Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Ultime visite al Blog

animaqualunqueestinetteesagredo58Sono44gattinfilax6.2kith_straworthgraziagreenLutero_Paganoetrre1969BacardiAndColalascrivanaRavvedutiIn2avogadrosefrancesco.antolinienricopanunzi
 

Ultimi commenti

 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Idolatria – II grado di ...Idolatria – Libertà e Mi... »

Idolatria – III grado di conoscenza: Scienza intuitiva delle cose

Post n°8172 pubblicato il 12 Ottobre 2017 da sagredo58
 

 

La scienza intuitiva delle cose e l'amore intellettuale di Dio/Natura è il terzo ed ultimo grado di conoscenza, quello che:

  • esprime una conoscenza al di là del divenire e del tempo che ci fa capire l'essenza individuale (in questo senso è scienza intuitiva);
  • coincide con il punto di vista di Dio/natura, arrivando all'intuizione dell'uno (Dio) nel molteplice (Natura), del molteplice (Natura) nell'uno (Dio);
  • permette all'Uomo di raggiungere il livello massimo di virtù, la beatitudine, liberandosi dalla speranza e dalle paure.

 

Questo grado di conoscenza è quello che si fonda sull'intelletto per superare le limitazioni del sensibile e della ragione:

  • per interpretare il molteplice alla luce dell'intelletto come qualcosa di unitario, necessario ed eterno, così che l'Uomo arriva a conosce l'unità che lega finito ed infinito.
  • in cui l'Uomo coglie il corpo non come oggetto esistente nel tempo e nello spazio con altri corpi, ma nella sua essenza immutabile, dove la mente coglie le cose come manifestazione eterna dell'estensione, attributo diretto della Sostanza.

 

Conoscenza che è pur sempre una conoscenza umana:

  • che non può far conoscere le infinite realtà che derivano da Dio/Natura.
  • limitata, ma in grado di cogliere le cose, da punto di vista dell'eternità.

 

Eticamente l'amore intellettuale di Dio/Natura è il grado di conoscenza più elevato, quello che costituisce la sostanza stessa della divinità.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13568090

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento