Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Ultime visite al Blog

lascrivanasagredo58idro.fmsurfinia60lab79estinetteefran6319giorgiojuveStolen_wordsBloggernick10orsobianco.amstudio_albrizioSono44gattinfilax6.2anastomosidisabbia
 

Ultimi commenti

:))
Inviato da: lascrivana
il 19/11/2017 alle 09:58
 
Ommmmmmmmmmmm
Inviato da: sagredo58
il 19/11/2017 alle 09:34
 
Il mio credo non m'impedisce di gustare le buone...
Inviato da: lascrivana
il 19/11/2017 alle 09:22
 
Essere bersaglio mi del tutto indifferente, se poi lo...
Inviato da: sagredo58
il 19/11/2017 alle 09:06
 
Se ne ritorna a casa dopo pranzo. Io penso che chi ti...
Inviato da: lascrivana
il 19/11/2017 alle 07:21
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« 2008 - Compagni di Scuol...2008 - Compagni di Scuol... »

2008 - Compagni di Scuola Cascame delle Carni

Post n°8251 pubblicato il 14 Novembre 2017 da sagredo58
 

 

Trovo la solitudine del mare d'inverno suggestiva, cornice ideale di un'assurda accozzaglia di persone quali noi saremo.

Una cittadina di mare deserta per meglio permetterci di concentrarci su noi, per ospitare più agevolmente qualsiasi sentimento dovesse palesarsi.

 

Premesso che la stragrande maggioranza di donne del film di Verdone erano delle strafiche in gran forma, di soli 35 anni, la citazione del film mi appare fatta a sproposito in questo specifico senso.

Noi siamo in ritardo di 15 anni rispetto ai protagonisti del film di Verdone, quindi l'ipotizzato cascame delle nostre carni potrebbe essere una verosimile realtà.

Non è questo comunque che mi spaventa, è il confronto con sogni e speranze:

  • quello che nessuno tirerà fuori;
  • che ciascuno elaborerà, a sera, solitario, dopo il rito d'incontro.

 

Per questo, per primo, ho suggerito di celebrare questo rito alla luce del sole e non di sera, per avere almeno il conforto di un cielo azzurro sopra la testa e del calore del sole sulla pelle, così da lasciare al buio le riflessioni successive. 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog