Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Ultime visite al Blog

ale.aleromasagredo58anastomosidisabbiaun_altra_lei0chiara732arw3n63several1Celia47delia80.francoclaudio0111tommicortiBacardiAndColaXuorpieropiccardi
 

Ultimi commenti

 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi del 10/05/2017

 

Comunicazione persuasiva – Pubblico, il più Guru di tutti

Post n°7759 pubblicato il 10 Maggio 2017 da sagredo58
 

 

L'identificazione con il Guru, il sentirsi attratti dalla sua persona è il primo passo della persuasione.

 

Ad esempio i grandi dittatori:

  • puntano tanto sui loro atteggiamenti "maschi", sulle prove di forza fisica;
  • sanno che "la massa" apprezza maggiormente una guida in salute, più che una poco prestante.

 

Anche il politico da votare:

  • è sempre rappresentato come dinamico, sportivo, in salute, bello;
  • quello avversario mostrato goffo, brutto, vecchio.

Per questo anche i protocolli formali (insieme di comportamenti e stili fortemente controllati e regolamentati) è parte integrante della propaganda politica.

 

Nel caso dei Guru Di Bella e Vannoni, dove il loro messaggio è costruito su pietà e compassione, prevale invece il sentimento:

  • si è molto più portati a favorire il medico povero, debole e l'indifeso,
  • piuttosto che l'imprenditore benestante, presuntuoso ed aggressivo.

 

Ovviamente anche Di Bella:

  • è benestante, ma non ostenta;
  • è presuntuoso, dichiara di poter guarire tutti i cancri senza averlo mai dimostrato;
  • è aggressivo, chi critica è ignorante o corrotto, vien pure condannato per diffamazione;

ma "sa dirlo meglio", con più eleganza, quasi sussurrandolo.

 

Incredibilmente l'esperto di comunicazione persuasiva Vannoni si è lasciato scappare proprio il "trucco" più semplice, quello di maggior presa messo in atto dal Di Bella:

  • rappresentare la figura del "martire" della scienza, piccolo, povero e contro tutti, che può salvare il mondo;
  • trasformandosi nell'imprenditore che sfugge ai controlli, per poi finire nelle braccia rassicuranti dell'industria farmaceutica con finanziamenti milionari, nessun "atto eroico", nessun misticismo.

 

Per sintetizzare l'unico punto divergente di queste due surreali vicende:

  • Di Bella ha fatto il martire.
  • Vannoni ha fatto il venditore.

 

Spero con questi esempi si sia capito cosa sia la comunicazione persuasiva, se ne trovano molteplici esempi, dalla politica come anche all'interno di questa community.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Comunicazione persuasiva – Pubblico, Guru Dualismi

Post n°7758 pubblicato il 10 Maggio 2017 da sagredo58
 

 

Vannoni per piacere al Pubblico sceglie un approccio ben diverso da quella di Di Bella, (forse) obbligato dal non essere un esperto, un medico:

  • quindi costretto ad usare termini ed argomenti non scientifici;
  • se fosse rimasto ad argomentare in campo medico sarebbe stato inesorabilmente battuto.

 

Il Guru Dualismo Di Bella/Vannoni si declina così, mettendo a confronto due ritratti surreali protagonisti di vicende surreali ...

 

  • Di Bella Personaggio da favola d'altri tempi
  • Vannoni Imprenditore discusso scaltro e deciso.

 

  • Di Bella Simpatia/Umiltà.
  • Vannoni Aggressività/Presunzione.

 

  • Di Bella Studioso ostacolato dai poteri forti.
  • Vannoni Rivoluzionario da strada.

 

  • Di Bella dichiara di non pretendere denaro dai suoi pazienti, glielo danno lo stesso sotto forma di donazione libera.
  • Vannoni prima dichiara di non pretendere denaro dai suoi pazienti, poi deve ammettere che ha fatto delle richieste di denaro ai pazienti più facoltosi, giustificandosi con il fatto di dover pagare le cure a chi non se le può permettere.

 

  • Di Bella dichiara che le aziende farmaceutiche lo contrastano perché perderebbero introiti, minimizzando il fatto che i prodotti che prescrive sono costosi farmaci già in vendita.
  • Vannoni dichiara lo stesso ma stipula un accordo proprio con un'azienda farmaceutica.

 

  • Di Bella ritratto quasi piegato sulla sedia immerso nello studio folle.
  • Vannoni in piedi su uno scalino che urla alla folla

 

  • Di Bella che cammina con il pettine in tasca con il quale ogni tanto si riordina i capelli
  • Vannoni col capello sconvolto, che al massimo raccoglie in una coda.

 

Perché Di Bella è stato più Guru di Vannoni?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Comunicazione persuasiva – Pubblico, immagine ed atteggiamento

Post n°7757 pubblicato il 10 Maggio 2017 da sagredo58
 

 

Il primo fondamento della persuasione, assolutamente non da sottovalutare, è:

  • l'atteggiamento,
  • il modo di porsi,
  • l'immagine,

del Guru che lancia il messaggio persuasivo.

 

Dopo tante assonanze tra le vicende Di Bella e Vannoni, questo particolare, l'immagine e l'atteggiamento del Guru, che nel campo della persuasione è fondamentale, è quello che ha fatto la differenza:

  • nell'atteggiamento e nella gestione della propria immagine si evidenzia l'errore di Vannoni;
  • ancor più macroscopico se si considera che l'esperto di comunicazione persuasiva è lui, non Di Bella, facendo si che nel confronto tra Guru ne esca sconfitto.

 

Capire perché ci porta a completare la rivelazione dei trucchi della comunicazione persuasiva, la via più "semplici" per convincere le masse d'aver trovato la salvezza.

 

Emerge un dualismo tra Di Bella e Vannoni?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Comunicazione persuasiva – Pubblico, piacere come rivoluzionario

Post n°7756 pubblicato il 10 Maggio 2017 da sagredo58
 

 

Per piacere al Pubblico anche il personaggio Vannoni si trasforma:

  • dall'anonimo ricercatore di mercato torinese,
  • nel perfetto rivoluzionario che aizza la folla.

 

Per attuare questa trasformazione Vannoni s'atteggia, si pone, diffonde la sua immagine, di:

  • figlio di un piccolo imprenditore, famiglia benestante, cresce in una zona residenziale di Torino;
  • studente bravo e sregolato di scienza delle comunicazioni, capace di non dormire per sette giorni, per poi addormentarsi in auto in una piazzola di sosta;
  • uomo poco convenzionale, capelli lunghi alle spalle, look esistenzialista, veste distrattamente, in modo anonimo, inelegante, magliette scure, scarpe senza stringhe,
  • personalità genialoide, non ha passioni, a parte il successo personale, per questo è scaltro e deciso; si definisce addirittura "scienziato"
  • persona ostentatamente ricca, si descrive come "ricco di famiglia", guadagna bene, , indossa un Rolex, guida una BMW decappottabile, poi una Porsche con targa svizzera;
  • interlocutore aggressivo dall'invettiva pronta, verbalmente violento, insinuante, persino volgare, pronto ad attacchi frontali verso chi usa argomenti scientifici per criticare l'inconsistenza del suo metodo; minaccia querele con pesantissime richieste di danni;
  • capopopolo agitato e convulso in mezzo alla folla, che usa minacce e comunicati per istigare la folla contro i critici.

 

Vannoni diventa così il perfetto rivoluzionario che aizza la folla:

  • Il Pubblico gli da certamente ascolto.
  • Rimane però disorientato dalle sue continue contraddizioni, dalle dichiarazioni poi dimostratesi false, dei brevetti che non esistono, i guariti mai mostrati;
  • E' infastidito dal lato economico della vicenda, prima dichiara di non pretendere denaro dai suoi pazienti, poi ammette di aver chiesto denaro a pazienti ricchi, per pagare le cure a chi non se le può permettere

 

Chi, tra Di Bella e Vannoni, è stato il Guru migliore?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso