Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 90
 

Ultime visite al Blog

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Cultura digitale – Ambig...Cultura digitale - Derea... »

Cultura digitale - Dai Bisonti alla Notte Stellata

Post n°8505 pubblicato il 12 Febbraio 2018 da sagredo58
 

Pare evidente che in buona parte della sua storia, dai bisonti di Altamira alla notte stellata di Vincent, l'arte/cultura occidentale ha preteso di offrire rappresentazioni di oggetti reali, di rappresentare la realtà.

 

Non significa che la rappresentazione artistica sia, necessariamente, tutta, realistica.

 

L'oggetto reale:

  • non deve essere rappresentato necessariamente in modo realisticamente iconico;

  • può anche essere rappresentato in modo evocativo, visionario, illusorio, simbolico o allegorico:

  • rimane però sempre presente come punto di partenza della rappresentazione.

 

Ad un certo momento, collocabile poco dopo la Notte Stellata di Vincent, all'inizio del XX secolo, l'arte/cultura occidentale inizia a percorrere un cammino di graduale ma veloce di oblio dell'oggetto reale che ha sinora rappresentato.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13606294

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
arw3n63
arw3n63 il 12/02/18 alle 15:38 via WEB
La rappresentazione artistica quindi può trarre spunto, essere ispirata da scene di realtà ma non è detto corrisponda a scene realistiche.
(Rispondi)
 
anastomosidisabbia
anastomosidisabbia il 12/02/18 alle 15:44 via WEB
Ho visto gli originali di questi disegni di Picasso, in mostra a Venezia. Dal punto di vista razionale vedere gli originali o queste foto non cambia la riflessione sugli esiti del processo di astrazione del pittore; ma dal punto di vista delle sensazioni vedere gli originali, la carta, il colore, il segno, le dimensioni del disegno... con l'impressione di potersi quasi immedesimare (almeno un po') in Picasso è tutt'altra cosa. Alla fine del percorso non si vede più nell'ultimo disegno quell'unica forma lineare: ci si vede un'emozione.
(Rispondi)
 
 
sagredo58
sagredo58 il 12/02/18 alle 18:43 via WEB
Il tema della rappresentazione dell'opera d'arte (come la fotografia di questi disegni di pablo) e della differenza con l'opera stessa è fondamentale e lo sviluppo a breve, il digitale tutto riproduce introducendo però un nuovo livello, quello della rappresentazione.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.