Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Lista Nera

 

Artemide, nera, con coglioni al collo,

icona perfetta di uno svelato

mistero pagano

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28        
 
 

Ultime visite al Blog

trap.guido93.gtanastomosidisabbiasagredo58valecangialosi85Sono44gattinfilax6.2fran6319arw3n63lascrivanaBloggernick71salvatore6464pa.ro.leSkunk1976simo.dazzanil_kabukimono
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 90
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 
« Cultura digitale - Derea...Cultura digitale - Fatto... »

Cultura digitale - Realizzazione fisica

Post n°8507 pubblicato il 13 Febbraio 2018 da sagredo58
 

 

Da ignorante d'arte ma da sempre appassionato studioso di fisica, il processo di derealizzazione dell'arte mi rimanda a quello della fisica:

  • alle sue origini, come filosofia della natura, si occupa di rappresentazioni immaginarie, perfino visionarie, della realtà;

  • nel corso della sua lenta evoluzione, accetta che possa esistere un oggetto reale, con sue caratteristiche, indipendenti dall'osservatore, indifferenti alla sua presenza;

  • infine, con l'avvento del metodo scientifico, nel XVII secolo si concentra unicamente verso l'osservazione del reale, le "sensate esperienze" di cui Galileo scrive (... mi par che nelle dispute di problemi naturali non si dovrebbe cominciare dalle autorità di luoghi delle Scritture, ma dalle sensate esperienze e dalle dimostrazioni necessarie ...);

realizzato salendo la scala dei gradi di realtà:

  • Immagine mentale,

  • Rappresentazione scientifica (modellizzazione che porta alla legge fisica),

  • Oggetto reale.

 

In tempi e modi quasi del tutto estranei l'una rispetto all'altra, arte e fisica si sono trasformate in direzioni che sembrerebbero opposte, riferendosi alla scala di gradi di realtà:

  • l'arte scende dall'alto in basso, parte dall'oggetto reale per poi abbandonarlo gradualmente, attuando un processo di derealizzazione;

  • la fisica sale dal basso in alto, parte dall'immagine mentale (l'atomo di Democrito o l'etere di Aristotele, per fare un esempio, che non sono oggetti reali) per avvicinarsi mediante una sua modellizzazione all'oggetto reale (fenomeno misurabile), mediante un processo di realizzazione.

 

Anche se negli ultimi 40 anni la fisica teorica sembra riallinearsi all'evoluzione dell'arte, nel tornare ad assomigliare alla filosofia naturale (o quantomeno fisica matematica), visto che prevede teorie (teoria delle stringhe, gravita a loop, multiverso ... ) ancora del tutto prive di possibile verifica sperimentale, che sembrano essere più immagini mentali, visto che le loro predizioni non sono ancora verificabili.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13606792

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento