Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Ultime visite al Blog

dumeca1mizzi3Pitty.Mryssagredo58Fanny_Wilmotvololowgaspero958icavallidirossarchetyponlab79arw3n63Lutero_Paganofrescone17dott.fiusco
 

Ultimi commenti

Se mi rileggo di errori ne trovo sempre
Inviato da: sagredo58
il 19/08/2017 alle 17:42
 
Anch'io sono d'accordo con Lutero se altera il...
Inviato da: arw3n63
il 19/08/2017 alle 16:49
 
Giusta precisazione
Inviato da: sagredo58
il 19/08/2017 alle 09:27
 
Se l’errore inficia il senso del pensiero che si vuole...
Inviato da: Lutero_Pagano
il 18/08/2017 alle 23:00
 
NE ho intercettati diversi
Inviato da: sagredo58
il 18/08/2017 alle 19:57
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi del 16/05/2017

 

Borgate Romane – Tor Marancia, Street Art

Post n°7778 pubblicato il 16 Maggio 2017 da sagredo58
 

Rimane da capire perché mi sono posto la domanda:

Cosa sono e quali sono le borgate ufficiali a Roma?

Approfondendo poi la storia di quella di Tor Marancia.

 

E’ ora di svelarlo, sono tornato di recente a Tor Marancia a visitare lo storico lotto 1 delle case popolari composto da 11 palazzine di 4 piani costruite nel 1948 al posto della baraccopoli di stato del 1933.

Perché?

Per godere di un coloratissimo museo all'aperto all'insegna della street art.

 

Oltre alla Roma storica degli imperatori, dei papi, dei grandi artisti, c’è anche un’altra Roma, quella della street art, dei colori, della periferia, delle ex borgate ufficiali romane.

Per scoprirla questa è la mappa della street art romana:

 

Dopo il Pigneto, Pietralata, San Basilio, Testaccio, Garbatella, ora i riflettori sono puntati su Tor Marancia.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Borgate Romane – Tor Marancia, o Shanghai?

Post n°7777 pubblicato il 16 Maggio 2017 da sagredo58
 

Shanghai fu presto il nomignolo della borgata a causa dei periodici allagamenti e dei frequenti fatti di sangue causati dalla miseria.

 

La baraccopoli di stato, Shanghai, cessò di esistere nel 1948, quando la Legge De Gasperi sul risanamento delle borgate la fece radere al suolo.

Al suo posto furono costruite le attuali case popolari, palazzine di 4 piani, che costituiscono oggi una porzione importante del quartiere circostante.

 

Shanghai si riaccenderà, insieme a tantissimi altri quartieri popolari della Roma degli anni ’70, in quello che è ricordato come il più grande movimento popolare di lotta per la casa che l’Italia abbia mai visto.

Lo fece anche quella volta a suo modo, mal sopportando le influenze di partiti e organizzazioni sindacali, con la rabbia popolare di chi a vivere ammassati negli appartamenti non ci voleva proprio più stare.

A partire dagli anni settanta, grazie all'adozione di politiche urbanistiche più attente agli aspetti sociali dell'abitare, non solo alla mera esigenza di fornire una dimora, sono stati effettuati interventi di recupero di tali borgate consistenti, ove possibile, nella ristrutturazione radicale dei manufatti preesistenti e costruzione di luoghi di socializzazione, urbanizzazione di piazze, incentivazione alla costruzione di cinema, teatri di quartiere.

 

 

Quella della borgata ufficiale Tor Marancio è una storia genuinamente popolare, testimonianza vivente della borgata che fu, quando questa zona finiva sui giornali quasi solo esclusivamente per fatti di cronaca nera o per storie di estrema misera.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Borgate Romane – Tor Marancia, quali condizioni di vita?

Post n°7776 pubblicato il 16 Maggio 2017 da sagredo58
 

Quanto alle condizioni di vita, nonostante un calo delle presenze da 5.000 persone a 3.000, 8 per locale dai 14 che erano inizialmente nel 1933, un estratto della relazione su Tor Marancia redatta dal fascio di Appia Antica nel marzo 1935 la dice lunga:

Famiglie n.° 525, con circa 3.000 abitanti.

Si tratta, in grande maggioranza, di sfrattati, quasi tutti dell’Italia meridionale, che occupano alloggi dati gratuitamente dal Governatorato.

Naturalmente la situazione sanitaria è tutt’altro che buona, specie fra i bambini dei quali moltissimi sono affetti da linfatismo e predisposti alla tubercolosi.

Vi sono 60 adulti affetti da tubercolosi e molti casi sospetti.

Il servizio sanitario è svolto da un medico condotto presente soltanto il giorno, ed è insufficiente per le esigenze della zona.

Sarebbe necessaria l’istituzione di un pronto soccorso permanente.

Vi è molta disoccupazione, attualmente circa 350 capi famiglia (il 66%).

S’impone una maggiore vigilanza da parte della Polizia Stradale perché nella borgata risiedono una diecina di vigilati speciali, nonché un altro centinaio di avanzi di galera.

 

Come non bastasse, ogni volta che pioveva la popolazione era assediata dalle esondazioni del Fosso di Tor Carbone.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso