Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cadute di stile e cazzeggi

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Ultime visite al Blog

orlandobrillog1b9Butturfly66vallegiancarlo1951sagredo58psicologiaforensearw3n63donrailino.antociccoshangri.lales_mots_de_sableStregaM0rgauseartbarBacardiAndCola
 

Ultimi commenti

Nulla di che
Inviato da: sagredo58
il 25/10/2014 alle 15:52
 
Vabb ma chi il cane non ce l'ha ed ha un gatto? ...
Inviato da: arw3n63
il 25/10/2014 alle 14:53
 
Dev'essere successo qualcosa un anno dopo la prima...
Inviato da: arw3n63
il 25/10/2014 alle 14:46
 
Sicuramente un sentire un po' da strega :-)
Inviato da: sagredo58
il 25/10/2014 alle 08:35
 
Qualcuno? Ci si sono divertiti in tanti
Inviato da: sagredo58
il 25/10/2014 alle 08:33
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Che cosa è la bellezza d...1 - Storia di una storia... »

Che cosa la bellezza delle idee? - SCOPERTA SCIENTIFICA

Post n°793 pubblicato il 28 Giugno 2012 da sagredo58
 

Fu Einstein che esplicitò̀ la stessa natura del procedimento creativo dello scienziato e dell'artista, differente solo per il linguaggio d'espressione, riconoscendo nuovamente la funzione positiva del non razionale, del non verbale:

Le parole ed il linguaggio, così come sono scritti e parlati non sembrano avere alcun ruolo nei miei meccanismi di pensiero.

Le entità fisiche che sembrano utilizzate come elementi di pensiero sono certi segni o certe immagini più o meno chiare che possono essere riprodotte e combinate a volontà.

Nessuna scoperta o invenzione può aver luogo senza la volontà di scoprire. Il mezzo indispensabile alla scoperta è il senso della bellezza.

La scelta delle immagini è governata perentoriamente dal senso della bellezza scientifica e le regole selettive sono estremamente fini e delicate.

Ancora per Henri Poincaré esse possono essere sentite più che formulate:

I fenomeni inconsci privilegiati (...) sono quelli che (...) colpiscono più profondamente la nostra sensibilità.

Per i matematici la sensibilità è rivolta alla bellezza, all'armonia dei numeri e delle forme, all'eleganza geometrica.

La storia della nascita delle teorie scientifiche è una storia d'immagini, il cui fascino è direttamente legato alla loro bellezza, alla loro semplicità, e, come conseguenza naturale, alla loro veridicità.

Gli scienziati sono interpreti delle strutture latenti che regolano i fenomeni naturali, e la loro genialità è nel coraggio, la sfida nel proporsi senza nessun'esperienza e fondamento, di costruire continuamente bellissime nuove immagini.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=11415241

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
alphabethaa
alphabethaa il 28/06/12 alle 21:58 via WEB
Tutti sanno che Albert Einstein ha fatto qualcosa di sorprendente, ma pochi sanno che cosa abbia fatto esattamente...
(Rispondi)
 
 
sagredo58
sagredo58 il 28/06/12 alle 22:53 via WEB
Ho impiegato molto del mio tempo ma divulgare quello che Albert ha fatto. Un sorriso Marco
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.