Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58arw3n63assenza1lascrivanamarcorosaria0Fanny_WilmotLolieMiupa.ro.lefabiomalboanastomosidisabbialucads1ziarufusfcorsanocascserra.rita
 

Ultimi commenti

Correre no, camminare si potrebbe fare:-)
Inviato da: arw3n63
il 27/02/2017 alle 12:23
 
Quello si chiama triangolo:-). Nell'orgia bisogna...
Inviato da: arw3n63
il 27/02/2017 alle 12:09
 
Allora mi sa che rischio anch'io di essere...
Inviato da: arw3n63
il 27/02/2017 alle 11:59
 
e a correre un ora al giorno?
Inviato da: sagredo58
il 27/02/2017 alle 11:40
 
lo scopo del post era quello: illudere!
Inviato da: sagredo58
il 27/02/2017 alle 11:40
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 87
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« De ContemporaneoPillola - Peso Minimo »

Minidialogo - Il quarto figlio di Dio

Post n°7344 pubblicato il 12 Gennaio 2017 da sagredo58
 

LEI

Dio ha tre figli.

 

Il primo gli crede.

Non gli da nessun grattacapo;

di tanto in tanto pone in lui il dubbio per toglierlo dal ridicolo,

per evitargli i più grossi casini.

 

Il secondo è deciso a non credergli.

Di lui si occupa per quasi tutto il suo tempo e non lo lascia mai solo.

E' suo figlio, perspicace, ribelle ... disfattista.

Lo ama come ama il primo, forse di più.

 

Il terzo è convinto di essere Dio.

Spiega tutto e tutto gli è chiaro.

E' il più solo e anche Dio non può far altro che sperare in un miracolo.

Per lui soprattutto è molto triste

 

Un giorno Dio dice ai suoi tre figli:

Siate ognuno ciò che siete, diversi e liberi!

Sebbene vostro padre sia vecchio e stanco,

vi amerà in parti uguali e non vi lascerà mai soli.

 

SAGREDO

Il quarto figlio, non crede in Dio, non si crede Dio, 

non gli è chiaro molto dell'Universo,

esclude che abbia una finalità,

si sente inessenziale nel contesto cosmico.

 

Si limita a non perdersi guardando solo le stelle,

mantenendo lo sguardo basso, per godere di quello che la vita gli da,

nel tempo che gli è concesso,

a cominciare dall'unica cosa che l'illude di divino, la figlia.

 

 

Questo quarto figlio è Sagredo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog