Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58noblesse.oblige0belladinoteLutero_Paganonicold0inforivieraarw3n63cstparesceaba30pa.ro.lechannelfyserbert0estinetteehardegg
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Idolatria – Pantesismo D...Idolatria – Attributi di... »

Idolatria – Assenza di finalismo in Dio/Natura

Post n°8167 pubblicato il 10 Ottobre 2017 da sagredo58
 

 

Il Dio/Natura di Spinoza:

  • è geometrico perché razionalmente deterministico,
  • ma non statico.

 

Utilizzando un apposito neologismo (una nuova parola, non appartenente al corpo lessicale di una lingua, derivata da parole già in uso), il verbo "naturare", che vuole rendere l'azione tipica della natura, ovvero il produrre della natura la sua stessa realtà, Spinoza distingue tra due diversi punti di vista:

  • quello dinamico, attivo, della Sostanza e dei suoi attributi (increata, eterna, infinita, unica) della Natura Naturante (già concepita nel 1584 da Giordano Bruno), l'intervento immanente, come insita e perpetua attività generatrice;
  • quello statico, passivo, costituito dall'insieme dei modi, delle manifestazioni della Sostanza, della Natura Naturata (introdotta da Spinoza in opposizione alla Natura Naturante), ovvero la perfezione come risultato compiuto del suo divenire secondo le leggi del determinismo razionale.

 

Per dirla un pochino più semplicemente, Dio/Natura non è determinato da altro che dalla sua stessa Sostanza, rimane causa:

  • della sua esistenza stessa;
  • della sua dinamica evoluzione nel rispetto delle leggi deterministiche della Natura.

 

Non è idea da poco, se ne deduce che non c'è nessun finalismo in Dio/Natura.

Quella del fine ultimo di DIO/Natura è un'idea che, secondo Spinoza, è solo un'immaginazione dell'uomo:

  • siccome gli Uomini credono di agire per un fine,
  • lo stesso credono per la Natura e Dio.

 

Spinoza deduce dalla Sostanza (Dio/Natura):

  • i suoi attributi (qualità strutturali) definiti come "ciò che l'intelletto percepisce di una sostanza come costituente la sua essenza";
  • e modi (manifestazioni).

 

I passaggi del suo ragionamento possono così riassumersi.

  • essendo la Sostanza infinita, gli attributi di Dio/Natura saranno infiniti;
  • se ogni attributo è infinito, infiniti saranno i suoi modi di manifestarsi;
  • essendo la Sostanza eterna, allora ogni attributo di Dio/Natura è anche eterno.

 

Gli attributi di Dio/Natura, sono quindi una quantità infinita.

Infiniti attributi hanno la possibilità di manifestarsi ed esprimersi in infiniti modi.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13567340

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
anastomosidisabbia
anastomosidisabbia il 10/10/17 alle 18:32 via WEB
Papavero da oppio? La capsula al centro della foto sembra pronta ad essere incisa per farne fuoriuscire il lattice. Oppio dei popoli?
(Rispondi)
 
 
sagredo58
sagredo58 il 10/10/17 alle 19:09 via WEB
Il principio d'equivalenza tra Dio e Natura: natura = oppio + uomo = uomo sballato = uomo che crede in dio a sua immagine = dio sballato = natura
(Rispondi)
 
 
 
RavvedutiIn2
RavvedutiIn2 il 13/10/17 alle 14:07 via WEB
Pur nel rispetto dell' idea qui prolungata , mi sembra riduttivo ricondurre i credenti in un Dio a degli sballati , o forse il post è di troppa difficile comprensione per me . Io invece credo che l' Opera di Dio , parlo di un Dio creatore e non di un insieme di rappresentazioni naturali che hanno bisogno di una sorta di maschera , come ad esempio nell'induismo , quest'Opera dicevo , sia solo una minima esternazione di ciò che compone Dio , Dio che non è assolutamente ascrivibile a natura , essendo Natura solo una delle infinite possibilità che ha Dio per manifestarsi . Anche nel buio di un gulag , ma il gulag è solo un esempio , sono esistite Anime , anime e non semplici Menti , in grado di credere e confidare in un Dio buono e giusto , confinato purtroppo da noi stessi , noi si limitati , in un piccolo recinto composto ( anche ) da interpretazioni umane , soggettive , o anche oggettive ma pur sempre riconducibili a semplice pensiero umano . Semplice opinione la mia .
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 13/10/17 alle 15:22 via WEB
Ogni opinione è legittima, io semplicemente non ho mai incontrato ne Dio, ne un anima, ma solo uomini, fatti di corpo e mente, e fenomeni naturali alcuni dei quali incomprensibili alla scienza attuale.
(Rispondi) (Vedi gli altri 2 commenti )
 
 
 
 
RavvedutiIn2
RavvedutiIn2 il 13/10/17 alle 18:41 via WEB
Non polemizzo con te , né pretendo di insegnarti niente , ci mancherebbe . A proposito , nel mio primo commento ho scritto " idea prolungata " , scherzi del correttore dello smart , scrivo con quello ultimamente . Intendevo dire " idea promulgata " , tanto per chiarire . Ti somiglio , non credere : son stato ateo per diversi anni , o forse sarebbe meglio dire che son stato agnostico , per molti versi lo sono tuttora . Cerco semplicemente Dio , tutto qui , e non me ne vergogno . Ho tuttora parecchi dubbi , non accetto alla lettera tutta la " faccenda " , sono troppo conscio di cose come evoluzionismo , probabile vita su altri pianeti , esistenza di altre religioni , ateismo spinto anche da giusti e validi motivi , mancanza di risposte veritiere a fenomeni come violenza , guerra , fame , cecità dell' essere umano , sono tutto fuorché un bigotto . Ma ... cerco Dio , e a volte ... so , semplicemente SO , che Egli esiste , così come SO che Egli ha creato il Tutto , il motivo preciso sfugge alle nostre deboli menti . Scusa ma è così , almeno per me . A volte ho " sentito " la presenza di Dio , e credimi ... non sognavo . Ci sono cose che non si possono spiegare solamente con la logica , cose del tipo Fatima , o le esperienze di pre- morte , e tante ma tante altre . Son convinto che dopo questa breve parentesi che noi ci ostiniamo a chiamare " vita " ci sia molto di più di quel che possiamo solo immaginare . Sempre mia semplice e limitatissima opinione . Ciao
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 13/10/17 alle 19:46 via WEB
Io invidio la fede in Dio a chi ce l'ha, però il mio razionalismo, coerente agli studi di fisica, mi nasconde la presenza di Dio nell'Universo. Molte cose non si spiegano con logica e scienze, io semplicemente lo ammetto, dico non so perché è accaduto; non invoco pseudo spiegazioni basate su miracoli. Sulle esperienze di pre-morte la scienza si è espressa e derivano in molti casi accertati da problemi di anomala ossigenazione del cervello (che crea l'effetti tunnel di luce tanto per capirci). Di certo non evangelizzo il mio ateismo che nasce proprio dalla catechesi a suo tempi impartitami.
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 13/10/17 alle 15:22 via WEB
Il commento sopra al tuo era solo una bieca provocazione, non gli conferisco significato, ai post un po di più.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.