Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Ultime visite al Blog

roberta581antonello.fuocosagredo58solelunaterra_2016PITO2008Web_Londonarw3n63fl.degiovannig.b.olegnamisrldivi40anastomosidisabbiaoregon02pa.ro.le
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Ex Machina – 2008-2016 –...Ex Machina – 1980 - 1984... »

Ex Machina – 2015-2016 – … al Robot assistente dei non vedenti

Post n°7474 pubblicato il 16 Febbraio 2017 da sagredo58
 

 

Sono anni che persone colpite da deficit visivo si affidano completamente a cani guida per evitare ostacoli ed affrontare il traffico pedonale.

Neanche i cani più intelligenti, però, riescono a distinguere banconote differenti, leggere gli orari degli autobus o dare indicazioni.

Un gruppo di ricercatori della Carnegie Mellon University, importante università privata della Pennsylvania, sta sviluppando robot assistenti per aiutare queste persone a navigare nel mondo moderno.

Hanno scelto il robot BAXTER perché è privo di giunti pericolosi, quindi sicuro per le persone che interagiscono con il senso del tatto, per scoprire i metodi più efficienti in cui un robot può interagire con persone affette da deficit visivi o cecità totale.

Per cominciare, interagendo con la locale comunità di non vedenti, si è immaginato un robot assistente presso un banco informazioni, in un frenetico centro di transito, che potrebbe offrire il proprio aiuto, con compiti visivi o fisici, nel caso in cui il personale umano fosse assente, o oberato di lavoro:

  • il robot comincia con il presentare se stesso e quindi spegnersi per permettere alle persone di esplorare manualmente la sua forma e struttura;
  • una volta terminata questa sessione, un comando vocale riaccende il robot;
  • il robot può anche imparare rapidamente nuove operazioni copiando i movimenti suggeriti da chi lo manipola;
  • questo apre un mondo di possibilità in termini di addestramento per servire una persona colpita da cecità.

Dalla sperimentazione sono emerse alcune sorprese:

  • la prima volta, le persone dotate di vista tendono ad essere preoccupate in presenza di un robot umanoide;
  • le persone cieche, al contrario, sono più propense a interagire con un robot, hanno dimostrato una maggiore sicurezza nel tenere le dita di plastica del robot che ad avere un contatto fisico con un altro essere umano.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13503361

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento