Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Ultime visite al Blog

italianaoppidoFanny_Wilmotgabrielerafsuzanne30mimmo.schiavonimedicus5merck103linguista96arw3n63P311944genio74sagredo58dore1978ro140
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Ex Machina – 2000-2016 –...Ex Machina – 2015-2016 –... »

Ex Machina – 2008-2016 – … al Robot collaboratore in fabbrica

Post n°7473 pubblicato il 16 Febbraio 2017 da sagredo58
 


Spostandosi dal Giappone agli USA, passando per l'Australia, i robot sono sempre più protagonisti delle scene di vita dell'Uomo.

Scetticismo e perplessità hanno iniziato pian piano a cedere il posto a veri e propri prodigi della tecnologia, più reali di quanto si sarebbe potuto mai immaginare.

Gli allarmisti giocano sull'idea che i robot sostituiranno le persone sul lavoro, Rodney Brooks (1950) scienziato australiano, studioso di robotica, direttore del laboratorio di informatica e intelligenza artificiale del Massachusetts Institute of Technology (MIT) fino al 2007, la pensa diversamente:

  • ritiene che i robot possano diventare i collaboratori principali, lasciando all'uomo più tempo per sfide meno meccaniche e banali;
  • sottolinea quando prezioso possa essere il contributo dei robot nel momento in cui il numero di adulti in età da lavoro cala e il numero di pensionati cresce.

 

Gran parte dei progressi che si stanno compiendo ultimamente nel settore della robotica si devono proprio a Rodney Brooks, interessante la sua ultima creazione, BAXTER:

  • un robot umanoide pensato per i siti di produzione come, ad esempio, potrebbero essere le catene di montaggio;
  • sviluppato dalla Rethink Robotics, un azienda di Boston, venduto per 25 mila dollari;
  • il "viso" è un monitor LCD che visualizza esattamente quello che l'umanoide sta facendo, per questo gli occhi si muovono;
  • si adatta automaticamente ai cambiamenti ambientali attraverso le telecamere, sensori e software che consentono di scorgere gli oggetti, sentire le forze e capire così i compiti;
  • la braccia reagiscono al tatto, cosi da poter imparare, a fianco delle persone, ad aiutare nella catena di montaggio.

Secondo quanto ci riporta il sito web ufficiale della sua società produttrice, l'addestramento del robot si realizza in poco tempo:

  • progettato per muovere le estremità grazie a delle telecamere, è in grado di afferrare gli oggetti che gli capitano a tiro;
  • in questo modo, BAXTER impara poco a poco a realizzare piccoli compiti;
  • usa il buon senso nel fare il suo lavoro e lavora bene a stretto contatto con le persone.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog