Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Ultime visite al Blog

arw3n63milan_francosagredo58ITALIANOinATTESAclamidoselacioalfredocastanomagnumgmrivierinoleggioMinistradelkaosssUfficiobannatig1b9anastomosidisabbiaButturfly66estinettee
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Miniera su un Palcosceni...Miniera su un Palcosceni... »

Miniera su un Palcoscenico – Ruhr-Ort

Post n°7944 pubblicato il 11 Luglio 2017 da sagredo58
 

La Ruhr è la regione della Germania che, dalla rivoluzione industriale di fine ‘800 agli anni ‘60, contribuì ad arricchire notevolmente la Germania.

Luogo messo al centro d'ogni sfruttamento, terra scavata ovunque, per estrarne carbone, ferro, pesantemente industrializzata per trasformare carbone e ferro in acciaio, miniere e fonderie, vantava la più alta concentrazione di miniere e  altiforni della Germania.

Il vecchio bacino della Ruhr, con le sue miniere di carbone e i suoi minatori, è ormai un simbolo della Storia, con altri volti, altre lingue e altri ritmi da sentire.

Tra gli anni ’60 e ’80 questa regione della Renania, al confine col Belgio, ha visto un precipitoso declino economico, con la chiusura degli impianti di estrazione e delle fabbriche raggiungendo uno dei tassi di disoccupazione più alti del Paese.

 

Non meraviglia che lo spettacolo Ruhr-Ort affronti il tema del lavoro in miniera e in fabbrica.

 

La storia di Ruhr-Ort è quella di una sponsorizzazione mancata, come racconta la Linke:

Qualcuno mi suggerì che uno spettacolo che avesse per tema l' industria, avrebbe ottenuto un grosso contributo dalla Krupp Corporation.

E dunque, all' inizio di tutto, c' è l' idea di uno spettacolo contenitore, per una sponsorizazione.

Per farlo, ho iniziato il mio viaggio nell' industria della Ruhr, sono scesa nel mondo infero dei pozzi minerari e degli altoforni, in un mondo per me sconosciuto.

Ebbi un impatto molto violento.

 

 

Tanto che la Krupp, la maggiore induria dell’acciaio tedesca, spaventata dal progetto, ritirò la sponsorizzazione. L’allestimento di Ruhr-Ort, rimasto senza sostegno economico, ha atteso due anni.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13541477

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
arw3n63
arw3n63 il 11/07/17 alle 10:26 via WEB
"Krupp" mi ha fatto venire in mente la famosa Thyssenkrupp ed infatti sono andata a vedere se c'era una "parentela" con la famosa azienda dell'incidente sul lavoro qua in Italia. A parte questo penso che la Germania non sarebbe diventata una così grande potenza bellica durante la seconda guerra mondiale se non avesse avuto tutte quelle miniere di carbone e ferro sfruttate dal colosso Krupp e poi anche successivamente alla fine del conflitto.Impatto violento? Altiforni, acciaierie, be' non è un lavoro femminile, anche qui poi se si pensa alla tossicità e inquinamento mi fa venire in mente chissà quante morti in seguito a questo duro lavoro.
(Rispondi)
 
 
sagredo58
sagredo58 il 11/07/17 alle 11:15 via WEB
La silicosi tra i minatori è assai diffusa e mortale in età giovani molte volte.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.