Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Ultime visite al Blog

estinetteeanastomosidisabbiasagredo58Lutero_PaganoScorpioncina71VgITALIANOinATTESAtecnovisualAlex.Elbapa.ro.lelascrivanaSono44gattinfilax6.2Butturfly66arw3n63pie.berra
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi del 05/07/2017

 

Mediatore culturale museale - Museo

Post n°7928 pubblicato il 05 Luglio 2017 da sagredo58
 

 

Il museo è un luogo che, per definizione, genera e comunica cultura.

 

Ricordiamo, inoltre, che per definizione il museo è un luogo che genera e comunica cultura, proprio per questo c'è bisogno di personale adeguato e specificatamente formato, presente stabilmente in tutti i luoghi di interesse culturale che intessa relazioni con i pubblici e che riesca a rendere piacevole la conoscenza e l'incontro con la cultura.

 

In che modo?

Cataloghi, supporti multimediali, audioguide, non possono certo assurgere a questo ruolo, almeno non totalmente.

Ci sarebbe bisogno di personale:

  • adeguato e specificatamente formato,
  • presente stabilmente in tutti i luoghi di interesse culturale,
  • che intessa relazioni con il pubblico, riuscendo a dialogare con esso,
  • che riesca a rendere piacevole la conoscenza e l'incontro con la cultura.

 

Non ho usato il termine dialogare a caso.

 

Qualcuno penserà di aver capito ...

Il mediatore culturale museale  esiste già:

  • è una guida,
  • di quelle che gestiscono le visite guidate in un museo.

 

Non è proprio così.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mediatore culturale museale

Post n°7927 pubblicato il 05 Luglio 2017 da sagredo58
 

 

Riprovate a cercare aggiungendo accanto a "mediatore culturale" l'aggettivo "museale".

Non troverete alcuna definizione.

 

Sono questi tempi, ormai, in cui, se qualcosa non è conosciuto nel Virtuale, di regola non è conosciuto nel Reale, da nessuno, o, al massimo, da una ristretta cerchia.

 

È il caso del "Mediatore culturale museale".

Figura professionale pressoché sconosciuta ai più, che siano singole persone, enti o istituzioni.

 

Eppure dietro queste semplici parole c'è un mondo:

  • un fermento di giovani,
  • un esercito di laureati,
  • una miriade di curriculum vitae che aspettano ancora una risposta,
  • più di tutto, un dovuto riconoscimento legale.

 

Per ora di mediatore culturale riconosciuto ne esiste solo uno: quello di Wikipedia, quello linguistico, ovvero colui che media tra diverse culture.

 

Per capire meglio di cosa si parla, per conoscere più approfonditamente la figura professionale del "mediatore culturale museale" è necessario effettuare una sorta di "radiografia" del sistema museale italiano.

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mediatore culturale

Post n°7926 pubblicato il 05 Luglio 2017 da sagredo58
 

Provate a cercare su Google “mediatore culturale”.

Il primo risultato sarà, come sempre, quello di Wikipedia, in questo caso una definizione molto confusa.

 

Il mediatore culturale è un agente bilingue che media tra partecipanti monolingue ad una conversazione appartenenti a due comunità linguistiche differenti.

È informato su entrambe le culture, sia quella dei nativi sia quella del ricercatore anche se è più vicino ad una delle due.

Il suo compito è quello di facilitare la comprensione e risponde ad un'esigenza riconosciuta anche a livello filosofico.

Il mediatore è identificato dall'osservatore, e lo aiuta nella ricerca, o facendo parte del gruppo di interesse o intrattenendo relazioni con i membri della società in esame.

Nel suo aiuto al ricercatore, egli ha un ruolo molto delicato, quello di rassicurare sulle intenzioni dell'osservatore quando lo presenterà ai guardiani, cioè coloro che proteggono il gruppo da occhi indiscreti e che giustamente vogliono informazioni sul suo scopo.

L'importanza del ruolo del mediatore implica una scelta accurata e non frettolosa della persona che lo interpreterà, anche perché il buon esito della ricerca è anche nelle sue mani.

 

Dal punto di vista dell'intervento sociale quella del mediatore culturale è una figura professionale che ha il compito di facilitare l'inserimento dei cittadini stranieri nel contesto sociale del paese di accoglienza, esercitando la funzione di tramite tra i bisogni dei migranti e le risposte offerte dai servizi pubblici.

 

La definizione di mediatore interculturale può allora così riassumersi: "per mediatore interculturale intendiamo l'insegnante che, con consapevolezza, si interroga e si attrezza per favorire non tanto la transizione da una cultura all'altra quanto la sintesi - dove è possibile - tra culture, allo scopo di creare momenti pedagogici capaci di andare oltre le reciproche differenze.

 

Non è certo questo il mediatore di cui intendo parlare.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso