Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58noblesse.oblige0belladinoteLutero_Paganonicold0inforivieraarw3n63cstparesceaba30pa.ro.lechannelfyserbert0estinetteehardegg
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« La Fleur - RegiaLa Fleur - Suggerimenti »

La Fleur - Afferma il Regista

Post n°8008 pubblicato il 09 Agosto 2017 da sagredo58
 

 

Afferma Riccardo Brunetti:

Quello che ci ha colpiti profondamente nella forma del Teatro Immersivo, pressoché sconosciuta in Italia, è stata la ricchezza delle possibilità narrative.

La complessità della costruzione drammaturgica scenica è certamente ipnotizzante per gli spettatori, ma prima ancora lo è per gli autori, il regista e i performer.

Siamo quindi partiti dai nostri desideri, creando un affresco di colori, materie, odori, sapori, testi, immagini, e presto altre ispirazioni si sono presentate spontaneamente.

 

Con lo spettatore al centro, nell'idea Immersiva di Teatro gli stimoli devono essere multipli e variegati, in modo che ognuno possa essere libero di costruire la propria storia, diventandone quindi co-autore.

Questi stimoli si articolano in una serie di eventi, una grande storia, composta a sua volta da tanti percorsi narrativi distinti e intrecciati.

Ognuno sta cercando la propria strada, strada che ci è piaciuto immaginare in verticale, come in una scalata verso l'istante in cui tutto è possibile.

 

Mi aspetto di divertire molte persone, facendogli fare esperienza di qualcosa che è praticamente impossibile da trovare nel nostro paese.

Poi spero di indignare qualcuno.

E infine spero di far riflettere qualcun altro.

 

Io per ora ho riflettuto, per divertirmi mi riprometto di rinnovare l'esperienza con il prossimo spettacolo che Brunetti tornerà a proporre.

Se finora ho cercato di raccontare quello che ho capito del Teatro Immersivo, sulla base di quello che ho letto e dell'unica esperienza che ne ho fatta con lo spettacolo La Fleur, ora vorrei concludere raccontando le mie sensazioni più dirette.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13546039

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
anastomosidisabbia
anastomosidisabbia il 09/08/17 alle 12:31 via WEB
Mi dà l'impressione che questa "cosa" si avvicini alle costellazioni (familiari, sistemiche...), a forme di "simulazione" che non si limitano a toccare superficialmente chi vi assiste; ma intendono dargli occasione di interrogare attivamente se stesso, ancor più che essere interrogato passivamente. L'autore dichiara l'intenzione di divertire, indignare, far riflettere, comunque di invitare ad un'esperienza in prima persona. Chi è che potrebbe indignarsi? Forse chi rifiuta di lasciarsi provocare e di guardarsi in una situazione che non fa parte della sua area dell'abitudine...
(Rispondi)
 
 
sagredo58
sagredo58 il 09/08/17 alle 14:23 via WEB
Ho percepito spettatori infastiditi più che indignati, uno come racconterò ha mollato e se ne è andato, annoiato o indignato? Non so, sicuramente inabile ad interagire con il contesto
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.