Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58francy_62gigliodamoremarino.pasqualettofran6319maps.14arw3n63lascrivanaboezio62gufo2005Lutero_PaganoYaris167Regina_scalzag1b9
 

Ultimi commenti

 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 85
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 

Pillola - Condivisione

Post n°6711 pubblicato il 23 Luglio 2016 da sagredo58
 

Io e te …

abbiamo condiviso la Simmenthal!

 

Condivisione della carne ...

Sarà stato mica sesso?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Simmenthal

Post n°6710 pubblicato il 23 Luglio 2016 da sagredo58
 

La Simmenthal per me è memoria, emozione perfino:

 

è il primo giorno di vacanza nella casa del mare, appena finita la scuola;

è il ricordo di mia madre che la metteva nell'insalata dei picnic domenicali;

è la gita con adulti che non ci sono più e bambini perduti;

è il sapore dell'emozione del primo campeggio da solo;

è la dieta forzata quando in Spagna mi rubarono tutto.

 

La Simmenthal segna la mia smisurata (solo in senso fisico) crescita.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Carbonara

Post n°6709 pubblicato il 23 Luglio 2016 da sagredo58
 

Dopo una certa età,

le donne le ho sedotte con la mia carbonata.

 

Ci sono uomini che girano sempre con un preservativo nel portafoglio,

io stavo pensando di metterci una fetta di pancetta affumicata!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Seduzione

Post n°6708 pubblicato il 22 Luglio 2016 da sagredo58
 

Effettivamente c'è ...

Nel piacere della seduzione,

un incentivo alla reiterazione.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Verginità

Post n°6707 pubblicato il 22 Luglio 2016 da sagredo58
 

Non ho il mito della verginità.

Non l'ho mai avuto.

 

Ad una donna che non avesse mai scopato,

la prima volta, regalavo (molti anni addietro) solo le mie mani e la mia lingua,

 

Solo dopo che avesse imparato a venire di fronte a me,

avrei potuto penetrarla.

 

A vent'anni non sapendo avere quest'approccio,

istintivamente, mi tenevo lontano dalle vergini.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Egolatria del Fantuttone

Post n°6706 pubblicato il 22 Luglio 2016 da sagredo58
 

Quelli che vanno molto oltre l’egocentrismo,

che sono molto più che autocentrati,

totalmente privi di empatia verso il mondo …

 

Sono coloro che praticano l'egolatria,

ovvero adorano se stessi,

al posto di un qualsiasi Dio.

 

Il più fulgido esempio,

dei tempi attuali,

l'ho direttamente esperito.

 

Un uomo devastato,

piccolo nella mente, più che nel corpo,

deforme nella psiche, più che nel fisico.

 

Un trasbordante protagonismo,

spacciato per iperattività,

tanto da soprannominarlo “fantuttone”.

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Visibilità per gli Scemotti

Post n°6705 pubblicato il 22 Luglio 2016 da sagredo58
 

Oggi vorrei dare un poco di visibilità,

così si inorgogliscono di più,

a spacciatori di realtà e cacciatori di bugie,

poveri scemotti, dai nomi poliedrici e dall'agire monocorde.

 

Passano e ripassano,

con i loro cangianti messaggi.

Pieni di saggezza,

dispensata a gratis.

 

Tanta attenzione mi onora, 

un obbligo ricambiare,

li incentivo a ripassare,

perchè mi divertono.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pillola - Quel giorno ...

Post n°6704 pubblicato il 22 Luglio 2016 da sagredo58
 

Il giorno in cui s’impresse l'orma,

sulla grigia polvere,

ero a Ostia, al mare.

 

Quella notte mio padre mi svegliò prima dell’alba,

ci mettemmo a vedere la vecchia televisione in bianco e nero,

la prima che avessi mai visto.

 

Immagini nebbiose quanto suggestive,

le ricordo sempre.

Ero eccitatissimo.

 

Già da qualche anno, seguivo accanitamente il programma.

Conservo ancora gli inserti del settimanale Epoca (dell'epoca),

con bellissime foto di quell’avventura.

 

Ero sicuro, quel giorno,

che oggi l'avremmo abitata.

Sbagliavo, come tanti altri.

 

Finita la guerra fredda, non è più servita.

Eppure le ricadute di quella grande avventura,

sulla vita di ogni giorno, sono state enormi.

 

Accadde alle 5.56, ora italiana, del 21 luglio,

lassù …

sulla luna.

 

 

Un omaggio a Tito Stagno che annuncia il primo allunaggio del LEM.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Flipper - Erotismo

Post n°6703 pubblicato il 21 Luglio 2016 da sagredo58
 
Tag: flipper

Ma l'immagine evocata più spesso dal flipper è l'allusione erotica, Stefano Benni l'aveva già sfruttata nel 1976 in Bar Sport:

Il vero giocatore, oltre che con le dita, gioca con i piedi, calciando le gambe con la zona pubica, con la quale scuote il flipper come in un rapporto sessuale, con le palle degli occhi e con le spalle che tremano in continuazione.

 

La sensualità del flipper viene ribaltata in chiave comica nel 1986, nella scena iniziale del film Troppo forte, di Carlo Verdone. Qui Oscar Pettinari, amante dei film d’azione americani e aspirante attore in cerca di successo della periferia romana, mostra a un imbranato giocatore quale sia il modo giusto per giocare a flipper: 

Lavori troppo de polso e usi male l’avambraccio. Permetti?

Quello che io mi sforzo a di’ da un sacco d’anni è sempre la stessa cosa: cioè, il rapporto col flipper è come un rapporto sessuale, come un amplesso.

Non è il polso che deve da’ la spinta alla pallina, ma è il ventre. Mi hai capito moro? Eh? Oh!

Questo è il movimento, il colpo deve essere secco, deciso, preciso. Co' ’sto sistema il tilt te ’o magni. Guardami!

La migliore descrizione di come si gioca a flipper è per me quella del 1988, di Umberto Eco, nel Pendolo di Foucault, evocando il movimento pelvico e il gioco d’anche femminili: 

Non si gioca a flipper solo con le mani ma anche col pube.

Col flipper il problema non è di arrestare la pallina prima che venga ingoiata alla foce […] ma di obbligarla a indugiare a monte, dove i bersagli luminosi sono più abbondanti, rimbalzando dall’uno all’altro, aggirandosi scombussolata e demente, ma per volontà propria. E questo l’ottieni non imponendo colpi alla palla, ma trasmettendo vibrazioni alla cassa portante […]. Lo puoi fare solo col pube, anzi con un gioco di anche, in modo che il pube più che battere strisci, sempre trattenendoti al di qua dell’orgasmo.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Flipper - 1981 Stefano Benni

Post n°6702 pubblicato il 21 Luglio 2016 da sagredo58
 
Tag: flipper

Del 1981 una poesia, Flipper, ambientata in un'atmosfera surreale, all'interno di un bar della periferia di una città che vuol essere Manhattan, di Stefano Benni:

 

allora io mi alzo e prendo il flipper

e vinco dieci, cento milioni

e qualcuno entra e guarda

e io tengo la sigaretta in bocca

bello impassibile come un capo indiano

e un giorno scuoterò questo mondo

e lo farò suonare e accendere

e impazzire e contarmi i milioni

e sarà tutto mio, non ci sarà

mai più la scritta il game è over.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »