avendo nessuno davanti;
  • naturalmente l'ultimo non fa da femmina, rimanendo forse un poco frustrato.

 

Le rane da giovani sono generalmente ermafrodite, la maggior parte di esse si sviluppa poi come maschio.

Anche alcune specie di rospi possiedono caratteristiche dei due sessi. Se un maschio dovesse rimanere castrato svilupperebbe una vagina, così da affrontare la riproduzione senza troppi traumi.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pansessualità – Esempi Animali, Pesci

Post n°6937 pubblicato il 22 Settembre 2016 da sagredo58
 

 

I comunissimi piccoli pesce d'acqua dolce Guppy maschi, degli acquari tropicali si dilettano, oltre che con le femmine della loro specie anche con:

  • altri maschi, in gioiosi giochi di sfregamento e pungolamento;
  • con le piante con i sassi, con tutto quello che gli capita a tiro di cazzo nell'acquario!

Esibiscono così un perfetto stile pansessuale.

 

Un altro pesce, lo Xyphophorus, invecchiando cambia addirittura sesso.

Una salamandra messicana, l'Axolotl, invece cambia sesso quando si mette per un periodo in acqua distillata.

Magari potessero essere così indolori anche le operazioni di sesso sugli umani.

 

Il delfino è un libertino al 100%:

  • le sue frequenti copulazioni non sono mosse da desiderio di riproduzione, in questo appare simile all'Uomo;
  • alla minima provocazione partecipa ad orge sfrenate, senza distinzione di sesso, o di età;
  • si masturba, mettendo il pene in posizione adatta per ricevere il passaggio dell'acqua che entra e glissa intorno.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pansessualità – Esempi Animali, Lombrichi

Post n°6936 pubblicato il 22 Settembre 2016 da sagredo58
 

Un animaletto conosciuto da tutti è il lombrico, un ermafrodita completo che possiede i genitali maschili e femminili.

Quando due vermi “scopano” si fecondano a vicenda, eiaculando con i rispettivi organi maschili in una speciale tasca per lo sperma dentro il corpo dell'altro.

Una completezza sessuale da invidiare!

 

Un vermetto parassita della carpa che dimora sulle sue branchie è un ermafrodita:

Quando due di queste creaturine si incontrano si attaccano per sempre (ecco l'amore eterno!) attraverso i loro organi sessuali.

Rimangono così fedeli per la vita.

Il pene dell'uno resta attaccato nella vagina dell'altro e viceversa.

Un godimento immenso, duraturo e soprattutto doppiamente reciproco.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pansessualità – Superare i Pregiudizi

Post n°6935 pubblicato il 22 Settembre 2016 da sagredo58
 

 

La Teoria si propone di far superare i correnti "pregiudizi" spesso causa di disordine, emarginazione ed esclusione nella società contemporanea.

Chiunque può esser nato con specifiche tendenze sessuali, o può svilupparle successivamente e, se non dannose socialmente, non dovrebbe reprimerle.

La sessualità, come i sentimenti, può risvegliarsi in una scala d'intensità e modi verso persone di qualsiasi sesso, età ed aspetto, vive, morte o immaginarie, verso animali, cose e verso se stessi.

Laddove il sesso è considerato "peccaminoso" possono crearsi conflitti interni, esterni e fobie.

Considerato che tutti gli stimoli vengono dalla natura, ed essendo le persone parte di essa, non sono in grado di eluderli.

Se una certa tendenza sessuale emerge, sicuramente le risultanti necessità e risposte sono anch'esse naturali e parte di un processo subconscio.

La storia e l'antropologia raccontano l'infinita variabilità del comportamento sessuale.

La libertà di vivere il pansessualismo può certamente sciogliere alcune nevrosi, inutili sensi di colpa e di vergogna.

Sarebbe sufficiente accettare la nostra ed altrui sessualità con maggiore apertura mentale, per placare l'ansia causata dal credere di aver commesso un "peccato".

In effetti la Teoria della Pansessualità aiuta a comprendere le numerose vie sessuali presenti o latenti per accettarle e viverle con intelligenza, responsabilità e gioiosa naturalezza.

Gli animali, al contrario della maggior parte degli uomini, forse perché non redarguiti da Dei, o preti loro emissari, per inventati, inesistenti, peccati, trattano il sesso come un fenomeno naturale, uguale a tutte le altre attività fisiche fondamentali della vita di tutti i giorni, per questo:

  • non conoscono la vergogna,
  • la gioia del sesso è per loro perfettamente naturale.

 

Sarà mica che gli animali sono pansessuali?

 

Forse gli animali potrebbero insegnarci tante cose, qualche esempio per rendersene conto.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »