Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Ultime visite al Blog

estinetteesagredo58fran6319Lutero_Paganodipaola.vinUSAGA1Sono44gattinfilax6.2arw3n63lellodiodorolacey_munrolucyfer39graziagreenButturfly66buybay
 

Ultimi commenti

 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Idolatria – SostanzaIdolatria – Pantesismo D... »

Idolatria – Dio Eterodosso

Post n°8165 pubblicato il 09 Ottobre 2017 da sagredo58
 

 

Spinoza rifiuta la visione antropomorfa biblica (ebraica e cristiana) di Dio:

  • non l'Uomo fatto da Dio a sua immagine, dunque;
  • ma Dio immaginato (con poca fantasia) dall'Uomo, come uguale a se stesso.

 

Definendo la sostanza come onnicomprensiva di realtà psichica e fisica, Spinoza smonta l'intera idea ebraica e cristiana di Dio, la sua sostanza è:

  • increata, essendo causa di sé; se la sostanza fosse creata, sarebbe stata creata da altro e non esisterebbe di per sé;
  • eterna, poiché l'esistenza le è costitutiva; ciò che è increato non può morire;
  • infinita, poiché illimitata; se la sostanza fosse finita, sarebbe limitata da altro;
  • unica, quindi indivisibile, due sostanze (infinite) non possono coesistere.

 

Da questi attributi Spinoza deriva due prove dell'esistenza di Dio: a priori ed a posteriori.

 

La prova a priori (ontologica), è così argomentata:

"... Pensare a Dio significa pensare ad una realtà che avendo in sé la propria ragion d'essere non può non esistere ...".

 

Quella a posteriori, s'ottiene riflettendo sull'esistenza delle cose, desumendo che:

"... Le cose o esistono per virtù propria o per mezzo di un ente necessario che avendo in sé la causa del proprio essere è pure la causa degli esseri contingenti ... ".

 

Ne discende che la sostanza di Spinoza è "causa sui", col significato di "essenza che implica esistenza", perché essendo eterna la sostanza s'identifica con la "causa sui":

  • "causa sui" e Dio sono identici, perché Dio è l'essenza che implica esistenza, dunque la sostanza è Dio;
  • se la sostanza è infinita, dunque non c'è altro al di fuori di essa, quindi tutto ciò che esiste, l'Intero, è sostanza, Dio.

 

La Sostanza, ovvero Dio/Natura, è estesa ma non è corporea, quindi infinita e non divisibile:

  • solo i corpi, estesi e finiti, sono divisibili;
  • mentre Dio/Natura, che è infinito, è uno e indivisibile.

 

Dio è la sostanza e fa tutt'uno con la Natura, dunque tutto è necessario. 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13566972

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
arw3n63
arw3n63 il 09/10/17 alle 18:04 via WEB
Penso che l'immagine antropomorfa di Dio rispecchia un bisogno umano d'identificare la divinità con un padre creatore, ma l'Entità Spirituale Universale potrebbe non avere alcuna forma.Meglio immaginarselo come Dio/Natura, tutto ciò che ci circonda e regola la vita potrebbe essere Dio.
(Rispondi)
 
 
arw3n63
arw3n63 il 09/10/17 alle 18:05 via WEB
Ma anche dentro di noi.
(Rispondi)
 
 
sagredo58
sagredo58 il 09/10/17 alle 18:30 via WEB
Non solo la vita ma anche tutte le altre manifestazioni dell'universo.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.