Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58g1b9gigliodamoregioia.speranzaestinetteemauro.bertagliamisteropaganoanastomosidisabbiaButturfly66mpc58icavallidirossandreacogoiWeb_LondonITALIANOinATTESA
 

Ultimi commenti

Detto da una narcisista patologica vale quello che vale
Inviato da: sagredo58
il 30/04/2017 alle 23:06
 
Lo conoscerÓ di sicuro vedrai
Inviato da: sagredo58
il 30/04/2017 alle 23:00
 
Direi lo stesso concetto che ha usato Picasso...
Inviato da: g1b9
il 30/04/2017 alle 21:00
 
Ecco perche' ti ho sempre " frequentato"...
Inviato da: gigliodamore
il 30/04/2017 alle 14:24
 
Sono consapevole dell'esistenza di un imbecille...
Inviato da: sagredo58
il 29/04/2017 alle 23:21
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 87
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Morale e Biologia - Neod...Morale e Biologia - Gius... »

Morale e Biologia - Darwinismo Sociale (1879)

Post n°7585 pubblicato il 20 Marzo 2017 da sagredo58
 

 

Tra Darwinismo e Neodarwinismo, s'insinua l'inquietante estensione delle teorie darwiniane ai problemi sociali, o Darwinismo sociale, una corrente di pensiero filosofica, appartenente alle filosofie della vita, che ritiene:

  • la posizione sociale degli uomini e il rapporto tra le classi come il risultato di una legge di natura,
  • il concetto di struggle for life and death, ovvero lotta per la vita e la morte, la regola delle comunità umane,
  • cosa che premierebbe invariabilmente solo i più forti o più adatti.

 

Il termine Darwinismo sociale è stato coniato dal giornalista anarchico francese Émile Gautier, nel 1879, per denigrare la giustificazione delle ineguaglianze sociali teorizzata dal filosofo liberale britannico Herbert Spencer (1820-1903):

Può sembrare inclemente che un lavoratore reso inabile dalla malattia alla competizione con i suoi simili, debba sopportare il peso delle privazioni.

Può sembrare inclemente che una vedova o un orfano debbano essere lasciati alla lotta per la vita e la morte.

Ciò nonostante, quando siano viste non separatamente, ma in connessione con gli interessi dell'umanità universale, queste fatalità sono piene della più alta beneficenza.

La stessa beneficenza che porta precocemente alla tomba i bambini di genitori malati, che sceglie i poveri di spirito, gli intemperanti e i debilitati come vittime di un'epidemia.

 

Il Darwinismo sociale si sarebbe dovuto definire più propriamente Spencerismo sociale, perché la sua elaborazione si basa sui terrificanti concetti di Spencer appena riportati, che nulla hanno a che fare con Darwin, volti ad esaltare una sfrenata competizione tra esseri umani e nazioni a scapito della cooperazione, così giustificando politiche economiche prive di solidarietà in nome del "diritto del più forte". 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog