Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Ultime visite al Blog

estinetteesagredo58anastomosidisabbialialalailaarw3n63gaboo3fran6319merig2pa.ro.leaurgen0dinin53dav_golponypegasoBloggernick10
 

Ultimi commenti

Lavatura = la natura
Inviato da: sagredo58
il 20/10/2017 alle 20:01
 
Non intendo quelle grandi vhs, o quelle delle videocamere...
Inviato da: arw3n63
il 20/10/2017 alle 17:53
 
Io invece, sempre riguardo le video cassette, ricordo la...
Inviato da: fran6319
il 20/10/2017 alle 17:04
 
Ciao Lory..:)
Inviato da: fran6319
il 20/10/2017 alle 16:45
 
Ricordo con grande piacere alcuni dei tuoi post, quelli in...
Inviato da: fran6319
il 20/10/2017 alle 16:44
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Idolatria – Pantesismo D...Idolatria – Attributi di... »

Idolatria – Assenza di finalismo in Dio/Natura

Post n°8167 pubblicato il 10 Ottobre 2017 da sagredo58
 

 

Il Dio/Natura di Spinoza:

  • è geometrico perché razionalmente deterministico,
  • ma non statico.

 

Utilizzando un apposito neologismo (una nuova parola, non appartenente al corpo lessicale di una lingua, derivata da parole già in uso), il verbo "naturare", che vuole rendere l'azione tipica della natura, ovvero il produrre della natura la sua stessa realtà, Spinoza distingue tra due diversi punti di vista:

  • quello dinamico, attivo, della Sostanza e dei suoi attributi (increata, eterna, infinita, unica) della Natura Naturante (già concepita nel 1584 da Giordano Bruno), l'intervento immanente, come insita e perpetua attività generatrice;
  • quello statico, passivo, costituito dall'insieme dei modi, delle manifestazioni della Sostanza, della Natura Naturata (introdotta da Spinoza in opposizione alla Natura Naturante), ovvero la perfezione come risultato compiuto del suo divenire secondo le leggi del determinismo razionale.

 

Per dirla un pochino più semplicemente, Dio/Natura non è determinato da altro che dalla sua stessa Sostanza, rimane causa:

  • della sua esistenza stessa;
  • della sua dinamica evoluzione nel rispetto delle leggi deterministiche della Natura.

 

Non è idea da poco, se ne deduce che non c'è nessun finalismo in Dio/Natura.

Quella del fine ultimo di DIO/Natura è un'idea che, secondo Spinoza, è solo un'immaginazione dell'uomo:

  • siccome gli Uomini credono di agire per un fine,
  • lo stesso credono per la Natura e Dio.

 

Spinoza deduce dalla Sostanza (Dio/Natura):

  • i suoi attributi (qualità strutturali) definiti come "ciò che l'intelletto percepisce di una sostanza come costituente la sua essenza";
  • e modi (manifestazioni).

 

I passaggi del suo ragionamento possono così riassumersi.

  • essendo la Sostanza infinita, gli attributi di Dio/Natura saranno infiniti;
  • se ogni attributo è infinito, infiniti saranno i suoi modi di manifestarsi;
  • essendo la Sostanza eterna, allora ogni attributo di Dio/Natura è anche eterno.

 

Gli attributi di Dio/Natura, sono quindi una quantità infinita.

Infiniti attributi hanno la possibilità di manifestarsi ed esprimersi in infiniti modi.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog