Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Ultime visite al Blog

Sono44gattinfilax6.2sagredo58amvcostruzionivittorio19411alf.cosmosfran6319lascrivanadceraso1estinetteePaoloCrestaniaugustootiffanplNarcyssegiuseppe.scazzatommydj0
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

 

 

La casa sul mare – Maggio 1964 vecchie agavi spinose

Post n°8341 pubblicato il 17 Dicembre 2017 da sagredo58
 

Che c’azzeccano le agavi con la macchia mediterranea?

Sono piante caraibiche!

Sono le stesse piantate, nel 1964,

in occasione del mio compleanno,

 

Piantate da mio nonno, il padre di mio zio Bruno,

il fratello di mio padre, 

in un piccolo terreno ad Ostia Antica,

dove da pensionato giocava a fare l’agricoltore.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La casa sul mare – Luglio 2014 ancora una volta sul praticello

Post n°8340 pubblicato il 17 Dicembre 2017 da sagredo58
 

Ho simulato di vedere …

Quello che non vedevo, le ho descritto quello che già sapevo.

Pietosa, mia figlia ha fatto finta di credermi.

Non mi è bastato, il giorno dopo ho noleggiato una macchina …

 

Così mi sono seduto ancora una volta sul piccolo praticello,

delimitato da vecchie agavi spinose,

tra la veranda della casa e la piccola spiaggetta,

a guardare quei 270° gradi di mare, da Capo Carbonara a Capo Boi.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La casa sul mare – Luglio 2014 vista offuscata di lacrime

Post n°8339 pubblicato il 16 Dicembre 2017 da sagredo58
 

L’estate dopo, ancora una volta insieme in barca a vela,

mia figlia si è ricordata,

mentre rientravamo, ammainando la randa,

m’ha detto: Andiamoci, domani andiamoci a vedere la casa sul mare.

 

Il giorno dopo ho noleggiato un gommone, siamo andati …

Quando ho rivisto quella casa affacciata sul mare,

ho afferrato un binocolo,

solo per coprire le lacrime che mi offuscavano la vista.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La casa sul mare – Giugno 2013 momento di commozione

Post n°8338 pubblicato il 16 Dicembre 2017 da sagredo58
 

Quest’estate, quando sono passato davanti alla casa sul mare,

in barca a vela con mia figlia,

rasente la costa, sbandati con la falchetta in acqua (il bordo superiore dello scafo)

appena doppiato capo Carbonara …

 

Lei ha colto il mio momento di commozione,

quando ho visto stagliarsi il bianco della casa,

tra il verde rigoglioso della macchia,

con l’inconfondibile archetto che ne domina la terrazza a marcarla.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La casa sul mare – Giugno 1971 impaziente

Post n°8337 pubblicato il 16 Dicembre 2017 da sagredo58
 

Fortunatamente all’improvviso cambia argomento:

Ti piace il mare?

Ho appena comprato una casa sul mare, sto partendo per andare a sistemarla.

A Settembre torno, prima che cominci il liceo, ti ci porto.

 

Sono impaziente di vedere la casa sul mare,

come di andare al liceo,

di diventare grande insomma,

del resto i peli sul cazzo già li ho!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La casa sul mare – Ottobre 2017 memoria

Post n°8336 pubblicato il 15 Dicembre 2017 da sagredo58
 

Quella casa sul mare oggi non mi è più accessibile.

La casa,

le persone che l’hanno abitata,

le cose che vi sono accadute …

 

Sono ormai solo nella mia memoria,

indelebili.

Eppure io continuo a tornarvi,

ci sono sempre tornato.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La casa sul mare – Giugno 1971 telefonata pelosa

Post n°8335 pubblicato il 15 Dicembre 2017 da sagredo58
 

Mi telefona zio Bruno: Com’è andato l’esame di terza media?

Non lo sento da molto tempo, da due anni una diaspora familiare,

unita a un carattere inquieto, ad un egocentrismo imperante,

lo rende uno zio unico: tanto meraviglioso, quanto infrequentabile.

 

Capisco subito che dell’esame di terza media non gliene frega un cazzo,

tanto che proprio su quest’ultimo si posta la conversazione.

Ti sono cresciuti i peli sotto le ascelle? Esordisce.

Dopo la mia timida ammissione prosegue imperterrito: E sul pisello?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La casa sul mare – Dicembre 1981 sono dove volevo arrivare

Post n°8334 pubblicato il 15 Dicembre 2017 da sagredo58
 

In casa, appena entrati, la situazione accelera, è tutto molto rapido, la sonnolenza svanisce.

C’è da salutare il ragazzo e la ragazza sardi che ci hanno affettuosamente accolto nella notte,

acceso il fuoco nel camino, scaldato la casa disabitata,

soprattutto cotto il caboniscu arrostiu (galletto alla fiamma).

 

Il galletto, tagliato a pezzi, riposa fra due strati di foglie di mirto,

su un vassoio di legno poggiato sulla tavola.

Un pasto favoloso, rustico e aromatico,

che mi fa capire di essere finalmente arrivato dove volevo arrivare.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La casa sul mare – Novembre 1981 vecchia promessa

Post n°8333 pubblicato il 15 Dicembre 2017 da sagredo58
 

Non ho incontrato Bruno, per caso,

l’ho cercato per l’ennesima volta.

L’ho rivisto a Roma, qualche giorno fa.

Non ricorda la promessa che mi fece alla fine delle medie.

 

Io non l’ho mai scordata quella promessa,

anche se sto per laurearmi,

di portarmi alla casa sul mare, in Sardegna.

come se Bruno riapparisse solo alla fine di un ciclo scolastico.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La casa sul mare – Novembre 2017 malinconia

Post n°8332 pubblicato il 14 Dicembre 2017 da sagredo58
 

Oggi una vena di malinconia mi attraversa.

Tutto continuamente cambia, si trasforma.

Cambiamento è successione continua di “inizio” e di “fine”.

Racconto allora della casa sul mare.

 

Testimone perfetto di questa (illusoriamente) eterna staffetta,

dell’ipnotica altalenanza di “inizio” e di “fine”,

che ci coinvolge e ci stritola …

che solitamente chiamiamo vita.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »