Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Lista Nera

 

Artemide, nera, con coglioni al collo,

icona perfetta di uno svelato

mistero pagano

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Ultime visite al Blog

Web_Londonsagredo58patrizia58_2016Sono44gattinfilax6.2arw3n63antoniotriscino0Butturfly66bimbayokoarch.francorussopa.ro.ledonataelauroelettrobertoligiuseppefellyaros.rosamarcolooki
 

Ultimi commenti

Nemmeno io
Inviato da: sagredo58
il 16/01/2018 alle 23:13
 
Si sono quegli effetti, poi mostrerò un filmato
Inviato da: sagredo58
il 16/01/2018 alle 23:13
 
A dire il vero non sapevo neanche cosa fosse e che...
Inviato da: arw3n63
il 16/01/2018 alle 21:34
 
Non ho ancora capito cosa realizza mister x, se sono quegli...
Inviato da: arw3n63
il 16/01/2018 alle 21:30
 
Lo suono da quando avevo 7 anni :-)
Inviato da: sagredo58
il 15/01/2018 alle 13:44
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 90
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« 2008 - Compagni di Scuol...2008 - Compagni di Scuol... »

2008 - Compagni di Scuola – Cascame delle Carni

Post n°8251 pubblicato il 14 Novembre 2017 da sagredo58
 

 

Trovo la solitudine del mare d'inverno suggestiva, cornice ideale di un'assurda accozzaglia di persone quali noi saremo.

Una cittadina di mare deserta per meglio permetterci di concentrarci su noi, per ospitare più agevolmente qualsiasi sentimento dovesse palesarsi.

 

Premesso che la stragrande maggioranza di donne del film di Verdone erano delle strafiche in gran forma, di soli 35 anni, la citazione del film mi appare fatta a sproposito in questo specifico senso.

Noi siamo in ritardo di 15 anni rispetto ai protagonisti del film di Verdone, quindi l'ipotizzato cascame delle nostre carni potrebbe essere una verosimile realtà.

Non è questo comunque che mi spaventa, è il confronto con sogni e speranze:

  • quello che nessuno tirerà fuori;
  • che ciascuno elaborerà, a sera, solitario, dopo il rito d'incontro.

 

Per questo, per primo, ho suggerito di celebrare questo rito alla luce del sole e non di sera, per avere almeno il conforto di un cielo azzurro sopra la testa e del calore del sole sulla pelle, così da lasciare al buio le riflessioni successive. 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13583760

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
lab79
lab79 il 15/11/17 alle 05:50 via WEB
La più bella riunione a cui ho partecipato, l'ho organizzata io stesso. Senza scendere troppo in dettagli (magari ne parlerò più avanti), fu proprio un'amica di allora a spiegarmi, prima ancora di vederci, questo sentimento. Il senso quasi di vergogna per quel che la vita ha fatto di noi, per quel che non siamo riusciti a raggiungere mentre chi sedeva nel banco di fianco al nostro invece si. E non hanno importanza le giustificazioni, le gentili rassicurazioni di chi ha condiviso un pezzo di adolescenza (o, in quel caso, la fine dell'infanzia). Resta sempre un senso di qualcosa che è andato perduto, e non ritornerà.
(Rispondi)
 
 
sagredo58
sagredo58 il 15/11/17 alle 07:14 via WEB
È un viaggio nel tempo, disturbato dall’accavallarsi dei paralleli viaggi nel tempo degli altri che ingarbugliano i nostri ricordi.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.