Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Lista Nera

 

Artemide, nera, con coglioni al collo,

icona perfetta di uno svelato

mistero pagano

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58h447439bell8iantonioGennymagicoontheroad72psycologiaforensebiulazzcinziagaeSono44gattinfilax6.2Mike160Profiloattivoarw3n63olatel.villacod_ibsn13ITALIANOinATTESA
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 90
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi di Gennaio 2018

 

Storia della … 1988 – Radiografia del Meccanismo

Post n°8468 pubblicato il 31 Gennaio 2018 da sagredo58
 

Nel 1988 uno storico australiano dell'informatica, accanito collezionista di calcolatori meccanici, ottiene, assieme a un esperto d’ingegneria meccanica inglese, nuove e più accurate immagini radiografiche del meccanismo.

Riesce a fornire una possibile spiegazione del ruolo di due ingranaggi che precedentemente non si era riuscito ad interpretare.

 

Soprattutto tornato a Sydney, con l'aiuto di un orologiaio, costruisce un modello funzionante della macchina!

 

Così dimostra che le ipotesi sul funzionamento della macchina risalenti al 1951 erano fondamentalmente errate.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Storia della … 1970 – 1974 – Esatta datazione del Naufragio

Post n°8467 pubblicato il 31 Gennaio 2018 da sagredo58
 

Nel 1970 anche l’oceanografo ed esploratore francese Jacques Cousteau si immerge sul relitto della nave.

Trova alcune monete che risalgono all’86 a.C., una conferma che il naufragio non è potuto avvenire prima di tale anno.

 

Nel 1971 sono effettuate radiografie ai raggi X e gamma dei circa 80 frammenti recuperati del meccanismo, se ne occupano il fisico e storico della scienza inglese, che si accanisce a cercare di capire il meccanismo da venti anni, ed un fisico nucleare  greco.

 

Nel 1974 il fisico e storico della scienza inglese pubblica un lungo lavoro nel quale descrive la sua interpretazione del funzionamento del dispositivo, a 23 anni dall’inizio delle sue ricerche.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Storia della … 1951 – 1959 - Orologio Astronomico

Post n°8466 pubblicato il 31 Gennaio 2018 da sagredo58
 

Nel 1951 un fisico e storico della scienza inglese, che conosce bene le tecniche di costruzione degli astrolabi medievali, visita il Museo Archeologico Nazionale di Atene.

Comincia a studiare il congegno, esamina minuziosamente ogni ruota, ogni pezzo, e ffettua una analisi dei frammenti del meccanismo.

 

Nel 1959, dopo 8 anni di studi, pubblica le proprie conclusioni che confermano le ipotesi avanzate mezzo secolo prima: i frammenti recuperati sono parte di un complesso meccanismo simile ad un orologio astronomico.

 

Queste conclusioni non sono accettate dalla maggior parte degli studiosi che ribattono con la teoria di un meccanismo molto più recente caduto casualmente sul relitto.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Storia della … 1905 – Planetario

Post n°8465 pubblicato il 31 Gennaio 2018 da sagredo58
 

Il Ministro greco pensa ad una sorta di elaborato meccanismo ad orologeria, o meglio ad un astrolabio, uno strumento di navigazione, sorta di calendario astronomico, descritto però per la prima volta solo nel 625 d.C.

 

Pochi anni dopo, nel 1905 un filologo tedesco interpreta per primo il misterioso meccanismo come una sorta di planetario.

 

Astrolabio o planetario che sia il misterioso meccanismo, alcuni archeologi sostengono che è troppo complesso per appartenere al relitto.

 

Le polemiche si susseguono per lungo tempo ma la questione rimane irrisolta per quasi mezzo secolo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Storia della … 1902 - Misterioso Meccanismo

Post n°8464 pubblicato il 30 Gennaio 2018 da sagredo58
 

 

Nel maggio del 1902, un insegnante di fisica e matematica dei licei, divenuto Ministro della Pubblica Istruzione poco tempo prima, fa la scoperta più importante.

Esaminando alcuni manufatti del naufragio portati al museo di Atene, quella che era sembrata inizialmente una pietra si rivela essere in realtà un meccanismo fortemente incrostato e corroso, di cui sono sopravvissute tre parti principali e decine di frammenti minori.

 

Esaminando alcuni frammenti, che costituivano originariamente un unico blocco racchiuso in una cassetta di legno, il Ministro si accorge che numerosi pezzi di bronzo corrosi presentano:

  • iscrizioni subito riconosciute come antiche,
  • tracce di scale graduate,
  • ruote dentate come fossero ingranaggi.

Questi frammenti presentano forti tracce di corrosione, sono in buona parte inglobati in calcificazioni e sedimentazioni dovute ad animali marini.

 

Il Ministro comprende subito che questa serie di ruote dentate e frammenti ricoperti di iscrizioni, sono parti di un qualche meccanismo.

La forma delle lettere delle iscrizioni, i termini usati, il loro significato astronomico, consente di datare il misterioso meccanismo tra il 150 e il 100 a.C.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Storia della … 1901 - Operazioni di Recupero

Post n°8463 pubblicato il 30 Gennaio 2018 da sagredo58
 

 

L'anno successivo alla scoperta, le operazioni di recupero si rivelano impegnative e pericolose per le tecnologie e metodologie dell'epoca.

 

La campagna di recupero si conclude con risultati straordinari, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, i pescatori di spugne traggono dalle acque numerosi manufatti:

  • una testa di filosofo,
  • un lanciatore di disco,
  • un bronzeo efebo,
  • un Eracle,
  • un toro marmoreo,
  • una lira,
  • molti altri oggetti.

 

Il decesso di parecchi pescatori per malattia da decompressione, dovuta alla permanenza elevata su profondità tra i 40 ed i 70 metri, pone fine al lavoro di recupero.

 

Poco dopo inizia, presso il Museo Archeologico Nazionale di Atene il lavoro di catalogazione e restauro dei manufatti ripescati.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Storia della … 1900 - Scoperta del Relitto

Post n°8462 pubblicato il 30 Gennaio 2018 da sagredo58
 

Nel settembre del 1900 un battello greco di pescatori di spugne, di rientro in Grecia dall'Africa, trova scampo da una bufera gettando l’ancora nelle vicinanze di una piccola isola tra il Peloponneso e Creta.

Il capitano decide di attendere presso l'isola che passi la violenta tempesta che ostacola la navigazione.

 

Uno dei marinai s’immerge utilizzando uno scafandro da palombaro per recuperare parte del carico caduto in acqua.

 

In profondità, sul fondo marino, intravede i resti di un naufragio, descrive la scena come un cumulo di cadaveri decomposti di uomini e di cavalli, giacenti, chiese immediatamente di essere tirato su.

 

Pensando che la troppa anidride carbonica gli abbia dato alla testa, il comandante s'immerge personalmente, tornando in superficie poco dopo con il braccio di una statua di bronzo.

In attesa che la tempesta cali, i pescatori di spugne asportano dal relitto quanti più manufatti di piccole dimensioni possono.

 

Successivamente il comandante informa il governo greco della presenza del relitto e viene ingaggiato, assieme al suo equipaggio ed al suo battello, per il recupero del carico.

 

Si scopre che la presenza del relitto non è del tutto ignota agli abitanti del vicino villaggio sull’isola, alcuni piccoli bronzi sono già stati immessi sul mercato ad Alessandria ed anche le cinque ancore di piombo della nave sono state asportate.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Storia della … 86 a.C. - Naufragio

Post n°8461 pubblicato il 29 Gennaio 2018 da sagredo58
 

Una grossa nave da carico romana, con una stazza intorno alle 300 tonnellate, proveniente da Rodi è diretta a Roma.

Trasporta un carico di grande valore che include opere d’arte e monete d’argento, si tratta (probabilmente) del bottino del generale Lucio Cornelio Silla.

 

Silla si è recato in Grecia l’anno prima per vendicare l'eccidio compiuto da Mitridate il grande nel 88 a.C. , in risposta al crescente potere romano in Anatolia e conseguenti tasse, compiuto su circa 80.000 – 150.000 Italici e cittadini romani in Asia Minore.

 

Atene cade nel marzo dell'86 a.C., Silla compie nella città un'autentica strage, ne proibisce l'incendio, permettendo ai suoi legionari di saccheggiarla, poi vende la popolazione come schiavi.

 

Ad ottobre del 1986 la nave col tesoro di Silla, per cercare una maggior protezione dai pirati segue una rotta che passa vicino ad una piccola isola greca, a sud, tra il Peloponneso e Creta.

Monta una burrasca, le onde provocano uno spostamento del pesante carico, a causa di forte correnti la nave sbanda, incappa su una scogliera, si spezza in due,  infine naufraga.

 

I due tronconi della nave si adagiano su fondali profondi tra i 40 e 60 metri, il carico disseminato tutto intorno, di fronte l’isoletta greca che stava rasentando.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Storia della …

Post n°8460 pubblicato il 29 Gennaio 2018 da sagredo58
 

Chi pensa che la Scienza e la Tecnica siano nate ieri, con la rivoluzione industriale e le grandi scoperte dell’Ottocento e del Novecento si sbaglia!

Racconto una storia che lo dimostra.

 

Una storia che comincia nell’ 86 a.C. e si sviluppa sino ad oggi.

Qualcuno si chiederà preoccupato quanti post ci vorranno per raccontare più di due millenni di storia.

Non lo so ancora, ho appena iniziato a scrivere, come al solito non avrò voglia di rileggere per aggiungere il numero di post.

 

Una storia che tocca molte delle mie passioni:

 

  • dalle immersioni subacque al LEGO,
  • dalla fisica all'informatica.

 

Una storia che coinvolge molti dei miei personali eroi.

 

Di questa storia, quest’estate, ho visto esposto l’epilogo, nella collezione di bronzi del Museo archeologico nazionale di Atene.

 

 

Se volete godervi il mistero aspettate a scatenarvi con le ricerche su google, racconterò tutto.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Manciata d'ossimori

Post n°8459 pubblicato il 29 Gennaio 2018 da sagredo58
 

 

Competizione amichevole.

 

 

Convergenze parallele. 

 


Stima esatta.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso