Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58Stolen_wordsBloggernick10orsobianco.amestinetteestudio_albrizioSono44gattinfilax6.2anastomosidisabbiaFanny_Wilmotl.antonaciMerlogenerosomensi_valeriafran6319gigantel.l
 

Ultimi commenti

 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Ex Machina – 2000-2016 –...Ex Machina – 2015-2016 –... »

Ex Machina – 2008-2016 – … al Robot collaboratore in fabbrica

Post n°7473 pubblicato il 16 Febbraio 2017 da sagredo58
 


Spostandosi dal Giappone agli USA, passando per l'Australia, i robot sono sempre più protagonisti delle scene di vita dell'Uomo.

Scetticismo e perplessità hanno iniziato pian piano a cedere il posto a veri e propri prodigi della tecnologia, più reali di quanto si sarebbe potuto mai immaginare.

Gli allarmisti giocano sull'idea che i robot sostituiranno le persone sul lavoro, Rodney Brooks (1950) scienziato australiano, studioso di robotica, direttore del laboratorio di informatica e intelligenza artificiale del Massachusetts Institute of Technology (MIT) fino al 2007, la pensa diversamente:

  • ritiene che i robot possano diventare i collaboratori principali, lasciando all'uomo più tempo per sfide meno meccaniche e banali;
  • sottolinea quando prezioso possa essere il contributo dei robot nel momento in cui il numero di adulti in età da lavoro cala e il numero di pensionati cresce.

 

Gran parte dei progressi che si stanno compiendo ultimamente nel settore della robotica si devono proprio a Rodney Brooks, interessante la sua ultima creazione, BAXTER:

  • un robot umanoide pensato per i siti di produzione come, ad esempio, potrebbero essere le catene di montaggio;
  • sviluppato dalla Rethink Robotics, un azienda di Boston, venduto per 25 mila dollari;
  • il "viso" è un monitor LCD che visualizza esattamente quello che l'umanoide sta facendo, per questo gli occhi si muovono;
  • si adatta automaticamente ai cambiamenti ambientali attraverso le telecamere, sensori e software che consentono di scorgere gli oggetti, sentire le forze e capire così i compiti;
  • la braccia reagiscono al tatto, cosi da poter imparare, a fianco delle persone, ad aiutare nella catena di montaggio.

Secondo quanto ci riporta il sito web ufficiale della sua società produttrice, l'addestramento del robot si realizza in poco tempo:

  • progettato per muovere le estremità grazie a delle telecamere, è in grado di afferrare gli oggetti che gli capitano a tiro;
  • in questo modo, BAXTER impara poco a poco a realizzare piccoli compiti;
  • usa il buon senso nel fare il suo lavoro e lavora bene a stretto contatto con le persone.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13503311

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Thomas_Hobbes0
Thomas_Hobbes0 il 16/02/17 alle 17:15 via WEB

A questo link trovi qualcosa che non e' nel mercato di vendita "normale". Diciamo che dal 2005-forward sono cambiate tante cose.

http://www.boeing.com/news/frontiers/archive/2005/december/ts_sf09.html

http://www.uasvision.com/2016/07/07/boeing-opens-collaborative-autonomous-systems-laboratory/ http://www.boeing.co.uk/products-services/subsidiaries/miro-technologies-ltd.page https://www.tapestrysolutions.com/products/ ;)

(Rispondi)
 
 
sagredo58
sagredo58 il 16/02/17 alle 17:31 via WEB
Grazie dei link
(Rispondi)
 
lab79
lab79 il 18/02/17 alle 04:51 via WEB
Il secondo punto di cui parla Rodney Brooks, riguardo al contributo dei robot in una società che invecchia, diminuendo la propria capacità produttiva, mi colpisce per un motivo: questo è sempre stato il ruolo dell'immigrazione. Ed è forse emblematico che proprio in Giappone, dove la società fatica di più ad accettare "alieni", che l'idea di un robot, anche domestico, sembra trovare campo più fertile e meno diffidenza.
(Rispondi)
 
 
sagredo58
sagredo58 il 18/02/17 alle 09:14 via WEB
Tra alieni ci si capisce meglio ...
(Rispondi)
 
arw3n63
arw3n63 il 19/02/17 alle 13:45 via WEB
A proposito degli allarmismi sull'idea che i robot sostituiranno gli umani sul lavoro, anche i robot dovrebbero pagare le tasse! :-) vedremo un futuro in cui i robot faranno la dichiarazione dei redditi? Che poi i ribot svolgono alla fine un lavoro servile, una sorta di schiavitù al servizio dell'umano. Notizia sentita oggi in tv, per Bill "i robot che rubano posti di lavoro che paghino le tasse" : http://www.repubblica.it/tecnologia/2017/02/18/news/bill_gates_robot_che_rubano_posti_lavoro_paghino_tasse-158642673/.
(Rispondi)
 
 
sagredo58
sagredo58 il 19/02/17 alle 14:54 via WEB
Mi pare una cazzata. I robot non rubano lavoro, si fanno carico di quelli che nessuno vuole più fare.
(Rispondi)
 
 
 
Difference.si
Difference.si il 19/02/17 alle 23:47 via WEB
Ma questa non è anche la cosa che si dice in giro,per quanto riguarda gli immigrati?! Pensavo fosse una cosa riservata solo a loro, se adesso ci sono anche i robot...

“E’ un mondo difficile
e vita intensa
felicità a momenti
e futuro incerto." :-))
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 20/02/17 alle 06:59 via WEB
Felicità a momenti é un fatto recente come fenomeno di massa. Futuro incerto una costante sin dai primordi.
(Rispondi)
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 20/02/17 alle 10:02 via WEB
In effetti sembrerebbe una cazzata anche se l'UE s'è posta il problema valutando la possibilità di tassare i robot per creare un fondo di solidarietà per i disoccupati, ipotesi bocciata però nei giorni scorsi dal Parlamento europeo.Così si legge.Be' è vero che i robot vengono impiegati per lavori di usura , degradanti e in molti casi pericolosi per l'uomo che una volta venivano svolti dall'unano, ma non vedo una cosa tanto assurda guardando al futuro che l'automazione e i robot alla fine non prenderanno il posto dell'umano in sempre maggiori mansioni, guarda anche solo in una casa, chissà se in un futuro non troppo lontano i nostri nipoti arriveranno a casa e non faranno proprio niente, si siederanno in poltrona e la casa robotica penserà a tutto lei :-). Lo so lo so...la mia fantasia fatnascientifica è suggestionabile :-)
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 20/02/17 alle 10:13 via WEB
Essere esonerati dalle attività più tediose incentiverà la nascita di più blog?
(Rispondi) (Vedi gli altri 13 commenti )
 
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 20/02/17 alle 10:20 via WEB
Penso di sì:-). Ma non solo blog, impiegheremo più tempo attaccati ai social e la rete comodamente seduti in poltrona, anzi perchè non costruire addirittura un robot identico a noi e mandare in ufficio quello al posto dell'umano? Oppure passare tutto il tempo a "dormire" cioè vivere, una realtà virtuale che simula la vita quotidiana e al posto nostro la vive realmente il clone umano? Comprese tutte le emozioni che si provano realmente in una realtà virtuale.Non mi ricordo più il titolo del film con questa trama, ma co hanno fatto un film.
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 20/02/17 alle 11:14 via WEB
MATRIX penso sia il film cui ti riferisci.
(Rispondi)
 
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 20/02/17 alle 15:15 via WEB
No, non è Matrix, qualcosa di simile ma era un altro, dove in un futuro ipotetico gli umani avevano una copia clone di se stessi che viveva per loro, non ricordo se umana o umanoide, e vivevano al posto loro, andando a lavorare ecc...mentre loro erano immersi come in un sogno, in una realtà virtuale, ma non me lo ricordo più.
(Rispondi)
 
 
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 20/02/17 alle 16:49 via WEB
Il mondo dei replicanti con Bruce Willis...con cloni perfettissimi nella loro fisicità e umani relegati su una sorta di sedia dentistica con un casco da viaggiatori dello spazio in testa. Un film al limite della fantascienza.
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 20/02/17 alle 17:07 via WEB
Questo mi manca, non l'ho visto.
(Rispondi)
 
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 20/02/17 alle 18:25 via WEB
Se ti capita guardalo, vabbè magari a te Bruce Willis non ti piglia più di tanto :-)
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 20/02/17 alle 18:52 via WEB
Me lo cerco, bruce willis mi piace
(Rispondi)
 
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 20/02/17 alle 17:37 via WEB
Grazie Specchio, esattamente quello.:-)
(Rispondi)
 
 
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 20/02/17 alle 18:40 via WEB
figurati arw..preparare dolci ad orari improbabili guardando Raimovie a volte ha il suo perchè....cogliere impreparato Sag in questo caso;PPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPP
(Rispondi)
 
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 20/02/17 alle 18:44 via WEB
Brava! Così che si fa, rido ;-)
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 20/02/17 alle 18:53 via WEB
Per la precisione Sagredo è impreparato su quasi tutto, meno che su come acquistare, guidare, e farsi rubare una BMW K1300 S :-)
(Rispondi)
 
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 20/02/17 alle 19:17 via WEB
Guarda che se tu anche dici la verità a Cestinetto quello mica ti crede, anche se posti la foto tua, della moto con sopra Gnappetta è capace di dire che è tarocca o l'hai rubata tu a qualcuno :-))).
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 20/02/17 alle 19:39 via WEB
Domani la fatidica domanda ...
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.