Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58anastomosidisabbiamagid1acerbonigiov65ooarw3n63bozzimassimomartinflypilastr1enosnas3a3383237660eleonora312glodestsilvioapNIKONMAN
 

Ultimi commenti

Uuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu
Inviato da: sagredo58
il 21/07/2017 alle 13:34
 
Ho scritto invece un programma che genera frasi compiute...
Inviato da: sagredo58
il 20/07/2017 alle 20:57
 
Una cosa simile la feci in Red Mutation, pubblicai un post...
Inviato da: WIDE.RED
il 20/07/2017 alle 20:36
 
ciauuu
Inviato da: paperinopa_1974
il 20/07/2017 alle 20:33
 
Ok ci proverò, grazie :-)
Inviato da: arw3n63
il 20/07/2017 alle 19:31
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Miniera su un Palcosceni...Miniera su un Palcosceni... »

Miniera su un Palcoscenico – Pesantezza, fatica, rischio

Post n°7945 pubblicato il 11 Luglio 2017 da sagredo58
 

Dal 1991, contestualmente al primo spettacolo della Linke il vento è cambiato, quelli che erano stati pozzi, torri di estrazione e batterie dei forni delle miniere, oggi sono monumenti e testimonianze della storia industriale della più grande conurbazione della Germania dove si promuove cultura.

Di conseguenza, se già nel 1991 quello della Linke è stato uno spettacolo innovativo, oggi porta con se un messaggio ancora più critico.

 

Ruhr-Ort in Renegade, del 2017, è il nuovo titolo che affianca la parola “rinnegato” a quello del precedente spettacolo, quasi a voler ricordare che ripudiando il passato non si può proseguire: lo sfruttamento esiste ancora, non solo in miniera dove non batte il sole.

 

Oggi ne sono gli interpreti otto uomini, vestiti in abiti di lavoro e grosse scarpe di sicurezza: sono danzatori e mimi.

Anche se la loro azione, il loro ruolo nello spettacolo, è indistinguibile, dice ancora la Linke:

La parte è a tal punto faticosa che occorrono sulla scena interpreti robusti e disposti a tanto.

 

Le mazze ferrate che gli interpreti battono ritmicamente al suolo, le barre d'acciaio sollevate e lasciate cadere pesantemente, fragorosamente , le lamiere accatastate, sono tutti oggetti di scena realmente molto pesanti.

Li ha realizzati un artista che lavora nella Ruhr, le barre d'acciaio, pesano ciascuna 36 chilogrammi, la fatica e il rischio non sono solo verosimili.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog